ARTICOLO

Entrare nella testa del fotografo documentarista di paesaggio David Hurn

Questo sembra un paesaggio da cartolina, ma il membro di Magnum Photos David Hurn non è interessato a queste cose. Il lungomare è in realtà interamente artificiale, con strutture in cemento armato costruite negli anni '80 per proteggere la strada dal mare. "Per me", dice David, "questa è una delle due migliori sculture del Galles". Scatto effettuato con una fotocamera Canon EOS 5DS R con un obiettivo Canon EF 24-70mm F4L IS USM a 1/160 sec, F8 e ISO400. © David Hurn / Magnum Photos

"Non volevo fingere di essere Ansel Adams, perché ha fatto quello che ha fatto così bene, quindi e perché non fare di meglio?" chiede il leggendario membro di Magnum Photos David Hurn. Per la prima volta si è guadagnato la sua reputazione come fotoreporter che documenta la rivoluzione ungherese del 1956 e ha lavorato a fianco di Sir Don McCullin, Philip Jones Griffiths e Ian Berry. Ora, a 80 anni, David ha ripreso un genere di fotografia che fino a poco tempo fa gli era completamente estraneo: i paesaggi.

Condivide il suo nuovo interesse con Don McCullin, che ha recentemente pubblicato il suo primo libro di solo paesaggio. "Conosco Don dagli anni '50", dice David, nato nel 1934, appena un anno prima di Don. "Non solo è un amico intimo, ma è qualcuno che ha continuato a scattare foto come ho fatto io. Se riesco ad alzarmi dalla poltrona in cui sono seduto - questo è il mio problema più grande ora - allora andrò a scattare foto. E Don è identico.

Walkers and tourists on the summit of Mount Snowdon, looking down over misty lakes and valleys. Photo by David Hurn on a Canon EOS 5DS R.
Per David la ricerca di paesaggi ha una certa importanza, non si tratta solo di bellezza. Qui ha filmato escursionisti e turisti sulla cima dello Snowdon, la montagna più alta del Galles. Scatto realizzato con Canon EOS 5DS R e obiettivo Canon EF 24-70mm F4L IS USM a 1/250 sec, F10 e ISO 100. © David Hurn / Magnum Photos
Canon Professional Services

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services

Ma mentre Don McCullin predilige cieli tempestosi e paesaggi drammatici che richiamano conflitti e distruzioni, David adotta un approccio completamente diverso. E, come egli è desideroso di sottolineare, non si tratta di catturare scatti da cartolina. "Non mi interessa molto quel tipo di paesaggio 'maestoso'", dice.

Invece, è interessato alla cultura, in particolare alla cultura del Galles, dove vive. Ero molto consapevole di questo modo gallese di dire: "Oh beh, questa è la mia cultura", e continuavo a dire: "Beh, qual è la mia cultura? È una parola che tutti usano, ma se chiedi a qualcuno, "Che cosa intendi per cultura," trovano difficile da spiegare", dice.

Così David ha iniziato a cercare di spiegare l'inspiegabile attraverso la fotografia documentaria. Per prima cosa ha analizzato occupazioni e persone, dando vita a due libri diversi, Wales: Land of My Father e Living in Wales. Il terzo tema che voleva esplorare era il rapporto dell'uomo con, e l'impatto sul paesaggio in cui viviamo. Questo ha richiesto una nuova serie di fattori, che altri fotografi possono facilmente prendere in considerazione quando si pianifica un progetto di fotografia documentaria di paesaggio.

Qui David rivela il suo approccio creativo, discute come si sono evoluti i suoi progetti paesaggistici e condivide i suoi migliori consigli per la fotografia documentaria di paesaggio.

Multi-coloured boulders, some with vivid pink and grey stripes, at Caerfai Beach. Photo by David Hurn on a Canon EOS 5DS R.
David si è basato sull'evidenza scientifica per trovare luoghi di interesse geologico come Caerfai Beach, con il suo affascinante mix multicolore di diversi tipi di roccia. Scatto realizzato con Canon EOS 5DS R e obiettivo Canon EF 24-70mm f/4L IS USM a 1/50 sec, f/11 e ISO 100. © David Hurn / Magnum Photos

1. Chiedi quello a cui sei interessato

David ha detto chiaro e tondo ciò che non voleva fare. "Non volevo fotografare i miei punti di vista preferiti - non sono molto interessato ai sentimenti personali dei fotografi sulle cose", inizia. "Per me è tutto un po' narcisistico".

Inoltre, non voleva diventare concettuale per il gusto di farlo. "L'idea di salire in macchina e scattare dal finestrino ogni 400 metri dal Galles del Sud al Galles del Nord, e poi scrivere cinque pagine di testo per spiegare perché questo è significativo... Beh, non credo proprio che sia significativo, mi annoierebbe a morte", dice.

David hurn

Conversazione con Sir Don McCullin

Il mitico fotogiornalista britannico ci parla della sua vita e del suo lavoro, incluso il progetto McCullin a Calcutta.

Poi un giorno, mentre frugava in una libreria di seconda mano, David ha trovato un raro libro sulla geologia gallese. "Mi sono reso conto che gli scienziati scrivono molto precisamente sulla geologia del Galles, ma pensavo che le illustrazioni non mi interessassero molto perché erano quasi tutte incisioni e disegni a linee e xilografie. E all'improvviso ho pensato: "Cosa succederebbe se uno scienziato mi dicesse cosa dovrei fotografare?

Così David ha parlato con geologi e antropologi, e ha iniziato a ottenere indicazioni precise per le rocce più antiche del Galles, il miglior esempio della valle di un ghiacciaio, una tomba megalitica e altri punti di riferimento che gli scienziati ritenevano importanti.

"E poi è nato questo. Ho chiesto: "Qual è il centro del Galles? Qual è il punto più alto del Galles? Qual è il punto più basso del Galles? Il progetto si concluderà probabilmente con i campi da golf, perché i campi da golf sono l'esempio più eclatante di paesaggio artificiale, quindi è interessante", dice David.

Walkers are dwarfed by a hill at Pwll Du near Blaenavon, which is actually a spoil heap left from the days of coal mining. Photo by David Hurn on a Canon EOS 5DS R.
Il Galles è disseminato di villaggi che sono stati abbandonati in quanto l'industria, e in particolare l'estrazione del carbone, sono giunte al termine. Il paesaggio intorno al sito del villaggio gallese di Pwll Du vicino a Blaenavon, demolito nel 1963, è stato modellato dall'industria fin dai primi giorni di estrazione mineraria ed estrattiva nella zona. Scatto realizzato con Canon EOS 5DS R e obiettivo Canon EF 24-70mm F4L IS USM a 1/30 sec, F16 e ISO 100. © David Hurn / Magnum Photos

2. Metti in discussione il significato di ciò che vedi

È facile supporre che tutti gli altri facciano le stesse associazioni con se stessi e che le cose che noi associamo, per esempio, al romanticismo, siano sempre state considerate romantiche. Ma quando David ha iniziato a esplorare i primi dipinti di paesaggio, si è reso conto che quello che hai davanti può significare molto di più di quanto tu possa immaginare.

"I castelli sono stati costruiti per uccidere le persone, ma c'è stato un periodo storico in cui improvvisamente sono diventati icone romantiche", dice. "Lo si vede in paesaggi dipinti da pittori come Turner, che raffigurava i castelli in un modo molto romantico. Tutte queste piccole realizzazioni mi danno l'ispirazione. E così viaggio per qualche giorno, e comincio a imparare un po' di più sul mio paese. Mi ritrovo con delle foto che mi piacciono molto e che mi sembrano avere uno scopo".

Picturesque landscape scenes seen reflected in the windows of a slightly shabby train carriage. Photo by David Hurn on a Canon EOS 5DS R.
Nella foto di David di una vecchia carrozza ferroviaria, ora centro visitatori a Tintern, Galles, i manufatti dell'uomo non sono solo parte del paesaggio. In un certo senso, il paesaggio è filtrato da una costruzione umana. Scatto realizzato con Canon EOS 5DS R e obiettivo Canon EF 24-70mm F4L IS USM a 1/40 sec, F9 e ISO 100. © David Hurn / Magnum Photos

3. Chiediti cosa l'umanità ha aggiunto alla scena

La cultura può manifestarsi in molti modi e gran parte del progetto di David si è concentrato su ciò che l'uomo ha aggiunto al paesaggio, come le varie forme d'arte. Ma ha anche scelto di includere tracce di umanità meno lusinghiere.

"Quando stavo cercando le rocce più antiche del Galles, quello che ho visto è stato incredibile. Le rocce erano coperte di lattine e altri rifiuti abbandonati da qualcuno.

"In quelle circostanze mi interessa l'aspetto politico. E così l'immagine che finisco per scattare, che riguarda una delle rocce più antiche del Galles, è il punto di vista che fa vedere le lattine per mostrare che la gente inquina il paesaggio".

An old building by an arched bridge is covered in bright red Virginia Creeper. Photo by David Hurn on a Canon EOS 5DS R.
Tu Hwnt i'r Bont, un ex tribunale di 400 anni, situato accanto a un ponte del XV secolo, subisce ogni anno una trasformazione sorprendente quando il Virginia Creeper che lo ricopre cambia colore in autunno. Scatto realizzato con Canon EOS 5DS R e obiettivo Canon EF 24-70mm F4L IS USM a 1/80 sec, F9 e ISO 100. © David Hurn / Magnum Photos

4. Pensa a cosa puoi fare con i colori

Come fotografo documentarista, David ha sempre girato in bianco e nero. Ma ha deciso che il genere del paesaggio richiedeva un ripensamento delle sue abituali preferenze.

"Se stai scattando foto di due persone che pensi si stiano per baciare e una di loro indossa una cravatta arancione brillante, la prima cosa che vedrai se scatti a colori è la cravatta arancione brillante. Diventa quasi una foto di moda prima di tutto, e una foto che ha a che fare con le emozioni umane in secondo luogo.

"Ecco perché normalmente scatto in bianco e nero, perché non mi interessa molto il colore, mi interessano le emozioni umane, la relazione. Ma il paesaggio ha molto a che fare con il colore. Il problema non si pone. E non c'è dubbio che il colore dell'autunno sia diverso dal colore della neve, quindi mi sembra logico scattare a colori", spiega.

The remains of a circular stone hut, with two modern cottages behind. Photo by David Hurn on a Canon EOS 5DS R.
I Holyhead Mountain Hut Circles sono i resti di capanne in pietra risalenti alla preistoria. Scatto realizzato con Canon EOS 5DS R e obiettivo Canon EF 24-70mm F4L IS USM a 1/320 sec, F10 e ISO 100. © David Hurn / Magnum Photos

5. Chiediti di che kit hai bisogno

Per chi è abituato a scattare foto rapide e spontanee tra la folla, creare un progetto paesaggistico ha presentato una serie di sfide ed esigenze del tutto nuove. David sapeva che le fotografie di paesaggio nelle gallerie tendono ad essere stampate più grandi delle fotografie documentarie, e voleva la massima risoluzione possibile - una macchina fotografica che avrebbe fatto lo stesso lavoro di un grande formato 4x5, senza l'inconveniente di portare in giro un banco ottico.

Scatto realizzato con Canon EOS 5DS R. "La qualità è superba, è tagliente come una virata," dice David. "Può sopperire alla mia mancanza di esperienza tecnica - punto la fotocamera e il risultato che ottengo è quello che penso di aver visto. Voglio dire, chi potrebbe chiedere di più? Le esposizioni sono sempre perfette", aggiunge.

Usa la sua fotocamera EOS 5DS R come farebbe con una fotocamera 4x5, posizionandola su un treppiede e considerando attentamente la composizione. Di solito scatta a ISO200 con un f-stop di circa F9, e preferisce mettere a fuoco di nuovo con il pulsante AF ON, abitudine che ha coltivato negli anni come fotografo documentarista.

Sebbene la EOS 5DS R disponga di opzioni di ritaglio personalizzabili che offuscano le aree esterne al taglio nel mirino, David ha trovato un modo più semplice di scattare per il suo taglio 6x8 preferito: "Ho usato le piccole linee della griglia nel mirino e, per comodità, le due linee esterne sono circa 6x8, con un po' di margine di manovra se voglio ritagliare leggermente l'immagine," dice.

A forest of young pine trees, with a few cut down; a wire fence stands in the foreground, with a drinks can on a post. Photo by David Hurn on a Canon EOS 5DS R.
Pini che vengono raccolti... con alcuni segni ancora più evidenti dell'attività umana, tra cui una lattina abbandonata. Scatto realizzato con Canon EOS 5DS R e obiettivo Canon EF 16-35mm F4L IS USM a 1/8 sec, F16 e ISO 200. © David Hurn / Magnum Photos

Poiché scatta con la sua fotocamera su un treppiede, preferisce obiettivi zoom che gli permettono di inquadrare l'immagine esattamente come vuole, e porta sempre con sé un obiettivo Canon EF 16-35mm F4L IS USM e Canon EF 24-70 mm F4L IS USM quando fotografa paesaggi. Uso gli obiettivi F4, piuttosto che F2.8, perché sono abbastanza sicuro che userò sempre da F8 a F11". Quindi non credo ci sia alcuna differenza tra le qualità ottiche di F2.8 e F4, a quelle aperture. Anche gli obiettivi F4 sono notevolmente più leggeri, e sono all'età in cui la leggerezza è importante", spiega.

Anche se gli obiettivi a focale fissa sarebbero stati la sua scelta standard per i lavori documentari regolari, non ha mai sentito di aver compromesso in alcun modo non utilizzandoobiettivia focale fissa nel progetto. "Non so se ci sono obiettivi migliori al mondo", dice. "La qualità mi sembra straordinaria. Mi interessa solo la stampa finale, e non ho mai visto nessuno con una stampa migliore della mia. E avere i due obiettivi mi dà la possibilità di passare da 16 mm a 70 mm", spiega.

Finora, David ha fotografato oltre 500 località e sta progettando di finire il progetto nel 2019. Ma questo non vuol dire che smetterà di fotografare paesaggi. "Mi piace da morire. E la cosa più bella è che puoi prendertela comoda e lavorare in qualsiasi condizione - si potrebbe lavorare con l'inquadratura Zimmer, o qualcuno potrebbe portarsi dietro te", ride.

Scritto da Kathrine Anker


Il kit di David Hurn

Il kit essenziale usato dai professionisti per scattare le loro foto

A portrait of David Hurn. © David Hurn / Magnum Photos

Fotocamera

Canon EOS 5DS R

La migliore qualità reflex, con una risoluzione di 50,6 megapixel e un filtro per l'annullamento dell'effetto passa-basso che ottimizza la nitidezza del sensore della fotocamera. "La qualità è superba, è tagliente come una virata," dice David.

Obiettivi

Canon EF 24-70 mm f/4L IS USM

Un obiettivo zoom standard della serie L che include una modalità macro con ingrandimento fino a 0,7x. Il sistema AF ultrasonico consente una messa a fuoco rapida e quasi totalmente silenziosa e dispone inoltre di una stabilizzazione dell'immagine eccezionale e di elementi UD e asferici per una qualità dell'immagine straordinaria. "Non so se ci sono obiettivi migliori al mondo", afferma David.

Canon EF 16-35 mm f/4L IS USM

Realizza scatti straordinari di paesaggi e monumenti con questo obiettivo zoom ultragrandangolare ad alte prestazioni, compatto e leggero, con apertura fissa F4 e stabilizzatore d'immagine. "Mi interessa la stampa finale, e non ho mai visto nessuno con una stampa migliore della mia", dice David.

Articoli correlati

Visualizza tutto

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro

Registrati ora