BUSINESS BYTES

L'esperienza di vendita al dettaglio sta per diventare virtuale?

  • Pubblicato 1 anno fa
  • 3 min per lettura

Proprio adesso che ci stavamo abituando all'impatto delle interazioni multicanale con i clienti, i progressi tecnologici hanno introdotto ulteriori innovazioni. Il settore della vendita al dettaglio, infatti, è spesso pioniere nell'adozione di nuove tecnologie.

Un gruppo ristretto di grandi rivenditori ha iniziato a sperimentare metodi nuovi e innovativi per attrarre clienti nei propri negozi, favorendo l'interazione con i prodotti o servizi offerti. Spesso, la tecnologia è alla base di queste nuove esperienze, sia che un'azienda cerchi semplicemente di migliorare l'integrazione tra i diversi canali, sia che stia cercando di spingersi oltre per sperimentare nuove tecnologie, e offrire ai clienti "quell'effetto sorpresa" che garantirà un vantaggio competitivo sui propri concorrenti.

Tra gli esempi recenti rientrano gli usi creativi della realtà aumentata (AR) per aggiungere un'altra dimensione al processo di vendita. L'AR ha il potenziale di offrire ai clienti nuove esperienze interattive all'interno dei punti vendita. Ad esempio, Lego ha introdotto una serie di stand multimediali che si avvalgono dell'AR. Quando un cliente mostra una scatola del kit che desidera acquistare, viene visualizzato il modello assemblato, come se il cliente l'avesse in mano proprio di fronte a sé.  

Anche i negozi di abbigliamento Uniqlo hanno incorporato la tecnologia AR nei propri spazi commerciali e hanno collocato schermi LCD negli specchi, creando un camerino "aumentato" che consente ai clienti di provare i vestiti in modo virtuale, senza doverli indossare fisicamente.  

Questi rivenditori non offrono soltanto un'esperienza unica ai loro clienti, ma li incoraggiano anche a trascorrere più tempo nei propri punti vendita e a interagire con i prodotti a più livelli.

Negli ultimi anni, grazie alle innovazioni nel campo della realtà virtuale, è sorto il problema di come questa nuova tecnologia possa influire sulle esperienze che i rivenditori saranno in grado di offrire ai clienti.

In origine, la realtà virtuale era tata concepita come un modo per offrire un'esperienza di gioco interattiva. Oggi invece sono emerse nuove idee su come impiegarla, in particolare nel campo della vendita al dettaglio. I kit per i consumatori sono già disponibili e i prezzi sono in continua diminuzione.

La tecnologia VR non solo fornisce esperienze di gioco interattive, ma è in grado di creare esperienze ancora più coinvolgenti e tecnicamente interessanti per i clienti. Sarà possibile creare esperienze di vendita interattive, in cui gli utenti interagiscono all'interno di uno spazio virtuale proprio come nella realtà. Questo potrebbe portare alla comparsa di nuove tipologie di negozi.

La realtà virtuale ha, anche, il potenziale di ridefinire il processo di design dei prodotti. Sarà possibile creare delle versioni virtuali dei prodotti, effettuare delle revisioni al design e correggere eventuali errori prima ancora di realizzare il prototipo da proporre al cliente. In questo modo, l'azienda potrà avere un'idea chiara di quali prodotti immettere sul mercato per soddisfare le aspettative del proprio target. Allo stesso modo, la realtà virtuale offrirà ai rivenditori la possibilità di provare nuovi layout e installazioni nei punti vendita prima della stampa e della produzione.

Riducendo l'attuale distanza tra l'esperienza di vendita online e in negozio, la realtà virtuale ha il potenziale di aumentare i profitti dell'e-commerce e di offrire un'esperienza pseudo-reale più completa delle esperienze di realtà aumentata (AR) attualmente disponibili.

Grazie alle opportunità rese possibili dalla tecnologia, stiamo attraversando un momento particolarmente interessante per chi lavora nei settori della vendita al dettaglio e della customer experience. Anche se non è chiaro l'impatto che una tecnologia potrebbe lasciare, o quali innovazioni sono destinate a durare nel lungo periodo, è evidente che le esperienze future dei clienti saranno molto diverse da quelle attuali.