Spot News, first prize singles – Jamal Taraqai

Spot News, primo premio scatti singoli – Jamal Taraqai

Il fotoreporter Jamal Taraqai è il primo pachistano a vincere il World Press Photo In questa intervista spieghiamo come abbia rischiato la vita per immortalare la scena che gli è valsa la vincita del premio, scattata subito dopo l'attentato suicida all'Ospedale civile nel Balochistan, in Pakistan, e perché consideri il pericolo parte del suo lavoro.

Come ti senti a essere il primo vincitore World Press Photo pachistano?
"Ne sono orgoglioso. World Press Photo sta facendo un lavoro fantastico nell'attribuire il massimo rispetto ai fotografi di tutto il mondo e nel premiare i lavori migliori."

Qual è stata la tua prima reazione dopo l'esplosione all'ospedale?
"Mi chiedevo cosa fare, se lasciare l'ospedale per la mia sicurezza o meno. Non era la prima volta che mi trovavo coinvolto in un'esplosione. Sono stato ferito in tre diversi episodi. Durante questo attacco, ero preoccupato dal fatto che ci potesse essere una seconda esplosione. Avevo due scelte davanti a me: immortalare l'evento o lasciare l'ospedale. La mia dedizione al fotogiornalismo mi ha spinto a continuare a lavorare. Era mia responsabilità mostrare in quale situazione drammatica si trovassero le persone innocenti coinvolte nell'esplosione."

Che consiglio puoi dare ai giovani fotoreporter?
"Primo, mostrare la realtà al mondo attraverso i propri scatti. Secondo, avere una macchina fotografica affidabile, in modo da non farsi sfuggire ciò che si prova a immortalare."

Su cosa hai in programma di lavorare in futuro?
"Lavorerò principalmente come disegnatore satirico e fotoreporter. Nell'osservare una vignetta o una fotografia chiunque, anche un bambino, è in grado di interpretarla."

Qual è il tuo rapporto con le apparecchiature Canon?
"Negli ultimi 12 anni ho usato per le mie foto la stessa fotocamera che ho impiegato per questo scatto, e grazie ad essa ho raggiunto molti obiettivi. Penso comunque che sia arrivato il momento di usare un nuovo obiettivo e un nuovo corpo macchina per migliorare ulteriormente il mio lavoro."

Survivors and onlookers help those injured in a suicide bomb attack at the Civil Hospital in Quetta, Balochistan, Pakistan, 8 August, 2016.

Sopravvissuti e spettatori aiutano i feriti di un attacco suicida all'Ospedale civile di Quetta, nel Balochistan (Pakistan), 8 agosto 2016. Scattata con Canon EOS 700D, con esposizione 1/512 sec a f/13, ISO 800.
© Jamal Taraqai

Potrebbero anche interessarti