ARTICOLO

Come EOS R rende la fotografia di famiglia migliore

Per i propri lavori, Helen cattura sia bambini che genitori in momenti spontanei. Scatto realizzato con Canon EOS R e obiettivo Canon RF 35mm f/1.8 IS Macro STM a 1/1000 sec, f/1.8 e ISO1600. © Helen Bartlett

La fotografa ritrattista londinese Helen Bartlett è famosa per i suoi ritratti in stile classico in bianco e nero, ma non c'è nulla di datato o formale nel suo approccio.

Canon Professional Services

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services

"Il mio approccio è quello di fare fotografie per i genitori nel presente e per i bambini quando saranno più grandi", spiega. "Ad alcuni fotografi piace scattare foto in posa, ma io preferisco i momenti più veri perché forniscono sempre le migliori espressioni. In realtà gli scatti che rimangono più impressi non sono quelli in posa perfetta, con un aspetto angelico, ma quelli catturati prima o dopo un'interazione o un momento di ilarità".

Quest'estate ha trascorso diverse settimane a fotografare gli amici insieme alle loro famiglie utilizzando il sistema mirrorless full-frame Canon EOS R. Era determinata a "fare foto che fossero realistiche", afferma. "Non ho affittato spazi o costruito set, sono andata nei soliti posti dove andiamo tutti. Ho fotografato le persone intorno alle loro case, al parco, nel bosco o in vacanza.

"Allo stesso modo, volevo fotografare famiglie vere. Non volevo fotografare bambini-modelli perché volevo che fosse come un normale servizio fotografico, così ho potuto dire alla gente: Guarda: queste foto sono state scattate in un piccolo appartamento, quindi non c'è motivo per cui non puoi scattare foto come questa in casa tua".

Two children in a garden. One has a puzzled expression and is looking up at something out of view, a finger to his chin.
Helen lavora duramente per catturare i suoi soggetti in momenti naturali, rendendo gli scatti divertenti ovunque siano realizzati. Scatto realizzato con Canon EOS R e obiettivo Canon RF 35mm f/1.8 IS Macro STM a 1/125 sec, f/2.5 e ISO2500. © Helen Bartlett

Foto di famiglia con EOS R

Helen ha scelto Canon da tempo ed è rimasta sempre fedele, in questo periodo scatta principalmente con Canon EOS-1D X Mark II. "La sua robusta qualità costruttiva è ideale per resistere alla costruzione di castelli di sabbia, agli spruzzi di bagnoschiuma, alle dita appiccicose e a tutti gli altri pericoli esistenti quando si fotografano i bambini piccoli", dice. Ma trova che Canon EOS R offra diversi vantaggi.


1. Si adatta ad ogni spazio

Parte del lavoro di Helen è quello di tirare fuori il meglio dallo spazio a disposizione, operazione che, secondo lei, è stata resa molto più semplice dal touch screen Vari-angle di EOS R. "A volte scatto in luoghi ampi dove c'è molto spazio, altre volte mi trovo in condizioni di spazio molto ristrette. Avere lo schermo articolato mi aiuta a posizionare la fotocamera in posti che normalmente non sarei in grado di raggiungere: è incredibile. Posso tenere la fotocamera al mio fianco. Anche se riesco ad avere quei pochi centimetri in più in cui prima non riuscivo a far entrare una fotocamera, lo trovo utilissimo".

2. Mostra lo scatto

"Anche il mirino EVF è incredibile per vedere la luce e avere più sicurezza quando si scatta velocemente in condizioni di luce scarsa", sostiene Helen. "Quando lavori con i bambini, cambiano continuamente posizione. Non posso entrare in una stanza e dire "Sì, è lì che c'è la luce migliore, quindi è lì che vado a scattare". È da lì che si inizia di solito, ma due minuti dopo ti accorgi che stai scattando controluce o sono andati via e hanno acceso una luce effetto stelle, quindi essere in grado di spostare l'illuminazione molto rapidamente per vedere in tempo reale il risultato per me è il massimo".

A mother runs, carrying her young child on her shoulders.
Tieniti forte! Helen ha utilizzato l'autofocus di Canon EOS R per catturare una madre e un bambino in movimento su uno sfondo sfocato. "La flessibilità dei [5.655] punti di messa a fuoco di EOS R consente di spostare l'area di messa a fuoco al di fuori degli spazi chiave che le fotocamere hanno finora concesso, ottimo per riprendere soggetti in rapido movimento con effetto grandangolare", afferma. Scatto realizzato con Canon EOS R e obiettivo Canon RF 50mm f/1.2L USM a 1/15 sec, f/13 e ISO100. © Helen Bartlett

3. Il silenzio è d'oro

Poiché parte del repertorio di Helen è la fotografia dei neonati, è stata immediatamente attratta dall'otturatore silenzioso di EOS R. "C'è sempre quel momento in cui cerchi di scattare una foto a un neonato addormentato e si sente quel rumore di scatto davvero forte. Gli occhi del bambino si aprono e poi devi cercare di farlo riaddormentare. Quindi si ripete lo stesso rumore e tutta la questione va per le lunghe. Ma avere un otturatore silenzioso è ideale per me, non solo per i neonati, ma anche se un bambino è stanco e stai cercando di essere discreto. Significa che puoi ancora interagire con loro, senza che la fotocamera li infastidisca".

4. Migliora la messa a fuoco

Helen è certa che l'autofocus avanzato di EOS R sarà un vantaggio per i fotografi che lavorano in condizioni di illuminazione complicate. "A volte, se sei controluce con un forte effetto contrasto, come nei boschi, puoi vedere che la fotocamera inizia a cercare punti di messa a fuoco", spiega. "Ma la flessibilità dei [5.655] punti di messa a fuoco di EOS R consente di spostare l'area di messa a fuoco al di fuori degli spazi chiave che le fotocamere hanno finora concesso, ottimo per riprendere soggetti in rapido movimento e con effetto grandangolare", afferma. Normalmente, è necessario utilizzare quelli con la quadrettatura a tratteggio incrociato, mentre con questo sistema puoi scegliere qualsiasi punto. "Penso che introdurrà importanti cambiamenti nella composizione".

5. Qualità dell'obiettivo

Quando si tratta di scelta degli obiettivi, Helen rivela di usare gli obiettivi a focale fissa per il 99% del suo lavoro. "Sono necessari quando si scatta in interni ed è buio, ma anche perché i bambini si muovono velocemente", afferma. "Non vedevo l'ora di provare gli obiettivi Canon RF 50mm f/1.2L USM e RF 35mm f/1.8 IS Macro STM, che sono assolutamente incredibili. Il 50mm è di gran lunga il miglior obiettivo che abbia mai usato; è davvero nitido e veloce. Quando si scatta una fotografia a un bambino in movimento a f/1.2, non c'è davvero alcun margine di errore. Anche la qualità del 35mm è semplicemente superiore. Ha una funzionalità macro perfetta per fotografare i neonati o i bambini più piccoli, perché posso muovermi per ottenere tutti quei piccoli dettagli, come le ciglia o il sorriso, senza dover avere un altro obiettivo".

A photograph of two children sitting in a field. One child is tapping the other, who is looking to the camera.
"Preso!": i bambini sono al centro di molti dei ritratti di famiglia della Canon Ambassador Helen Bartlett. Scatto realizzato con la fotocamera mirrorless full-frame Canon EOS R e obiettivo Canon RF 50mm f/1.2L USM a 1/6400 sec, f/1.2 e ISO500. © Helen Bartlett

Diversi anni di esperienza

Helen parla per esperienza; fotografa bambini fin da quando era anche lei una bambina. "Mio padre era un appassionato fotografo amatoriale, quindi avevamo una camera oscura a casa e ho iniziato a stampare le mie foto dall'età di otto anni", rivela la Canon Ambassador. "Mia madre aveva un asilo a casa nostra, quindi c'erano sempre una trentina di bambini di età compresa tra due a quattro anni che giocavano nel nostro seminterrato. Quando ero adolescente, li fotografavo, poi stampavo le foto e le vendevo ai genitori. Racimolavo un gruzzolo che mi permetteva di non dover trovare un lavoretto estivo, inoltre era divertente perché i bambini sono davvero spassosi, pieni di meraviglia e curiosità".

A young girl sits on her father's shoulders. She wears a party dress and he wears a suit.

Suggerimenti di Lyndsey Goddard sulla fotografia nei matrimoni

La fotografa documentarista di matrimoni Lyndsey Goddard spiega come resta invisibile per catturare i momenti indimenticabili.

Quando ha terminato la scuola, Helen non era sicura che sarebbe stata in grado di trasformare il suo hobby in un lavoro vero e proprio, così ha iniziato a studiare storia medievale all'università. Ma dopo un'incursione nella ricerca televisiva, si è ritrovata attratta dal suo primo amore. "Avevo sempre pensato che fosse un sogno irrealizzabile, ma la fotografia digitale stava diventando accessibile e tutto è andato per il meglio", sostiene.

Perché il bianco e nero? "Mio padre fotografava me e i miei fratelli quando eravamo bambini e lo faceva in bianco e nero. Il risultato era ottimo allora come lo è oggi", spiega.

Quindi, qual è il segreto del successo quando si tratta di fotografare i bambini? "Divertirsi", rivela Helen. "Ai bambini piace divertirsi. Se si divertono hanno espressioni genuine. Quindi basta fare un gioco, ad esempio acchiapparella o Un, due, tre stella! per radunarli tutti nello stesso spazio e farli divertire non pensando di essere fotografati. Anche il fotografo può entrare nell'immagine, impostando l'autoscatto sulla fotocamera. "Se i bambini pensano che ti stai divertendo, si divertiranno a loro volta".

A portrait of a baby girl with dark hair and wide eyes looking up and smiling at the camera.
Naturalmente, Helen realizza anche numerosi ritratti tradizionali. "Canon RF 50mm f/1.2L USM è di gran lunga il miglior obiettivo che abbia mai usato; è davvero nitido e veloce", afferma. Scatto realizzato con Canon EOS R e obiettivo Canon RF 50mm f/1.2L USM a 1/400 sec, f/4.5 e ISO500. © Helen Bartlett

E per quanto riguarda le sfide? Chiunque abbia lavorato con i bambini sa che a volte è necessario qualche trucco nella manica. "Chi lavora con i più piccoli è consapevole del fatto che di tanto in tanto fanno i capricci, ma la situazione si risolve facilmente con un biscotto al cioccolato", ride. "Fare i giocolieri con bambini di età diverse che hanno anche esigenze diverse può essere complicato. Ma è qui che entra in gioco un po' di psicologia, perché in una certa misura si può entrare in una stanza e capire nel giro di cinque minuti con chi avere prima a che fare e in che modo. Qualcuno sembra più stanco? Bisogna uscire di casa il più velocemente possibile o è meglio stare in casa, in un ambiente familiare per i bambini?

"Se dovessi offrire un consiglio ad altri fotografi che si occupano di ritratti di famiglia sarebbe: non fatevi prendere dal panico. Spesso le immagini migliori vengono quando meno te lo aspetti e molte delle mie fotografie preferite sono nate da un'attività che inizialmente pensavo non avrebbe funzionato".

A mother and child sit together reading a picture book. The child is looking at the camera.
L'intimità è la chiave del successo della fotografia di Helen, per questo l'otturatore totalmente silenzioso di Canon EOS R l'ha conquistata immediatamente. Scatto realizzato con Canon EOS R e obiettivo Canon RF 50mm f/1.2L USM a 1/1250 sec, f/2.2 e ISO1000. © Helen Bartlett

Secondo Helen, il sistema full-frame mirrorless Canon EOS R avrà diverse implicazioni non solo per i professionisti, ma anche per i fotografi dilettanti.

"Prima siamo dovuti passare al digitale dalla pellicola, che costringeva a stampare le foto per poi cercare di ricordare cosa era stato fatto di sbagliato", dice. "Arrivati al digitale, si scattava la foto e poi si riguardava al computer per capire cosa era stato fatto di sbagliato. Ora puoi guardare nel mirino mentre scatti e vedere immediatamente cosa stai sbagliando, quindi le modifiche possono essere eseguite in tempo reale.

"Ciò significa che le persone scatteranno meno foto, ma migliori, e impareranno più velocemente, quindi la qualità della fotografia che vediamo farà un notevole balzo in avanti. Questo è particolarmente vero per i semplici appassionati che fotografano i propri figli. Saranno in grado di migliorare rapidamente e con entusiasmo, pertanto potranno scattare più foto e migliorare ancora. Lo trovo fantastico".

Scritto da Natalie Denton e Gary Evans


Il kit di Helen Bartlett

Il kit essenziale usato dai professionisti per scattare le loro foto

Two Canon EOS-1D X Mark II camera bodies, a Canon EOS R body, and various lenses, batteries and memory cards, plus a child’s toy train and gingerbread man.

Fotocamere

Canon EOS R

Una fotocamera mirrorless full-frame all'avanguardia che definisce nuovi standard. Helen afferma: "Ora puoi guardare nel mirino mentre scatti e vedere immediatamente cosa stai sbagliando, quindi le modifiche possono essere eseguite in tempo reale".

Canon EOS-1D X Mark II

Sensore CMOS full-frame da 20.2 MP ad alta sensibilità, sistema Dual Pixel AF con espansione a 61 punti e acquisizione video 4K. "La sua robusta qualità costruttiva è ideale per resistere alla costruzione di castelli di sabbia, agli spruzzi di bagnoschiuma, alle dita appiccicose e a tutti gli altri pericoli esistenti quando si fotografano i bambini piccoli", sostiene Helen.

Obiettivi

Canon RF 50mm f/1.2L USM

L'obiettivo RF stabilisce nuovi standard nelle prestazioni fotografiche, offrendo nitidezza eccellente, maggiore controllo creativo e prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione semplicemente eccezionali. "Il 50mm è di gran lunga il miglior obiettivo che abbia mai usato; è davvero nitido e veloce", secondo Helen.

Canon RF 35mm f/1.8 IS Macro STM

Obiettivo grandangolare a focale fissa con un'ampia apertura massima f/1.8 e modalità macro. Secondo Helen, "la qualità del 35mm è semplicemente superiore. Ha una funzionalità macro perfetta per fotografare i neonati o i bambini più piccoli"

Articoli correlati

Visualizza tutto

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro

Registrati ora