LE STORIE

Field Of View: la fondatrice di Reclaim Photo Tara Pixley parla del motivo per cui il fotogiornalismo ha bisogno di maggiore diversità

Il giocatore di football dei Green Bay Packers Mike Daniels e suo fratello Sean Daniels hanno partecipato per la prima volta al Comic-Con di San Diego il 20 luglio 2017. Hanno indossato rispettivamente i costumi dei fratelli di Naruto, Raikage e Killer Bee. L'amico di famiglia Terrence Pryor ride insieme a Mike mentre si preparano a indossare i costumi. "È stato fantastico seguire un giocatore della NFL divertente, malizioso e molto disponibile mentre indossava un costume con suo fratello e gli amici e scattare loro delle foto", afferma Tara. Scatto realizzato con EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8 IS USM. © Tara Pixley

Nella nostra nuova serie di articoli, "Field Of View", chiediamo alle figure più importanti del settore di condividere la loro opinione su un tema molto discusso. In questo articolo, Tara Pixley, photo editor, fotografa di reportage che vive a San Diego e fondatrice di Reclaim Photo, un gruppo di organizzazioni che mirano a promuovere la diversità nel fotogiornalismo, spiega perché il settore ha bisogno di fotografi con un background diversificato.

"Lavoravo come photo editor durante le proteste di Ferguson, i disordini civili avvenuti a Ferguson, in Missouri, dopo l'uccisione del giovane afroamericano Michael Brown da parte dell'ufficiale di polizia bianco Darren Wilson, il 9 agosto 2014. Dalle immagini pubblicate dalle agenzie giornalistiche e dai notiziari tradizionali, ho visto emergere una narrativa visiva uniforme. Mi ha fatto pensare a quanti di quei fotogiornalisti e photo editor condividessero la stessa prospettiva perché provenivano dallo stesso background: erano uomini bianchi, occidentali e membri del ceto medio.

"Non dico che solamente persone provenienti da background specifici debbano fotografare determinate storie. Dopo tutto, Robert Frank era un outsider che ha immortalato una cultura in un modo nuovo e potente nel suo libro "The Americans". Tuttavia, avere una conoscenza intima delle esperienze vissute dai tuoi soggetti ti offre modi alternativi di immortalarli".

Women in theatrical dance costumes wait to go on stage.
Le ballerine di burlesque della compagnia di ballo dell'Atlanta Dames Aflame scherzano sul palco prima di uno spettacolo andato in scena il 13 febbraio 2010, presso la sede di Paris on Ponce ad Atlanta. "Mentre immortalavo questa compagnia di ballo, mi sono imbattuta nella pura gioia di esibirsi e nell'amore per il prossimo", racconta Tara. "Ho una formazione nella danza e nel teatro, quindi sono felice ogni volta che frequento il backstage di artisti e scatto foto e penso di stare realizzando alcuni dei miei migliori lavori". Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark II e obiettivo Canon EF 17-55mm f/2.8 IS USM. © Tara Pixley

"Durante le proteste di Ferguson, il punto di vista del fotografo Ruddy Roye, in quanto americano giamaicano e uomo di colore, ha influenzato il suo stile fotografico. Il suo lavoro ha portato in primo piano l'umanità del corpo nero in un modo che raramente si vede nelle altre immagini di questa storia pubblicate con le notizie. Le sue immagini hanno colpito molte persone perché si sono contrapposte alla rappresentazione tipica che dà la stampa degli americani di colore, ossia criminali o vittime".

A father and daughter sit in their living room, the daughter covering her dad’s eyes playfully.
Eliza Peterson, 6 anni, e suo padre Allen Peterson giocano nella loro casa nel quartiere Kirkwood di Atlanta, in Georgia. Questo scatto è stato realizzato il 5 agosto 2011 mentre la famiglia si preparava al ritorno a scuola di Elisa, che frequentava la Toomer Elementary, nel bel mezzo di uno scandalo che ha scosso le scuole statali di Atlanta. "Questa famiglia è stata incredibilmente accogliente e amorevole. È stata un'esperienza straordinaria assistere al rapporto tra padre e figlia durante il rituale mattutino di preparazione per la scuola", dichiara Tara. Scatto realizzato per il New York Times con Canon EOS 5D Mark II e obiettivo Canon EF 35mm f/1.4L II USM. © Tara Pixley

"In questi giorni, parliamo molto della necessità di diversificare il fotogiornalismo, ma si parla molto meno del perché esiste questo problema. Un motivo è rappresentato dalle risorse necessarie per entrare nel settore. Se hai 15 anni e sei una persona di colore o immigrata di recente, potresti non avere denaro a sufficienza per acquistare una fotocamera o per partecipare a corsi di fotografia. Se vuoi fare lo scrittore, devi trovare un luogo in cui svolgere un tirocinio ma non hai bisogno di accedere all'attrezzatura specifica e a conoscenze tecniche.

"Conosco dei fotogiornalisti straordinari che lavorano nel settore perché si preoccupano delle persone e vogliono raccontare storie, ma non sempre si rendono conto di provenire da un luogo privilegiato. Pensano di essere arrivati dove sono perché sanno svolgere bene il loro lavoro e si sono impegnati duramente. Entrambe queste cose potrebbero essere vere, ma potrebbe essere anche vero il fatto che i loro genitori potevano permettersi di mantenerli a New York mentre partecipavano a tirocini non retribuiti o pagavano i loro viaggi da studenti universitari e che le foto realizzate mentre erano in viaggio hanno permesso loro di vincere dei premi e attirare l'attenzione del settore".

A woman in a tie-dye dress leaps in front of a series of white brick columns, under a blue sky with dramatic clouds.
Ritratto della ballerina di Atlanta Nneka Kelly tra alcune sculture della città in Georgia, nel marzo 2010. "In un angolo remoto di Atlanta si trova quest'opera d'arte pubblica", afferma Tara. "Quando la ballerina mi ha chiesto di trovare un luogo unico che non compariva spesso nei primi piani, è stato uno dei primi posti che mi sono venuti in mente". Scatto realizzato con Canon EOS 50D e obiettivo Canon EF 17-55mm f/2.8 IS USM. © Tara Pixley

"Spesso, i fotografi americani non possiedono le risorse e l'accesso necessari per raccontare la propria storia relativa ai soggetti così frequentemente immortalati, come le persone provenienti da comunità di rifugiati o di immigrati e le comunità di persone povere e di colore. Eppure, i loro volti e le loro esperienze diventano i principali fautori delle borse di studio, dei premi e delle carriere di successo di persone che non possono neanche immaginare (e comprendere davvero) le loro vite".

"Insegno fotogiornalismo all'università e gli studenti di colore vengono da me e mi dicono: "Non pensavo che persone come noi potessero fare questo lavoro". Ciò riflette la crescita della mia esperienza personale. Ho iniziato a leggere il National Geographic con mio padre quando avevo tre o quattro anni. Guardavo le immagini e leggevo le parole, ma non pensavo che avrei potuto realizzarle io stessa. Non conoscevo nessuno nella mia comunità che fosse un giornalista. È stato soltanto alle scuole superiori, quando ho avuto la possibilità di lavorare in un giornale studentesco di Atlanta rivolto ai bambini della città, che ho incontrato giornalisti come me. Sono stata fortunata, ho potuto acquistare una fotocamera dopo aver lavorato d'estate mentre ero all'università e grazie ai risparmi. Tuttavia, una ragazza nera non incarna l'immagine culturale di un tipico fotogiornalista.

Come possiamo portare a termine il migliore lavoro possibile quando esiste solo un punto di vista che racconta tutte queste storie?

"C'è un'idea di un intento benevolo, quello di essere testimoni per il bene dell'umanità, che plasma il modo in cui pensiamo a noi stessi come fotogiornalisti. Forse ci stiamo nascondendo dietro a questa idea. Dobbiamo criticare noi stessi nello stesso modo in cui critichiamo i nostri soggetti. Parliamo di oppressione e di regimi oppressivi ma non rivolgiamo mai l'obiettivo verso noi stessi. Amo questa professione e non voglio denigrarla; voglio renderla migliore. Dopo tutto, come possiamo portare a termine il migliore lavoro possibile quando esiste solo un punto di vista che racconta tutte queste storie? Abbiamo bisogno di una moltitudine di voci".

Three portraits show the same young black man in a smart suit with purple tie.
Niclaos Almonar, musicista che vive a Brooklyn, posa per Tara in una serie di ritratti su persone omosessuali di colore. "Niclaos è un artista con molta esperienza e ha questa incredibile capacità di interagire con la fotocamera, perciò ho percepito che ogni immagine di lui sarebbe stata eccezionale. È stato difficile sceglierne solo una e alla fine ho optato per un trittico che desse un'idea di lui in poche immagini", dichiara Tara. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark II e obiettivo Canon EF 50mm f/1.4 USM. © Tara Pixley

"A scuola ho imparato tanto sul ruolo quotidiano dei fotogiornalisti, ma nessuno ci ha parlato di come il nostro lavoro influisce su determinate comunità. Agli studenti dovrebbe essere insegnata la teoria critica, oltre alla produzione giornalistica, così da prepararli a uscire nel mondo e a raccontare storie vere non imbrigliate in stereotipi. Inoltre, dobbiamo promuovere nelle redazioni una formazione sulla competenza culturale e sulla diversità.

"Da quando ho pubblicato la mia prima immagine e la mia prima storia in un giornale regionale all'età di 15 anni, ho lavorato in sette-otto redazioni. Quando ho deciso di non lavorare più a tempo pieno come fotogiornalista e photo editor per intraprendere un dottorato di ricerca, ho iniziato a comprendere che i molti interventi relativi a scelte editoriali che volevo eseguire nel corso degli anni, ma che non ho portato a termine perché avevo paura, erano il segno di un problema che pervadeva il settore. Ho iniziato a parlarne e l'impatto che ha avuto su di me è stato davvero forte. Mi ha spinto a pensare che avrei dovuto farlo su una scala più ampia. Ho iniziato a concentrarmi sulla diversità nel fotogiornalismo ed è per questo motivo che ho fondato Reclaim Photo, un gruppo di cinque organizzazioni che lavora per promuoverla".

A soldier leans out of a window in a white wall, looking and pointing his rifle to his left.
Dei Marine sono in azione a Camp Pendleton, in California, per liberare un finto villaggio durante un'operazione di addestramento congiunta tra le forze americane e giapponesi, il 20 febbraio 2014. "In questo scatto, è stato particolarmente emozionante assistere all'organizzazione e alla comunicazione tra le truppe mentre eseguivano un'esercitazione di routine", racconta Tara. "Per me è stato illuminante immortalare tutto questo, pur non avendo mai provato alcun desiderio di diventare una fotografa di guerra". Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark II e obiettivo Canon EF 35mm f/1.4L II USM. © Tara Pixley

"Inizialmente, avevo pianificato di sviluppare una piattaforma che mettesse in comunicazione photo editor e fotografi che non provenivano dal mondo occidentale. Poi, ho scoperto che ciò stava già accadendo tramite l'African Photojournalism Database di World Press Photo. Per la mia ricerca del dottorato, ho intervistato organizzazioni che promuovono la diversità: The Everyday Projects, Native, Majority World, Women Photograph e Minority Report, ovvero le organizzazioni che oggi fanno parte di Reclaim Photo. Abbiamo deciso di collaborare per un sondaggio, terminato il 1° febbraio 2018, sulle esperienze di coloro che lavorano nell'ambito del fotogiornalismo. Raccogliendo i dati sui loro successi e sulle difficoltà, speriamo di identificare degli schemi che consentano di comprendere meglio il problema, pubblicare dati e formulare suggerimenti con l'obiettivo di dar vita a un settore più inclusivo.

"In America, in molti settori si sta spingendo per una maggiore diversità, ma assumere più donne o più persone di colore non risolverà il problema. Non si identificheranno necessariamente con le problematiche intersettoriali a cui devono far fronte gruppi differenti. Tutti noi abbiamo dei pregiudizi e dobbiamo imparare a combatterli. Per questo l'istruzione è così importante. Uno dei compiti del fotogiornalismo dovrebbe essere quello di mettere i nostri giovani nella posizione di vedere sé stessi come narratori e non come i protagonisti della storia da raccontare".


Per maggiori informazioni sull'ultimo modello di fotocamera Canon serie EOS 5D, visita la pagina del prodotto di Canon EOS 5D Mark IV.

Scritto da Rachel Segal Hamilton


Iscriviti alla newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro

Registrati ora

Articoli correlati

Visualizza tutto