A snail travels through the reflection of a big wheel in Vienna.

FOTOGRAFIA NATURALISTICA

Come realizzare scatti naturalistici d'impatto: sensibilizzare alla tutela di fauna e flora selvatiche

I fotografi austriaci Christine Sonvilla e Marc Graf, specializzati nella sensibilizzazione al tema della tutela dell'ambiente, hanno fotografato la natura selvaggia girando tutto il pianeta. Dalla lince alpina austriaca alla sfuggente tigre del Bengala, sono autori di centinaia di immagini che hanno catturato l'attenzione del pubblico. I due si sono conosciuti all'Università di Vienna, dove entrambi studiavano conservazione. Hanno scoperto il comune interesse per la fotografia e capito che era un modo per dar voce alla natura.

Marc spiega con un esempio in che modo questo può fare la differenza: "Verso la fine del 2016 abbiamo pubblicato la prima foto ad alta risoluzione di una lince alpina immortalata tra le Alpi austriache. È stato un momento di grande emozione per noi, dato che ne esistono non più di 10-15 esemplari in tutta l'Austria. In quel periodo c'erano anche stati due casi di bracconaggio. Abbiamo provato a diffondere il messaggio per la tutela della lince in tutta l'Austria tramite qualsiasi supporto mediatico. Siamo stati intervistati da radio e televisione e hanno parlato di noi in diversi articoli di copertina di giornali e riviste austriache".

Christine continua: "Abbiamo stimato di aver esposto un numero compreso tra 1,5 e 2 milioni di persone a quel particolare argomento. Inoltre stiamo facendo moltissime presentazioni, dove mostriamo fotografie e filmati e parliamo dal vivo con il pubblico. Il nostro lavoro in realtà consiste nel fare da ponte tra pubblico e organizzazioni naturalistiche, ONG, scienziati e tutte le altre persone che lavorano attivamente sul campo".

Christine e Marc credono che non serva viaggiare verso mete lontane per realizzare fantastici scatti naturalistici. La coppia è convinta che, imparando a conoscere il mondo naturale che circonda le nostre città, si possa creare un legame più forte con la natura.

Pur avendo viaggiato verso mete lontane ed esotiche, per un recente progetto la coppia si è concentrata sulla natura urbana di Vienna, fotografando conigli, ricci e scoiattoli con l'obiettivo di dare visibilità alle creaturine selvatiche che vivono sulla soglia delle case degli abitanti di città.

"La natura è davvero dietro l'angolo. È qui che nasce il nostro legame con l'ambiente", sottolinea Christine. "Credo fermamente che una volta che crei questo legame, vorrai contribuire alla conservazione".

Marc e Christine hanno lavorato sperimentando con Canon EOS M200, una fotocamera leggera e facile da usare perfetta per chi è alle prime armi e desidera esplorare il proprio lato creativo, e con Canon EOS 250D, la reflex digitale più leggera al mondo con schermo orientabile* che offre in aggiunta la registrazione video 4K.

"Se hai appena cominciato la tua avventura nella fotografia naturalistica, non serve una fotocamera di livello professionale piena di specifiche avanzate", spiega Marc. "Kit e ambizioni possono crescere insieme". Grazie alla vasta scelta di obiettivi e comandi di scatto disponibili, entrambe le fotocamere sono ideali per accompagnarti a lungo nella tua avventura.

In questo articolo Christine e Marc condividono i loro consigli per scattare fotografie naturalistiche d'impatto.

1. Non disturbare gli animali

Articoli correlati
A squirrel looks up, paws in front of its body, surrounded by a field of white daisies and lush green grass up to its shoulders.

FOTOGRAFIA NATURALISTICA

Come catturare la natura in un contesto urbano

Ossi Saarinen svela le migliori impostazioni della fotocamera e alcune tecniche creative per fotografare la natura urbana.

A macro shot of a leaf, showing all the intricate veins.

FOTOGRAFIA MACRO

Fotografia macro: scopri la bellezza nei dettagli

Il fotografo naturalista Ian Wade offre i suoi più preziosi consigli per scattare fotografie macro.

Ossi Saarinen's urban nature photography story

FOTOGRAFIA NATURALISTICA

La storia della fotografia naturalistica urbana di Ossi Saarinen

Solo tre anni dopo aver preso in mano una macchina fotografica, gli espressivi scatti di animali di Ossi raccolgono un successo travolgente sui social media. In questo articolo parla di come sia iniziato il suo hobby.

Una delle principali sfide della fotografia naturalistica è non spaventare il soggetto. Una soluzione ideale è usare una fotocamera con modalità silenziosa come Canon EOS 250D.

Fondersi con l'ambiente del soggetto ed essere più silenziosi possibile consente di ottenere immagini dell'animale mentre mostra il suo naturale comportamento, un elemento potente nella fotografia naturalistica. "È fondamentale essere silenziosi", spiega Christine. "Una delle funzioni della fotocamera più importanti per chi fotografa la natura è l'otturatore silenzioso".

Marc aggiunge: "Un sistema di messa a fuoco automatica rapido e la modalità di scatto continuo [che acquisisce diversi fotogrammi in rapida successione] sono altrettanto importanti per aumentare le chance di ottenere buone foto".

Oltre alla modalità di scatto continuo silenzioso, Canon EOS 250D offre 5 fps e due sistemi di autofocus che aumentano le possibilità di scattare un'immagine perfettamente nitida. È possibile personalizzare la fotocamera disattivando la luce ausiliaria AF, ossia impedendo alla luce rossa di accendersi a supporto della messa a fuoco automatica. Questa funzione è ideale per non disturbare il soggetto. Il mirino ottico offre la scelta ottimizzata di 9 punti AF o la modalità Live View. Con la modalità Live View si può scattare dal touch screen e inseguire automaticamente il soggetto sfruttando 143 punti AF. Per un controllo ancora più preciso, è possibile sfruttare i 3.975 punti della selezione manuale.

Per essere sicuri di non disturbare gli animali, puoi ridurre la luminosità LCD in modo da rimanere nascosto. Scattare senza flash assicura di non spaventare i soggetti. È sufficiente aumentare i valori ISO per catturare più luce possibile. La sensibilità ISO massima su Canon EOS 250D può essere estesa fino a 51.200. L'uso di valori ISO elevati può creare del disturbo sull'immagine, ma Canon EOS 250D integra un'impostazione di riduzione disturbi alta sensibilità ISO da poter usare durante l'elaborazione delle immagini.

2. Aumenta la velocità dell'otturatore per evitare il mosso

Aumentare i valori ISO per permettere all'otturatore di raggiungere velocità più alte è un'ottima idea quando si fotografano animali vivaci, come questo scoiattolo a Vienna.

Velocità è il nome del campo in cui si gioca la partita della fotografia naturalistica. Marc suggerisce di aumentare l'ISO per compensare la minor quantità di luce che entra nell'obiettivo quando si incrementa la velocità dell'otturatore per catturare il movimento e ridurre la sfocatura. "Non importa quale sia l'animale. Lavora sempre con un valore ISO elevato. Sono in molti ad avere paura di impostare una sensibilità ISO alta, ma è quello che serve".

Christine aggiunge: "Senza alzare l'ISO si rischia di ottenere un'immagine mossa perché l'animale si muove più velocemente dell'otturatore". Per evitare risultati sfocati è importante impostare valori ISO elevati in modo da poter aumentare la velocità dell'otturatore e catturare immagini nitide di alta qualità scegliendo l'impostazione adatta al movimento.

Come i fotografi hanno scoperto, selezionare valori ISO elevati fa sì che una velocità dell'otturatore più alta non comprometta la qualità dell'immagine su nessuna delle fotocamere. Entrambi i modelli Canon EOS M200 e Canon EOS 250D hanno prestazioni ISO fino a 25.600 e quest'ultima è espandibile fino a ISO 51.200.

3. Seleziona il kit essenziale in modo ragionato

Scegliere il giusto numero di elementi del kit prima di uscire significa limitare le opzioni disponibili, in modo da prendere decisioni più rapide durante lo scatto. Consente inoltre di viaggiare più leggeri, riducendo il rischio di affaticamento.

"Non serve avere tutta l'attrezzatura all'inizio", suggerisce Christine. "Inizia con un grandangolo e un teleobiettivo, poi aggiungi altra attrezzatura più avanti".

Per comporre scatti di animali nel loro ambiente, puoi provare ad abbinare Canon EOS M200 a un obiettivo grandangolare come Canon EF-M 15-45mm F3.5-6.3 IS STM. In alternativa, per ritagliare un'immagine e scattare da una maggiore distanza, il teleobiettivo Canon EF-M 55-200mm F4.5-6.3 IS STM è il compagno ideale. Per Canon EOS 250D, il teleobiettivo Canon EF-S 55-250mm F4-5.6 IS STM è un modello compatto che consente di avvicinarsi all'azione, mentre Canon EF-S 18-55mm F3.5-5.6 IS STM è ideale per realizzare scatti ampi catturando gli animali nel loro paesaggio naturale o urbano.

4. Avvicinati e mostra i dettagli nascosti

Realizzare scatti macro è un modo meraviglioso per raccontare l'intricata bellezza della natura di cui spesso non si tiene conto negli ambienti urbani.

Se la salvaguardia della natura considera il quadro complessivo, la fotografia in questo genere si rivolge a tutte le creature, grandi o piccole. "Ciò che amo della fotografia macro è la possibilità di mostrare ciò che altrimenti passerebbe inosservato", afferma Christine. "C'è così tanta bellezza in un mondo così piccolo".

Gli appassionati di fotografia macro che utilizzano Canon EOS M200 possono scegliere l'obiettivo Canon EF-M 28mm F3.5 Macro IS STM: il primo obiettivo con messa a fuoco automatica al mondo a vantare due LED integrati e controllabili (Illuminatori macro),che non solo consente un ingrandimento fino a 1.2x ma elimina le ombre superflue.

"Sono in molti a pensare che le fotografie macro non siano tipiche della fotografia naturalistica che punta a sensibilizzare sulla salvaguardia dell'ambiente", afferma Christine. "Per noi, ciò che conta davvero è avere un portfolio che copre tutti i diversi aspetti della natura. Se c'è qualcosa di minuscolo e meraviglioso da portare alla luce, la fotografia macro è lo strumento perfetto da usare".

5. Acquisisci familiarità con la tua fotocamera

Avere familiarità con il kit permette di concentrarsi di più sulla composizione creativa di un'immagine intrigante.

Christine e Marc sanno che il miglior modo per avere successo nell'immortalare la natura è essere pazienti e preparati. "Saper anticipare l'azione del soggetto garantisce un certo margine. Per questo serve essere bravi a osservare e sapere quali sono le abitudini comportamentali dell'animale", spiega Christine.

È importante anche avere familiarità con la fotocamera, assicurandosi di conoscere tutte le funzioni principali e i limiti a cui poterla spingere. "Usare una fotocamera di cui si comprende il funzionamento è molto meglio di avere uno strumento complicato che scatta due foto in più al secondo. Quando finalmente un animale esce allo scoperto, bisogna conoscere la fotocamera da cima a fondo ed essere in grado di maneggiarla in modo appropriato per poter reagire rapidamente e non sprecare preziosi secondi alla ricerca di funzioni come il controllo della messa a fuoco".

Una delle prime cose che ha colpito Marc riguardo a Canon EOS M200 è stato il suo design moderno e intuitivo, con touch screen inclinabile a 180 gradi. "È fantastico. Trovi tutto in pochi secondi, è velocissimo e incredibilmente facile da usare".

Christine aggiunge: "In molti pensano che giri tutto intorno all'avere una fotocamera che faccia tutto da sola senza problemi, ma in realtà si tratta più della persona dietro all'obiettivo e a cosa è in grado di fare con lo strumento".



Scritto da Natalie Denton



*Canon EOS 250D (nero/argento) è la fotocamera reflex digitale più leggera al mondo con sensore in formato APS-C e monitor LCD completamente orientabile, incluse batteria e scheda di memoria, come stabilito dalle linee guida CIPA al 9 aprile 2019 (ricerca svolta da Canon).

Prodotti correlati

Articoli correlati



Nella sezione "Lasciati ispirare" potrai trovare utili suggerimenti fotografici, guide all'acquisto e interessanti interviste: tutto quello di cui hai bisogno per trovare la miglior fotocamera o la miglior stampante e dare vita alla tua prossima idea creativa.

Torna a tutti i Suggerimenti & Tecniche