Social media per i PSP

Social media

#stampa

È utile partecipare alla conversazione sui social media?

L'ascesa dei social network negli ultimi 15 anni ha radicalmente trasformato il modo in cui le persone trovano, consumano e condividono le informazioni, oltre al modo in cui comunicano. Alcuni operatori del settore della stampa considerano i social media una minaccia, ma, se utilizzati nel modo giusto, essi possono in realtà rivelarsi un utile strumento di marketing e ricerca.

L'ascesa dei social media

Oltre 2 miliardi di persone possiedono account di social media, ovvero circa il 30% della popolazione mondiale1. Circa 1 miliardo di utenti di Facebook è attivo ogni giorno2. Anche togliendo quell'8,7% di account di Facebook che sono considerati non autentici, sono 900 milioni gli utenti che accedono a Facebook quotidianamente3. Ogni mese, i siti Web che integrano tweet ricevono 1 miliardo di visite uniche4, e ogni giorno si registrano oltre 2 miliardi di ricerche tramite Twitter5. 122 milioni di persone hanno ottenuto un colloquio di lavoro grazie a LinkedIn6, e negli Stati Uniti oltre un terzo delle coppie sposate si è conosciuto online7.

Negli ultimi anni, tutto ciò ha avuto un effetto estremamente significativo sulle priorità degli addetti al marketing. Ha influenzato il modo in cui comunicano con i clienti delle loro organizzazioni, oltre che le modalità con cui trovano fornitori e operano decisioni di acquisto.

Per i fornitori di servizi di stampa (PSP), ciò significa che i social network possono essere utilizzati per attirare e intrattenere rapporti commerciali, ricevere il feedback dei clienti e promuovere l'efficacia della loro attività. E, in effetti, il 54% dei commerciali B2B ha dichiarato di aver trovato potenziali clienti grazie ai social media8.

La stampa diventa social

In che modo il settore delle arti grafiche si sta adeguando? La popolarità dei social network varia da paese a paese, ma analisti, testate, enti commerciali e fornitori, come Canon, registrano in genere l'attività maggiore. Ad esempio, l'analista di settore InfoTrends conta quasi 9.743 follower su Twitter, la federazione globale ed ente di organizzazione di eventi FESPA 17.384, la rivista del Regno Unito PrintWeek 20.207, la rivista tedesca Drucker 2.469 e Graficus, nei Paesi Bassi, oltre 2.1909. Su LinkedIn, i gruppi statunitensi Print Production Professionals e Print Industry Networking Group vantano rispettivamente oltre 91.500 e 73.000 membri provenienti da tutto il mondo,

Il coinvolgimento all'interno del settore aumenta ogni giorno, in quanto PSP lungimiranti riconoscono che un'ampia proporzione della loro base clienti (addetti al marketing) non solo è attiva sui social media, ma li utilizza per trovare fonti di ispirazione, spunti per l'innovazione e partner, al fine di ottenere un buon ritorno sull'investimento. Oggi, gli acquirenti di servizi aziendali di solito non contattano i fornitori fino a quando il 57% del processo di acquisto non è stato completato10. Ciò significa che, prima di contattare potenziali PSP, gli acquirenti di servizi di stampa avranno già un'idea di quello che stanno cercando e, spesso, si rivolgeranno all'azienda in grado di fornire il servizio al prezzo più contenuto. Se i PSP vogliono essere presi in considerazione quando gli addetti al marketing conducono le loro ricerche ed effettuano decisioni di acquisto, è essenziale che siano visibili nei canali in cui avviene la selezione. Sempre più frequentemente, questi canali sono i social network.

Avvia la conversazione

Il segreto del successo dei social media è il fatto che i social network vengano considerati piattaforme per avviare la conversazione invece che semplicemente per la promozione dei servizi. L'obiettivo dei PSP dovrebbe essere "ascoltare" le conversazioni degli addetti al marketing, scoprire quali sfide si trovano ad affrontare e instaurare con loro un dialogo utile e interessante. Se i post si limitano a promuovere i servizi di un'azienda o hanno palesi finalità commerciali, i clienti attuali e quelli potenziali si sentiranno alienati. Inoltre, se viene assegnata la priorità all'ascolto, i social network possono diventare anche un'eccellente piattaforma per entrare in contatto con i colleghi di settore di altre regioni, cercare nuove idee e ottenere informazioni su nuove tecnologie.

Per i PSP che sono piuttosto nuovi nel mondo dei social media, è consigliabile effettuare una ricerca per stabilire quali canali utilizzino i clienti e concentrare l'attività iniziale su questi. Utilizzare una o due piattaforme in modo efficace è decisamente preferibile rispetto a possedere profili su più piattaforme che non si ha il tempo di gestire. La selezione dei social network dipenderà dai propri obiettivi: scegliere semplicemente il social network più diffuso non è sempre la strategia migliore.

Piattaforme come Facebook e Pinterest possono essere estremamente utili per i PSP che vendono servizi di stampa direttamente ai clienti, mentre Twitter e LinkedIn sono le due piattaforme più popolari per il marketing verso le aziende11. Infatti, il 62% dei commerciali business-to-business (B2B) considera LinkedIn una piattaforma di marketing efficace, mentre la percentuale pro Twitter è del 50%12.

È importante ricordare che lo scopo dell'attività sui social network è avviare e prendere parte alla conversazione. Il modo migliore per raggiungere questo obiettivo è innanzitutto ascoltare. Segui i potenziali clienti e interagisci con loro per conoscerli e incoraggiarli a seguirti, ma evita l'approccio tipico della vendita diretta. Quando sai a cosa è interessato il tuo pubblico, puoi condividere contenuti e informazioni interessanti sul lavoro che hai svolto. In questo modo, inizierai a dimostrare le tue competenze, a creare una tua rete e ad avviare il dialogo con clienti attuali e potenziali.



1 We Are Social. 3 agosto 2015. Global Digital Statshot: agosto 2015. http://wearesocial.net/blog/2015/08/global-statshot-august-2015/.

2 Facebook. 4 novembre 2015. Report Facebook - Risultati III trimestre 2015 http://investor.fb.com/releasedetail.cfm?ReleaseID=940609.

3 Geoffrey A Fowler. 4 ottobre 2012 Facebook: One Billion and Counting. The Wall Street Journal. http://www.wsj.com/articles/SB10000872396390443635404578036164027386112.

4 Twitter. 30 settembre 2015. Twitter Usage – Company Facts. https://about.twitter.com/company.

5 Statistic Brain. 25 settembre 2015. Twitter Statistics. http://www.statisticbrain.com/twitter-statistics/.

6 Statistic Brain. 28 giugno 2015. LinkedIn Company Profile and Statistics. http://www.statisticbrain.com/linkedin-company-profile-and-statistics/.

7 Larry Magid. 3 giugno 2013. A Third of Recently Married Couples Met Online and They're More Satisfied and Less Likely To Split-Up. Forbes. http://www.forbes.com/sites/larrymagid/2013/06/03/a-third-of-recently-married-couples-met-online-and-theyre-more-satisfied-and-less-likely-to-split-up/.

8 Giselle Abramovich. 16 gennaio 2014. 15 Mind-Blowing Stats For B2B Marketers. CMO. http://www.cmo.com/articles/2014/1/14/15_stats_B2B_marketers.html.

9 Twitter. 8 febbraio 2016. https://twitter.com/search.

10 Google. Febbraio 2013. B2B’s Digital Evolution. think with Google. https://www.thinkwithgoogle.com/articles/b2b-digital-evolution.html.

11 Giselle Abramovich. 16 gennaio 2014. 15 Mind-Blowing Stats For B2B Marketers. CMO. http://www.cmo.com/articles/2014/1/14/15_stats_B2B_marketers.html.

12 Giselle Abramovich. 16 gennaio 2014. 15 Mind-Blowing Stats For B2B Marketers. CMO. http://www.cmo.com/articles/2014/1/14/15_stats_B2B_marketers.html.

Ottieni la tua copia!

Iscriviti qui per ricevere la tua copia di Think Digital nell'edizione e-mail o stampata.