no consumer

Roberta Fiorito

Roberta Fiorito (Bari 1980) vive e lavora a Bari. Si è formata presso l'Università degli Studi di Bologna - Corso di Laurea in D.A.M.S. Discipline delle Arti della Musica e dello Spettacolo, indirizzo Arti Visive. Ha studiato, fra gli altri, con: Renato Barilli, Claudio Marra, Alessandra Borgogelli, Fabiola Naldi, Silvia Grandi, Fabriano Fabbri. Si occupa di arte contemporanea e fotografia. Ha iniziato come operatrice culturale all'interno di associazioni volte alla valorizzazione e promozione di giovani artisti e fotografi.
Dal 2009 ha reso sistematica la sua attività come direttrice artistica e curatrice di uno spazio dedicato alle arti iper-contemporanee a Bari (Fabrica Fluxus): luogo espositivo multidisciplinare e fluido di ricerca e sperimentazione, volto a promuovere la ricerca sui mutamenti delle espressioni della cultura contemporanea, facendo dialogare fra loro diversi ambiti quali il design, le arti visive, l’illustrazione, la fotografia e la grafica. Ideatrice e curatrice del progetto Start-Hub (vincitore del bando Principi Attivi 2010 promosso dalla Regione Puglia). Da un anno è co-direttrice e co-curatrice della galleria ARTCORE di Bari insieme a Mara Nitti www.artcore.it. L'attività della galleria pone la sua attenzione principalmente verso giovani artisti emergenti, dichiarando l’intenzione di operare su e con il territorio. Grazie a collaborazioni importanti ha sviluppato un interesse legato principalmente a interventi site specific e dal carattere internazionale. Le proposte di giovani talenti si misurano direttamente con lo spazio e con l’intenzione di operare in un pieno spirito di ricerca e innovazione.

Collabora con il centro di fotografia F.Project coordinando le attività espositive (Anna Di Prospero – with you, Giuseppe De Mattia/Aldo Grittani From To, Andrea Boccalini Radici d'acciaio, Nina Viviana Cangialosi – Ero acqua io) e contribuendo alle attività didattiche della scuola annuale di fotografia con il corso “la Fotografia nell' Arte Contemporanea e Nuove Tendenze” .
La sua attività curatoriale è votata alla ricerca di artisti e progetti culturali caratterizzati, se pur in modi diversi, dalla contaminazione di generi, discipline, mondi, tecniche e culture lontane fra loro, lavorando per contrasti forti, nella convinzione che la diversità e il confronto possano dar vita a feconde riflessioni. Un'attenzione particolare è posta alle tematiche del corpo e dell'identità.
La sua attività è arricchita inoltre da collaborazioni con giovani curatori italiani fra cui Giovanni Cervi, Francesca Pergreffi, Francesco Paolo Del Re, Luca La Vopa e con altri spazi dedicati alle arti visive. Per Sponge Arte Contemporanea (PU) ha curato esposizioni (Forlani |Pierpaoli|Zdreus – la mansuetudine dell'abiura) e partecipato a convegni/incontri promossi dalla galleria e dalla Provincia di PesaroUrbino. Più costante e duratura la collaborazione con la galleria Spazio Meme di Carpi (Modena) per il quale ha co-curato diverse mostre, fra le altre, due progetti presentati all'interno delle attività del Festival Di Filosofia (edizione 2011 e 2012). In occasione della personale del fotografo Francesco Pergolesi, Linea di demarcazione (Festival Di Filosofia 2012) sono stati pubblicati i suoi testi nel catalogo di accompagnamento alla mostra con una nota introduttiva del filosofo Marc Augè.

spacer
            image