ARTICOLO

La storia dietro lo scatto documentaristico di Mashid Mohadjerin

Questi giovanissimi contadini nella valle del Giordano stavano facendo una pausa in una posizione che la fotografa Mashid Mohadjerin aveva trovato interessante e visivamente piacevole, ma si sono sparpagliati quando l'hanno vista preparare la macchina fotografica. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM. © Mashid Mohadjerin

Mashid Mohadjerin, Canon Ambassador e fotografa documentarista nata a Teheran, era in viaggio nella valle del Giordano quando ha incontrato questo gruppo di giovanissimi contadini che facevano una pausa per fumare una sigaretta. Il risultato è stato uno scatto spontaneo, molto apprezzato dalla fotografa perché non pianificato, con quell'elemento di sorpresa che emerge chiaramente nel risultato finale.

Canon Professional Services

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services

"Era il 2016. Ero in viaggio nella valle del Giordano (quel giorno con un'organizzazione di attiviste chiamata Machsom Watch) come parte di un progetto personale sulle donne e la resistenza in Medio Oriente. Il gruppo di attiviste è composto da donne israeliane che osservano, monitorano e documentano i posti di controllo delle Forze di difesa israeliane in Cisgiordania", racconta.

Formatasi come artista visiva, Mashid ha approfondito nella propria attività di fotografa temi quali il trasferimento, l'identità culturale, la resistenza e la protesta. Ha lavorato con soggetti e pubblicazioni in tutto il mondo. Questo viaggio nella valle del Giordano faceva parte di un progetto di ricerca artistica che è diventato oggi un lavoro di dottorato di ricerca in Arte portato avanti da Mashid presso la Royal Academy of Fine Arts di Anversa, in Belgio.

"Questi ragazzi sono contadini. Sono giovani adolescenti, probabilmente tra i 13 e i 16 anni. Li ho visti insieme che fumavano e chiacchieravano, come in una scena da film. Ma quando ho tirato fuori la macchina fotografica, molti di loro sono scappati o si sono nascosti: non volevano essere immortalati in una fotografia mentre fumavano! Solo il ragazzo al centro è rimasto esattamente nella stessa posizione continuando a fissare la macchina fotografica. Anche se la scena iniziale è cambiata, penso ancora che sia un'immagine forte con l'aggiunta del movimento di alcuni dei ragazzi che scappano o cercano di nascondersi".

An elderly Palestinian shepherd in a yellow coat stands on a rocky hillside with his flock.
Fouad, un pastore della valle del Giordano. © Mashid Mohadjerin
A young Rohingya girl holding an umbrella, photographed by Veronique de Viguerie.

Veronique de Viguerie: documentare il pericolo

L'intrepida fotogiornalista francese parla della propria motivazione e descrive le competenze e le tecniche necessarie per fotografare gruppi di persone pericolose.

Per catturare l'immagine dei giovani contadini, Mashid ha utilizzato un obiettivo relativamente nuovo per lei. "Ho realizzato un solo scatto. Stavo usando la mia Canon EOS 5D Mark III e un obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM, con cui avevo appena iniziato a lavorare. Gli obiettivi più recenti della serie L sono molto rapidi. Questo fattore è essenziale per il tipo di fotografia in cui si deve catturare un momento. Se il tuo obiettivo non reagisce abbastanza velocemente, perdi l'attimo.

"Di solito preferisco lavorare con obiettivi stabilizzati, ma in questo caso con lo zoom ci sono ancora più possibilità di catturare il momento, una scena, un'espressione che può passare in pochi secondi. "Devi essere in grado di catturare l'attimo prima che svanisca".

Questa immagine è tipica dello stile documentaristico di Mashid, che ricorre a scatti spontanei come strumento per esplorare "momenti umani autentici", come da lei stessa affermato. "Sono sempre alla ricerca di quel momento in cui la persona non è del tutto consapevole del fatto che la macchina fotografica sia presente, prima che diventi consapevole di sé e modifichi la sua espressione o la sua postura in base al fotografo. Mi piace che le mie immagini abbiano un'atmosfera dinamica ma allo stesso tempo anche una sensazione di immobilità, come se il tempo fosse stato congelato. Questo è ciò che rende la fotografia unica e ricercata da molti, forse per il desiderio di tenersi stretti piccoli frammenti di tempo che passa.

"È quasi come un quadro in cui le cose stanno accadendo ma non c'è troppa azione, niente di troppo spettacolare o sensazionale. Non mi piacciono le immagini di persone che urlano o gridano. Preferisco offrire uno scorcio di vita quotidiana".

Scritto da Rachel Segal Hamilton


Il kit di Mashid Mohadjerin

Il kit essenziale per la fotografia documentaristica professionale

Mashid Mohadjerin holds a Canon camera to her eye as she takes a photograph.

Fotocamera

Canon EOS 5D Mark III

Questa reflex digitale full-frame da 22.3 megapixel con messa a fuoco automatica a 61 punti e scatto continuo a 6 fps offre il controllo manuale di tutte le funzioni e anche la modalità HDR integrata.

Ghiera di controllo

Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM

Questo obiettivo di qualità professionale con zoom standard offre un'eccezionale nitidezza dell'immagine e una resistente struttura serie L. L'apertura f/2.8 costante consente di scattare foto straordinarie anche in condizioni di scarsa illuminazione e di controllare facilmente la profondità di campo. "Gli obiettivi più recenti della serie L sono molto rapidi", spiega Mashid. "Questo fattore è essenziale quando devi catturare un momento".

Articoli correlati

Visualizza tutto

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro

Registrati ora