NOTIZIE

5 eventi imperdibili al World Press Photo Festival 2018

Questa fotografia di Ivor Prickett, nominata per un premio nella categoria General News del concorso World Press Photo, ritrae Nadhira Aziz mentre osserva il personale della Protezione Civile irachena che scava per recuperare i corpi dei suoi familiari dalle macerie della loro casa a Mosul. distrutta da un attacco aereo nel giugno 2017. Ivor parlerà della sua serie "La Battaglia di Mosul" il 13 aprile 2018 al World Press Photo Festival. Scatto realizzato il 16 settembre 2017 con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM. © Ivor Prickett

La moderna e vivace città olandese di Amsterdam ospita il World Press Photo Festival (WPPh), la prestigiosa celebrazione annuale del fotogiornalismo sponsorizzata da Canon dal 1992. L'annuncio dei vincitori del Concorso World Press Photo 2018, il 12 aprile, sarà seguito dalla mostra e dagli eventi del World Press Photo Festival in vari spazi della città dal 13 al 14 aprile 2018.

Le sedi del festival ospiteranno un'entusiasmante varietà di eventi, tra cui conferenze, workshop, proiezioni, mostre e sessioni di autografi, a cui parteciperanno fotogiornalisti, redattori e agenti di primo piano. Questi sono cinque eventi imperdibili tra quelli in programma.

1. La serata di apertura con Canon

Canon organizzerà l'esclusiva serata di apertura della World Press Photo Exhibition alla De Nieuwe Kerk, una chiesa del XV secolo nel centro di Amsterdam, il 13 aprile dalle 20:00 alle 23:00. Gli spettatori con un biglietto per la serata saranno tra i primi a vedere la mostra, che comprende tutti i lavori premiati nei concorsi di fotografia e Digital Storytelling e che visiterà in seguito numerose località in tutto il mondo.

2. La conferenza di Ivor Prickett sulla sua serie "La battaglia di Mosul"

Il fotogiornalista irlandese, con la sua attrezzatura Canon, è autore di ben due delle sei immagini finaliste del premio World Press Photo of the Year, più una nella categoria General News. Il fotografo del New York Times parlerà della sua serie "La battaglia di Mosul", da cui sono tratte tutte le immagini selezionate per il concorso, il 13 aprile alle 15:15 alla Zuiveringshal West di Amsterdam.

A man wearing a black hat points to a Japanese macaque, who is dressed in human clothing.
La serie "Non più sacre" di Jasper Doest, nominata nella categoria "Nature - storie" del concorso World Press Photo, si concentra sull'uso crescente dei macachi giapponesi in spettacoli di intrattenimento. Il fotografo olandese parlerà del suo lavoro il 13 aprile al World Press Photo Festival 2018. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM. © Jasper Doest

3. I ritratti intimi di Barack Obama di Pete Souza

Pete Souza racconterà le sue esperienze con il presidente Barack Obama mentre lavorava come capo fotografo ufficiale alla Casa Bianca. Le sue immagini "dietro le quinte", spesso scattate con macchine reflex Canon, offrono un punto di vista affascinante sulla vita dell'ex presidente. Di recente sono state pubblicate in un libro dal titolo "Obama: An Intimate Portrait". Pete parlerà del suo lavoro il 13 aprile alle 16:45 a Zuiveringshal West.

4. La passione per la natura di Jasper Doest

Il fotografo documentarista olandese Jasper Doest, spesso impegnato a favore della conservazione dell'ambiente, è stato nominato nella categoria Natura - storie di World Press Photo 2018 per la sua serie "Non più sacre". Le sue fotografie si concentrano sulla trasformazione del rapporto tra esseri umani e animali selvatici attraverso le immagini del trattamento dei macachi giapponesi (detti anche "macachi delle nevi"). In passato queste scimmie erano considerate sacre, mediatrici tra gli dei e gli esseri umani, ma oggi molte sono addestrate per esibirsi in appositi spettacoli o trattate come animali nocivi. Il fotografo Canon parlerà del suo lavoro il 14 aprile alle 12:15 al Westergastheater di Amsterdam.

5. La prestigiosa Sem Presser Lecture di Stephanie Sinclair

Stephanie Sinclair è una fotogiornalista americana vincitrice dei premi Pulitzer e World Press Photo. Con la sua attrezzatura Canon si concentra su storie di genere e diritti umani in tutto il mondo, evidenziando problematiche come i matrimoni infantili e le mutilazioni genitali. A lei sarà affidata quest'anno la Sem Presser Lecture, in cui un acclamato ospite internazionale si concentra su un argomento di grande importanza per il fotogiornalismo. L'intervento di Stephanie avrà per tema la sua serie "Troppo giovane per sposarsi", che continua da 15 anni, e si svolgerà il 14 aprile al Westergastheater.


Per maggiori informazioni su World Press Photo 2018, visita il sito Internet del World Press Photo Festival.

Scritto da David Clark


Articoli correlati

Visualizza tutto

Canon Professional Services

I membri ricevono accesso al supporto CPS, sia localmente che durante i maggiori eventi; un servizio di riparazione prioritaria e, a seconda dello stato di iscrizione posseduto, prestiti gratuiti di equipaggiamento di scorta.

Entra

Per saperne di più

Canon Professional Services