BUSINESS BYTES

Le dirompenti potenzialità della stampa 3D

  • Pubblicato 1 anno fa
  • 3 min per lettura

Le potenzialità della stampa 3D nel settore della produzione e della vendita al dettaglio sono incredibilmente dirompenti ed entusiasmanti. Sebbene la tecnologia risalga ai primi anni '80, solo la recente rivoluzione digitale e l'IoT (Internet of Things) ne hanno reso possibili la commercializzazione e la trasformazione da tecnologia industriale a tecnologia di consumo.  Le innovazioni sono sempre più diffuse: settori come quello sanitario osservano le aziende che lavorano alla stampa di parti del corpo umano che possono sostituire costose protesi, mentre la NASA sta valutando la possibilità di produrre cibo stampato in 3D. 

Anche il settore della vendita al dettaglio è destinato a grandi cambiamenti. I rivenditori specializzati online hanno avviato molti dei primi sviluppi del settore, e alcune aziende importanti hanno iniziato a sperimentare con questa nuova tecnologia, tra cui Amazon, che l'anno scorso ha lanciato un negozio di stampa 3D per la vendita di bigiotteria, giocattoli e altri articoli da regalo negli Stati Uniti. 

In anni recenti, i rivenditori e i relativi fornitori si sono trovati sempre più sotto pressione per offrire prodotti personalizzati con tempistiche sempre più ridotte.  Tuttavia, la personalizzazione e l'immediatezza non sono sempre economiche da raggiungere con i processi di produzione tradizionali, che sono ottimizzati per ampi volumi e prodotti standardizzati. Tuttavia, con la stampa 3D (e con la stampa digitale in generale) l'unione della personalizzazione e della produzione automatizzata diverrà sempre più possibile. Il rivenditore fornisce il modello in modo pratico e rapido e il cliente lo personalizza, a casa o in negozio. 

Questo darà il via a una nuova era di beni di produzione di massa personalizzati. Ovviamente, siamo ancora agli inizi e al momento la tecnologia supporta grandi volumi solo in casi rari. Tuttavia, man mano che si evolverà, i volumi aumenteranno e offriranno notevoli risparmi in termini di costi. 

Quindi, il futuro del commercio e della vendita al dettaglio consiste in processi di design resi pubblicamente disponibili e negozi di modelli digitali? Il processo di produzione si sposterà dalla fabbrica al negozio (o addirittura a casa) con milioni di persone che scelgono un disegno o un modello di base e lo personalizzano secondo i propri gusti personali? 

È un'ipotesi molto probabile. E anche se per ora non si tratta di un cambiamento visibile, ci stiamo gradualmente spostando verso un nuovo genere di commercio, che aprirà una nuova era di start-up e aziende innovative, in grado di adattarsi rapidamente e realizzare design all'avanguardia.  

Che cosa significa questo per i negozi tradizionali e i siti di e-commerce come Amazon? Nell'immediato futuro avremo ancora certamente bisogno del negozio IKEA locale o delle concessionarie di auto per acquistare articoli di grandi dimensioni difficili da stampare a domicilio. Tuttavia, per i rivenditori che vendono prevalentemente articoli per la casa, abbigliamento o altri articoli standard di piccole dimensioni, prendere in considerazione la stampa 3D è un modo per reinventarsi e acquisire un vantaggio competitivo sulla concorrenza. Mentre questa trasformazione potrebbe non avvenire per i prossimi dieci o vent'anni, è invece davvero possibile che il prossimo secolo porti disagi a una massiccia scala di consumatori nel settore della vendita al dettaglio.