Gymnast-Eddie-Keogh.jpg

Eddie Keogh

Il pluripremiato Canon Explorer Eddie Keogh è un fotografo sportivo freelance. Dal 1986 al 2005 ha lavorato per giornali a tiratura nazionale nel Regno Unito, per poi iniziare una collaborazione con Reuters in qualità di fotografo freelance. A soli 21 anni, Eddie ha fatto reportage sulle sue prime Olimpiadi, a Los Angeles. Ha fotografato otto Campionati Mondiali di calcio e praticamente qualsiasi sport mai inventato.

Un millesimo di secondo

Come Eddie ama ripetere, "la vera sfida consiste nel riprendere quel millesimo di secondo che definisce un particolare evento sportivo". Come ci riesce?

Gymnast-Eddie-Keogh
© Eddie Keogh - Canon EOS-1D Mark IV; esposizione 1/1250s a f/2.8, ISO 1600.

"Questo ginnasta era alla parallela alta e stava ruotando tanto velocemente che ho continuato a scattare sperando di realizzare qualcosa di interessante. A fine giornata, ho dato il mio biglietto da visita a un redattore e mi ha detto che gli piaceva lo scatto del ragazzo senza testa. Non avevo idea di cosa stesse parlando fino a quando non ho visto la foto. Ero stato fortunato."

Horse-Race-Eddie-Keogh
© Eddie Keogh - Canon EOS-1D X con obiettivo EF 8-15mm f/4L Fisheye USM, esposizione 1/1600s a f/4.5, ISO 400.

"Era l'ultima corsa del giorno al Cheltenham Festival. Al tramonto, sono sceso sulla pista per cercare uno steccato rivolto verso il sole e ho posizionato la fotocamera su uno spuntone alla base, attivandola con un trasmettitore slave."

Canon fa la sua parte

"Ho usato la nuova Canon EOS 1-D X Mark II e la funzione di tracking è eccezionale. La messa a fuoco è ancora più veloce e viene mantenuta meglio che con qualsiasi altra fotocamera Canon io abbia mai utilizzato. Non importa quanto sia veloce l'azione. So di potermi fidare del sistema AF per avere una possibilità in più di riprendere il momento cruciale."

Resta informato

Prossimamente: "Guardare il mondo senza mirino"

Iscriviti alla newsletter