Man-And-Woman-Smoking-On-Motorbike

Lo Street Photographer Emmanuel Cole

Emmanuel-Cole-Ritratto© Alexei Awan.

Una prospettiva unica

Dopo quasi quaranta minuti di conversazione, inizio a porre una delle domande che avevo preparato per il fotografo urbano autodidatta Emmanuel Cole.

È una persona molto rilassata, tranquilla e che risulta immediatamente simpatica. Emana un fascino che non sembra affatto forzato. Abbiamo parlato per quasi tre ore della mutevole Londra, della fotografia e dei vantaggi e degli svantaggi di Instagram.

Con i propri occhi

Ben presto iniziamo a parlare del fascino di Londra, una città di cui milioni di persone scattano foto ogni anno, per cui essere originali deve essere ormai estremamente difficile.

Cole non è d'accordo. "È così insolita; le persone, gli edifici, tutto è costantemente in movimento. Mi interessa ritrarre il difficile sviluppo della città."

Gettando uno sguardo al feed Instagram di Emmanuel, risulta chiaro perché si distingue dagli altri fotografi: non ci sono immagini turistiche del Big Ben o del London Eye. Invece, ritrae Londra secondo il suo punto di vista personale: un variegato gruppo di personaggi urbani che la maggior parte di noi eviterebbe se incontrasse per strada.

Gli chiedo come riesce ad avvicinarsi ai suoi soggetti e, a sorpresa, attribuisce il merito alla sua esperienza nella raccolta di fondi porta a porta.

"Questa esperienza mi ha aiutato a diventare più socievole… l'idea può spaventare all'inizio, ma è necessario cercare di farsi piacere. Inoltre, quando si bussa alle porte si dà per scontato che la gente dica di no, per cui si è preparati a ricevere rifiuti. Si acquisisce una maggiore sicurezza in se stessi. Qual è la cosa peggiore che può accadere?"

Quando si tratta di realizzare lo scatto perfetto, la paura non deriva dal ricevere un rifiuto, "ma dal perdere l'attimo. In genere, si ha una sola occasione per realizzare un determinato scatto. A volte, se al mattino ho visto qualcuno di cui avrei voluto scattare una foto e invece non l'ho fatto, me ne rammarico per il resto della giornata."

"Anche essere onesti aiuta molto. Mi avvicino alle persone e chiedo loro se posso scattargli una foto. Quasi sempre chiedono perché, e io rispondo che li trovo interessanti, il che è vero. Ciò li aiuta subito a rilassarsi."

Realizzare ritratti interessanti è notoriamente difficile, per cui è importante cercare di uscire dai propri confini usuali. "Cerco comportamenti", spiega Emmanuel. "Qualcosa che salti all'occhio. In genere si tratta di piccole cose. Ad esempio, potrebbe colpirmi il modo in cui qualcuno sta in piedi o cammina, o una persona vestita bene."

Uomo-seduto-in-negozio-di-Brockley

© Emmanuel Cole. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III - obiettivo EF 24mm f/1.4L II USM, esposizione 1/320 a f/2.8, ISO 800.

Radici recenti

Guardando allo straordinario portfolio di Emmanuel stupisce il fatto che abbia iniziato a scattare foto solo cinque anni fa, poco prima dell'esplosione di quella piattaforma, Instagram, che gli avrebbe donato un certo livello di notorietà.

Emmanuel ha iniziato a scattare foto nel 2011, dopo aver ricevuto un telefono con fotocamera. All'inizio traeva ispirazione da altri fotografi, ma ben presto ha trovato un suo stile personale, realizzando splendidi ritratti di alcuni dei personaggi più eccentrici e interessanti di Londra e foto dei paesaggi della città. Un anno dopo è passato a una Canon EOS 6D e non è più tornato sui suoi passi. Ora viene visto raramente senza la sua fotocamera al collo.

"Per me, EOS 6D è la fotocamera perfetta. La uso quasi sin dall'inizio della mia carriera e non mi ha mai deluso."

Pur essendo particolarmente attivo su Instagram, una piattaforma tradizionalmente riservata ai telefoni con fotocamera, Emmanuel afferma di usare solo la sua Canon ora. "Una DSLR offre molto più controllo. Non solo per quanto riguarda il modo in cui si scatta una foto, ma anche per l'output. È infatti molto più semplice lavorare con i file RAW rispetto ai file in JPEG di qualità inferiore che si ottengono con il telefono."

Instagram

La gentrificazione di Londra sembra avanzare con la stessa velocità del mondo della fotografia, ed è difficile non vedere delle analogie. Visto che si tratta di un fotografo con oltre 140.000 follower su Instagram, chiedo a Emmanuel cosa pensa della piattaforma che lo ha fatto conoscere.

"Instagram è un potente strumento di marketing," afferma. "Offre alle mie foto un'altra ragione di esistere, perché mi consente di sapere che ci sono persone che guardano e apprezzano i miei scatti. Mi rende più sicuro delle mie capacità."

"Ma, visto che è un canale molto immediato, è facile lasciarsi distrarre da ciò che stanno facendo gli altri e abbandonare la propria strada."

"Oggi è molto più difficile adottare una prospettiva personale, visto che ogni giorno si è inondati di immagini, ma i fotografi con uno stile unico riescono veramente a distinguersi."

Emmanuel è preoccupato del fatto che la fotografia non goda più dello stesso rispetto di una volta. "Molti iniziano a scattare foto per la ragione sbagliata. Copiano scatti che piacciono alla gente per diventare famosi, non per passione."

Riscaldamento

Quando gli chiedo quante foto scatta al giorno, mi sorprende rispondendo "solo circa 5-10" e non 30 o 40 come mi aspettavo. Secondo lui la qualità è più importante della quantità e un approccio di questo tipo aiuta a capire cosa rende una foto buona o meno. "Ma questo numero non tiene conto del mio riscaldamento."

Riscaldamento? "Sì," afferma in modo serio. "È necessario riscaldarsi." Come un atleta? "Proprio così. Non è possibile semplicemente uscire e scattare la foto migliore del giorno senza riscaldarsi!" Ride. "Occorre trovare un proprio ritmo, in modo che quando arriva il momento giusto si è pronti per scattare."

Sunlight-Shadow-Emmanuel-Cole-Immagine

© Emmanuel Cole. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III - obiettivo EF 24mm f/1.4L II USM, esposizione 1/1000 s a f/5.0, ISO 100.

Transformers, guide e situazioni difficili.

Oltre a Londra, Emmanuel ha trascorso molto tempo a fotografare Hong Kong. "È stato fantastico. E mi ha aiutato a plasmare il mio stile. Mi sono ritrovato in parecchie situazioni bizzarre, ma ciò mi ha offerto l'opportunità di realizzare scatti unici."

Quale consiglio daresti? Viaggiare sempre con una persona del luogo. "A Hong Kong ho conosciuto un ragazzo che mi aveva visto su Instagram; ci siamo incontrati e ciò ha reso tutto molto più semplice. Mi ha aiutato a uscire da alcune situazioni difficili e mi ha fatto visitare luoghi molto interessanti."

Mi mostra la foto di un appartamento dall'aspetto strano e distopico che è stato usato in un film della serie Transformers. "L'ho fatta vedere al ragazzo e mi ha portato direttamente sul posto. Ci sono andato durante il giorno, ma sapevo che l'edificio avrebbe avuto un aspetto più interessante di notte. Così ci sono ritornato e ho realizzato questa foto, che probabilmente è il mio scatto più rappresentativo".

Le-vette-di-Hong-Kong

© Emmanuel Cole. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III - obiettivo EF 17-40mm f/4L USM, esposizione 30 s a f/9.0, ISO 200.

Prossimi avvenimenti

Gli chiedo cosa abbia in programma e ancora una volta mi sorprende il suo atteggiamento rilassato riguardo alla sua attività. Molti gli hanno chiesto di raccogliere i suoi scatti in una mostra, ma la cosa non lo interessa più di tanto. "Forse un libro o due, ma non ora." Ammette di avere alcuni progetti in cantiere.

Ancora una volta, mi stupisce quanto sia rimasto con i piedi per terra. Qualunque altra persona con oltre 140.000 follower su Instagram avrebbe fatto di tutto per farsi notare, firmare contratti editoriali e sfruttare al massimo la propria notorietà. Afferma che, una volta terminata la sua attività, sarebbe felice se fosse riuscito a lasciare un segno nel modo in cui viene documentata Londra.

Gli chiedo cosa avrebbe fatto se non fosse diventato un fotografo. "Il giocatore di basket", risponde. La cosa non mi stupisce, vista la sua altezza. Sostiene di aver preso spunto dal carattere combattivo dello sport. Sono una persona molto competitiva. Ho sempre voluto dare il meglio di me e spingermi oltre. Ma voglio diventare meno maniacale. Il perfezionismo può prendere il sopravvento sulla tua vita. Non è necessariamente un male, ma occorre trovare il giusto equilibrio."

Dopo aver sondato per due ore ogni aspetto della sua vita, non sembra stanco o irritato. Al contrario, è ancora pieno di energia, lieto di rispondere a domande su qualunque cosa. Cosa farai dopo questa intervista? Risponde che deve incontrarsi con un amico, ma che non ha fretta.

Alza le spalle, sorride e io ordino un altro paio di birre.

La borsa dell'attrezzatura di Emmanuel:

Fotocamere:

Canon EOS 6D

Obiettivi:

EF 17-40mm f/4L USM

EF 24mm f/1.4L II USM

EF 50mm f/1.2L USM



Autore intervista: Martin Fleming