La Canon Ambassador Rosie Hardy è una fotografa emergente del Regno Unito che riesce a mettere a nudo l'anima delle persone nelle sue immagini seducenti. © Rosie Hardy

Quando il programma Ambassador di Canon Europe venne lanciato nel 2008, si trattava di un'iniziativa pionieristica che riuniva alcuni dei migliori fotografi e videografi al mondo provenienti dall'Europa, dal Medio Oriente e dall'Africa (EMEA) per collaborare con Canon e condividere la passione per la narrazione visiva.

Nel 2017, dopo 10 anni, Canon ha deciso di aggiornare il programma con l'obiettivo di rappresentare e sostenere al meglio le generazioni attuali e future di fotografi e filmmaker.

Come afferma Siobhan Gaffan, Direttore del programma Ambassador di Canon Europe: "Il nostro obiettivo è sempre stato quello di creare una connessione tra Canon e la comunità di professionisti e far fronte alle problematiche che la riguardano. Nel 2008, una delle principali esigenze dei fotografi era quella di passare dall'analogico al digitale; oggi, invece, si trovano ad affrontare problemi quali passare dalle foto ai video oppure trovare il proprio posto in un mondo multipiattaforma."

Sfide e opportunità

Francis Hodgson è professore del corso "Culture of Photography" presso l'Università di Brighton e ha contribuito a dare forma al nuovo programma Ambassador di Canon Europe in qualità di membro della giuria che ha selezionato il gruppo di attuali partecipanti. Egli ritiene che i fotografi professionisti contemporanei debbano affrontare numerose sfide: "Oggi, ci si aspetta che i fotografi esperti siano in grado di realizzare video e, spesso, altri tipi di contenuti. Ciò trasforma i professionisti specializzati in operatori "generici" e mette a dura prova le loro abitudini e procedure di lavoro, allontanandoli da quelle che erano le loro attività principali."

La curatrice e photo editor Monica Allende è un altro membro della giuria del programma Ambassador di Canon Europe e concorda con il suo collega: "Abbiamo documentaristi che realizzano foto e video e si occupano dell'audio. Analizzano ogni aspetto di una scena e guardano i loro soggetti da molteplici prospettive; questi diversi volti della narrazione vengono poi presentati come progetti documentaristici multisensoriali."

Oggi, ci si aspetta che i fotografi esperti siano in grado di realizzare video e, spesso, altri tipi di contenuti.

Indipendentemente dal tipo di contenuto prodotto, ciò che riveste un'importanza fondamentale è essere in grado di raccontare una storia di grande risonanza. "Amo le storie", afferma Monica. "Cerco le storie nel modo in cui ho sempre lavorato e come lavoro attualmente in qualità di curatrice. Per me, il supporto è una parte integrante del linguaggio utilizzato per raccontare al meglio una storia, ma mi aspetto che questa sia profonda e ben ponderata."

Francis, inoltre, identifica nelle strutture legislative un'altra sfida per i fotografi di oggi. "Nel Regno Unito, se scatti una foto in strada si presuppone che tu stia immortalando gli edifici perché si trovano lì. In Francia, si sta iniziando a comprendere che gli architetti e i proprietari possiedono i diritti di proprietà intellettuale sulle facciate degli edifici e non è possibile fotografare quello che accade in strada senza aver ottenuto il permesso di includere la facciata di un determinato edificio. Nei Paesi occidentali, quello che prima era terreno pubblico ora è considerato proprietà privata e le leggi riguardanti la privacy, la diffamazione e la proprietà intellettuale rendono sempre più arduo esprimersi liberamente."

È questo mix di sfide e opportunità, determinate dalla rapida evoluzione della tecnologia e della società, che il programma Ambassador di Canon Europe cerca di affrontare.

how_the_ambassador_programme_works_2
Il fotografo sudafricano Brent Stirton documenta un'ampia gamma di problematiche umanitarie con immagini coinvolgenti. © Brent Stirton/Reportage di Getty Images, per la rivista National Geographic

Chi sono gli Ambassador?

Fin dall'inizio, il programma ha sempre riunito i più importanti fotografi e filmmaker del mondo nonché stimati esperti del settore e questo è un elemento che non cambierà mai. Essi condividono la loro passione e le competenze tecniche con altri professionisti, oltre che con i numerosi appassionati non professionisti che desiderano sviluppare le proprie abilità. Questi luminari parteciperanno a numerosi workshop di Canon, seminari ed eventi del settore che avranno luogo durante il corso dell'anno nella regione EMEA. Inoltre, gli Ambassador forniscono a Canon suggerimenti sullo sviluppo dei prodotti e testano in anteprima le nuove fotocamere e gli obiettivi affinché le attrezzature riescano a soddisfare le esigenze di tutti i clienti di Canon.

"Canon non mira soltanto a realizzare prodotti migliori, ha investito anche nella formazione di fotografi più bravi", afferma David Warner, Chief Creative Officer dell'agenzia pubblicitaria The Formery, che negli ultimi 25 anni ha assistito marchi come Canon nel raccontare le storie tramite la fotografia. Anche David è membro della giuria del programma Ambassador di Canon Europe: "La creazione di questo programma dimostra che Canon è attenta alle esigenze dei fotografi. Canon è un'azienda stimata che consente alle persone di coltivare la propria creatività e, assumendosi l'impegno di promuovere le abilità e l'apprendimento di coloro che desiderano migliorare, crea e nutre la propria comunità."

194 fotografi e filmmaker sono stati valutati da una giuria indipendente che si è riunita per due giorni nella sede centrale europea di Canon.

La scelta degli Ambassador

Alla fine di giugno 2017, 194 fotografi e filmmaker sono stati valutati da una giuria indipendente che si è riunita per due giorni nella sede centrale europea di Canon presso Stockley Park a Londra, in Inghilterra. Gli Ambassador potenziali comprendevano membri consolidati e nuovi candidati proposti dagli uffici locali di Canon. La giuria comprendeva tre rappresentanti di Canon che valutavano tutte le categorie, a cui sono stati affiancati due o tre esperti del settore esterni per ciascun genere (vedi sotto). Nei casi in cui il lavoro di un fotografo abbracciava molteplici ambiti, questo veniva esaminato più volte per garantire che fosse valutato correttamente ciascun ambito.

Il primo giorno, i membri della giuria hanno esaminato i candidati in base ai loro generi, valutando la qualità del lavoro e la reputazione nel settore. Il secondo giorno, la giuria ha discusso come gruppo di ciascun genere. Ogni membro ha evidenziato i candidati a cui aveva dato i voti più alti; il resto del gruppo ascoltava le argomentazioni mentre osservava il lavoro di ciascun candidato. Sulla base di ciò, la giuria ha preso una decisione collettiva su coloro che sarebbero entrati nel programma Ambassador.

Come si diventa Canon Ambassador?

Canon riceve numerose richieste da parte di persone che desiderano diventare Ambassador, pertanto abbiamo chiesto a Siobhan Gaffan alcuni consigli su come diventare un membro del programma. "Gli Ambassador vengono proposti dagli uffici locali di Canon. Quindi, il migliore consiglio che posso dare agli aspiranti Ambassador è preparare un ottimo portfolio dei lavori e contattare l'ufficio Canon locale per presentarsi. Dopo aver stabilito un contatto, devono instaurare una relazione, in modo che quando si presenterà l'opportunità di entrare nel programma è più probabile che l'ufficio li proporrà come potenziali candidati."

Tuttavia, diventare un Canon Ambassador non significa soltanto aprire un dialogo ma aver raggiunto anche un certo standard. Abbiamo chiesto ad alcuni membri della giuria del programma cosa cercano nei fotografi.

Per Francis Hodgson si tratta della voce del fotografo: "Le fotografie sono economiche e puoi trovarle ovunque, non le puoi evitare. Ne vedi centinaia senza instaurarci alcun tipo di interazione culturale. Per interagire con una fotografia, devi essere in grado di connetterti con quello che il fotografo ha da dire. Quando parlo di voce, non mi riferisco soltanto a un espediente stilistico ma a un approccio intellettuale."

David Warner ribadisce che per distinguersi dagli altri le competenze non bastano: "Non cercavamo fotografi in possesso di abilità tecniche di alto livello o che fossero in grado di produrre risultati sfruttando le funzionalità del prodotto... dovevano dimostrare anche di offrire un contributo artistico."

"Siamo solo all'inizio del programma Ambassador di Canon Europe e continueremo a cercare e a collaborare con creativi importanti, dinamici e diversi provenienti dall'Europa, dal Medio Oriente e dall'Africa", afferma Richard Shepherd, Professional Imaging Marketing Manager di Canon Europe.

"Il programma crea un'importante e solida connessione tra Canon e la comunità di professionisti. Inoltre, ci offre un accesso diretto al prezioso feedback dei più importanti fotografi e filmmaker, facendo sì che i nostri prodotti e servizi continuino a soddisfare le esigenze dei nostri clienti.

"Sfruttando le competenze, l'esperienza e la visione di questi professionisti, il programma ci consente, inoltre, di ispirare, formare e dare consigli ai narratori visivi emergenti che continueranno il loro importante lavoro negli anni a venire."

Giuria:

Reportage e documentari

  • Ayperi Karabuda: documentary photo editor e strategist, Ayperi ha ricoperto per 10 anni il ruolo di vice presidente del reparto Pictures presso Thomson Reuters
  • Monica Allende: ex photo editor presso The Sunday Times Magazine, curatrice, scrittrice, docente, mentore

Moda e ritratti

  • Francis Hodgson: professore del corso "Culture of Photography" presso l'Università di Brighton
  • Monica Allende

Arti figurative e architettura

  • Ayperi Karabuda
  • Francis Hodgson

Natura e fauna selvatica/Viaggi e paesaggi

  • Barbara Stauss-Liebmann: photo editor presso Mare
  • Magdalena Herrera: direttore della fotografia presso GEO France

Sport

  • Gisle Oddstad: direttore della fotografia presso Verdens Gang
  • Pim Ras: pluripremiato fotografo sportivo

Matrimonio

  • Dario Righetto: direttore marketing presso Graphistudio
  • Hannah Lamacraft: photo editor presso Condé Nast International

Pubblicità e spot/Video e cinema

  • David Warner: Chief Creative Officer presso The Formery
  • Pim Ras: fotografo per Algemeen Dagblad e vincitore del premio Canon Sports Photo 1998
  • Gisle Oddstad

Rappresentanti di Canon
Richard Shepherd, Professional Imaging Marketing Manager di Canon Europe
Susie Donaldson, direttore marketing di Canon UK
Sara Marshall, specialista in PR di Canon Europe

Canon Professional Services

I membri ricevono accesso al supporto CPS, sia localmente che durante i maggiori eventi; un servizio di riparazione prioritaria e, a seconda dello stato di iscrizione posseduto, prestiti gratuiti di equipaggiamento di scorta.

Entra

Per saperne di più

Canon Professional Services