Articolo

Conversazioni spontanee: Christian Ziegler e Marc Albiac

Per continuare la nostra nuova serie, due fotografi naturalisti professionisti – un veterano del settore e un astro nascente – parlano liberamente di fototrappole, tutela ambientale e del valore delle conversazioni tra di loro.
Un tordo di Gray con una bacca rossa nel becco è appollaiato su un ramo ricoperto di frutti di palma.

Un tordo di Gray mangia un frutto di palma in una foresta nel centro di Panama in questa foto scattata dall'ecologo tropicale divenuto fotografato naturalista Christian Ziegler. Scatto realizzato con Canon EOS-1D X Mark II (ora sostituita da Canon EOS-1D X Mark III) e obiettivo Canon EF 300mm f/2.8L IS II USM con Canon Extender EF 1.4x III a 420 mm, 1/320 sec, f/4 e ISO1250. © Christian Ziegler

Il fotografo naturalista e Canon Ambassador Christian Ziegler, un ecologo tropicale, lavora nelle foreste pluviali da oltre 25 anni. Il vincitore di quattro premi World Press Photo è uno dei membri fondatori della International League of Conservation Photographers e dice: "Un lavoro significativo, per me, riguarda la tutela ambientale: non una bella foto, ma un contenuto che aiuti a salvaguardare una specie o un'area".

In questo secondo episodio di "Conversazioni spontanee", che mettono in contatto stimati fotografi con astri nascenti nel loro campo, Christian si unisce alla conversazione con il collega Canon Ambassador Marc Albiac. Marc, vincitore del premio Young Wildlife Photographer of the Year nel 2014, è anche uno studente di biologia e condivide l'interesse per la tutela ambientale. I due hanno instaurato la conversazione da casa loro: Marc da Barcellona e Christian dal sud della Germania, vicino al Lago di Costanza, dove si è recentemente trasferito dopo 15 anni in cui ha vissuto principalmente a Panama.
Una foto in bianco e nero del fotografo ambientalista Christian Ziegler.

Il fotografo ambientalista Christian Ziegler ha collaborato a progetti con la National Geographic Society a Panama, in Perù e in Bhutan, collabora regolarmente con la rivista National Geographic e ha tenuto mostre in tutto il mondo.

Il fotografo naturalista Marc Albiac con in mano una fotocamera Canon sulla quale è montato un lungo obiettivo.

Nato nel 1999, il pluripremiato studente e fotografo naturalista Marc Albiac ha iniziato a usare una fotocamera quando aveva solo cinque anni. Sta cercando un mentore per portare avanti il suo lavoro nella fotografia ambientalista.

Marc: Posso chiederti come e quando ti sei avvicinato alla fotografia?

Christian: Tardi! Avevo 20 anni. Stavo seguendo un corso per imparare a disegnare e avevo capito di non essere bravo. Mi sono dedicato alla fotografia perché pensavo avrei avuto più successo in quello. Ho preso una vecchia fotocamera e sono andato in Thailandia per un anno. Allora non c'erano molte persone che fotografavano la foresta pluviale, e volevo condividere la mia esperienza con gli amici. È così che ho iniziato a prendere seriamente in considerazione l'idea di scattare belle foto. Sono tornato a studiare biologia, e poi documentavo tutto solo per mostrare alla gente quello che stavo facendo. All'inizio era tutto molto scientifico. Si parla di 27 anni fa. Sono vecchio!
Marc: Di solito scatti foto vicino a casa tua?

Christian: Ultimamente sì, perché ho iniziato un nuovo lavoro al Max Planck Institute of Animal Behavior di Costanza. Fanno ricerche incredibili, quindi sono rimasto qui e li ho seguiti sul campo dove possibile. Tuttavia, di solito mi occupo dei viaggi internazionali per Max Planck. Tra tre settimane partirò per il Congo, per fotografare l'intero ecosistema del bacino del Congo.

Marc: Wow. Per quanto tempo rimarrai lì?

Christian: Solo un mese, ma ci andrò almeno sei volte nei prossimi tre anni. Questa zona ha urgente bisogno di essere documentata, perché esiste un accordo che vieta ai villaggi di cacciare in questa regione. È un'area molto vasta, 120 chilometri quadrati, e penso che sia unica nel bacino del Congo. È una sorta di Eden dell'Africa, perché lì non esiste la caccia e c'è anche una normale popolazione di scimmie, suini e bonobo. Documenterò l'intero ecosistema, da piante e insetti fino ai mammiferi, e vedrò com'era il bacino del Congo 200 anni fa.
Un tecnico che indossa guanti bianchi sta pulendo il sensore di una fotocamera Canon.

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services.
Una genetta comune si erge sulle zampe posteriori all'ingresso di una grotta.

Marc ha fotografato questa genetta, un carnivoro snello simile a un gatto, utilizzando una fototrappola che aveva posizionato all'ingresso della grotta in cui viveva l'animale. Scatto realizzato con Canon EOS-1D X Mark III e obiettivo Canon EF 8-15mm f/4L Fisheye USM a 15 mm, 1/160 sec, f/8 e ISO800. © Marc Albiac

Una martora nel mezzo di una radura in una foresta, gli alberi attorno sono incurvati per via dell'obiettivo fisheye.

Marc dice che quando devi essere paziente e tornare più volte per scattare la stessa foto, alla fine è una soddisfazione ancora più grande quando ci riesci. Questa foto accattivante di una martora, scattata con un obiettivo fisheye, è stata una delle due che Marc è riuscito a catturare dopo una lunga attesa. Scatto realizzato con Canon EOS-1D X Mark III e obiettivo Canon EF 8-15mm f/4L Fisheye USM a 15 mm, 1/400 sec, f/7.1 e ISO1600. © Marc Albiac

Marc: Non vedo l'ora di vedere i risultati di questo viaggio. Quali fotocamere e obiettivi porterai con te?

Christian: Porterò le fotocamere Canon EOS R5. Sono più piccole! Lavoro con queste da sei mesi e la qualità è eccellente. Per me, è importante che la fotocamera sia anche molto silenziosa.

Marc: Certo, perché per scattare fotografie ravvicinate devi essere silenzioso.

Christian: Sì! A causa dell'umidità della foresta, cerco di non cambiare spesso gli obiettivi. Utilizzo Canon RF 100-500mm F4.5-7.1 L IS USM, il grandangolo Canon RF 15-35mm F2.8L IS USM, Canon RF 100mm F2.8L Macro IS USM, e Canon RF 24-105mm F4L IS USM per scatti generici dello sfondo. Ho anche cinque flash. Mi piace usare il flash con i soggetti piccoli. Mi sembra che anche tu lo usi spesso.

Marc: Dipende. Mi piace fotografare serpenti e rane, questo tipo di animali, quindi la maggior parte delle volte non uso il flash, a meno che non abbia luce o voglia una foto speciale. Se è possibile, per fare in fretta, li fotografo con la luce naturale.

Christian: Ok. Io uso spesso il flash, ma con un'impostazione di compensazione dell'esposizione flash di -1 o -1,2 per ridurne l'intensità, solo per aggiungere un po' di luce. Penso che alla maggior parte degli animali come le rane non dia fastidio il flash.

Marc: No, è vero. Sono andato in Costa Rica a febbraio e ho scattato la maggior parte delle foto di notte.

Christian: Le ho viste. Belle inquadrature. Il Costa Rica è uno dei miei posti preferiti. Dove sei stato?
Marc: Grazie. È stato fantastico. Siamo andati nella parte centrale del Costa Rica e nelle foreste, poi siamo andati nel Corcovado. Ho fotografato molto durante la notte, usando il flash, ma era la prima volta che ci andavo, quindi non siamo stati molto fortunati nel trovare gli animali. Forse avrei dovuto provare a utilizzare una fototrappola.

Christian: Io uso le fototrappole da 25 anni. Ho inventato la prima fototrappola digitale per il National Geographic nel 2004. Ho un nuovo sistema con Canon EOS 6D Mark II e un obiettivo Canon EF 17-40mm f/4L USM. È un bel sistema e lo proverò in Congo, perché devono rimanere lì per due o tre anni. Per l'illuminazione utilizzo una cassetta di sicurezza per fototrappole personalizzata con tre flash e un monitor Wi-Fi commerciale. È tutto wireless, senza cavi ed è totalmente impermeabile. Spero che sopravviva al primo anno!

Marc: Quelle fotocamere resteranno là fuori per tre anni? Rimangono installate?

Christian: Sì. Ho un assistente lì che farà manutenzione una volta al mese, per cambiare la scheda di memoria, e la batteria al litio dura da cinque a sei settimane. Ho visto su Instagram che utilizzi le fototrappole.

Marc: Sì, ma le ho usate solo di notte, per quattro o cinque ore. Non ho molta esperienza perché ogni volta che le ho provate non ho avuto molto successo.

Christian: È normale. Penso che venga male il 99% degli scatti. Capita a tutti, ma quando va bene è davvero incredibile. È per questo che le uso. Devo documentare creature sconosciute, e forse ottengo solo una o due foto in un anno, ma quando escono bene sono molto speciali, perché si tratta di animali che non sono mai stati fotografati prima.
Un'immagine in bianco e nero di più famiglie all'interno di una grande tenda, con bambini che mangiano e vestiti appesi ai fili.

Candid Conversations: catturare la scena lontano dall'azione

L'esperto del settore Paolo Pellegrin e l'astro nascente Ksenia Kuleshova parlano di storytelling, delle innovazioni tecnologiche e dell'importanza della community.
Un'ape si nutre di nettare su un grosso fiore con un pistillo rosa e giallo e petali bianchi e viola.

A Christian piace utilizzare il flash quando deve immortalare piccoli soggetti, come questa ape che si avvicina a un bellissimo fiore di Gustavia superba in una foresta secondaria di Panama. "Le interazioni tra piante e animali mantengono in salute gli ecosistemi delle foreste tropicali, nei quali gli animali sono responsabili dell'impollinazione di oltre il 95% delle specie arboree e disperdono i semi di circa il 90% di queste specie", afferma. Scatto realizzato con Canon EOS-1D X Mark III a 21 mm, 1/250 sec, f/20 e ISO3200. © Christian Ziegler

Un tucano carenato è seduto su un ramo e tiene nel becco colorato un piccolo frutto di palma.

Un tucano carenato che si nutre di frutti di palma. I tucani hanno un ruolo importante nella conservazione delle foreste perché aiutano a spargere i semi di alcune piante e a rigenerare il suolo abbandonato. "Sono particolarmente importanti nelle foreste più giovani", spiega Christian. Scatto realizzato con fotocamera Canon EOS-1D X Mark III, obiettivo Canon EF 600mm f/4L IS III USM e Canon Extender EF 1.4x III a 840 mm, 1/800 sec, f/8 e ISO1600. © Christian Ziegler

Marc: Quattro anni fa volevo fotografare una martora, a 150 km di distanza da casa mia. Mio padre mi ha portato lì sei volte prima che riuscissi a fotografarne una. Penso fosse dicembre, ed è stato fantastico vederla. Sono riuscito a scattare solo due foto.

Christian: Fantastico. È questo il compromesso: investi un po' di più nello scatto e otterrai un risultato migliore.

Marc: Ci sono state delle volte in cui non sei riuscito a ottenere uno scatto?

Christian: Ho provato a fotografare una tigre in Bhutan per un anno e mezzo, e ho ottenuto un bello scatto, ma penso di aver bisogno di uno migliore, perché il soggetto è un po' decentrato.

Marc: C'è qualche animale di cui non hai foto?

Christian: Sì, molti. Il potamocero del bacino del Congo, un suino che vive in branchi da 20 a 50 esemplari. Penso molte piccole creature della famiglia dei mustelidi, che sono di circa sei o sette diverse dimensioni. Zibetti, una donnola, genette, un gatto dorato. Non esistono foto di questi animali allo stato brado. Spero di riuscire a fotografare un pangolino gigante.
Un pipistrello della frutta messicano è appeso a testa in giù al ramo di un albero di fico, con un frutto tra i denti.

Specializzato in ecosistemi tropicali, Christian passa molto tempo a studiare i luoghi in cui poi lavora. Questa immagine di un pipistrello della frutta messicano (Artibeus jamaicensis) è stata scattata a Panama, come parte del progetto "Secondary Forests In Panama – A Hopeful Story". "Sii paziente e meticoloso nel fotografare una specie o un'area", consiglia. Scatto realizzato con Canon EOS-1D X Mark II e obiettivo Canon EF 24-105mm f/4L IS II USM obiettivo 35 mm, 1/80 sec, f/20 e ISO2000. © Christian Ziegler

Marc: Hai ottenuto delle foto di animali che non ti aspettavi con la fototrappola?

Christian: Sì. Un fagiano che è comparso e ha ballato in una trappola per un panda rosso. E poi, nel profondo della foresta, è apparso un normale cane! Si trovava a un giorno dal villaggio più vicino, quindi non so come abbia fatto. In sostanza, ci sono molti falsi allarmi: foglie che cadono, forse un filo d'erba. La cosa più comune è il nulla. Spesso una falena o un pipistrello la fanno scattare.

Marc: Anche a me è capitato. Quando ottieni la foto che desideri è ancora più soddisfacente dopo questa sfida. Ok, ora vorrei parlare di tutela ambientale.

Christian: È molto importante parlarne. Tutto quello che faccio è per la tutela ambientale.

Marc: È sempre stata la cosa più importante per te?

Christian: All'inizio no, ma poi ho viaggiato in Borneo, Thailandia e Africa, delle aree in cui la foresta è veramente minacciata. In Madagascar, solo il 7% della foresta esiste ancora. Ora scelgo progetti che evidenzino queste problematiche, mi sono occupato di casuari, bonobo e camaleonti perché sono tutte specie a rischio. Metto in evidenza queste creature nel loro habitat naturale, perché si sta riducendo in modo massiccio ed è necessario parlarne di più. La superficie del Borneo in questo momento è coperta per il 27% da foreste, ma tra 20 anni lo sarà meno del 10%. In Africa la situazione è peggiore, soprattutto in Madagascar. Ecco perché andrò in Congo, perché è l'ultima area in cui non è consentita la caccia, forse per i prossimi 10 anni.

Marc: Come pensi che la fotografia possa contribuire alla tutela ambientale?

Christian: Quando pubblico su GEO o sul National Geographic, i lettori scoprono questa incredibile area. Parlo con l'autore spiegando cosa la rende speciale e cosa la mette a rischio. Quando mi propongono un nuovo progetto, mi chiedo se aiuti a salvaguardare la natura. Se la risposta è no, non lo accetto.
Un serpente inizia a inghiottire una rana su un albero, in bocca ha già tutta la testa.

Marc solitamente utilizza il flash solo di notte o quando cerca di ottenere un aspetto particolare. Questa incredibile immagine di un serpente che mangia una rana, che Marc descrive come "natura allo stato puro", è stata scattata durante la sua prima notte nel parco nazionale del Corcovado, in Costa Rica. Scatto realizzato con Canon EOS-1D X Mark III e obiettivo Canon EF 100mm f/2.8 Macro USM a 1/250 sec, f/4 e ISO200. © Marc Albiac

Marc: Come può la fotografia influenzare le persone?

Christian: Grazie alle informazioni che accompagnano la foto. La tigre che ho fotografato in Bhutan vive lì perché in quel paese è completamente protetta dai bracconieri, ma lì ne sono rimasti solo 80 esemplari. È molto importante dire che ce ne sono così poche, e che quando attraversano il confine con l'India finiscono nelle mani dei bracconieri. Lo spieghiamo davvero bene, per dare supporto al Bhutan.

Marc: Penso che i fotografi molto noti possono occuparsi di tutela ambientale. Ma è difficile se non hai una rivista che pubblica i tuoi lavori.

Christian: Per questo penso che i concorsi siano una buona cosa, permettono di raggiungere molte persone che scoprono la tua fotografia e il suo scopo. Penso che i concorsi siano utili anche per noi per incontrare altri fotografi, per avere nuove idee, per stare insieme e magari imparare gli uni dagli altri, perché sul campo siamo sempre da soli. La fotografia è un mestiere difficile, hai bisogno di amici che facciano lo stesso, che ti ascoltino, per sapere che non sei solo.

Marc: Un mio sogno è occuparmi di fotografia ambientalista.

Christian: Credo che tu debba pensare a lungo termine. Spero che molti altri lo facciano. Il mio consiglio è di specializzarti, diventare davvero bravo in qualcosa, idealmente in più aree. Per esempio, diventa uno specialista di fototrappole, di fotografia macro o paesaggistica. In questo modo la gente penserà a te.

Scritto da Emma-Lily Pendleton


Articoli correlati

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro