FLASH

Flash di riempimento

Sia che provenga dal flash integrato di una fotocamera che da un flash Speedlite, una raffica di flash può trasformare le immagini scattate durante il giorno.
Può sembrare strano usare il flash alla luce del sole, ma è una delle tecniche più utili per i fotografi e può migliorare notevolmente le fotografie di ritratto. Il flash con la luce diurna è spesso chiamato flash di riempimento perché aggiunge luce alle zone in ombra e mette in evidenza i dettagli del soggetto.

Modalità di scatto completamente automatica

Se la tua fotocamera ha un flash integrato, è facilissimo aggiungere il flash di riempimento. Basta impostare la modalità di scatto Completamente Automatica (Scena smart auto) ("riquadro verde") e sollevare la testina del flash. Quindi, quando scatti la foto, la fotocamera attiverà il flash con la giusta quantità di luce per restituire un'immagine perfetta.

Funziona così. La fotocamera divide la scena nel mirino in un determinato numero di zone ed effettua una lettura dell'esposizione di ciascuna di esse. Se l'esposizione del centro dell'inquadratura è la più forte o se la differenza tra le diverse esposizioni è minima, il flash non si attiva. Ma se l'esposizione centrale è più debole rispetto a quelle circostanti, la macchina fotografica ipotizza che il soggetto sia in controluce e aggiunge il flash per illuminarlo.
Una giovane donna è seduta a un tavolo con una finestra dietro di lei, pertanto il suo viso è in ombra.

Scattando con il sole dietro i soggetti si evita che questi ultimi strizzino gli occhi e si ottiene una magnifica luce intorno ai capelli, con il soggetto che emerge nell'immagine, tuttavia (senza flash) il volto rimane in ombra.

Una giovane donna è seduta a un tavolo con una finestra dietro di lei, ma grazie al flash di riempimento il suo viso non è in ombra.

L'uso del flash di riempimento consente di illuminare la zona in ombra mantenendo l'effetto controluce. È la soluzione ideale quando non si possono riposizionare i soggetti o non si vuole che strizzino gli occhi a causa dell'esposizione al sole.

Naturalmente, il sistema non è perfetto. Ci possono essere situazioni in cui l'area centrale in cui si trova il soggetto è buia ma il flash di riempimento non è appropriato. In questo caso puoi passare a un'altra modalità per disabilitare la funzione di flash di riempimento automatico.

Tuttavia, di solito è meglio lavorare nel modo opposto. Piuttosto che attivare la modalità Completamente automatica e successivamente spegnere il flash di riempimento quando non è necessario, puoi semplicemente accenderlo quando ne hai bisogno. È facile riconoscere le situazioni in cui il flash di riempimento è utile, inoltre attivarlo quando ti serve è davvero immediato.

Lo scopo del flash di riempimento è quello di dare al sensore l'esposizione corretta per la luce diurna, oltre a un'esposizione del flash sufficiente a rivelare i dettagli nelle zone in ombra del soggetto. Un flash non sufficientemente potente lascia zone in ombra, mentre troppo flash rende l'immagine artificiale. In passato, la creazione di buone immagini con flash di riempimento richiedeva misure e calcoli. Oggi, invece, le fotocamere EOS fanno tutto il lavoro al posto tuo. Basta solo impostare una modalità di scatto adatta (maggiori dettagli di seguito) e la fotocamera troverà la corretta impostazione della velocità dell'otturatore o dell'apertura per un'immagine ben bilanciata con flash in presenza di luce diurna.

Flash integrato

Anche se sono molto utili, i flash integrati non sono molto potenti. Al massimo, il numero guida sarà pari a 12 (ISO 100, metri). Se si divide il numero guida per l'apertura utilizzata per l'esposizione della fotocamera, si ottiene la distanza massima del soggetto o la "portata" del flash. Quindi, se si scatta a un'apertura di f/5.6, ad esempio, il soggetto che si desidera venga colpito dal flash di riempimento dovrebbe trovarsi a non più di 2 metri di distanza con un'impostazione ISO 100.

A condizione che il soggetto non sia troppo lontano, il flash integrato che si trova su molte fotocamere EOS è perfetto per la fotografia con il flash di riempimento. Essendo vicino all'obiettivo della fotocamera, non proietta alcuna ombra sul soggetto, pertanto non c'è conflitto con le ombre create dalla luce del sole.
Una fotocamera Canon EOS 90D con il flash integrato sollevato.

Sulla fotocamera Canon EOS 90D, il pulsante del flash si trova nella parte anteriore in alto a sinistra (la sinistra dell'utente). Premilo per sollevare il flash integrato in tutte le modalità. Quando il flash è sollevato, premilo di nuovo per accedere alle impostazioni di menu relative al flash.

Una fotocamera Canon EOS 90D con un flash Speedlite 470EX-AI montata sull'attacco a slitta.

L'uso di uno Speedlite garantirà una maggiore portata del flash, inoltre montandolo sull'attacco a slitta il flash integrato viene disattivato automaticamente.

Ecco una guida in tre passaggi all'uso di un'unità integrata per il flash di riempimento:
  1. Solleva la testina del flash integrato. Molte fotocamere EOS hanno un piccolo pulsante contrassegnato da un simbolo a fulmine vicino all'unità del flash integrato. Premi questo pulsante e si aprirà la testina del flash. In assenza del pulsante, basta sollevare il flash con le dita.
  2. Imposta la modalità di scatto su Priorità apertura (Av). Imposta l'apertura su f/5.6 o f/8. Controlla che la velocità dell'otturatore mostrata nel mirino non stia lampeggiando (in caso di lampeggiamento, regola l'impostazione dell'apertura fino a quando l'indicazione del valore della velocità non è fisso).
  3. Inquadra il soggetto e premi il pulsante di scatto. Nella maggior parte delle situazioni, la fotocamera cattura automaticamente un'immagine ben esposta che bilancia la luce del giorno con il flash. Quando hai finito di scattare le foto con flash di riempimento, premi sulla testina del flash per chiuderla.

Utilizzo di un flash Speedlite

Uno Speedlite è un'ottima alternativa all'unità integrata per il flash di riempimento, e se la tua fotocamera ha un flash integrato, collegando uno Speedlite si attiva un interruttore (all'interno dell'attacco a slitta) che impedisce all'unità integrata di aprirsi.

Gli Speedlite sono più potenti delle unità flash integrate. Il flash Speedlite 600EX II-RT, ad esempio, ha un numero guida massimo di 60 (ISO 100, metri), che indica la possibilità di raggiungere soggetti a circa 10 metri dalla fotocamera. All'aperto, la portata può essere inferiore, ma comunque molto più elevata di un flash integrato.

Quando un flash Speedlite è collegato a una fotocamera EOS e acceso, si attiva sempre, anche in una situazione in cui la fotocamera non azionerebbe automaticamente il flash integrato nelle modalità Completamente automatica, Ritratto o Macro.

La modalità di scatto ideale per il flash di riempimento con un flash Speedlite è Programma (P). In questa modalità, la potenza del flash si regola automaticamente per garantire un buon equilibrio tra l'illuminazione del flash e la luce ambiente.

All'aperto, la potenza del flash di riempimento dipende dalle condizioni di scatto. Con livelli di luce più bassi (inferiori a circa EV 10), si ottiene una potenza del flash paragonabile a quella di uno scatto con il soggetto alla stessa distanza all'interno. Oltre EV 10, la potenza del flash si riduce gradualmente, fino a un massimo di -1,5 stop (-2 stop con E-TTL e flash automatico E-TTL II) a EV 13 e superiori. Questa riduzione aiuta a creare un migliore equilibrio tra la luce diurna e l'illuminazione del flash alla luce del sole.

Modalità di scatto

La maggior parte delle modalità di scatto su una fotocamera EOS può essere usata con il flash di riempimento. Ecco una guida su quale dovresti usare e perché.

Completamente automatica (Scena smart auto): come detto in precedenza, la modalità Completamente automatica attiva il flash integrato quando la fotocamera ritiene che sia necessario. Ciò avviene di norma in condizioni di scarsa illuminazione e in situazioni di controluce. Questa funzione è ideale se vai di fretta e hai bisogno di un modo semplice e veloce per scattare con il flash di riempimento, ma non offre alcun controllo creativo.

Modalità Programma (P): questa è una buona modalità per il semplice flash di riempimento. Come nella modalità Completamente automatica, la fotocamera imposta automaticamente la velocità otturatore e l'apertura, ma lascia all'utente la scelta se usare o meno il flash. Se alzi il flash integrato, questo si attiva. Altrimenti non lo farà. Oppure puoi collegare un flash Speedlite e attivarlo.

Sia in modalità Completamente automatica che in modalità Programma (P), la velocità dell'otturatore con il flash è limitata tra 1/60 di secondo e la velocità di sincronizzazione del flash della fotocamera (tra 1/90 e 1/250 di secondo, a seconda della fotocamera). Questo è un meccanismo di sicurezza integrato nelle fotocamere più recenti per evitare che le immagini vengano rovinate dagli effetti delle vibrazioni a velocità più basse. La maggior parte delle volte vedrai che viene impostata la velocità più bassa. Le velocità più alte vengono impiegate solo in condizioni di luce diurna molto intensa. Tuttavia, 1/60 di secondo è una velocità perfetta per il flash di riempimento.

Modalità Priorità otturatore (Tv): in modalità Priorità otturatore (Tv), si seleziona la velocità dell'otturatore e la fotocamera imposta automaticamente l'apertura per la corretta esposizione alla luce diurna. La fotocamera non consente di selezionare una velocità dell'otturatore superiore alla velocità di sincronizzazione del flash della fotocamera: se ci provi, imposterà il valore sulla velocità di sincronizzazione.

- Modalità Priorità apertura (Av): questa è una buona modalità di scatto per il flash di riempimento creativo. Con la modalità Priorità apertura (Av), selezioni l'apertura e lasci alla fotocamera il compito di impostare la velocità dell'otturatore. Sul modello EOS R e su tutte le fotocamere EOS rilasciate successivamente, lo stesso meccanismo di sicurezza si applica in modalità Av come spiegato sopra nelle modalità Completamente automatica e Programma, limitando la velocità dell'otturatore. Le fotocamere precedenti possono scendere fino a 30 secondi. L'apertura è uno dei principali fattori della profondità di campo (grado di nitidezza davanti al punto di messa a fuoco e dietro di esso).

Tuttavia, non avrai il controllo totale dell'apertura. Se imposti un'apertura molto ampia in una giornata luminosa, la fotocamera potrebbe non essere in grado di selezionare una velocità otturatore sufficientemente elevata per una corretta esposizione alla luce diurna. Il risultato sarà un'immagine sovraesposta. Puoi evitare questo problema controllando il valore della velocità otturatore visualizzata nel mirino prima di scattare. Se il valore lampeggia, significa che sei fuori portata e dovresti impostare un'apertura più piccola.

Se scegli un'apertura molto piccola, potresti vedere che la fotocamera imposta un tempo di scatto lento, soprattutto in assenza di sole splendente. Dovresti ottenere un'esposizione corretta, ma il tempo di scatto lento può rendere necessario l'uso di un treppiede per evitare gli effetti delle vibrazioni della fotocamera.

- Modalità Manuale (M): questa modalità ti permette di impostare sia la velocità dell'otturatore che l'apertura indipendentemente dalla fotocamera, mantenendo la piena esposizione del flash automatico. Questo è molto utile per alcune tecniche di flash, ma non per il flash di riempimento. La maggior parte delle combinazioni di velocità dell'otturatore e apertura non bilanciano il flash con la luce diurna. Usa invece la modalità Priorità apertura (Av).

Articoli correlati

Get the newsletter

Click here to get inspiring stories and exciting news from Canon Europe Pro