ARTICOLO

Dietro le quinte di una sessione di surf a Tahiti con Canon EOS-1D X Mark III

A Canon EOS-1D X Mark III rigged for filming.
Il regista Nick Kennedy ha predisposto la fotocamera Canon EOS-1D X Mark III per realizzare riprese in pieno stile cinematografico, completandola con un mirino elettronico collegato alla presa HDMI e collegando microfoni esterni per ottenere audio di qualità professionale. © Fergus Kennedy

Paradisiaca isola di Tahiti, Polinesia francese. Un surfista cavalca un'onda sulla sua tavola da surf, scolpendo un perfetto arco tra le acque cristalline e circondandosi di schizzi spumeggianti, che formano una corona splendente di luce. Sullo sfondo delle palme che incorniciano le spiagge nere di sabbia vulcanica, si scorge un fotografo, anch'esso in acqua, immerso nel cuore dell'azione. Le onde impetuose si infrangono sulla barriera corallina, tagliente pericolo per gli avventori più incauti.

Il surfista è Kauli Vaast, diciassettenne prodigio che doma le onde più difficili al mondo. L'uomo che riprende la sena è il celebre fotografo Ben Thouard, specializzato in fotografia subacquea e di surf, armato della migliore fotocamera Canon per l'azione, Canon EOS-1D X Mark III. Per documentare la coppia in azione e l'audace impresa fotografica, anche il regista britannico Nick Kennedy scende in campo con Canon EOS-1D X Mark III, effettuando riprese alla luce del Pacifico meridionale.

Le specifiche tecniche di una telecamera cinematografica, il corpo compatto di una reflex digitale

Quando Nick si è preparato a filmare un video dei retroscena della sessione fotografica di surf, sapeva che sarebbe stato necessario un kit ben attrezzato. La fotocamera doveva essere in grado di registrare ogni tipo di scena, dalle azioni più energiche ai placidi tramonti. Doveva catturare dettagli che spaziavano dalle mute nere ai riflessi splendenti delle acque, il che avrebbe richiesto un'ampia gamma dinamica e un codec notevole. Effettuare riprese di azioni tanto imprevedibili richiedeva una messa a fuoco automatica eccezionale e un rallentatore estremo, per poter sfruttare al meglio ogni secondo di video.

Canon Professional Services

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services

La sua fotocamera doveva essere sufficientemente compatta e resistente per lavorare in acqua, offrire una totale affidabilità e un grado di impermeabilità tale da non richiedere l'uso costante di una custodia. Doveva inoltre essere compatibile con una vasta gamma di obiettivi e offrire una batteria dalla lunga durata.

Un tale elenco di requisiti costituisce la fusione tra le caratteristiche delle migliori telecamere cinematografiche di fascia alta, come Canon EOS C500 Mark II, e la velocità e l'agilità di una reflex digitale compatta adatta alla fotografia sportiva. Con l'introduzione di Canon EOS-1D X Mark III, per la prima volta tutto questo è racchiuso in un'unica fotocamera.

"Quando si riprende l'azione sulla tavola da surf, spesso ci si ritrova a lavorare in acqua o a bordo di una barca in preda alle onde. Bisogna avere una fotocamera su cui si è certi di poter fare affidamento", spiega Nick. "Deve essere in grado di mantenere la messa a fuoco, ovviamente, e offrire la possibilità di registrare in HD a 120 fps, caratteristica fondamentale quando l'azione si svolge tanto velocemente da aver bisogno di estendere tali momenti il più possibile. Anche la registrazione in 4K a 60p è fondamentale. È indispensabile che la fotocamera disponga della funzione Canon Log integrata, per mantenere il massimo della gamma dinamica.

"Canon EOS-1D X Mark III è una fotocamera unica, perché offre tutte le specifiche e le caratteristiche necessarie per registrare un intero film".

Nick Kennedy and Ben Thouard underwater with cameras in underwater housings.
Nick Kennedy pensa che Canon EOS-1D X Mark III, resistente e impermeabile, abbia dimostrato di avere tutte le caratteristiche e le specifiche tecniche di cui aveva bisogno per realizzare l'intero video. © Fergus Kennedy

Filmati full frame 4K e un nuovo standard per le riprese in stile cinematografico

Canon EOS-1D X Mark III stabilisce nuovi standard per i video. Si tratta della prima fotocamera Canon con capacità interne di registrazione di filmati full frame 4K e RAW da 5,5K a 12 bit, per video con oversampling incredibilmente dettagliati. I filmati Canon Log vengono acquisiti come file HEVC/H.265 a 10 bit in formato MP4, per un'incredibile resa dei colori.

Surfer Kauli Vaast inside the tube of a breaking wave, photographed by Ben Thouard with a Canon EOS-1D X Mark III.

Domare le onde con Canon EOS-1D X Mark III

Il fotografo di surf Ben Thouard immortala l'azione tra le spumeggianti onde di Tahiti con la migliore reflex digitale professionale di Canon.

"Disporre del formato interno 4:2:2 a 10 bit di Canon Log è fantastico, perché si tratta di un formato già pronto per la produzione che raccoglie un immenso numero di dettagli in una dimensione file piuttosto ridotta", spiega Nick. "Abbiamo effettuato circa metà delle riprese in 4K/60p e la metà restante in formato HD a 120 fps. Il codec HEVC è strabiliante e offre tutti i dettagli e la flessibilità necessaria. La nitidezza è eccellente, le immagini sono ricche di dettagli e il grading è estremamente fluido".

Il formato RAW offre la massima qualità possibile, consentendo di estrarre il maggior numero di dettagli da ogni singolo fotogramma, ma il metodo di lavoro preferito di Nick è ricorrere a Canon Log, che consente la registrazione nelle due schede di memoria CFexpress interne.

"Puoi registrare filmati RAW da 5,5K su una scheda e avere la versione proxy 4K sull'altra, in modo da poter passare subito alla fase di editing e sviluppare solo i segmenti RAW necessari", spiega. "La fotocamera rende il flusso di lavoro incredibilmente semplice.

"Anche senza RAW, i filmati 4K/60p e HD al rallentatore hanno un aspetto impeccabile. Ho registrato senza problemi di sera con valori ISO fino a 3200, ottenendo prestazioni ottimali con pochissimo disturbo. Gran parte del filmato è stato girato con una sensibilità ISO di 400, perché si tratta del valore ideale per usare Canon Log e ottenere la gamma dinamica più ampia".

Surfer Kauli Vaast leaps over a wave, photographed by Ben Thouard.
Tratta dalla sessione fotografica di surf, questa eccezionale foto di Ben Thouard mostra le variabili condizioni di illuminazione in cui lui e Nick hanno lavorato. Scatto realizzato con Canon EOS-1D X Mark III e obiettivo Canon EF 200-400mm F4L IS USM Extender 1.4x a 420mm, 1/2000 sec, F6.3 e ISO 800. © Ben Thouard

Copertura dei dettagli nelle aree illuminate e in ombra

Grazie alla capacità di Canon EOS-1D X Mark III di mantenere i dettagli sia nelle aree illuminate che in quelle in ombra su ben 12 stop e al sistema di messa a fuoco automatica incredibilmente veloce che sfrutta la tecnologia Dual Pixel CMOS AF di Canon, la crew di Nick ha potuto dare libero sfogo alla creatività. Ciò si è notato particolarmente quando hanno utilizzato la fotocamera in acqua proteggendola con la custodia subacquea, scattando a mano libera.

"Quando c'è una luce intensa, la spuma delle onde produce un'infinità di spettacolari giochi di luce, creando una massa bianco splendente, mentre le mute dei surfisti sono nere", spiega Nick. "Se in una situazione del genere non hai Canon Log, è facile rischiare di ottenere un'esposizione eccessiva o insufficiente. Quando si realizzano scatti in acqua, questo rischio è decisamente più reale.

"I ragazzi del team realizzano riprese di transizione di continuo, passando dallo stare in superficie, filmando il surfista che si avvicina, all'immergersi sott'acqua, per riprenderlo da sotto. Quando si utilizza una simile tecnica, andando sott'acqua si perdono solitamente due stop di luce. È fantastico lavorare con Canon Log e riuscire a realizzare perfettamente queste riprese in un'unica volta ottenendo la giusta esposizione".

Per lavorare sott'acqua è necessario modificare l'area di messa a fuoco, a causa del modo in cui la luce si rifrange. "La fotocamera deve modificare la messa a fuoco molto rapidamente e impostarla nel modo corretto", spiega Nick. "Mentre lavoravamo con l'obiettivo Canon EF 50mm F1.2L USM a una profondità di campo ridotta, la messa a fuoco automatica della fotocamera ha individuato la parte dell'inquadratura giusta mantenendola a fuoco. Non credo che si potrebbe ottenere lo stesso risultato senza l'AF".

Three photographers underwater with cameras in underwater housings, with waves swirling around them.
Grazie alla funzione Canon Log di Canon EOS-1D X Mark III, Nick ha potuto catturare tutti i dettagli e la gamma dinamica che desiderava ottenere, anche immergendosi sotto la superficie. © Fergus Kennedy

Per la sessione Nick ha utilizzato diversi obiettivi Canon, tra cui EF 24-70mm F2.8L II USM, EF 70-200mm F2.8L IS III USM e EF 100-400mm F4.5-5.6L IS II USM. Per molti degli scatti subacquei, ha utilizzato l'obiettivo EF 16-35mm F4L IS USM.

Sebbene Canon EOS-1D X Mark III offra una stabilizzazione dell'immagine a 5 assi per i filmati digitali, Nick ha preferito usare l'IS digitale degli obiettivi (dove presente) o montare la fotocamera a uno stabilizzatore motorizzato per gli scatti con inseguimento, come durante le riprese del fotografo Ben che sfrecciava su una moto d'acqua.

Per gran parte degli scatti a mano libera, Nick ha predisposto la fotocamera per un perfetto stile cinematografico, completandola con un mirino elettronico collegato alla presa HDMI e un microfono radio per l'audio. "In questo modo il complesso dell'apparecchiatura resta stabile sulla spalla, mantenendo un buon equilibrio. Ho sfruttato l'istogramma per ottenere la giusta esposizione e la funzione View Assist di Log per vedere in anteprima l'aspetto finale del filmato. Con una configurazione come questa, possiamo parlare di una vera e propria telecamera cinematografica, senza alcun compromesso".

Dopo giorni di intense riprese e i sorprendenti risultati scoperti in fase di editing, Nick conferma il suo grande apprezzamento per la fotocamera come strumento di eccellente qualità per riprendere filmati. "Canon EOS-1D X Mark III potrebbe prestarsi senza problemi alla registrazione di un intero film", afferma. "Vedremo realizzare filmati sportivi e naturalistici davvero strabilianti con questa fotocamera. Racchiude tutte le caratteristiche necessarie per girare un documentario, è pronta all'uso".

Scritto da Adam Duckworth


Il kit di Nick Kennedy

Il kit essenziale usato dai professionisti per realizzare i video

A Canon EOS-1D X Mark III and lenses on a well-used hard case with an underwater camera housing, flippers and other kit.

Fotocamera

Canon EOS-1D X Mark III

Il modello successivo di EOS-1D X Mark II, la migliore reflex digitale professionale apprezzata dai fotografi sportivi e naturalisti di tutto il mondo. Dotata di un sensore AF con una risoluzione 28 superiore a quella del modello precedente.

Obiettivi

Canon EF 50mm F1.2L USM

Grazie all'incredibile apertura massima del diaframma pari a f/1.2, l'obiettivo EF 50mm f/1.2L USM è il più affidabile in condizioni di scarsa illuminazione. È un obiettivo che consente un ottimo controllo creativo sulla messa a fuoco e sulla profondità di campo.

Canon EF 70-200mm F2.8L IS III USM

Un classico moderno, questo teleobiettivo zoom con ampia apertura è uno dei preferiti dai fotografi professionisti di tutti i generi. Assicura prestazioni ancora migliori in condizioni di luce intensa, poiché è stato progettato per offrire risultati eccezionali nelle condizioni più difficili.

Canon EF 16-35 mm F4L IS USM

Realizza scatti straordinari di paesaggi e monumenti con questo obiettivo zoom ultragrandangolare ad alte prestazioni, compatto e leggero, con apertura fissa f/4 e stabilizzatore d'immagine. Ideale per professionisti e amanti della fotografia.

Articoli correlati

Visualizza tutto

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro

Registrati ora