Guida cittadina - Milano

Milano

Una guida per conoscere la città da "prospettive uniche"

Slide 3.jpg


Nell'ambito della campagna "Come and See", presentiamo questa serie di guide realizzate appositamente per stimolarvi a guardare il mondo con occhi diversi.

Le città sono ricche di storie affascinanti, scenari mozzafiato e gemme nascoste. Per scoprirli, basta solo sapere dove guardare. Per spronarvi a scavare nel profondo, abbiamo collaborato con alcuni fotografi per creare queste guide esclusive. Scoprendo luoghi nascosti da angolazioni inusuali, sarete in grado di catturare Madrid, Londra, Parigi, Berlino, Amsterdam e Milano sotto una luce completamente nuova.

Slide 2.jpg


Alice, la vostra guida a Milano

Alice Pasquini è una street artist e illustratrice che lavora a livello internazionale. Prima di iniziare a dipingere, Alice si guarda sempre intorno per selezionare una tavolozza di colori ideale che sappia armonizzarsi con il più ampio paesaggio urbano circostante. Attraverso la sua arte, Alice riesce a trasmettere vere emozioni da un punto di vista completamente diverso. È particolarmente interessata alla rappresentazione della donna nell’arte ed è animata dal desiderio di mostrarne la forza e l’indipendenza, utilizzando un’espressività che si discosta dallo stereotipo femminile generalmente enfatizzato nell’arte moderna.

Milano vista attraverso gli occhi di Alice

Alice ha un occhio attento che le consente di individuare la "tela" perfetta per le sue opere fotografiche e di street art. Ha scelto sei posti unici di Milano e ci svela perché per lei sono una particolare fonte di ispirazione. Vi offriremo inoltre alcuni consigli pratici per consentirvi di realizzare scatti migliori e un PDF scaricabile contenente una mappa per spostarvi con facilità da un luogo all'altro.

Fratelli Bonvini, Via Tagliamento 1, 20139 Milano

La prima tappa è Fratelli Bonvini, una straordinaria tipografia storica situata in Via Tagliamento, il cui obiettivo è quello di riportare in vita l’arte perduta della scrittura epistolare. Tutti gli oggetti esposti al suo interno hanno una storia da raccontare. I visitatori sono invitati a mettere nero su bianco la loro storia personale su carte da lettera elegantemente lavorate, durante uno dei corsi, laboratori o seminari di serigrafia e scrittura. Ciascuna sessione è coordinata da una serie di eccentrici personaggi accomunati da una profonda passione per la carta, la scrittura e la calligrafia.

Slide 4 - 2.jpg

Alice ci dice: "Fratelli Bonvini vi farà innamorare dell’arte della scrittura. Ritengo che una lettera scritta a mano possa raccontare la vera storia di una persona e aprire una finestra sulla sua anima, come la comunicazione digitale non sarà mai in grado di fare."

Slide 4 - 3.jpg
4_1.jpg

Raccontate la storia di Bonvini concentrandovi sulle macchine di questa storica cartoleria/tipografia, sull’ambiente circostante e sugli arredi interni, che sono rimasti sostanzialmente invariati nel corso dell’ultimo secolo. Un buon consiglio è quello di provare ad impostare un’ampia apertura (f/2.8) con una velocità ISO elevata (1600) per ottenere immagini nitide e di grande impatto.

Milano Wall Art, Istituto Ortopedico Gaetano Pini, Piazza Cardinale Andrea Ferrari 1, 20122 Milano

A pochi passi dal Duomo e dall’Università degli Studi di Milano si trovano tre straordinari murales, che si estendono per oltre 800 metri quadrati. Si tratta di un progetto di arte urbana commissionato in occasione del 140° anniversario dell’ospedale, che comprende il lavoro di quattro famosi street artist milanesi: Paolo Bordino, Ivan Tresoldi e il duo composto da Walter Contipelli e Alessandra Montanari. Complessivamente i tre murales rappresentano il contrasto tra razionalità e creatività, geometria e organicità, scienza e arte, uomo e donna.

Slide 5 - 1.jpg
Slide 5 - 3.jpg

"Sono sempre a caccia di graffiti che riescano a raccontare una storia e questo tris di murales merita certamente una visita!", dice Alice. "Amo accentuare i colori dei miei scatti e, per riuscirci, utilizzo un filtro polarizzatore."

Giocate con i vivaci colori dei muri dipinti e con le ombre proiettate dai passanti. Potete anche sperimentare la misurazione spot per migliorare l’esposizione, il colore e il contrasto dei vostri scatti.

Mercatino Penelope, Via M. Melloni 6, 20129 Milano

La tappa successiva è il Mercatino Penelope, uno dei negozi vintage più rinomati di Milano. Offre un’accattivante collezione di pezzi d’epoca, che vanno dalla moda al design, tra cui capi vintage dagli anni '40 ai '70, oltre a mobili d’epoca, articoli da cucina, borse, valigie, stoviglie, dischi e molti altri oggetti. Un aspetto che molti ignorano di questo negozio è il suo peculiare modello di vendita, il quale prevede che il prezzo della merce si riduca gradualmente nel tempo e che gli articoli eventualmente rimasti invenduti vengano donati in beneficenza.

Slide 6 - 1.jpg

Slide 6 - 3.jpg
Slide 6 - 2.jpg

Alice ama scoprire tesori nascosti e racconta: "Ogni volta che visito il Mercatino Penelope mi assicuro di aver dedicato abbastanza tempo a rovistare in ogni singola mensola e in ogni singolo scaffale. È possibile imbattersi in straordinari oggetti vintage se si ha la pazienza di passarli in rassegna tutti."

Questo negozio è costituito da un labirinto di corridoi e stanze piene di oggetti d’epoca e modernariato. Vi consigliamo di passare da un’apertura ampia (f/1.2) a una più ridotta (f/8) per isolare gli oggetti più interessanti o dare risalto alla vastissima collezione di pezzi esposti nelle vetrine e sugli scaffali del negozio.

Frida, Via Pollaiulo 3, 20159 Milano

Nel quartiere emergente Isola di Milano, si trova il Frida: una caffetteria, un bar e un negozio vintage dal gusto eccentrico, particolarmente noto tra gli abitanti del posto. Celato dietro a una parete coperta di graffiti, questo vivace luogo di ritrovo trasuda freschezza e originalità da ogni poro ed è il luogo ideale per consumare un gustoso brunch tra gli hipster della scena milanese, mentre si osservano i passanti.

Slide 7 - 1.jpg

"Il Frida è la cornice ideale per osservare i passanti," svela Alice. "Quando sono in coda per ordinare al bar o mi siedo nel cortile interno, mi diverto a guardare le persone per tentare di scoprire qualcosa della loro storia. Osservare come le altre persone camminano, parlano e interagiscono mi fa sentire ispirata e mi aiuta a scegliere quale potrebbe essere il soggetto della mia prossima opera."

Il coloratissimo bar, il negozio e il bistro offrono la scenografia perfetta per immortalare le ultime tendenze della moda e del design. Liberate la vostra creatività per catturare interessanti istantanee che ritraggono lo stile di vita tipicamente milanese. Consiglio: portate un treppiede e impostate lunghe esposizioni per immortalare l’affollato cortile del Frida.

Ciclofficina Stecca (Associazione +bc), Via Gaetano de Castillia 26, 20124 Milano

Saltiamo sul sellino delle nostre biciclette e ci dirigiamo verso la Ciclofficina (nota anche come Associazione +bc), un'organizzazione impegnata a far tornare di nuovo in voga l’utilizzo della bicicletta sulle strade di Milano. Qui potete riparare la vostra bici, seguire lezioni per imparare a pedalare o creare da zero la vostra bicicletta personalizzata. I pezzi di vecchie biciclette, donati dalla comunità locale, vengono utilizzati per creare biciclette su misura nell’officina dell’associazione.

Slide 8 - 1.jpg

"È bello vedere che la cultura della bici si stia diffondendo sempre di più per le strade di Milano. Invece di prendere un taxi, vale la pena saltare in sella a una bicicletta per girare la città e apprezzarla da una prospettiva completamente diversa: il divertimento è assicurato!", dice Alice.

Se siete cultori della bici, non potete assolutamente rinunciare a una visita presso la Ciclofficina! Lo spazio è pieno di pezzi di ricambio appesi alle pareti ed è sempre animato da una moltitudine di ciclisti. Cercate di catturare una storia unica con un reportage fotografico. Vi consigliamo di sperimentare con un obiettivo grandangolare per catturare il contesto del vostro soggetto e l’atmosfera circostante; oppure concentratevi sui dettagli, utilizzando un obiettivo con un’ampia apertura.

Palazzo Lombardia, Piazza Città di Lombardia, 20124 Milano

L'ultima tappa è Palazzo Lombardia, un complesso di edifici di nuova costruzione, che sorge nel futuristico quartiere milanese di Porta Nuova. All’interno del complesso, si erge un imponente grattacielo rivestito di vetro, il quale, secondo i designer di fama internazionale, rappresenterebbe il futuro dell’architettura urbana di Milano. Potete salire fino alla terrazza panoramica al 39° piano tutte le domeniche per godere di straordinarie viste panoramiche a 360°, e immortalare lo storico paesaggio urbano milanese in tutta la sua magnificenza.

Slide 9 - 1.jpg
229A7195-Modifica.jpg

Alice racconta: "Poter osservare Milano dall’alto è qualcosa di straordinario per me. Posso guardare la città da una prospettiva davvero unica. Oltre a costituire una meraviglia architettonica di per sé, Palazzo Lombardia vi regala panorami mozzafiato e infiniti punti di vista per le vostre foto!"

Slide-9---3.jpg

Vi consigliamo di catturare panorami a 360° nelle prime ore di luce dopo l’alba o prima del tramonto, periodo anche noto come "l'ora d'oro". Si tratta delle ore in cui il sole è più vicino all’orizzonte e crea una luce morbida e soffusa che vi consentirà di accentuare i dettagli e la profondità dei vostri scatti.

Sulla mappa contenuta nel PDF scaricabile riportato di seguito, potete ritrovare tutti i luoghi scelti da Alice e illustrati in questo articolo. Mentre passate dall'uno all'altro, ricordatevi di tenere gli occhi aperti e di guardarvi intorno: come tutte le città, Milano offre tantissime occasioni per scattare foto eccezionali.