ARTICOLO

Il kit essenziale del quale i fotografi della Coppa del Mondo di Rugby 2019 non potrebbero fare a meno

Hannah Peters tiene sempre un obiettivo Canon EF 70-200mm F2.8L IS II USM (ora sostituito da Canon EF 70-200mm F2.8L IS III USM) montato su una delle due fotocamere che porta ai match, in modo da poter scattare fotografie delle mete. Qui, Bryan Habana del Sudafrica segna una meta durante una partita della Coppa del Mondo di Rugby 2011 contro Samoa ad Auckland, Nuova Zelanda. Scatto realizzato con Canon EOS-1D Mark IV (ora sostituita da Canon EOS-1D X Mark II) a 80 mm, 1/800 sec, F2.8 e ISO1250. © Hannah Peters/Getty Images

I fotografi sportivi professionisti hanno molte esigenze differenti in merito all'attrezzatura fotografica, nel loro tentativo di catturare i migliori scatti d'azione possibili. Fotografano di tutto, da primi piani di momenti cruciali che durano meno di una frazione di secondo a scenari più ampi che racchiudono tutta l'atmosfera di un evento. I kit devono soddisfare tutte le condizioni e includere i teleobiettivi a focale fissa più veloci e gli obiettivi grandangolari, oltre ad altri accessori essenziali come flash e trasmettitori wireless.

La Rugby World Cup 2019™, che viene disputata in Giappone dal 20 settembre al 2 novembre, è uno dei grandi eventi sportivi internazionali, e molti tra i migliori fotografi sportivi del mondo porteranno con sé un arsenale completo di kit per documentarlo. I fotografi sportivi di Getty Images sono tra coloro che si preparano a coprire il campionato. Tutti hanno il proprio stile personale di fotografia e rappresentano l'evento in modi diversi.

Canon Professional Services

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services

"Cerco sempre di lavorare da diverse prospettive, mantenere gli sfondi puliti e far trapelare le emozioni ogni volta che posso", dice la fotografa sportiva di Getty Images Hannah Peters. Nel frattempo, il suo collega Mark Kolbe punta a "raccontare la storia dell'evento e mostrare le personalità delle persone che sto riprendendo". Sebbene la gran parte del suo lavoro sia fotografare sport ad alta intensità, afferma che il suo obiettivo principale è "catturare immagini al culmine dell'azione".

Il collega e fotografo sportivo di Getty Images, Cameron Spencer, cerca di catturare punti di vista originali utilizzando varie tecniche di ripresa. "Sono molto meticoloso quando fotografo: voglio immagini pulite, che possiedono un carattere creativo e spesso sono semplici nella loro composizione", dice. "Mi piace anche catturare momenti che trasmettono un'emozione, che si tratti della gioia di aver vinto una partita o aver segnato una meta, o dello sconforto quando le cose non vanno per il verso giusto".

Ma a quale attrezzatura si affidano questi tre esperti fotografi sportivi per catturare questi scatti speciali? Qui, ciascuno di loro rivela l'unico elemento del kit di cui non avrebbe potuto fare a meno per la Coppa del Mondo di rugby di quest'anno.

England rugby player Delon Armitage is tackled by an Argentina player, other players running nearby. Photo by Mark Kolbe.
Mark Kolbe si è affidato per molto tempo alla gamma di reflex digitali professionali Canon, passando dai modelli precedenti a Canon EOS-1D X Mark II. Ha realizzato questo scatto dell'inglese Delon Armitage, placcato dall'argentino Agustín Creevy durante una partita di Coppa del Mondo di rugby 2011 tra Argentina e Inghilterra all'Otago Stadium di Dunedin, Nuova Zelanda, con Canon EOS-1D Mark IV a 400 mm, 1/1000 di secondo, F2.8 e ISO1250. © Mark Kolbe/Getty Images
A Canon EOS-1D X Mark II DSLR.

Canon EOS-1D X Mark II

Supera i limiti di una velocità di scatto ultra rapida con il sensore CMOS, un'area di messa a fuoco ampliata e fino a 14 fps con il tracking AF/AE completo.

Mark Kolbe è fotografo sportivo a tempo pieno di Getty Images a Sydney, Australia, da oltre 10 anni. Ha lavorato durante molti eventi sportivi internazionali, tra cui due Olimpiadi estive, due Coppe del Mondo FIFA e la Coppa del Mondo di Rugby 2011.

"Canon EOS-1D X Mark II è l'opzione che scelgo, perché è eccezionale per la fotografia sportiva", afferma Mark. "La velocità della messa a fuoco e del tracking è eccezionale, con prestazioni migliori di qualsiasi altra fotocamera che abbia mai usato. Quando perdi la messa a fuoco, o la devi cambiare, è estremamente veloce e si mantiene sul soggetto. È ideale per gli sport ad alta velocità come il rugby, perché ha un tracking eccezionale, anche con così tanti soggetti in movimento che entrano ed escono dall'inquadratura.

"Un buon fotografo sportivo viene ricompensato da immagini nitide e precise in condizioni in cui si sarebbe fatto fatica a lavorare anche solo 10 anni fa. La capacità del sensore di catturare i dettagli in condizioni di scarsa illuminazione è impressionante. I 14 fps ti danno un miglior risultato col minimo sforzo, soprattutto nei momenti più intensi. Nella fotografia sportiva, dove tutto è in rapido movimento, avere questi fotogrammi aggiuntivi ti permette di immortalare quella frazione di secondo di un'azione clou.

"Ero un grande fan di EOS-1D X e delle sue prestazioni, quindi quando sono passato a Canon EOS-1D X Mark II non mi aspettavo molto di più. Tuttavia, l'aumento del frame rate aggiunto era davvero utile, e il tracking della messa a fuoco migliorato era un enorme vantaggio. Inoltre, le maggiori prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione miglioravano in modo evidente la qualità della fotografia sportiva notturna. Le immagini scattate di notte negli stessi luoghi e negli stessi stadi con EOS-1D X Mark II sono di qualità nettamente migliore.

"Canon EOS-1D X Mark II mi ha permesso di scattare foto che altrimenti non avrei potuto realizzare, in particolare in condizioni di scarsa illuminazione. Ho dovuto fotografare le prime partite della Football Federation Australia Cup in alcune zone suburbane molto buie. In passato sarebbe stato impossibile fotografare l'azione a una velocità dell'otturatore abbastanza rapida da evitare scatti mossi, invece Canon EOS-1D X Mark II mi permette di catturare immagini nitide e ben esposte".

Fiji rugby player Netani Edward Talei of Fiji goes to score a try, Samoa players trying to stop him. Photo by Hannah Peters.
Netani Edward Talei delle Fiji segna una meta durante una partita di Coppa del Mondo di Rugby 2011 contro il Samoa all'Eden Park di Auckland, Nuova Zelanda. Scatto realizzato con Canon EOS-1D Mark IV (ora sostituita da Canon EOS-1D X Mark II) e obiettivo Canon EF 70-200mm F2.8L IS II USM a 150 mm, 1/2656 sec, F4 e ISO640. © Hannah Peters/Getty Images
A Canon EF 70-200mm f/2.8L IS III USM lens.

Canon EF 70-200mm F2.8L IS III USM

Un teleobiettivo zoom molto amato dai fotografi professionisti: rapido, flessibile e adatto a qualsiasi situazione.

Hannah Peters vive ad Auckland, Nuova Zelanda, ed è specializzata in sport invernali, sport paralimpici e competizioni multisport. Dal 2010 è stata fotografa a tempo pieno per Getty Images. Ha fotografato grandi eventi come le Olimpiadi estive, i Giochi del Commonwealth e la Coppa del Mondo di Rugby.

Dice Hannah: "L'obiettivo Canon EF 70-200mm F2.8L IS II USM (ora sostituito da Canon EF 70-200mm F2.8L IS III USM) è il mio componente essenziale, perché amo la sua versatilità e quando lo porto con me posso essere certa di non perdermi un solo scatto. Utilizzo la versione Mark II di questo obiettivo da otto anni. Il principale cambiamento che ho notato rispetto alla versione precedente è stata la migliore messa a fuoco in condizioni di scarsa illuminazione.

"Per me, la sua caratteristica più importante è la messa a fuoco alle aperture più ampie, F2.8 e F3.2. Anche la velocità di messa a fuoco è ottima, specialmente quando devo avere i riflessi pronti durante una partita di rugby, per esempio quando si sta segnando una meta.

"Uso principalmente aperture comprese tra F2.8 e F5.6. La capacità di scattare a F2.8 è molto importante nel mio lavoro. Sicuramente mi aiuta a migliorare situazioni difficili, perché così posso portare lo sfondo fuori fuoco.

"L'obiettivo 70-200 mm è sempre sulla mia seconda fotocamera, sulla la mia spalla, durante le partite, pronto per foto di mete, rimesse laterali o inni nazionali: qualsiasi situazione in cui devo riprendere qualcosa di più ampio. È ottimo anche per primi piani di giocatori e altri scatti in cui ho bisogno di un po' di versatilità nello zoom".

Ireland rugby player Rob Kearney tackles Kurtley Beale of Australia. Photo by Cameron Spencer.
L'obiettivo da 400 mm è il preferito di Cameron per catturare l'azione sul campo. Qui l'irlandese Rob Kearney placca l'australiano Kurtley Beale durante la Coppa del Mondo di Rugby 2011 all'Eden Park di Auckland, Nuova Zelanda. Scatto realizzato con Canon EOS-1D Mark IV (ora sostituita da Canon EOS-1D X Mark II) e obiettivo Canon EF 400mm F2.8L IS II USM a 1/1000 sec, F3.5 e ISO1600. © Cameron Spencer/Getty Images
A Canon EF 400mm f/2.8L IS III USM lens.

Canon EF 400mm F2.8L IS III USM

Un super teleobiettivo con apertura rapida e dalle prestazioni professionali: ideale per la fotografia di sport, attualità e natura.

Cameron Spencer, che lavora a Sydney, Australia, è fotografo di Getty Images dal 2004. Ha fotografato sei Giochi Olimpici (estivi e invernali), quattro Giochi del Commonwealth, tre Coppe del Mondo di Rugby e i Mondiali FIFA in Sud Africa e Brasile.

"Il rugby è stato il primo sport che ho fotografato", dice Cameron. "Di tanto in tanto scattavo foto per le partite di rugby della mia scuola e della squadra di quartiere, all'inizio della mia carriera. Il mio obiettivo preferito è sempre stato un 400 mm. È la lunghezza focale giusta per catturare l'azione sul campo, a meno che non si tratti di una meta sull'angolo, per la quale uso un obiettivo più corto su un secondo corpo. Scattare a F2.8 aiuta a separare il soggetto dallo sfondo, creando un impatto maggiore e un'immagine più pulita.

"La caratteristica più ovvia dell'obiettivo Canon EF 400mm F2.8L IS III USM è la differenza di peso rispetto ai precedenti: è nettamente più leggero. Uso sempre un monopiede quando scatto con l'obiettivo EF 400mm F2.8L IS III USM. In ogni caso, per servizi brevi, come una conferenza stampa, ora posso tenerlo comodamente in mano.

A female athlete soars over a high jump.

10 modi per migliorare la tua fotografia sportiva

Tom Jenkins, pluripremiato fotografo sportivo per il Guardian, condivide i suoi migliori suggerimenti per scattare splendide foto sportive.

"La messa a fuoco è fulminea e il rilevamento è molto buono, anche in condizioni di scarsa illuminazione. Una cosa che ho notato è che se devo ritagliare in modo significativo un'immagine, con Mark III il risultato è migliore.

"Indipendentemente dall'illuminazione dello stadio o dell'arena, scattare a F2.8 è fondamentale per quasi tutte le partite notturne e gli eventi al chiuso, per ottenere un'immagine di qualità e una velocità dell'otturatore elevata per immortalare l'azione.

"Utilizzerò EF 400mm F2.8L IS III USM per la maggior parte delle partite della Rugby World Cup, così come per tutti gli allenamenti che seguo. Ho lavorato molto con il rugby nel corso degli anni e so quali sono le distanze che preferisco per fotografare le partite sul campo. Qualsiasi lunghezza focale più lunga significherebbe scattare a F4 come apertura massima, e penso che la qualità ne risentirebbe. Quindi, per le fotografie di rugby, volendo scattare a F2.8 - F3.5, non c'è niente di meglio di questo obiettivo".

Scritto da David Clark


  • Canon è sponsor ufficiale della Rugby World Cup 2019™, che si disputerà in Giappone dal 20 settembre al 2 novembre. I fotografi sportivi di Getty Images Mark Kolbe, Hannah Peters e Cameron Spencer saranno i fotografi ufficiali dell'evento.
  • TM © Rugby World Cup Limited 2015. Tutti i diritti riservati.

Articoli correlati

Visualizza tutto

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro

Registrati ora