BUSINESS BYTES

Che caratteristiche presenta l'innovazione nel settore IT?

  • Pubblicato 11 mesi fa
  • 3 min per lettura

Le aziende desiderano dimostrarsi innovative, ma secondo Accenture, meno di 1 CEO su 5 ritiene che gli investimenti della propria azienda nell'innovazione stiano dando i risultati sperati.
Molti dirigenti sono consapevoli della necessità di creare l'ambiente giusto per stimolare l'innovazione, coinvolgendo tutti i dipendenti nel processo e incoraggiandoli a proporre nuove idee. Nel settore IT, in particolare, le attività quotidiane spesso non vengono svolte con un approccio creativo.  
Tuttavia, l'innovazione in ambito IT può assumere diverse forme. Può consentire di trasformare i processi aziendali in funzioni IT automatizzate, sviluppare applicazioni per accedere a nuovi mercati o introdurre la virtualizzazione del desktop per aumentare la flessibilità e ridurre i costi hardware.
Non esiste IT senza innovazione e innovazione senza IT.
L'innovazione non è un'attività o un reparto aziendale: è un modo di pensare e di agire che deve essere applicato in qualsiasi comparto, progetto e ruolo. È responsabilità dei CIO creare una cultura aziendale in cui l'innovazione venga non solo accettata, ma incoraggiata e premiata. Per molti, tuttavia, si tratta di una sfida difficile da affrontare, in quanto il reparto IT all'interno dell'azienda viene spesso considerato un centro di costo o di profitto. In realtà, per pensare in modo creativo alle innovazioni rese possibili dall'IT, è necessaria la collaborazione tra i vari reparti, per il raggiungimento di un comune obiettivo aziendale.
Di seguito riportiamo quattro suggerimenti utili per le aziende desiderose di migliorarsi tramite l'innovazione in ambito IT:

1.    Tenere d'occhio le aziende che presentano una marcata agilità.  In genere, le aziende più piccole tendono a essere più agili e ad adottare più rapidamente nuove tecnologie. È importante valutare attentamente i modi in cui altre aziende, specialmente quelle più innovative, utilizzano già gli strumenti IT che si sta pensando di adottare. Imparare dagli errori degli altri può essere molto utile e aiuta a risparmiare tempo e denaro.

2.    Associare l'innovazione alla progettazione. Le competenze IT tradizionali tendono a essere molto specializzate. Il team IT deve conoscere i componenti dell'infrastruttura, i sistemi operativi, i database e la loro interazione reciproca. Il reparto di marketing, tuttavia, deve essere a conoscenza dei dati relativi all'azienda e ai clienti salvati in questi sistemi e database. Lavorando insieme, questi due reparti possono trovare nuovi modi di sfruttare le informazioni a vantaggio dell'azienda, e il contributo di entrambi permette di raggiungere un obiettivo globale comune.

3.    Non temere la confusione, pur non dimenticando la struttura.  La confusione è la madre della creatività: genera opportunità e possibilità di cambiamento. Obbliga a prendere in considerazione una prospettiva diversa e inconsueta, allontanandoci dalla "zona di comfort" verso una zona che offre opportunità per essere creativi e potenzialmente rivoluzionari. Tuttavia, è necessario mantenere una struttura per assicurare il corretto completamento dei progetti, ad esempio nominando una persona o un'entità specifica come supervisore.

4.    Concentrarsi sugli elementi concreti. I CIO devono poter discutere di innovazione non solo in termini di produttività ed efficienza, ma anche di specifiche proposte di valore per l'azienda. Un reparto IT innovativo deve puntare a nuovi modi di utilizzare la tecnologia per migliorare l'allineamento tra le iniziative tecnologiche e gli obiettivi aziendali.
Poiché l'innovazione è un aspetto fondamentale del settore IT, quest'ultimo si trova in una spiccata posizione di forza per realizzarla. E non solo: i reparti IT sono anche in grado di esaminare tutte le funzioni aziendali nel loro complesso, pur lavorando talvolta in modo isolato, e pertanto possono e devono collegare i vari elementi in gioco per suggerire nuovi modi di realizzare valore e innovazione, non solo per il proprio settore ma anche per l'azienda nel suo complesso.