BUSINESS BYTES

Business Imaging Intelligence: quando il monitoraggio è a portata di clic

  • Pubblicato 1 anno fa
  • 4 min per lettura

Un'immagine vale mille parole. Le tecnologie digitali velocizzano i processi portando maggiore efficacia ed efficienza in tutti i settori. Grazie al riconoscimento delle immagini, ai sistemi di videosorveglianza e a software di gestione sempre più avanzati, è possibile garantire una qualità superiore per tutte le attività di presidio e di controllo anche in modalità predittiva e interventi più proattivi.

Utilizzare le videoriprese attraverso un sistema di elaborazione tale da gestire in maniera automatica il rilevamento delle informazioni da analizzare e da gestire, permette alle aziende di erogare servizi di ultima generazione più velocemente e più proattivamente. È così possibile non soltanto presidiare la sicurezza ma anche e soprattutto monitorare gli ambienti, gestendo una quantità di informazioni importanti come, ad esempio, effettuare misurazioni che consentono di elaborare statistiche importanti sugli afflussi, i percorsi, i tempi di permanenza delle persone o dei mezzi in movimento. Il tutto fruito in modalità multicanale, ovvero da un cruscotto centralizzato che può essere consultato da un pc ma anche da uno smartphone o da un tablet.

È questo il senso del Business Imaging Intelligence, l'ultima frontiera tecnologica nell'ambito della gestione delle immagini che, grazie a nuove modalità di visione, tipologie di registrazione e di connes-sione nonché a una risoluzione in grado di rilevare panoramiche e dettagli con una qualità dell'immagine sempre più elevata, consente di potenziare il fronte della sicurezza e quello del Decision Support System, offrendo nuovi elementi a supporto della pianificazione degli interventi in tempo reale.

Stiamo parlando di un mercato dai numeri in forte crescita. MarketsandMarkets stima che il mercato globale di riconoscimento e gestione delle immagini passerà dai 12.49 miliardi di dollari del 2015 a 29,98 miliardi di dollari entro il 2020, con un CAGR del 19,1%. Gli analisti indicano tra i principali fattori che trainano il mercato della BII il crescente utilizzo dei social media tra i dipendenti e i clienti per lo shopping, la ricerca di immagini e la condivisione delle informazioni su prodotti e luoghi (bar e ristoranti, località turistiche, alberghi, eventi) aumentando l'attenzione delle organizzazioni verso l'uso della tecnologia di riconoscimento delle immagini anche in una chiave di social business.

Dalla gestione delle immagini digitali, ai sistemi di archiviazione alle video analisi, sono tantissime le tecnologie coinvolte ma indubbiamente la componente analitica gioca un ruolo chiave a livello di servizio. Secondo il rapporto di Transparency Market Reasearch, il mercato globale delle video analisi supererà i 9 milioni di dollari nel 2023, facendo registrare un tasso di crescita annuale del 20,6. Gli analisti di ABI Reasearch fotografano il mercato globale includendo i servizi a valore aggiunto, raccontando come nel 2015 il mercato della videosorveglianza e dei servizi associati sia destinato a crescere notevolmente, passando da circa 21 milioni di dollari del 2015 a quota 88 milioni entro il 2024, con un tasso di crescita annuale composto del 17% dal 2016 al 2024 (Fonte ABI Reasearch: "Video Analytics Market - Global Industry Analysis, Size, Share, Growth, Trends and Forecast, 2015 - 2023"). Una svolta significativa viene dalle nuove risorse offerte dal cloud e dalla dimensione As a Service che libera le aziende dall'onere dello storage necessario a gestire la quantità di immagini. Le previsioni degli esperti indicano il segmento VSaaS quello che registrerà lo sviluppo più rapido, con un tasso di crescita annuale composto del 29,7% da qui al 2024, proprio grazie alla possibilità di eliminare la necessità di server ad alta capacità di storage e di abbattere i costi (Fonte ABI Reasearch: "Video Surveillance and VSaaS Market - Global Industry Analysis, Size, Share, Growth, Trends and Forecast 2016 - 2024").

infografica-BI

A fare la differenza in questo mercato è senz'altro la qualità delle fotocamere che oggi hanno raggiunto una risoluzione in grado di rilevare panoramiche e dettagli con una qualità dell'immagine sempre più elevata, permettendo nuovi parametri di interpretazione associati a dati strategici a supporto di un'interpretazione che permette una pianificazione degli interventi in tempo reale superiore e puntuale sia a livello di gestione che a livello di sicurezza. Ma non solo.

La Business Imaging Intelligence, infatti, continua a evolvere, portando nuova intelligenza di sistema anche e soprattutto in quanto le fotocamere oggi sono a tutti gli effetti dei sensori che costituiscono un nodo importante di quella Internet Of Things che sta rendendo più smart qualsiasi settore.

Oggi i sistemi di gestione che raccolgono in un punto centralizzato della rete le immagini sono diventati molto sofisticati ma anche semplici da utilizzare, permettendo una pluralità di attività: verificare lo stato di un singolo oggetto o di un'area per individuare eventuali anomalie e velocizzare la diagnostica, interpretare più nel dettaglio una situazione di contesto in modo da consentire un più veloce e immediato intervento come stabilire nuovi turni, incrementare il numero dei commessi in cassa o del personale di servizio. Un altro plus della Business Imaging Intelligence è di consentire una più rapida e immediata tracciabilità e rintracciabilità dei dati memorizzati che, proprio grazie al fatto che i dati sono immagini, rende più facile il processo di identificazione e riconoscimento, velocizzando l'azione di intervento più efficace al verificarsi di un determinato evento.

Non si tratta solo di applicazioni della BII legate alla sicurezza in aree come cantieri, fabbriche o reparti a rischio in cui le videocamere di sorveglianza consentono di monitorare meglio ambienti e personale, presidiando la gestione degli accessi e garantendo che siano rispettate tutte le condizioni di sicurezza necessarie a salvaguardare l'incolumità delle persone che lavorano. I servizi di monitoraggio della Business Imaging Intelligence si diversificano per quantità e qualità come nel caso di un operatore che sta svolgendo attività di assistenza in loco e, tramite fotocamera, mostra al tecnico esperto in sede una criticità che non riesce a risolvere. È anche il caso dei responsabili commerciali che, recandosi nei punti vendita, possono mostrare all'azienda l'esposizione dei prodotti a scaffale, verificando l'out of stock oppure un visual merchandising non conforme agli accordi con il distributore. A livello industriale, i sensori intelligenti in grado di rilevare anomalie e le videocamere poste sulle linee di montaggio permettono ai responsabili della produzione di utilizzare i dati raccolti per produrre report e ottimizzare le operazioni, accelerando la produzione e riducendo i costi.