ARTICOLO

I misteri della mente: le riprese di Hunting for Hedonia con Canon EOS C300 Mark II

In a still from documentary Hunting for Hedonia, a man is having brain surgery in an operating theatre.
Hunting for Hedonia, un documentario lungometraggio girato con Canon EOS C300 Mark II e Canon EOS C200, esplora la nuova scienza della stimolazione cerebrale profonda (DBS). © Immagine da Hunting for Hedonia, regista Rose Grønkjær, cineoperatore Ben Bernhard, Danish Documentary Production.

E se gli elettrodi collegati al tuo cervello potessero alterare in meglio il modo in cui ti senti e agisci? La stimolazione cerebrale profonda (DBS) è una tecnica rivoluzionaria utilizzata dai più importanti neuroscienziati in cui un dispositivo impiantato invia impulsi elettrici per manipolare parti del cervello. I risultati possono cambiare la vita, ad esempio aiutando i pazienti con il morbo di Parkinson a prevenire i tremori oppure risollevando le persone da una grave forma di depressione.

Approfondire i misteri della mente umana ed esplorare le implicazioni della DBS in termini di identità e percezione di sé, si è dimostrato un soggetto molto interessante per la regista danese Pernille Rose Grønkjær. Il suo film Hunting for Hedonia, narrato dall'attrice Tilda Swinton e girato con Canon EOS C300 Mark II e Canon EOS C200, mescola riprese di documentari e rievocazioni per intrecciare il passato con il presente, al fine di esplorare le complessità della salute mentale, delle neuroscienze e della vita dell'uomo.

Canon Professional Services

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services

"Con quale immagine descriveresti la depressione?" chiede Pernille. "Attraverso la sensazione di essere intrappolati nel proprio corpo e di non poter uscire? O qualcuno che affronta la morte? Come possiamo catturare questi momenti?

"Durante un intervento al cervello, devi essere consapevole di dove sei e rispettare il luogo in cui ti trovi, catturando al contempo la magia del momento. Vedi un paziente con il morbo di Parkinson che trema, poi improvvisamente si ferma perché dell'elettricità sta passando attraverso un filo che gli è stato impiantato in testa.

"Bisogna essere in grado di catturare ciò che sta succedendo e, allo stesso tempo, renderlo un'esperienza estetica. Volevamo trasportare lo spettatore nel mondo della depressione tramite immagini, invece di farglielo raccontare, quindi l'attrezzatura era fondamentale. Le videocamere e gli obiettivi Canon sono stati fondamentali per il nostro lavoro".

Stile cinematografico con Canon EOS C300 Mark II

Per portare sullo schermo una narrazione stratificata ed emotivamente carica, Pernille e il cineoperatore Ben Bernhard hanno scelto di utilizzare una varietà di videocamere per avere flessibilità in diverse configurazioni e garantire uno stile cinematografico coerente.

"Mi piace lavorare con videocamere diverse, così abbiamo maggiori opportunità in situazioni diverse", rivela Pernille. "Ci siamo trovati in sale operatorie e in casa di altre persone, luoghi delicati e sensibili in cui volevamo presentare qualcosa di bello. Le videocamere Canon EOS C300 Mark II e Canon EOS C200 e gli obiettivi Canon garantiscono uno stile cinematografico. Canon EOS C300 Mark II è una videocamera particolarmente cinematografica; la morbidezza della texture delle immagini è semplicemente incredibile".

Canon EOS C300 Mark II è stata integrata dalla più piccola Canon EOS C200, ideale per l'uso su un gimbal motorizzato, mentre una frequenza immagini di 120 fps (in Full HD) e la registrazione RAW offrono flessibilità in post-produzione. "Abbiamo usato Canon EOS C200 perché volevamo un effetto di super slow motion", aggiunge Pernille. "Lo slow motion aggiunge un aspetto materico e sensuale a un argomento clinico, che entra sotto la pelle del pubblico e fa arrivare le cose".

Per i colori del film, il team si è ispirato allo stile dei drammi polizieschi scandinavi. "L'oscurità la fa da padrone, ma allo stesso tempo c'è attrazione e bellezza", sostiene Pernille. "Questo è ciò che preferisco del mio lavoro, giocare con gli opposti. È qui che la bellezza emerge concretamente".

Poiché le videocamere Cinema di Canon funzionano in modo ottimale in condizioni di scarsa illuminazione, Ben è riuscito a realizzare la maggior parte delle riprese fino a ISO1600, utilizzando ISO3200 solo in casi estremi. Era sicuro che le zone d'ombra non avrebbero fatto emergere il rumore, una considerazione importante quando l'obiettivo a livello di stile era quello di avere zone di luce e ombra evidenti.

"Per sottolineare l'intera idea del film, abbiamo deciso che non doveva essere troppo illuminato", rivela Pernille. "Il nostro approccio più cinematografico è stato quello di acquisire immagini che nascondevano le cose nell'ombra, aggiungendo un'aura di mistero. Il buio era nostro amico".

Danish director Pernille Rose Grønkjær.
La regista danese Pernille Rose Grønkjær spera che il film aiuti le persone a comprendere la tecnologia a livello emotivo. © Stine Heilmann
The crew of Hunting for Hedonia film in an operating theatre with Canon cameras and lenses.
La troupe aveva bisogno di attrezzature versatili che permettessero loro di lavorare in modo efficace e discreto in spazi ristretti e in situazioni delicate. © Todd Taylor
In a still from Perrault Pictures' film Return of the Golden Girl, kickboxer Jemyma Betrian lies in a boxing ring unconscious, covered in gold glitter.

Tutte le potenzialità degli obiettivi cinematografici Sumire Prime sfruttate in un film d'azione

Riprendere da vicino l'azione rapida di una campionessa del mondo di kickboxing è stata una vera sfida per gli obiettivi cinematografici con innesto PL di Canon.

Mix di filmati RAW e 4K

Oltre a garantire un montaggio semplice degli accessori con Follow-Focus manuale, portafiltri e monitor esterni, la scelta delle videocamere Cinema ha fornito a Pernille e Ben una scelta maggiore in termini di codec, registrazione RAW e velocità di trasmissione più elevate. Questo è emerso in particolare perché il film è stato girato interamente in 4K.

"È difficile con i diversi formati, ma c'è stato un notevole vantaggio utilizzando i file Canon Cinema RAW Light da Canon EOS C200, con cui abbiamo girato a 50 fps per l'intero film", sostiene Pernille. "È tutta un'altra cosa se le guardi e sai che il grading è più denso. C'è così tanta essenza nelle immagini".

Canon EOS C300 Mark II scatta in formato RAW se utilizzata con un registratore esterno. Ma Pernille ha deciso che registrare i file sulle schede di memoria interna della videocamera sarebbe stato ideale, specialmente se in Canon Log per massimizzare la gamma dinamica.

"Il RAW usa troppo spazio, quindi non l'abbiamo preso in considerazione con Canon EOS C300 Mark II perché in sala operatoria è difficile prevedere quanto tempo è necessario utilizzare l'attrezzatura", afferma. Dovevamo essere in grado di registrare dall'inizio alla fine dell'intervento chirurgico". Quando abbiamo registrato file RAW con Canon EOS C200, era pianificato. Non riesco a vedere la differenza tra i file 4K di Canon EOS C300 Mark II e i filmati RAW di Canon EOS C200 nel risultato finale, penso quindi che abbiamo preso la decisione giusta".

Il passaggio tra i due corpi macchina principali si è rivelato semplice, un aspetto fondamentale perché sia Pernille che Ben hanno girato con entrambi in momenti diversi. "Abituarsi a Canon EOS C300 Mark II e a Canon EOS C200 in termini di menu e gestione è stato facile, come sempre accade con le videocamere Canon", afferma Pernille. "A mio parere, sono molto intuitive. Mi sembra che i pulsanti siano al posto giusto in termini di come lavoro e di come mi muovo".

Quando le riprese dovevano essere eseguite rapidamente, le dimensioni ridotte di Canon EOS C200 hanno permesso l'utilizzo su un sistema gimbal portatile motorizzato invece che su una configurazione Steadicam più grande. Abbinandolo a un piccolo monitor esterno montato sul telaio del gimbal, la troupe è stata in grado di catturare rapidamente un movimento fluido.

In a still from documentary Hunting for Hedonia, a man is silhouetted against a window.
"Abbiamo deciso che il film non doveva essere troppo illuminato", rivela Pernille. "Il nostro approccio più cinematografico è stato quello di acquisire immagini che nascondevano le cose nell'ombra, aggiungendo un'aura di mistero. Il buio era nostro amico". © Immagine di Ben Bernhard

Il versatile obiettivo servo cinematografico 17-120mm

Mentre molte delle riprese stabilizzate sono state realizzate con un obiettivo leggero Canon EF-S 17-55mm F2.8 IS USM, Pernille aveva a disposizione un'ampia gamma di obiettivi e ha usato anche i rapidi obiettivi a focale fissa Canon CN-E. Si è servita di CN-E14mm T3.1 L F, CN-E24mm T1.5 L F, CN-E35mm T1.5 L F e CN-E50mm T1.3 L F, nonché dell'obiettivo Canon EF 70-200mm F2.8L IS II USM. Tuttavia, il vero pilastro in fase di produzione è stato l'obiettivo servo cinematografico Canon CN7x17 KAS S E1/P1.

"È un obiettivo semplicemente fantastico, per questo lo abbiamo sfruttato molto", afferma Pernille. "Sarebbe stato ideale girare tutto con obiettivi a focale fissa, perché questo richiede lo stile cinematografico. Ma per un documentario, se ti trovi in sala operatoria o a casa di altre persone, non puoi muoverti molto, quindi hai bisogno dello zoom".

Con un ingrandimento 7x e una lunghezza focale di 17-120mm, l'obiettivo servo cinematografico Canon CN7x17 KAS S E1/P1 ha assicurato alla troupe una flessibilità di inquadratura e prestazioni di livello 4K, facendo passare quasi inosservata la loro presenza in situazioni sensibili.

"Gli obiettivi che abbiamo scelto di usare si sono integrati perfettamente l'uno con l'altro", aggiunge Pernille. "Ero un po' preoccupata, dal momento che con due videocamere e obiettivi diversi, il risultato poteva non essere omogeneo. Ma l'aspetto complessivo garantito dal kit Canon è ciò che ha legato l'insieme; gli obiettivi e le videocamere si completano a vicenda. Ho un debole per lo stile cinematografico. Le videocamere Canon sono in grado di elaborare le immagini in un linguaggio più soft".

Le immagini che ne risultano tracciano un percorso inedito, in ultima analisi, in ciò che ci rende umani. Pernille ricorda di aver filmato una donna che soffriva di depressione clinica da 52 anni e ripeteva che la sua vita non valeva la pena di essere vissuta. Questa donna è stata trasformata dall'intervento.

È entrata in sala operatoria pensando: 'Spero di morire sul letto operatorio, perché così non sarà un mio problema', racconta. "È questo il livello di malessere in cui vivono i pazienti. Quando scopri quella tecnologia che può effettivamente riportarli a ciò che tu o io considereremmo una vita normale, è straordinario. Riuscire a catturarlo su pellicola e presentarlo al pubblico rappresenta una grande sfida. Per me, questa è una delle principali qualità dell'essere regista, lavorare con immagini che possono effettivamente toccare il pubblico o far cambiare idea a qualcuno".

Scritto da Adam Duckworth


Il kit di Pernille Rose Grønkjær

Il kit essenziale per riprese cinematografiche professionali

A Canon EOS C300 Mark II cine camera.

Fotocamere

Canon EOS C300 Mark II

Acquisisce straordinari video in 4K/Full HD con l'incredibile gamma dinamica di 15 stop, output RAW esterno e Canon Log2. "È una videocamera cinematografica", afferma Pernille. "La delicatezza della texture delle immagini è semplicemente incredibile".

Canon EOS C200

Videocamera ad alte prestazioni, compatta e versatile, ideale per tutti coloro che desiderano immagini nitide in 4K a 50P. "Abbiamo usato Canon EOS C200 perché volevamo un effetto di super slow motion", afferma Pernille.

Obiettivi

Canon CN7x17 KAS S E1/P1

Eccellenti prestazioni ottiche 4K e ingrandimento 7x con una lunghezza focale pari a 17-120 mm. Grazie al drive unit digitale, è adatto per riprendere sequenze in situazioni di massima mobilità. "È un obiettivo semplicemente fantastico", sostiene Pernille. "Per questo lo abbiamo sfruttato molto".

Canon CN-E35mm T1.5 L F

Perfetto in condizioni di scarsa illuminazione grazie a un controllo ottimale sulla profondità di campo, il grandangolo CN-E35mm T1.5 L F offre un'incredibile qualità delle immagini in 4K.

Canon CN-E50mm T1.3 L F

Un obiettivo leggero e compatto a lunghezza focale fissa progettato per l'innesto EF. Offre una spettacolare qualità dell'immagine in 4K e una piena copertura del full frame fotografico. "Gli obiettivi che abbiamo scelto di usare si sono integrati perfettamente l'uno con l'altro", racconta Pernille.

Articoli correlati

Visualizza tutto

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro

Registrati ora