A view from underwater of encircling trees, with the scene reflected in a mass of bubbles.

Fotografia d'autunno

Catturare il fascino dell'autunno da una nuova prospettiva

Durante l'autunno la natura inscena uno spettacolo di ineguagliabile bellezza rispetto alle altre stagioni. Le frequenti piogge saturano le tonalità e i delicati venti scandiscono un flusso ritmico, mentre nebbia e foschia creano tele bianche e grigie che ben si prestano a contrastare con i colori vibranti delle foglie autunnali.

"L'autunno è la stagione che più di tutte stimola i sensi. Ci fa contemplare la vita", afferma il fotografo naturalista e paesaggista olandese Theo Bosboom. "Sebbene sia una stagione affascinante, è difficile creare qualcosa di nuovo e mai visto prima". Nella sua serie fotografica Autumn Leaves, Theo desiderava trovare un modo innovativo per mettere in risalto il meglio della stagione.

Theo collabora regolarmente con National Geographic e BBC Wildlife e ha vinto per due volte il premio European Wildlife Photographer of the Year. Dopo aver fatto ritorno alla valle del fiume Hoëgne in Belgio per diversi anni, sentiva di aver immortalato tutto quello che le foreste avevano da offrire.

"Per me quest'immagine rappresenta la fine dell'autunno, con le poche foglie rimaste attaccate ai rami ormai quasi spogli e uno sfondo immerso nella nebbia. C'è un'energia immobile, di grande silenzio, che mi fa pensare ai dipinti giapponesi: semplici, di impatto grafico e con forti contrasti", racconta Theo.

"Durante l'autunno tutto è molto pittoresco e ha un non so che di magico, ma dopo un paio di anni ho realizzato di averlo fotografato da ogni angolazione", spiega. "Ho iniziato a chiedermi: "È davvero tutto qui?" È allora che ho visto alcune foglie cadere nel fiume, restando rapito mentre la corrente le trascinava via, agitandole sotto il turbinio delle cascate e ostacolandole con rami o rocce. È lì che ho avuto l'idea di fotografare le foglie da una prospettiva subacquea, riproducendo il modo in cui forse i pesci vedono l'autunno".

Sebbene l'idea per la serie The Journey of the Autumn Leaves possa essere sembrata sufficientemente semplice, la sua realizzazione non lo è stata affatto. "A quel tempo per me la fotografia non era che un semplice hobby", spiega, ma si procurò una custodia impermeabile Canon WP-DC28 per la sua fotocamera compatta Canon PowerShot G10. Munito di stivali di gomma e muta da sub ha guadato il gelido corso d'acqua, tenendo la macchina fotografica, protetta dalla custodia impermeabile, sotto la superficie e puntandola verso il cielo.

"Non vedevo davvero cosa stessi facendo, ma ogni volta che passava una foglia premevo il pulsante di scatto e speravo per il meglio", continua. "La maggior parte delle foto non erano un granché e mi sono ritrovato con un numero infinito di autoscatti accidentali, ma uno in particolare spiccava tra tutti [vedi sotto]. Mi ha fatto capire che questo poteva essere un progetto, ed è lì che ho deciso di investire in una custodia subacquea per la mia fotocamera Canon EOS 5D Mark III [ora sostituita dal modello Canon EOS 5D Mark IV]."

The overarching trees are pictured from under the water, with a lone leaf floating on the surface.
"Credo che questa foto mostri l'autunno da una nuova prospettiva. La vista subacquea del panorama che si staglia all'esterno, con la foglia sospesa in un limbo tra le due realtà", afferma Theo. "Per me ha un'importanza speciale perché l'ho realizzata nella prima sessione, è l'immagine che mi ha incoraggiato a continuare il progetto".

Negli autunni seguenti, Theo è passato in breve tempo da dilettante a professionista, lasciando alla fine il suo lavoro da avvocato nel 2013. Ha sviluppato le sue personali tecniche di scatto subacqueo favorendo, dove possibile, l'uso della luce naturale. Questo significa che, contrariamente ai dettami della fotografia paesaggistica, l'orario migliore per realizzare gli scatti è intorno a mezzogiorno.

"Quando il sole raggiunge lo zenit i corsi d'acqua ricevono la massima quantità di luce. Di conseguenza raramente dovevo ricorrere al flash, a meno che l'acqua non fosse molto torbida o nel caso in cui volessi illuminare un angolo di particolare interesse", spiega. "Per catturare immagini d'impatto nel fiume dovevo aumentare il valore ISO, dato che sott'acqua mi serviva una maggiore illuminazione. Fortunatamente, l'aumento della sensibilità ISO sulla fotocamera Canon EOS 5D Mark III non influisce sulla qualità".

Articoli correlati
A fox stares through a gap in a bush, which is out of focus. Photo by Ossi Saarinen.

FOTOGRAFIA NATURALISTICA

La storia della fotografia naturalistica urbana di Ossi Saarinen

Solo tre anni dopo aver preso in mano una macchina fotografica, gli espressivi scatti di animali di Ossi raccolgono un successo travolgente sui social media. In questo articolo parla di come sia iniziato il suo hobby.

Alan Rowan stands on the side of a hill taking a photo using a Canon compact camera, with a river in the valley behind him.

FOTOGRAFIA DI VIAGGIO

Come il Moonwalker dei Munro cattura i panorami di montagna

Da primi piani ricchi di colore a montagne nebbiose, ecco come Alan Rowan usa Canon SX740 HS per fantastiche fotografie naturalistiche.

A river flowing through a landscape of mossy rocks, rising steeply on both sides.

SUGGERIMENTI E TECNICHE

Impara a utilizzare correttamente l'esposizione

Scopri come regolare la quantità di luce nelle immagini, per dare un nuovo aspetto alle tue foto.

"Mi sono accorto che le bolle sono incantevoli da fotografare da sotto la superficie dell'acqua, perché riflettono splendidamente il paesaggio. Il luogo migliore per trovare le bolle è in prossimità di salti d'acqua o dove la corrente è molto forte".

Impossibilitato a vedere le sue composizioni in tempo reale, Theo è andato avanti per tentativi ed errori, pur sapendo di avere qualche asso nella manica per aumentare le sue chance di successo. "Scatto sempre in modalità Priorità apertura, perché così posso essere certo che la fotocamera imposterà la velocità dell'otturatore corretta per lo scatto. Mi consente di giocare con la profondità di campo, molto importante nella fotografia paesaggistica e quando l'intento è di catturare immagini ricche di dettagli", spiega.

"Sott'acqua non avevo bisogno di una grande profondità di campo, quindi potevo scattare con un'ampia apertura per far entrare una maggior quantità di luce nell'otturatore. La messa a fuoco automatica della fotocamera si è rivelata molto affidabile e davvero imprescindibile. Ho imparato ad avvicinarmi il più possibile al soggetto, specialmente quando l'acqua non era limpida. Oltre a ciò, ho imparato che un obiettivo grandangolare consente di ottenere risultati migliori".

"Questa è la mia foto preferita di tutta la serie. Ho posizionato la fotocamera sul fondale del torrente, il che significa che potevo tenerla ferma più a lungo e usare una velocità dell'otturatore di un terzo di secondo per far sì che le foglie fossero nitide e mostrare al contempo il movimento dell'acqua. Credo che s'intoni molto bene con la mia idea di autunno: il flusso delle cose, il ciclo della vita", spiega Theo.

Per chi non è sicuro di fare il grande salto, c'è un enorme potenziale anche fuori dall'acqua per stuzzicare l'appetito autunnale. "Spesso la gente cerca paesaggi epici, passando tutto il tempo ad aspettare la "luce giusta". Io preferisco concentrarmi sui dettagli, che destano lo stesso interesse, se non di più", racconta. Foglie cadute, ghiande, bacche dai colori brillanti e funghi sono tutti soggetti autunnali perfetti, che dipendono in maniera minore dalla luce giusta o dalle condizioni atmosferiche. "Basta guardare a terra per scoprire tanti elementi interessanti: con i dettagli, le possibilità sono infinite".

La parola "dettagli" può far pensare alla fotografia macro (e molte fotocamere compatte sono dotate di ottime funzionalità macro), ma Theo intende semplicemente di concentrarsi su alcuni aspetti della scena anziché sull'intero orizzonte. "Mi piace utilizzare l'obiettivo Canon EF 70-200mm F2.8L USM per mettere a fuoco un elemento, come ad esempio un dettaglio di un albero, quindi ingrandisco e rimpicciolisco con lo zoom per isolare ciò che secondo me funziona", spiega. "Con una fotocamera compatta puoi fare esattamente la stessa cosa. Lavora con ciò che hai".

"Questa è una delle mie prime immagini che racconta la storia di questo torrente di montagna", racconta Theo. "È un paesaggio molto classico, senza tempo, immortalato fuori dall'acqua, ma rappresenta il punto oltre il quale non avrei potuto spingermi continuando a fotografare così questo particolare corso d'acqua nella foresta. È qui che mi sono chiesto: "Che altro posso fare?". Adoro la luce del mattino, grigia e velata. La composizione sfrutta le foglie cadute, mentre il movimento dell'acqua e le felci, i faggi e le betulle la bilanciano".

Lavorare con ciò che si ha sembra valere anche per le condizioni climatiche, dato che Theo è lontano dall'essere un fotografo che scatta solo quando splende il sole. Sostiene che il brutto tempo non esista nella fotografia naturalistica, solo l'abbigliamento sbagliato (o una protezione insufficiente per la fotocamera: non tutte sono egualmente resistenti agli agenti atmosferici, quindi è saggio investire in una custodia impermeabile appropriata e un paraluce). "Controllare le previsioni meteo e attrezzarsi preventivamente è una buona idea, ma ogni tipo di clima offre le sue possibilità. Basta pensare fuori dagli schemi", afferma. "Quando smette di piovere i colori sono più intensi. Le giornate ventose possono rovinare le esposizioni lunghe mirate a ottenere scatti nitidi di foglie o di altri elementi che non smettono di muoversi, ma si può sempre invertire la rotta e realizzare immagini di stampo impressionistico degli stessi elementi in movimento. La nebbia crea una fantastica atmosfera. E poi ci sono quelle splendide mattine in cui, insieme alla nebbia, ci sono la rugiada e la luce del sole che filtra a chiazze. Sono troppo impaziente per aspettare la "luce giusta", quindi se per i miei piani non funziona, mi metto a cercare qualcos'altro da fotografare".

"Ho realizzato questo scatto inquadrando lo specchio d'acqua in cui si rifletteva un giovane faggio vestito degli sgargianti colori autunnali, adottando la stessa tecnica di alcune immagini subacquee. Per ottenere questa prospettiva, dopo aver raggiunto i piedi dell'albero, ho utilizzato un obiettivo grandangolare puntato verso l'alto ", racconta Theo. "Mi piace il modo in cui si contrappone intensamente alla foresta brulla e immersa nella nebbia, con gli alberi circostanti spogliati delle loro foglie".

Per quanto Theo sia un fan dell'autunno, pensa che sia necessario avere altrettanta creatività durante i periodi di transizione. "Fotografa elementi come i fiori estivi quando giungono al termine della loro vita e spuntano tra le foglie cadute o tieni d'occhio il meteo per sapere quando cadrà la prima neve: quando si posa sui colori autunnali crea un potente mix di stagioni", consiglia.

"Questo scatto è tipico della mia fotografia, di quando sono alla ricerca di motivi, dettagli e ritmi interessanti", racconta Theo. "Mi piace molto la distribuzione delle foglie, quel po' di schiuma. Ho scattato l'immagine in un punto dove il fiume non è molto profondo, dove lo scorrere dell'acqua era lento. Rappresenta una semplice ma bella raccolta di diversi tipi di foglie, con vari colori e in varie fasi della loro vita".

Il progetto Autumn Leaves di Theo è stato ampiamente pubblicato: una delle immagini ha perfino ricevuto il premio per il secondo classificato nella categoria Creative Visions della competizione Wildlife Photographer of the Year del 2013. Tuttavia, considerando che ci sono tanti fotografi in lizza per l'attenzione dei social quante sono le foglie del sottobosco, è convinto che trovare una prospettiva innovativa sia il modo vincente per emergere. "Puoi viaggiare verso luoghi remoti e scattare foto meravigliose, ma la maggior parte degli editori non ci farà caso a meno che, in qualche modo, non siano davvero diverse", spiega. "Prova a pensare: "Cosa posso aggiungere a ciò che è già stato fatto?'"

Scritto da Natalie Denton

Prodotti correlati

Articoli correlati



Nella sezione "Lasciati ispirare" potrai trovare utili suggerimenti fotografici, guide all'acquisto e interessanti interviste: tutto quello di cui hai bisogno per trovare la miglior fotocamera o la miglior stampante e dare vita alla tua prossima idea creativa.

Torna a tutte le Storie