Tutorial: Messa a fuoco

Perché modificare le modalità AF

Tutte le fotocamere EOS sono dotate di tre diverse modalità di messa a fuoco. Ricorda di scegliere quella che meglio si adatta al tuo soggetto.

AF One-Shot:perfetta per i soggetti immobili, come i paesaggi e i ritratti.
Quando premi parzialmente il pulsante di scatto, l'obiettivo esegue la messa a fuoco e poi si blocca. I punti AF che raggiungono la messa a fuoco si illuminano in rosso e nel mirino viene visualizzata la luce verde di conferma messa a fuoco. Se la fotocamera non è in grado di mettere a fuoco perché, ad esempio, il soggetto è troppo vicino, la luce di conferma messa a fuoco lampeggia e l'otturatore non scatta.

AF AI Servo:perfetta per i soggetti in movimento con distanza di messa a fuoco variabile.
Quando premi parzialmente il pulsante di scatto, l'obiettivo mette a fuoco sul soggetto. Se tieni il pulsante parzialmente premuto, l'obiettivo metterà a fuoco in modo continuo, man mano che il soggetto si sposta e la distanza di messa a fuoco cambia. Il rilevamento della messa a fuoco prosegue finché il soggetto è coperto da un punto AF attivo.

AF AI Focus:perfetta per i soggetti che si muovono in modo imprevedibile, come gli animali.
La fotocamera passa automaticamente da AF One-Shot a AF AI Servo se rileva che il soggetto si sposta.

Luce ausiliaria AF

In condizioni di scarsa illuminazione, una luce ausiliaria AF può rendere più precisa la messa a fuoco. Sulle fotocamere con flash incorporato questa funzionalità si ottiene con una serie di flash consecutivi e offre risultati soddisfacenti fino a circa 4 metri di distanza. In alternativa, è possibile usare uno Speedlite o un trasmettitore Speedlite ST-E2 che emettono una luce ausiliaria AF sotto forma di griglia rossa. A seconda dello Speedlite in uso, i soggetti devono trovarsi a una distanza massima di 10 metri o meno.

1  2  3   4  5