ARTICOLO

L'impresa degli Storror: passare dall'Europa all'Asia facendo parkour

Il collettivo di parkour Storror ha molto apprezzato il formato piccolo e leggero della fotocamera Canon EOS M50, mentre filmava le sequenze d'azione nella città di Istanbul, in Turchia, che si sono svolte prevalentemente sui tetti. Scatto realizzato con Canon EOS-1D X Mark II e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM a 1/1000 sec, f/7.1 e ISO400. © Samo Vidic

Correndo tra i suggestivi tetti di Istanbul, i piedi dei ragazzi saltano da una cupola all'altra. Mentre attraversano il paesaggio urbano lo fanno quasi sembrare facile, ma hanno passato dieci anni a perfezionare la tecnica. Questo è il famoso collettivo di free-running Storror, che ha accettato la sfida di Canon per una prima mondiale: passare il confine tra due continenti utilizzando il parkour.

Dotati di fotocamere mirrorless Canon EOS M50 e videocamere Canon EOS C200, i sette componenti della squadra si sono esibiti fra le strade e le skyline della città storica di Istanbul, in Turchia, in cui si incontrano due continenti, per correre dall'Europa all'Asia. Il video che realizzato per l'occasione cattura la sfida fisica e mentale affrontata dalla squadra, tra ostacoli in movimento e balzi tra gru, container e tappeti della tradizione turca, trasportati lungo le stradine strette della città. Il film culmina con una prova complessa, in cui i ragazzi saltano sul tetto di un traghetto mentre passa sotto un ponte e vengono trasportati attraverso lo Stretto del Bosforo fino al porto mercantile di Haydarpaşa, nella parte asiatica della città.

"Non avevamo mai pensato di passare da un continente all'altro con il parkour prima d'ora, e ci è sembrata una sfida veramente epica", ricorda Sacha Powell che, insieme a Toby Segar, è il principale filmmaker del gruppo. Dopo un umile inizio, con post di video divertenti di salti online, il gruppo Storror è cresciuto fino a diventare famoso nel mondo del parkour, grazie alla sua capacità di realizzare l'impossibile, e oggi sta per arrivare a 2 milioni di iscritti su YouTube.

Christian Ziegler’s

Iscriviti alla newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro

Il progetto Crossing Continents ha permesso alla squadra di accedere ad alcuni dei luoghi più suggestivi di Istanbul, dal ponte di Galata ai tetti a cupola vicino alla Moschea Süleymaniye. Per Sacha e Toby, che sono anche atleti di parkour, questa è stata l'opportunità di spingere la loro produzione cinematografica a nuovi livelli e di concentrarsi completamente sul lavoro dietro alla videocamera.

"Alcuni posti erano incredibili. Posti su cui desideravamo saltare da anni ma che non ci è mai stato concesso di raggiungere", racconta Toby. "Per questo progetto, io e Sacha ci siamo limitati a fare da operatori e registi. Abbiamo pensato di fare anche un po' di parkour, ma ci siamo resi conto che, dopo tanto tempo, questa era la nostra prima chance di spingerci oltre i nostri limiti nella produzione cinematografica".

Questo tipo di produzione, che imponeva di riprendere movimenti rapidi, decisioni immediate e azioni complesse, spesso a grandi altezze, è stata possibile solo perché Sacha e Toby lavorano allo stesso livello del resto della squadra, di cui fanno parte dal 2010. "Essere atleti di parkour ci aiuta a sapere come dobbiamo filmare il movimento e come seguire i ragazzi sugli ostacoli per ottenere una grande varietà di riprese", spiega dice Sacha. "Ci possiamo avvicinare e correre insieme agli atleti. Non seguiamo regole o standard di settore, preferiamo sperimentare e produrre tutto ciò che ci piace. Creare nuovi contenuti per gli Storror è ormai la nostra missione nella vita".

Durante le riprese è fondamentale riuscire a rendere l'abilità e i movimenti dei membri del collettivo. "Alcune mosse molto difficili a volte non sembrano affatto incredibili quando le guardi.. Il nostro lavoro consiste proprio nel catturare quel movimento nel modo migliore, per farlo apparire il più difficile possibile dal punto di vista fisico", spiega Toby. "Dopodiché, ci preoccupiamo di trovare le angolazioni migliori per il film e il montaggio".

 A man does a backflip on a stack of shipping containers as the sun sets on the minarets of Istanbul.
Un membro degli Storror salta all'indietro su una pila di container mentre il sole tramonta su Istanbul. Scatto realizzato con Canon EOS-1D X Mark II e obiettivo Canon EF 70-200mm f/2.8L IS II USM a 1/6400 sec, f/3.5 e ISO200. © Samo Vidic
A man leaps over the camera under a blue sky.
Durante le riprese i filmmaker hanno utilizzato degli stabilizzatori . Scatto realizzato con Canon EOS-1D X Mark II e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM a 1/1000 sec, f/4.5 e ISO1000. © Samo Vidic

Crossing Continents è stato un cambiamento rispetto agli standard degli Storror. La squadra, solitamente ristretta, si è ampliata fino a 50 elementi, tra cui operatori di droni e il fotografo Samo Vidic. "È la prima volta che riceviamo tutto questo aiuto", dice Toby. "Canon e la squadra ci hanno sostanzialmente dato la possibilità di realizzare la nostra idea, che è una cosa davvero fantastica. La produzione è stata lasciata completamente a noi, ed è stato incredibile avere la flessibilità e la libertà di fare qualcosa che abbiamo sempre voluto fare".

Il progetto ha lo scopo di spingere le persone a realizzare le proprie "prime", spiega Lee Bonniface, Direttore Marketing di Canon Europe. "Siamo felici di aver aiutato gli Storror a diventare il primo gruppo di parkour a oltrepassare il confine tra due continenti. Li abbiamo sfidati a tentare qualcosa di unico e immortalare la loro esperienza, per ispirare altri a fare lo stesso. Non ci aspettiamo che siano tutti così spericolati, ma ogni giorno si può stabilire un nuovo primato e Canon sarà lì per catturare quel momento".

L'idea è nata durante un servizio di una settimana in aprile. "Stavamo filmando con Canon EOS M50 e Canon EOS C200, utilizzando gli stabilizzatori per catturare il movimento con fluidità", ricorda Sacha. "Le fotocamere Canon EOS M50 sono molto simili a quelle che usiamo di solito perché, quando cerchiamo di arrampicarci sui tetti durante le nostre avventure, non vogliamo portare attrezzature pesanti. La fotocamera M50 è molto compatta, perfetta per quello che facciamo".

"Da questo servizio in poi le usiamo sempre per i vlog e per girare scene d'azione, perché sono le fotocamere ibride perfette", aggiunge Toby. "È molto comodo avere uno strumento che può fare tutto. E, durante il montaggio, sono rimasto veramente colpito da quanto la qualità della fotocamera M50 si avvicinasse a quella del modello C200". La fotocamera Canon EOS M50 alla fine è stata utilizzata per tutti gli scatti in movimento, permettendo a Toby e Sacha di avvicinarsi all'azione, mentre il modello Canon EOS C200 veniva utilizzato per gli scatti sul cavalletto e sul drone.

A group of men run up a crane and jump on to a shipping container.
Correndo tra Europa e Asia, il collettivo di parkour Storror ha attraversato la città storica di Istanbul, lo Stretto del Bosforo e il porto mercantile di Haydarpaşa, Istanbul. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM a 1/1000 sec, f/6.3 e ISO200. © Samo Vidic

Secondo Sacha, una delle caratteristiche più importanti della fotocamera Canon EOS M50 è la messa a fuoco automatica. "Quando riprendiamo con gli stabilizzatori, non riusciamo mai a regolare la messa a fuoco durante lo scatto, mentre corriamo. L'aspetto più importante di questa fotocamera è che ci permette di seguire la persona da riprendere mentre mette automaticamente a fuoco il soggetto. Sembra incredibile".

Quanto di queste scene d'azione mozzafiato viene pianificato in anticipo? "Inizialmente cerchiamo di pianificare tutto ciò che possiamo, e poi lasciamo tutto al caso", spiega Toby ridendo. "Alcuni elementi cambiano, ad esempio se i ragazzi si sentono abbastanza forti o no per fare le mosse che vogliono".

Alcune scene sono state programmate in dettaglio, come le esibizioni sui container, per cui è stato appositamente costruito un playground progettato da Storror, in modo da assicurare che le superfici fossero in sicurezza e che i container fossero alla giusta distanza, al centimetro, per consentire alla squadra di compiere la sua impresa. Altri scatti sono stati più fluidi, per la loro stessa natura, come l'intensa sequenza di salti da un ponte a una barca in movimento. "Ci siamo accorti che, quando filmi sull'acqua, tutto cambia ogni volta", spiega Sacha. "Puoi provare a eseguire l'azione come nell'ultimo scatto, ma la barca potrebbe essersi spostata di un metro".

Il lavoro finito si è rivelato qualcosa di veramente speciale per gli Storror. "I primi giorni sono stati un'esperienza surreale, perché cercavamo di comprendere quanto fosse grande questo progetto", dice Toby. "Alla fine è stato uno dei migliori film che abbiamo mai girato".

Scritto da Lucy Fulford


Il kit degli Storror

Il kit essenziale usato dai professionisti per filmare i video

A man in a baseball cap sits in front of a wall with graffiti on. Another man takes his photo.

Fotocamere

Canon EOS M50

Ricca di innovazioni tecnologiche, compatta e connessa, questa versatile fotocamera mirrorless permette di registrare filmati in 4K ed è dotata di touch screen orientabile, sensore CMOS da 24.1 megapixel e processore DIGIC 8 per arricchire i tuoi ricordi di magnifici colori e dettagli nitidi.

Canon EOS C200

La nuova EOS C200 è una videocamera ad alte prestazioni, compatta e versatile, ideale per tutti coloro che desiderano immagini nitide in 4K a 50P.

Obiettivi

Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM

Questo obiettivo di qualità professionale con zoom standard offre un'eccezionale nitidezza dell'immagine e una resistente struttura serie L. L'apertura f/2.8 costante consente di scattare foto straordinarie anche in condizioni di scarsa illuminazione e di controllare facilmente la profondità di campo.

Articoli correlati

Visualizza tutto

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro

Registrati ora