ARTICOLO

Come Samo Vidic ha catturato l'energia pura del kayaking su acque bianche con una reflex

Il Canon Ambassador Samo Vidic ha fotografato il campione del mondo di kayaking Peter Kauzer in azione fissando la sua Canon EOS-1D X al kayak in una custodia impermeabile personalizzata. Scatto realizzato con Canon EOS-1D X e obiettivo Canon EF 16-35mm f/2.8L II USM. © Samo Vidic

In un gelido giorno d'inverno, il fotografo sportivo Samo Vidic ha incontrato il campione del mondo di kayaking Peter Kauzer al Tacen Whitewater Course di Lubiana, in Slovenia, per un emozionante servizio fotografico d'azione. Ma invece di usare una fotocamera sportiva, il Canon Ambassador ha fissato la sua reflex Canon EOS-1D X al kayak per catturare immagini spettacolari. Qui ci accompagna dietro le quinte e spiega come ha fatto.

Nel progettare il servizio, Samo sperava che nevicasse. "Sullo sfondo tutto sarebbe stato bianco, quindi con la retroilluminazione avrei potuto ottenere immagini davvero speciali", spiega descrivendo il suo piano. Ma nonostante il freddo, il tempo non volle collaborare. "Le previsioni meteo indicavano neve. Durante il giorno aveva nevicato, ma alle quattro del pomeriggio, quando iniziammo le riprese, aveva smesso. Al termine del lavoro, quando ormai ero sulla via del ritorno, ricominciò a nevicare. Non proprio una situazione ideale."

La mancanza di neve non fu l'unico potenziale ostacolo al successo di questo servizio fotografico. Benché Peter, il campione di kayaking sloveno, fosse incredibilmente disponibile, offrendosi addirittura di togliersi i guanti quando la temperatura dell'aria era 0 °C perché le foto sarebbero state più belle senza, Samo non voleva approfittarne troppo. "Pochi giorni dopo doveva partecipare a una sessione di allenamento in Australia, quindi non volevamo proprio che si ammalasse", racconta. "Appena il freddo diventava eccessivo, smettevamo immediatamente. Lui andava a scaldarsi per una mezz'ora in una casetta poco lontana dove avevo predisposto delle stufette e poi tornava."

Difficilmente Peter avrebbe affrontato questi disagi per un fotografo qualsiasi, per non parlare del rischio di ammalarsi e sconvolgere il suo programma di allenamento; ma lui e Samo si conoscono da 10 anni e hanno un rapporto di fiducia. "Peter si fida di me quando gli dico che ne varrà la pena", dice Samo.

Samo Vidic Kayak

Iscriviti alla newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro

Altre sfide avevano un carattere più tecnico. Sarebbe stato semplice fissare una piccola fotocamera sportiva al kayak, ma questo non avrebbe prodotto la qualità che voleva Samo. "Se guardi quegli scatti sullo smartphone sembra tutto a posto, ma con una stampa di grandi dimensioni si vede un'enorme differenza tra una buona fotocamera e una meno buona", dice Samo. Samo ha scelto una fotocamera Canon EOS-1D X con un obiettivo Canon EF 16-35mm f/2.8L II USM. "Non ho utilizzato i miei obiettivi fissi da 14 mm o da 50 mm perché sapevo che questo obiettivo avrebbe prodotto esattamente i risultati che volevo." Quando Samo in seguito mostrò le foto ai suoi colleghi fotografi, questi non riuscivano a credere che avesse utilizzato uno zoom, perché le immagini erano così nitide.

Kayaker Peter Kauzer is almost completely submerged in white water, paddle above his head, at night.
Nella sua carriera fino ad oggi, Peter ha vinto una coppa del mondo di kayak slalom singolo, tre coppe del mondo di canoa slalom e un campionato del mondo di canoa slalom. Scatto realizzato con Canon EOS-1D X e obiettivo Canon EF 16-35mm f/2.8L II USM. © Samo Vidic
Kayaker Peter Kauzer is seen through a splash of water, as he leans to one side and paddles through the white water, at night.
Il campione di kayak slalom sloveno Peter Kauzer si allena al Tacen Whitewater Course di Lubiana, in Slovenia, il 30 novembre 2017. Scatto realizzato con Canon EOS-1D X con obiettivo Canon EF 16-35mm f/2.8L II USM. © Samo Vidic

"Ho preimpostato la messa a fuoco sul viso di Peter, poi ho impostato l'obiettivo sul controllo manuale e fissato la ghiera della messa a fuoco con nastro adesivo perché non si muovesse", spiega Samo. "Questo è un accorgimento normale quando si usano fotocamere con comando a distanza. Quelle poche volte in cui non ho usato il nastro adesivo, l'atleta ha accidentalmente urtato la fotocamera spostandola appena e nessuna delle foto è risultata utilizzabile."

Prima di fissare la Canon EOS-1D X al kayak, Samo l'ha sigillata in una custodia impermeabile su misura. Tuttavia, preoccupato che questo potesse interferire con il segnale radio, ha tenuto il trasmettitore wireless separato, coprendolo con materiale in PVC e fissandolo con una corda. "Non aveva un aspetto molto professionale", ammette Samo, "ma non importa: la cosa importante è che l'attrezzatura funzioni."

In a behind the scenes shot, four people attach a camera in waterproof housing to a kayak.
Samo e il suo team si sono assicurati che la fotocamera fosse perfettamente sigillata nella sua custodia impermeabile e l'hanno fissata con una quantità di cinghie e lacci. © Samo Vidic

Peter andava avanti e indietro in un'area di acque bianche di 10-15 metri lungo il percorso, quindi Samo ha utilizzato una semplice configurazione con tre luci, composta da una luce di retroilluminazione, una luce principale su Peter e un'altra rivolta verso l'acqua. Ma mentre il trasmettitore wireless attivava in maniera affidabile la fotocamera, inizialmente le luci si dimostrarono problematiche.

Una volta ottenute due buone immagini mi sono rilassato e abbiamo potuto sbizzarrirci.

Il frame rate alto di Canon EOS-1D X è stato davvero d'aiuto quando il trasmettitore aveva dei problemi, perché aumentava le probabilità di ottenere qualche immagine di buona qualità tra uno scatto a vuoto e l'altro, spiega Samo. L'esposizione per gli scatti finali è stata di 1/250 sec a ISO 400, f/7.1. A differenza del suo precedente servizio fotografico sulla mountain bike, Samo non ha utilizzato un tablet digitale per visualizzare le immagini a distanza, controllandole invece sullo schermo LCD della fotocamera.

"Una volta ottenute due buone immagini mi sono sentito più rilassato e abbiamo potuto sbizzarrirci", racconta. Samo ha utilizzato inquadrature strette per mettere a fuoco Peter e non l'ambiente circostante, che non era particolarmente spettacolare. "Ogni sport ha i suoi movimenti specifici, e si parla con l'atleta di cosa costituisce una buona o una cattiva posizione [del corpo]. Se tiene la pagaia fuori dall'acqua, l'immagine è poco interessante. Volevo catturarlo con il braccio sopra la testa, ma senza che gli coprisse il volto."

From afar, we see a kayaker paddling in white water at night, with lights pointed at him and the white water.
Samo ha accentuato l'emozione degli scatti usando luci dirette sulla superficie dell'acqua, su Peter e come retroilluminazione. © Samo Vidic

Nonostante tutti gli ostacoli, Samo ha portato a casa 20 immagini fantastiche. Ma non riesce ancora a perdonare la neve per non essersi fatta vedere. "Gli scatti avevano comunque gli spruzzi d'acqua, che sono molto belli, ma con la neve sarei stato veramente felice", spiega.

Il consiglio di Samo per fotografare il kayaking è pensare al proprio obiettivo finale: "Pensate esattamente a ciò che volete ottenere, e se possibile fatelo d'estate, quando è molto più facile per il fotografo e soprattutto per l'atleta", dice. "Quando c'è di mezzo l'acqua, poi, è importante fare molta attenzione per evitare di rovinare l'attrezzatura. Collaudate un paio di volte la fotocamera nell'acqua con la custodia per essere sicuri che la tenuta sia perfetta. La custodia è una complicazione in più, ma quando si stampano queste immagini in formato molto grande il risultato è incredibile."

Scritto da Rachel Segal Hamilton


Il kit di Samo Vidic

Il kit essenziale usato dai professionisti per scattare le loro foto

Photographer Samo Vidic, on a sports shoot, checks the back of a DSLR.

Videocamera

Canon EOS-1D X Mark II

Questa reflex digitale full-frame da 22.3 megapixel con messa a fuoco automatica a 61 punti e scatto continuo a 6 fps offre il controllo manuale di tutte le funzioni e anche la modalità HDR integrata.

Obiettivo

Canon EF 16-35mm f/2.8L II USM

Un obiettivo zoom ultragrandangolare serie L di altissima qualità che offre un'apertura massima costante di f/2.8 per garantire una qualità dell'immagine eccezionale anche in condizioni di scarsa illuminazione.

Obiettivo

Articoli correlati

Visualizza tutto

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro

Registrati ora