INTERVISTA

Filmare in prima linea: il lungometraggio Mosul di Olivier Sarbil

Olivier ha vissuto il conflitto in prima persona. Ogni giorno seguiva i soldati nelle loro incursioni e ha assistito a combattimenti a distanza molto ravvicinata. Scatto realizzato con Canon EOS C300 Mark II a Mosul, nel 2017. © Olivier Sarbil

La lotta delle forze speciali irachene (ISOF) per strappare la città di Mosul dalle mani dello Stato Islamico dell'Iraq e della Siria (ISIS) è durata dall'ottobre 2016 fino al luglio 2017 e in quel periodo il filmmaker francese Olivier Sarbil ha trascorso sei mesi terribili con le ISOF. In questo articolo ci racconta la storia che si cela dietro il film che ha girato quando era con loro, dal titolo Mosul, che gli è valso il premio 2018 Emmy for Outstanding Cinematography: Documentary.

"La mia carriera da regista è iniziata piuttosto tardi, quando avevo 40 anni", racconta Olivier. Dopo aver prestato servizio per tre anni nell'esercito francese come paracadutista negli anni '90, mi sono dedicato al mio primo amore: la fotografia". In seguito, nel 2011, è passato alla regia. "Onestamente, prima di quel momento non volevo passare ai video, poiché non mi piaceva l'effetto ottenuto con le videocamere", spiega. "Poi, ho provato EOS 5D Mark II e, per la prima volta, ho capito che avrei potuto utilizzare l'ISO come in fotografia. Potevo ottenere immagini in movimento dall'aspetto davvero fotogenico". In quel periodo, i notiziari come Al Jazeera iniziavano ad accettare i filmati realizzati da cameraman freelance con EOS 5D Mark II. "Le persone erano estasiate dall'aspetto delle immagini delle notizie. Erano totalmente differenti e si caratterizzavano per uno stile cinematografico. In questo modo ho scoperto il mondo dei video".

Tuttavia, la sua carriera da cineoperatore autodidatta è stata messa a rischio quando è stato gravemente ferito alla mano destra mentre documentava la battaglia di Sirte in Libia. "Sono stato colpito dalla granata di un lanciarazzi", racconta. "Ho trascorso otto mesi in un ospedale in Francia, ho subito decine di interventi e ho perso una parte della mano destra". Tuttavia, non ha abbandonato le riprese; Olivier Sarbil è a dir poco tenace.

Nel 2016, Channel 4 News del Regno Unito gli ha commissionato la realizzazione di un filmato di 14 minuti sulla guerra contro l'ISIS in Iraq ("Inside the battle for Mosul"), una durata più lunga rispetto ai suoi soliti cortometraggi di tre minuti. "Ho trascorso sei settimane a Mosul realizzando un film che ha ricevuto una buona accoglienza", spiega Olivier. Poi, lo ha contattato il programma TV americano Frontline della PBS. "Avevano apprezzato la mia opera cinematografica e volevano che realizzassi un filmato della durata di 25 minuti. Dopodiché, volevano che mi dedicassi a un lungometraggio discreto, qualcosa di più personale senza una durata prestabilita. È così che sono arrivato a realizzare Mosul".

In un'epoca in cui la maggior parte dei filmati di guerra disponibili sono frammenti drammatizzati o realizzati frettolosamente dai testimoni in fuga, Mosul è un risultato notevole. Offre uno sguardo immersivo nella guerra moderna, imparziale, brutale e intima. Il film di 40 minuti segue quattro giovani soldati iracheni, Anmar, Jamal, Hussein e Amjad, mentre combattono e soffrono nel corso di nove difficili mesi. Sebbene non fosse ufficialmente affiliato all'unità, Olivier ha potuto sperimentare un'insolita "libertà di movimento" dopo aver instaurato un buon rapporto con il comandante dell'unità.

A silhouette of an Iraqi Special Operations Forces soldier standing next to a tree on the horizon. Captured with a Canon EOS C300 Mark II in Mosul, 2017. © Olivier Sarbil
Una delle sfide principali che Olivier ha dovuto affrontare era l'assenza di energia elettrica necessaria per ricaricare le batterie ed eseguire il backup delle immagini, per cui doveva riprendere il meno possibile. Per questo motivo, spesso doveva attendere l'inquadratura perfetta, come questo suggestivo profilo di un soldato accanto a un albero. Scatto realizzato con Canon EOS C300 Mark II a Mosul, nel 2017. © Olivier Sarbil
Canon Professional Services

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services

Il documentario, presentato nell'agosto 2017, è stato girato mentre Olivier era inserito nelle forze speciali irachene durante la battaglia di Mosul. "Stavamo insieme 7 giorni su 7, 24 ore su 24: dormivo con loro, mangiavo con loro, partecipavo con loro ai combattimenti ogni giorno", ricorda. "È stata davvero dura. Riprendevo da cinque a sei settimane di fila, poi tornavo in Europa per elaborare le riprese prima di tornare di nuovo indietro. Si è trattato di un periodo di otto mesi e ho trascorso quattro o cinque mesi in prima linea".

Il progetto era impegnativo e Olivier aveva bisogno di una videocamera in grado di resistere al duro lavoro sul campo della prima linea e alla polvere del deserto. "Siccome riprendevo a mano libera la maggior parte del tempo, mi serviva una videocamera che fosse la più compatta e leggera possibile", dichiara il filmmaker. "La mia videocamera Canon EOS C300 Mark II è estremamente robusta. Quando trascorri mesi in una zona di guerra hai bisogno di uno strumento affidabile. Avevo solo una videocamera per Mosul e non credo che molte altre videocamere sarebbero state in grado di resistere otto mesi se non fossero state resistenti o ben progettate come Mark II".

In origine fotografo di Canon, Olivier è stato attratto prima da EOS C300 e, in un secondo momento, da EOS C300 Mark II per motivi di familiarità. Il fatto che la gamma Cinema EOS di Canon fosse compatibile con gli obiettivi EF è stata la ciliegina sulla torta. "Adoro l'ergonomia di C300 Mark II e la possibilità di montarvi un [obiettivo] a focale fissa o un piccolo obiettivo da 17-55 mm mi allettava molto. Mi piaceva lavorare con le fotografie, perciò è stato naturale per me utilizzare gli obiettivi EF con una videocamera... Ho lavorato con C300 per molti anni e quando è stato lanciato il modello Mark II, penso di essere stata la prima persona in Francia ad acquistarlo".

A side-on portrait of an Iraqi Special Operations Forces soldier sitting in the dark. He wears a scarf around his neck that covers his mouth. Captured with a Canon EOS C300 Mark II in Mosul, 2017. © Olivier Sarbil
Prima di diventare un filmmaker, Olivier Sarbil è stato un paracadutista dell'esercito francese per tre anni, pertanto si trovava a suo agio in una zona di guerra circondato da personale militare. Questo ha rappresentato un vantaggio quando doveva eseguire riprese intime di soldati in servizio. Scatto realizzato con Canon EOS C300 Mark II a Mosul, nel 2017. © Olivier Sarbil

Durante le riprese in Iraq, Olivier non ha dovuto affrontare soltanto gli evidenti pericoli di una zona di guerra, autobombe, cecchini e sparatorie, ma anche l'isolamento: lavorava da solo e non parlava arabo. "Non avevo un collega con cui poter valutare i rischi o parlare semplicemente delle riprese. È una situazione molto stressante perché a volte ti chiedi se sei riuscito a ottenere un numero sufficiente di immagini o le riprese giuste."

A un certo punto, potevo realmente vedere la polvere e la sporcizia fuoriuscire dalla ventola della videocamera, ma questa continuava a funzionare perfettamente.

"Quando viaggi nel deserto e attraversi il campo di battaglia, c'è molta sporcizia e l'ambiente viene inondato dalla polvere", prosegue Olivier. "Ad un certo punto, potevo realmente vedere la polvere e la sporcizia fuoriuscire dalla ventola della videocamera, ma questa continuava a funzionare perfettamente". Doveva assicurarsi di disporre di tutta l'attrezzatura necessaria per filmare almeno tre giorni alla volta e sapeva che pulire gli obiettivi sarebbe stato difficile tra la polvere. Ha portato con sé cinque obiettivi da 17-55 mm per assicurarsi la continuità delle riprese nel caso in cui uno di essi si fosse danneggiato. "Circa il 90% del film è stato realizzato utilizzando l'obiettivo EF-S 17-55mm f/2.8 IS USM", afferma. "È un obiettivo economico, ma è il mio preferito poiché C300 Mark II è una videocamera con sensore crop. Al mio rientro, dopo che gli obiettivi erano stati riparati adeguatamente da Canon, erano come nuovi, nonostante avessero affrontato una zona di guerra!"

Preservare la durata della batteria era fondamentale per Olivier, avendo un accesso molto limitato all'energia elettrica. Mentre era in Iraq, ha utilizzato a turno cinque batterie BP-A30 poiché erano piccole e leggere. Cercava di utilizzare non più di due batterie al giorno, non sapendo quando avrebbe potuto ricaricarle. "La batteria si scarica più rapidamente nel momento in cui rivedi le riprese", spiega il fotografo.

A side-on close-up of an Iraqi Special Operations Forces soldier inside a military vehicle. Captured with a Canon EOS C300 Mark II in Mosul, 2017. © Olivier Sarbil
Olivier non parlava arabo e, poiché lavorava da solo, non aveva un collega che potesse fargli da interprete in lingua inglese. Nonostante ciò, ha conquistato la fiducia dei soldati e ha potuto così eseguire riprese intime di uomini in un momento difficile della loro vita. Scatto realizzato con Canon EOS C300 Mark II a Mosul, nel 2017. © Olivier Sarbil

A causa di questa limitazione, Olivier doveva riprendere il meno possibile. "Alla fine, avevo ottenuto circa 60 ore di riprese e non è molto se si considera che ho trascorso mesi laggiù", afferma. "Avevo un numero limitato di schede di memoria e non potevo portarmi dietro molti dischi rigidi."

Una cosa di cui Olivier era certo era la qualità del filmato che stava girando. "La videocamera è in grado di produrre immagini straordinarie; sono sempre stato colpito dagli incredibili toni della pelle ottenuti con C300 Mark II e la sua gamma dinamica di 15 stop", dichiara il fotografo. "È un pacchetto completo: robusta ed ergonomica, mi consente di raggiungere il risultato che ho visualizzato nella mia mente".

Inoltre, la videocamera ha supportato il suo flusso di lavoro. Olivier poteva riprendere su supporti interni fino a 12 bit con codec 4:4:4 in 2K RGB, rispetto agli 8 bit con codec 4:2:2 in Full HD del modello C300, e in 4K sempre su supporti interni, di cui afferma: "in termini di codec, mi ha offerto maggiori possibilità da cui iniziare". Il filmmaker ha deciso di eseguire le riprese in formato Full HD adeguandosi allo spazio di archiviazione disponibile in quel periodo. "Ogni giorno eseguivo il backup di due copie delle nuove riprese", spiega, "pertanto, dovevo risparmiare spazio poiché non avevo sufficiente capacità di archiviazione".

An Iraqi Special Operations Forces soldier points a rifle through a small opening in a window. The barrel of the rifle rests on a cushion on the window sill. Captured with a Canon EOS C300 Mark II in Mosul, 2017. © Olivier Sarbil
Olivier cerca una videocamera compatta e ben bilanciata che gli consenta di essere flessibile e veloce nel reagire quando individua un'ottima inquadratura. Egli dichiara che Canon EOS C300 Mark II è la videocamera perfetta, poiché gli offre estrema portabilità in situazioni stressanti che possono cambiare in un attimo. Scatto realizzato con Canon EOS C300 Mark II a Mosul, nel 2016. © Olivier Sarbil

Durante la fase di post-produzione, Olivier lavorava ogni giorno all'editing delle riprese con il co-regista James Jones. "Essendo un editor durante la realizzazione dei film penso all'editing; ho già in mente un arco narrativo e un'idea su come costruire la storia", afferma. "Probabilmente, questa è la parte più difficile [da cogliere] quando sei innanzitutto un fotografo. Conosci la composizione ecc., ma molti fotogiornalisti non sanno come costruire una sequenza che funzioni in un video."

L'arco narrativo di Mosul è prevedibilmente tragico, culmina nella morte e nella disperazione. Tuttavia, il filmmaker dichiara che non vi sia alcuna morale. "Si concentra di più sulle tante sfumature delle guerra".

Il film ha colpito sicuramente il pubblico; infatti si è aggiudicato, tra gli altri, il premio 2018 Emmy for Outstanding Cinematography: Documentary. Nonostante i numerosi riconoscimenti ottenuti per i suoi film sui conflitti, Olivier non vuole essere etichettato come un regista di guerra. "Non amo la guerra", afferma. "Alcune persone preparano la loro attrezzatura e partono non appena inizia una guerra, ma io mi reco in una zona di conflitto solo se ho una storia da riprendere".


Per scoprire di più su Olivier e il suo lavoro, visita il suo sito Web. Tieni presente che alcuni dei contenuti potrebbero essere considerati angoscianti.

Scritto da Steve Fairclough


Articoli correlati

Visualizza tutto

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro

Registrati ora