BUSINESS BYTES

Il cambiamento è la nuova norma?

  • Pubblicato 1 anno fa
  • 3 min per lettura

L'era della trasformazione è frutto di molteplici fattori economici, digitali e sociali. La crisi finanziaria del 2008 ha messo in discussione i modelli economici tradizionali e ha portato alla scomparsa di note istituzioni finanziarie e brand consolidati. 

Gli imprenditori hanno rapidamente iniziato a usare la tecnologia digitale per sviluppare nuovi modelli di business. Le innovazioni tecnologiche, che avevano già intaccato le strutture tradizionali di settori come l'editoria e l'industria musicale, si sono allargate ad altri campi.

Aziende come Uber e Airbnb si sono avvalse di piattaforme software innovative per migliorare al massimo la customer experience: in tal modo, hanno registrato un'enorme crescita pur non possedendo beni materiali tradizionali, come una flotta di veicoli o una catena alberghiera globale.

Anche il settore IT è cambiato: anziché collaborare con un numero limitato di fornitori con contratti di outsourcing a lungo termine, i CIO hanno iniziato ad adottare un approccio più variegato all'IT procurement, affidandosi a più provider cloud di dimensioni ridotte. 

Il risultato di questa transizione, a livello sia economico che tecnologico, è un contesto aziendale in cui il cambiamento è la nuova norma. Questa realtà comporta maggiori pressioni sui responsabili IT, che devono dimostrarsi reattivi alle nuove tendenze e opportunità e reagire in modo estremamente tempestivo.  

Sviluppare una strategia adatta non è semplice. I dirigenti devono dimostrarsi flessibili, monitorare la concorrenza e allo stesso tempo guardare al futuro per creare un vantaggio competitivo.

Anziché concentrarsi sulle esigenze degli utenti finali interni, i dirigenti devono comprendere che ci troviamo nell' "era del cliente", come suggerito da Forrester, in cui le aspettative dei consumatori in merito ad assistenza e customer experience sono sempre più esigenti.

Una ricerca condotta da Forrester per conto di Canon indica che le aziende leader considerano la customer experience un fattore chiave di differenziazione. Il 51% dei dirigenti indica la soddisfazione dei clienti rilevante per l'adozione di canali e tecnologie di comunicazione emergenti.

Secondo Forrester, le strutture, le partnership e i modelli aziendali continueranno a cambiare con l'evoluzione e l'espansione delle organizzazioni. Per migliorare in modo sistematico la customer experience, Forrester suggerisce che i dirigenti devono imparare a gestire un complesso ecosistema di partner, sia interni che esterni.

Affrontare i cambiamenti aziendali con successo comporta molte sfide, ma si tratta di un processo che i dirigenti devono essere disposti ad abbracciare e condividere.