ARTICOLO

Le donne nella fotografia: Maja Hitij alla ricerca del lato personale nello sport e nel fotogiornalismo

La svedese Christina Kallberg, fotografata durante una partita di tennis tavolo a Düsseldorf, Germania, 30 maggio 2017. Scattata con Canon EOS-1D X Mark II. © Maja Hitij/Bongarts/Getty Images

Alle superiori, quando le chiedevano cosa avrebbe voluto fare da grande, Maja Hitij parlava del suo sogno di fotografare i più grandi eventi sportivi del mondo. Oggi, a 33 anni, è una fotografa a tempo pieno nel team europeo di Getty Images, specializzata nello sport.

Lei stessa un'atleta entusiasta, Maja corre le maratone e trova il modo di allenarsi prima e dopo il lavoro. Considera importante mantenersi in forma per affrontare le difficoltà concrete del suo lavoro: l'orario di lavoro è lungo e mettersi in posizione scatto dopo scatto è fisicamente faticoso. "Fotografare i grandi eventi sportivi è un sogno che è diventato realtà, ma può anche essere molto estenuante", dice Maja. "Faccio anche qualche arrampicata per sviluppare la forza fisica; se non pesi 90 chili, a volte ti spingono semplicemente da parte."

Espressione personale

Maja ha studiato giornalismo in Slovenia, dove è nata, e si è innamorata della fotografia durante gli studi. "Mi sono resa conto che essere giornalista significa cercare il modo migliore di esprimersi, che si tratti di radio o video... e ho scoperto che la mia strada era la fotografia."

Essere giornalista significa cercare il modo migliore di esprimersi. Ho scoperto che la mia strada era la fotografia.

Concentrandosi sulle notizie forti, si è fatta le ossa nelle principali agenzie: nel 2008 si recò a Gerusalemme per uno stage di un anno con Associated Press e poi trascorse due anni con DPA, un'agenzia di stampa tedesca con sede a Berlino. Ha documentato storie globali su argomenti diversi come le elezioni in Egitto, la crisi dei profughi in Grecia, la vita nella striscia di Gaza e gli affari interni in Germania.

Fathma El Saudi hugs her daughter Ruha, aged five, amid the ruins of houses in the Sha'af neighborhood of Gaza City, in the northern Gaza strip, in 2014, in Maya Hitij’s stark image of the Israel-Palestine conflict.
Fathma El Saudi abbraccia sua figlia Ruha, di cinque anni, accanto alle macerie delle case nel quartiere di Sha'af della città di Gaza, striscia di Gaza settentrionale, 2 ottobre 2014. Scattata con Canon EOS 5D Mark III. © Maya Hitij

Maja è stata assunta da Getty nel 2016 e per un anno ha lavorato come fotografa sportiva dalla sede di Düsseldorf dell'agenzia. L'ambiente di lavoro in agenzia le è congeniale, perché le piace lavorare insieme al team. "A volte ricevo incarichi meno interessanti, ma altre volte posso fare proprio il tipo di lavoro che mi interessa. Bisogna saper accettare questa dicotomia. In ogni caso mi costringe a dare il meglio di me stessa, che è una cosa veramente importante."

Boys play football in a field next to concrete tower blocks in New Delhi, India, ahead of a youth football tournament in the capital city.
Una partita tra ragazzi a Nuova Delhi, India, prima di un torneo di calcio giovanile nella capitale 8 ottobre 2017.

Il suo passato di fotogiornalista, secondo Maja, le offre una prospettiva del tutto unica sulla fotografia sportiva. "Ricavo più articoli dallo sport perché di solito vedo qualcosa che sta succedendo ai margini dell'azione principale. Ho una prospettiva fotogiornalistica, che è importante anche per lo sport: vedo sempre una storia dal punto di vista umano."

Maja è sempre alla ricerca della storia più ampia. "Getty è un'agenzia molto aperta ai desideri dei fotografi. Se c'è una storia che voglio esplorare, cercano di trovare il modo di inserirla. Più delle notizie sportive, mi piace fare pezzi giornalistici di più ampio respiro. Ma sono anche il tipo di persona che, se sente che da qualche parte è esplosa una bomba, prende e ci va subito. Prima di partire, però, chiamerei l'ufficio!"

Foreign-funded palm oil extraction is affecting village life in Sierra Leone, West Africa. Fascia, one of the few residents in the chiefdom who fought to keep her land, stands among freshly harvested palm fruits near the village of Kassah.
Parte di una serie che esplora l'impatto dell'estrazione dell'olio di palma in Sierra Leone, Africa occidentale. Fascia, una dei pochi residenti di questo dominio che ha lottato per conservare la sua terra, fotografata tra i frutti di palma appena raccolti nel suo "orto" nei pressi del villaggio di Kassah nel Dominio di Malen, distretto di Pujehun, 14 dicembre 2015. Scattata con Canon EOS 5D Mark III. © Maya Hitij

Raccontare storie

"Mi piace raccontare le storie un po' meno note, come il progetto che ho realizzato nel 2015 con la mia amica giornalista sull'olio di palma in Sierra Leone". Questa serie esplorava l'impatto sulla popolazione locale di questa nazione dell'Africa occidentale dell'arrivo di una multinazionale dell'olio di palma. Mentre le foreste pluviali venivano estirpate per piantare palme da olio, Maja ha fotografato i lavoratori nelle piantagioni, il processo di produzione e gli abitanti dei villaggi che rifiutavano di cedere le loro terre ancestrali. 

Nel suo progetto Lost Generation (Generazione perduta) Maja ha puntato l'obiettivo sui piccoli profughi siriani in Libano, che per la maggior parte non frequentano più la scuola e sono invece diventati una fonte di manodopera a poco prezzo, lavorando per molte ore nei campi, nelle aziende agricole, nei negozi e nelle strade.

The migrant crisis taking place in her home country of Slovenia has been a deeply personal project for Maya Hitij. Refugees queue next to mounted police in Rigonice after crossing the Croatian border in October 2015, winding their way onto buses, clutching their few precious possessions.
Un gruppo di profughi in attesa a Rigonice, Slovenia, dopo avere attraversato la frontiera croata il 27 ottobre 2015. La polizia li conduce verso gli autobus che li porteranno agli alloggi di emergenza per essere registrati e poi caricati su treni. Scattata con Canon EOS 5D Mark II. © Maya Hitij

Questo è il tipo di lavoro che la emoziona, e che Maja spera di poter fare più spesso in futuro. "Quando vedo succedere qualcosa che mi emoziona, voglio esserci", spiega. "Questo è ciò che provo nei confronti della crisi dei profughi in Slovenia: sono ancora arrabbiata con me stessa per esserci arrivata così tardi. Quando lavoravo come freelance avevo proposto l'argomento a vari redattori, ma non ero stata scelta – questa cosa mi bruciava dentro."

Se sei una fotogiornalista e vedi qualcosa che ti fa veramente arrabbiare, devi andare a documentarlo.

Da allora Maja ha viaggiato in tutto il suo paese natale documentando le difficoltà dei migranti che attraversano la frontiera. Le sue immagini mostrano famiglie nei loro ripari temporanei o mentre attraversano fiumi o aspettano pazientemente di essere convogliati verso gli autobus, sempre sorvegliati da file di poliziotti sloveni. "Se sei una fotogiornalista e vedi qualcosa che ti fa veramente arrabbiare, devi documentarlo."

Per maggiori informazioni sulla fotocamera EOS 5D Mark III, dai un'occhiata alla pagina del prodotto.

Scritto da Lottie Davies


Articoli correlati

Visualizza tutto

Canon Professional Services

I membri ricevono accesso al supporto CPS, sia localmente che durante i maggiori eventi; un servizio di riparazione prioritaria e, a seconda dello stato di iscrizione posseduto, prestiti gratuiti di equipaggiamento di scorta.

Entra

Per saperne di più

Canon Professional Services