BUSINESS BYTES

In che modo la stampa 3D influenzerà la customer experience del futuro?

  • Pubblicato 2 anni fa
  • 3 min per lettura

La stampa 3D ha davvero il potenziale per trasformare l'esperienza di acquisto. Semplifica il processo di produzione rispetto ai metodi tradizionali e consente la personalizzazione, a un prezzo sempre più competitivo.  Nonostante il suo enorme potenziale, la tecnologia di stampa 3D risale ai primi anni '80. Ha fatto la sua prima comparsa nell'Hype Cycle di Gartner del 2007 sulle tecnologie emergenti.

Dai suoi inizi come "leva di innovazione" nell'Hype Cycle degli analisti, è rapidamente diventata un mercato in continua espansione. Secondo Gartner, la richiesta di stampanti 3D aumenterà del 98% nel 2015 e raddoppierà ulteriormente nel 2016.

È difficile prevedere in che modo le varie forme di stampa 3D influiranno sulle transazioni commerciali future e sulla "customer experience". Tuttavia, le tendenze emergenti indicano che è già in atto un cambiamento radicale, in quanto i clienti stanno acquisendo sempre più autonomia e la tecnologia si evolve continuamente per soddisfare le loro esigenze.

Innanzitutto, il time-to-market per i prodotti si sta riducendo sempre di più. La stampa 3D ha velocizzato i cicli di progettazione e prototipazione, e la sua continua espansione porterà alla graduale riduzione o eliminazione dei tempi di preparazione in fabbrica, di acquisizione di strumenti e altre barriere per la realizzazione di nuovi prodotti. 

In secondo luogo, la progettazione "aperta" è destinata a continuare. Gli utenti finali acquisiranno sempre più responsabilità nella progettazione dei prodotti e i piani progettuali saranno disponibili a chiunque disponga delle competenze e degli strumenti necessari per realizzarli. Di conseguenza, la personalizzazione si diffonderà sempre più, finché i clienti non la riterranno un elemento del tutto normale del processo di produzione.

Infine, la personalizzazione non è l'unico vantaggio per i clienti. Il ciclo di acquisto, tuttora ottimizzato per immettere sul mercato prodotti destinati al consumo di massa nel più breve tempo possibile, potrebbe ridursi ulteriormente con la stampa 3D. I lunghi ritardi legati all'ordinazione di prodotti fuori catalogo, ad esempio, potrebbero essere eliminati, dato che potenzialmente ogni articolo potrebbe essere stampato ad hoc. Parallelamente, l'impiego della stampa 3D in perfetta autonomia, consentirebbe ai clienti di acquistare design online e stampare i prodotti a domicilio, eliminando completamente il processo di ordinazione.

Attualmente, alcuni importanti rivenditori stanno iniziando a sperimentare la stampa 3D. Tra questi Amazon, che lo scorso anno ha lanciato negli Stati Uniti un negozio di stampa 3D per la vendita di gioielli, giocattoli e altri articoli da regalo.  E questo è solo l'inizio. Con l'evolversi della stampa 3D, risulterà molto più facile ed economico per i clienti acquistare, on demand, una gamma molto più ampia di prodotti specifici, e le aziende potranno offrire servizi con maggiore velocità, accuratezza e personalizzazione.