ARTICOLO

Conversazioni spontanee: Hassan Hajjaj e Eliška Sky

Per continuare la nostra serie di conversazioni, due fotografi d'arte, uno veterano del settore e l'altro una giovane promessa, parlano in modo spontaneo sull'equilibrio tra lavoro artistico e commerciale e riflettono sui vantaggi e sulle insidie di trovare uno stile unico.
Una donna con vestiti leopardati e il viso coperto, sdraiata su un tappeto a strisce rosa, nere e viola. La cornice dell'immagine è fatta di lattine rosse con alcuni pomodori sopra.

Hassan Hajjaj ha iniziato con la fotografia scattando foto dei suoi amici, per mostrare qualità che ammirava. Questa foto di Alia Ali fa parte della sua serie "My Rock Stars", che presenta artisti, interpreti e creativi stimolanti e sfida l'immagine stereotipata evocata dal termine "rock star". Immagine centrale realizzata con Canon EOS 70D (ora sostituita da Canon EOS 90D) e obiettivo Canon EF 24-105mm f/4L IS USM (ora sostituito da EF 24-105mm f/4L IS II USM) a 32mm, 1/50 sec, f/4 e ISO200. © Hassan Hajjaj, per gentile concessione di Alia Ali, dell'artista e di Fotografiska New York

Picasso e Monet, Stephen Shore e Richard Avedon hanno tutti una cosa in comune: ognuno di loro ha uno stile distintivo. Ma come si sviluppa uno stile unico e c'è un momento in cui questo diventa un vincolo?

Il portfolio dell'artista visiva e Canon Ambassador Eliška Sky è pieno di colori e concetti creativi. Durante i suoi 13 anni di carriera, ha realizzato una raccolta di opere personali e commerciali che è audace e vivace e spesso fornisce un commento visivo su questioni importanti come il cambiamento climatico e la diversità.

Qui, parla con il suo collega fotografo d'arte e Canon Ambassador Hassan Hajjaj. Hassan ha vissuto e lavorato tra Marocco e Londra fin da quando era piccolo. In 30 anni di carriera ha creato immagini vivaci che uniscono la fotografia documentaristica con la ritrattistica e la moda con il set design, oltre a presentare personaggi sedicenti della strada. Con le sue opere esposte al British Museum, al V&A di Londra, al Brooklyn Museum e al Los Angeles County Museum of Art, non ha solo avuto successo nel mondo artistico e in quello commerciale, ma è anche diventato facilmente identificabile.

I due fotografi si sono incontrati virtualmente per parlare di ispirazione, dello sviluppo di uno stile e del trovare un equilibrio tra lavoro commerciale e quello puramente artistico.
Hassan Hajjaj, Canon Ambassador, con in mano una fotocamera Canon su uno sfondo rosa con un motivo a zig zag verticale.

"Uso la fotografia come espressione, come mezzo per il mio lavoro", dice Hassan Hajjaj. "Non sono un fotografo tecnico. Ma la fotocamera Canon EOS 5D Mark IV fa tutto ciò di cui ho bisogno e posso anche registrarci video. Adoro che sia così intuitiva".

Eliška Sky, Canon Ambassador, su uno sfondo blu cielo abbinato ai suoi vestiti, con palline da ping pong che fluttuano davanti a lei.

"In qualità di fotografa d'arte e pubblicitaria", dice Eliška Sky, "cerco una qualità dell'immagine perfetta e versatilità in una fotocamera. La fotocamera Canon EOS 5D Mark IV ha entrambe le cose. Adoro la risoluzione elevata e i dettagli perfetti dell'immagine, l'opzione Dual Pixel RAW e la funzionalità video".

Eliška: È un piacere poter parlare con te. Mi piace molto il tuo lavoro, come usi il colore e come combini i motivi. Il colore è molto importante anche per il mio lavoro. So che sei cresciuto tra Marrakesh e Londra. Ciò ha influenzato questo aspetto del tuo lavoro?

Hassan: Se avessi vissuto in uno solo di questi posti, sicuramente non farei il lavoro che faccio ora. Crescendo in Marocco ho ottenuto gli strumenti, la tradizione e la comprensione del mio paese e della mia cultura. Londra era tutta una scoperta: scoprire nuove cose, conoscere persone, influenze da musica, arte, moda e cinema.

Eliška: Ho letto che c'erano molti fotografi in studio a Marrakesh quando stavi crescendo, in cui si andava e ci si travestiva.

Hassan: Sì, c'erano studi fotografici con la spiaggia per l'estate, una macchina da corsa di plastica, uno in cui ci si travestiva da cowboy... Il mio studio fotografico è nato proprio da quell'idea.
Un uomo in abito con una fantasia che tiene un bouquet di fiori rossi e gialli su uno sfondo decorativo dipinto con piume di pavone e fiori. La cornice dell'immagine è fatta di pacchetti verdi.

"Quando ho iniziato, ero a disagio nel definirmi un fotografo", dice Hassan, "perché tutti i miei amici erano grandi fotografi". Questa foto di Riz Ahmed fa parte della serie "My Rock Stars" di Hassan. L'immagine centrale è stata realizzata con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 24mm f/2.8 IS USM a 1/80 sec, f/4 e ISO100. © Hassan Hajjaj, per gentile concessione di Riz Ahmed, dell'artista e di Yossi Milo Gallery, NY, USA

Una modella dai capelli ricci con una collana, una striscia di vernice rossa sulla bocca e una linea ondulata arancione che parte dal sopracciglio, percorre il viso e arriva al collo e attraversa tutto il corpo.

Un ritratto realizzato per la rivista Dolce Vita che fa parte della sere di Eliška "I Want To Be Loved *even in the pandemic". Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 24-105mm f/4L IS II USM a 2,5 sec, f/13 e ISO100. © Eliška Sky

Eliška: Ci sono sempre delle cornici attorno alle tue foto o ci sono dei modelli come cornice. All'inizio pensavo che fosse solo un'immagine moltiplicata, ma poi ho capito che costruisci cornici fatte di oggetti e prodotti. Qual è il significato degli oggetti all'interno delle tue cornici?

Hassan: Il mio primo lavoro, probabilmente tra il 1991 e la metà degli anni Novanta, si chiamava "Graffix from the Souk" e l'idea era di raccogliere tutti i prodotti arabi con cui ero cresciuto in Marocco e fotografarli. Ho iniziato a stamparli su tela, per farli sembrare una via di mezzo tra una fotografia e un dipinto. Poi ho fatto la mia installazione chiamata "The Salon", in cui mostravo alcune cose della mia cultura che potevano essere considerate "cool", perché negli anni Ottanta, quando dicevi "Vengo dal Marocco", la gente pensava subito a cammelli, tajine e altre cose del genere.

Eliška: Quindi c'era una visione occidentalizzata?

Hassan: Sì, era datata. Avevo anche visto alcuni vecchi quadri provenienti dai secoli passati con cornici decorative fatte per loro all'epoca. Volevo che le cornici della mia fotografia ne facessero parte. Si tratta anche di avere un motivo ripetuto, come i mosaici in Marocco. E poi, alcune volte, gioco con le marche a seconda dell'immagine. Se c'è una donna, userei le scatole di Chicken Spam, perché in inglese si usa il termine sessista "chick" per riferirsi a una donna.
Hassan:Di dove sei, Eliška?

Eliška: Repubblica Ceca. Ho vissuto a Londra per sette anni.

Hassan: Tu hai fatto più fotografia artistica? Ho visto il lavoro su Instagram, ma stai facendo più mostre o lavori con altre aziende?

Eliška: Al momento faccio entrambe, ma voglio dedicarmi di più alla fotografia artistica. Per me è molto importante il progetto "Womaneroes". Scelgo diverse donne e, insieme a un body painter e a un artista di copricapi, le trasformiamo in statue colorate. Mi piacerebbe davvero fare più lavori del genere. La cosa più importante per me è il messaggio che sta dietro tutto, nei progetti commerciali e nella mia fotografia artistica.
Un tecnico che indossa guanti bianchi sta pulendo il sensore di una fotocamera Canon.

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services.
Una donna in completo che indossa un fez, in piedi davanti a uno sfondo con grandi rose rosse. La cornice della foto è fatta da bottiglie di plastica blu.

Hassan collabora spesso con altri creativi marocchini per lavoro, come per questo ritratto della cantautrice Hindi Zahra. Scatto realizzato con Canon PowerShot G11 (ora sostituita da Canon PowerShot G7 X Mark III) a 1/30 sec, f/2.8 e ISO100. ©Hassan Hajjaj, per gentile concessione di Hindi Zahra e dell'artista

Una donna con un cappotto blu e il cielo dietro di lei, che tiene un oggetto di plastica trasparente vicino al viso e con i capelli che sembrano cadere verso l'alto.

"Mi lascio ispirare dalle situazioni quotidiane, dalle cose di cui voglio parlare", dice Eliška. Questa immagine fa parte del progetto "2 Metres Distance" di Eliška, a fronte del distanziamento sociale. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 24-105mm f/4L IS USM a 1/160 sec, f/7.1 e ISO100. © Eliška Sky

Hassan: Lavorare con il cuore fondamentalmente.

Eliška: Esatto, esatto. È così che dovrebbe essere, no? Bisognerebbe presentare se stessi attraverso il proprio lavoro.

Hassan: Sì. Mi hanno commissionato dei servizi fotografici di moda in passato e mi sono dovuto battere per questo. Ho sempre detto "Se vuoi un servizio fotografico di moda, chiama un fotografo di moda", perché mi sono sempre rifiutato di fotografare modelli. Cerco persone vere. Non ho truccatori o hair stylist, niente di tutto ciò. Se vuoi un servizio di moda, sono la persona sbagliata. Un fotografo di moda capirà quello che fa e quel mondo. Tuttavia, troverai persone, riviste o marchi che capiscono ed è allora che avrete il grande momento.
Eliška: Per te è tutta una questione di amare quello che fai ed essere autentico, creando il lavoro che significa qualcosa per te.

Hassan: Sì, ma ci sono anche due lati. C'è il lato creativo, ma se vuoi guadagnarti da vivere deve esserci anche il lato commerciale. Devi separare le due cose quando crei e quando esci a mostrare il tuo lavoro. Devi presentare te stesso e il tuo lavoro in modo diverso.

Eliška: Fai dei lavori solo perché ti pagano bene e non mostri l'opera?

Hassan: Certo. Sono un essere umano. Sono un artista che cerca di sopravvivere! Ho iniziato con le commissioni circa tre o quattro anni fa. Per fortuna, finora, erano tutte per brave persone. Si tratta di trovare quell'equilibrio.
Un'immagine in bianco e nero di più famiglie all'interno di una grande tenda, con bambini che mangiano e vestiti appesi ai fili.

Candid Conversations: catturare la scena lontano dall'azione

L'esperto del settore Paolo Pellegrin e l'astro nascente Ksenia Kuleshova parlano di storytelling, delle innovazioni tecnologiche e dell'importanza della community.
Una donna con top rosso floreale brillante e gonna verde floreale con fiori rosa, con le spalle e la testa fuori dall'inquadratura, davanti a un muro di mattoni verdi. La foto ha due cornici, una blu con un motivo a squame, l'altra che sembra essere stata intrecciata come un cesto.

"Bisogna lavorare duramente, avere la passione, rialzarsi quando si cade e non arrendersi", dice Hassan. Questa foto, Wamuhu Legs, è stata creata nel 2014 e fa parte della serie "Part of Legs" di Hassan. Scatto realizzato con Canon EOS 70D e obiettivo Canon EF 24-105mm f/4L IS USM a 45mm, 1/80 sec, f/4.5 e ISO100. ©Hassan Hajjaj, per gentile concessione di Wamuhu Wawer, dell'artista e di Fotografiska New York

Una donna con un'acconciatura elaborata dietro la testa indossa un top scintillante dal taglio profondo e una luce verde brilla su di lei.

Una foto realizzata per un sito di "cultura dei capelli" e presentata come parte della serie di Eliška "Light in the Dark", che dimostra le tecniche creative di fotografia in condizioni di bassa luminosità per la Canon Redline Challenge. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 24-105mm f/4L IS USM a 1/160 sec, f/4 e ISO4000. © Eliška Sky

Eliška: Nelle tue interviste, ho visto che ti piace quando la gente interagisce con la tua opera e la tocca. Non è solo una fotografia, è un'esperienza.

Hassan: Sì, perché così ti ritrovi dentro l'opera. E quando ti siedi lì, ne fai parte. Potresti guardare il tavolo e renderti conto che è un cartello stradale, perché ci sei dentro.

Eliška: È fantastico. Hai detto che il lavoro che fai riguarda molto la valorizzazione. Prendi oggetti quotidiani, tessuti molto economici e ne fai qualcosa di veramente unico. Dai potere alle persone rendendole le "rock star" delle tue fotografie.

Hassan: Esattamente. La serie "My Rock Star". Negli anni Settanta e Ottanta, quando si parlava di "rock star", si pensava a una persona bianca, con i capelli lunghi, gli occhiali da sole, la giacca di pelle, i pantaloni neri stretti e una chitarra. Ci hanno fatto credere che una rock star fosse questo tipo di persona. Si tratta di prendere un nome e riappropriarsene rendendo rock star un pugile o una danzatrice del ventre. Giocando di nuovo con queste parole. Cose iconiche che significavano qualcosa di diverso per me.

Quattro anni fa ho iniziato un progetto qui in Marocco. Mi sentivo egoista, facendo solo il mio lavoro, quindi ho organizzato una mostra per sostenere i fotografi marocchini. Avevo davvero tanti amici fotografi in passato, prima ancora che mi appassionassi alla fotografia, che mi hanno aiutato nel mio percorso. Sono in una fase e in un'età in cui volevo aiutare nello stesso modo.

Eliška: Faccio anche i corsi con Canon, parte del Canon Student Development Programme, e lì c'è sicuramente un feedback. Mi piace molto vedere il lavoro degli altri, vedere qual è il loro obiettivo e la loro visione. Lo trovo anche molto stimolante per la mia creatività.

Hassan: Ad alcune persone piace lavorare da sole, ad altre piace parlare. Dipende dalla personalità e dal tempo a disposizione. Sono abbastanza attivo con molti fotografi.
Una donna con un'acconciatura elaborata e l'immagine di un cielo notturno proiettata su di lei, rendendo visibili solo il suo viso e il busto.

"Prendo ispirazione da diversi campi", spiega Eliška, "non necessariamente dalla fotografia o parlando con altri fotografi, anche se può essere d'ispirazione anche questo". Un'altra foto della serie "Light in the Dark" di Eliška per la Canon Redline Challenge. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 24-105mm f/4L IS USM a 1/125 sec, f/4.5 e ISO3200. © Eliška Sky

Una donna con giacca e pantaloni bianchi e blu e camicia rossa, nera e verde, accovacciata davanti a uno sfondo a strisce rosa, viola e nere. La cornice della foto è fatta di lattine viola con un occhio adesivo su ciascuna di esse.

Quest'opera, creata insieme alla collega marocchina Lamia Naji, fa parte della serie "Maroc Stars" di Hassan, un omaggio o un'interpretazione del paesaggio culturale del Marocco. Scatto realizzato con Canon EOS 70D e obiettivo Canon EF 24-105mm f/4L IS USM a 1/30 s, f/4 e ISO320. © Hajjaj, per gentile concessione di Lamia Naji e dell'artista

Eliška: Il tuo stile è molto specifico. Hai sempre lavorato con questo stile o l'hai sviluppato?

Hassan: Ho sempre fatto servizi in studio, fin dall'inizio, documentando le persone. È stato influenzato dal fatto che ho solo tre foto di me stesso dall'età di 1 a 13 anni. [Hassan aveva 12 anni quando la sua famiglia si trasferì dal Marocco a Londra.]

Dalla mia esperienza posso dire che devi sempre credere in ciò che fai. Bisogna lavorare duramente, avere la passione, rialzarsi quando si cade e non arrendersi. Ci vuole molto tempo.

Eliška: Credo sia fantastico che, quando guardo le tue opere, so che sono tue. Mantieni l'estetica. Per me è abbastanza difficile mantenere un solo stile, perché ci sono diversi clienti o diversi lavori.

Hassan: Beh, anche questo viene con il tempo. Se pensi a Keith Haring, per esempio, di solito pensi allo specifico stile di lavoro per cui è conosciuto: i disegni colorati. Se facesse qualcosa di leggermente diverso, e lo farà perché è un artista, non lo riconosceresti mai come suo lavoro. Ma tutti i collezionisti vorranno comprare solo le opere per cui è conosciuto. Questo potrebbe uccidere la tua arte. Devi stare attento che uno stile rigido non ti ostacoli a lungo termine. Come fotografo, sono un grande fan della fotografia in bianco e nero, ma la maggior parte delle persone conosce le mie opere colorate.

Molti giovani mi chiedono "Come hai fatto?". Chiedo, dal loro punto di vista, cosa significa "farcela". Mi rispondono che per loro vuol dire diventare famosi, fare soldi e avere tutte queste mostre e altre cose. Non si tratta di questo. Si tratta di amare ciò che stai facendo e far sì che questo ti crei un percorso.

Scritto da Emma-Lily Pendleton


Articoli correlati

  • Un tordo di Gray con una bacca rossa nel becco è appollaiato su un ramo ricoperto di frutti di palma.

    Articolo

    Conversazioni spontanee: la magia degli animali

    I fotografi naturalisti Christian Ziegler e Marc Albiac parlano di fotografia di animali rari, fototrappole e dell'importanza della tutela dell'ambiente.

  • Uno scatto notturno di una donna in abito da sera nero in piedi tra i rami di un grande albero.

    ARTICOLO

    Impara a vendere bene il tuo stile come fotografo di moda

    Scopri i consigli essenziali di due fotografe di moda professioniste su come trovare una tua visione creativa unica e venderla ai clienti.

  • Sei pronto per un primo piano ultra ravvicinato?

    ARTICOLO

    Sei pronto per un primo piano ultra ravvicinato?

    Tina Eisen, fotografa professionista di moda e bellezza, spiega come ha sviluppato il suo particolare stile macro puntando la fotocamera su di sé.

  • Una modella che indossa un abito rosa cipria in mezzo a un bosco. Sullo sfondo si alza della nebbia.

    ARTICOLO

    9 suggerimenti per aspiranti fotografi di fine art

    Mena Hossam, specializzata in fotografia fine art, e Giles Huxley-Parlor, gallerista di arte contemporanea londinese, offrono consigli su come entrare nel mondo dell'arte.

  • Leggi la newsletter

    Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro