ARTICOLO

Fotogiornaliste a confronto: che cosa tiene le donne lontane dal fotogiornalismo?

La presidente di giuria Hilary Roberts e le passate vincitrici del Canon Female Photojournalist Award – da sinistra Laura Morton, Ilvy Njiokiktjien e Catalina Martin-Chico – discutono sulle difficoltà che le donne incontrano nella professione.

Non ci sono mai state tante donne che studiano fotografia, ma i numeri nel fotogiornalismo rimangono bassi: solo il 15% dei fotogiornalisti sono donne, secondo una ricerca del World Press Photo. Al Visa pour l'Image 2018, Canon Europe ha messo insieme tre fotogiornaliste di spicco per capire il perché.

Insieme alla presidente Hilary Roberts, curatrice della fotografia all'Imperial War Museum di Londra, le tre passate vincitrici del Canon Female Photojournalist Award: Ilvy Njiokiktjien (2011), Catalina Martin-Chico (2017) e Laura Morton (2018).

In questa discussione attuale, le tre fotogiornaliste professioniste spiegano gli ostacoli che hanno dovuto superare e suggeriscono le possibili strade per le donne che vogliono dedicarsi a questa professione.

Hilary Roberts with Laura, Ilvy and Catalina on stage at Visa pour l'Image 2018.
Laura, Ilvy e Catalina hanno partecipato a un dibattito presieduto dalla Canon Ambassador Hilary Roberts al Visa pour l'Image, il festival internazionale del fotogiornalismo.

Hilary Roberts: "Quali sono alcuni dei problemi che avete affrontato nella vostra carriera di fotogiornaliste professioniste, consapevolmente o inconsapevolmente?"

Canon Professional Services

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services

Laura Morton: "Nella nostra società, è ancora dominante l'idea che gli uomini siano i capifamiglia. Le donne americane in media vengono pagate il 20% in meno degli uomini che fanno lo stesso lavoro. All'inizio della mia carriera, andai a New York ed ebbi un interessante incontro con un editore. Alla fine, lui disse: 'Che dire? Apprezzo molto il tuo lavoro e sarebbe fantastico lavorare insieme, ma ho tanti ragazzi a San Francisco che hanno davvero bisogno di un incarico per far tornare i conti a fine mese'. E ricordo di aver pensato: 'E io? Anch'io devo pagare l'affitto'. Tornai indietro e guardai i suoi dipendenti: aveva assunto solo uomini.

Molti ragionano così. Non credo che se ne rendano conto, perché è qualcosa di così radicato nella nostra società. Penso che molte delle discriminazioni di genere che ho vissuto sulla mia pelle non siano in cattiva fede. Non si tratta solo del nostro settore, ma di tutta la società. E ci sono posti in cui la parità di genere è molto più presente che in America".

Ilvy Njiokiktjien: "Penso che ci sia una differenza tra Europa e America. L'ho notato quando ho parlato con i redattori qui ad Amsterdam. Una volta tenni una conferenza a New York. Un redattore, in seguito, mi disse che avevamo avuto esperienze simili. E poi disse: 'Ma com'è la tua situazione familiare?' In altre parole: hai figli? In quel momento ero così nervosa, e così sconcertata dalla domanda, che ho iniziato a rispondere seriamente.

E ho pensato: "Perché lo sto facendo? Perché mi sto scusando per aver voluto fare questo lavoro? In realtà è oltraggioso. Ho lavorato soprattutto per i media belgi, olandesi e tedeschi. L'Europa è enorme e ci sono un sacco di posti per i quali non posso parlare, ma in questi tre paesi devo dire che in realtà non importa se si è uomini o donne. Davvero, in assoluto. Abbiamo le stesse possibilità".

People parade along a street playing brass instruments. Photo by Laura Morton.
Laura Morton ha completato il suo progetto University Avenue in California con il contributo in denaro ottenuto grazie alla vittoria del Canon Female Photojournalist Award 2018. In questo scatto, la Leland Stanford Junior University Marching Band si esibisce nella 97º May Fete Parade annuale, lungo University Avenue a Palo Alto. Scatto realizzato con fotocamera Canon EOS R e obiettivo Canon RF 35mm F1.8 MACRO IS STM a 1/1250 sec, F5 e ISO200. © Laura Morton
Six siblings pose for a portrait against a bare wall in a sparsely-furnished room. Photo by Anush Babajanyan.

Presentata la vincitrice del Canon Female Photojournalism Award 2019

La fotografa armena Anush Babajanyan ha vinto l'ultima edizione di questo prestigioso premio per aver documentato la situazione delle famiglie nella controversa regione del Nagorno Karabakh.

Hilary: "Una volta, in un'intervista radiofonica, ho sentito un fotografo inglese affermare che i fotografi hanno bisogno di forza nelle braccia, perché il kit è molto pesante. Ritieni che la quantità dell'attrezzatura ti abbia davvero messo alla prova?"

Ilvy: "No. L'ho già sentito prima e io stessa mi sono fatta questa domanda. Devi essere in forma, perché è un lavoro pesante per il fisico. Ma poi ho iniziato ad andare in palestra. Quindi no, penso che non ci sia differenza tra uomini e donne. Solo che ci vuole forza per fare questo lavoro perché ti trovi a fare molti viaggi, senza sonno, con tanto jet lag".

Hilary: "Per qualsiasi fotoreporter, la vita è sempre in giro. Come ti fa sentire?"

Laura: "Sono stata fortunata ad avere un compagno capace di sostenermi in questa fantastica professione. Questo ha tranquillizzato mio padre, è un uomo all'antica. Infatti, nel discorso che mio padre ha tenuto al mio matrimonio, ha parlato di come fosse preoccupato del mio interesse tanto profondo per il lavoro, e che per questo motivo credeva che non mi sarei mai sposata. Ma poi ho trovato qualcuno che teneva alla mia carriera quanto me.

"È uno strano doppio standard. So che un uomo può avere un figlio e prendersene cura, ma noto che alle fotogiornaliste viene costantemente chiesto: 'Oh, come fai a lavorare ed essere madre?' Agli uomini non viene mai chiesto questo. Fortunatamente ora accade di meno, ma penso che queste domande vengano poste ancora oggi".

Ilvy: "Mi viene fatta questa domanda molto spesso. E ho sempre pensato: 'Perché me lo chiedi?' Una volta, ho partecipato a una conferenza sulla fotografia organizzata con altre donne – in una stanza interamente piena di donne – e il tema dei bambini è subito venuto fuori nella discussione. E dopo 10 minuti mi sono resa conto che stavamo parlando solo di bambini. Eravamo lì per parlare di fotografia… Questo non sarebbe mai successo se fosse stata una stanza piena di uomini che hanno anche dei figli".

Hilary: "Raccontaci della tua esperienza in Sud America, Catalina".

Catalina Martin-Chico: "Ho iniziato l'anno scorso a lavorare sulle FARC in Colombia. È un esercito rivoluzionario che è stato in guerra con il governo per 53 anni. Finalmente nel 2016 hanno stipulato un accordo di pace. Volevo davvero parlare del passaggio dalla guerra civile alla pace, e ho scoperto che il 40% dei combattenti delle FARC erano donne, un numero enorme.

"Non lo sapevamo, perché sono stati irraggiungibili per mezzo secolo. Quando finalmente si è raggiunta la pace, quasi tutte le donne erano incinte. Quindi per me è stata una specie di porta aperta per raccontare le loro storie, e come hanno affrontato il cambiamento dalla gravidanza a quando sono nati i bambini".

A heavily pregnant woman sits on a chair next to a man lying on a bed, her top rolled up to expose her stomach. Photo by Catalina Martin-Chico.
Catalina Martin-Chico si è aggiudicata il Canon Female Photojournalist Award 2017 per avere documentato il modo in cui le ex guerrigliere delle FARC si stanno ricostruendo una vita in Colombia in tempo di pace. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM. © Catalina Martin-Chico

Hilary: "Come hai scoperto che la questione delle donne era qualcosa che ti interessava?"

Catalina: "Non mi definisco come una fotografa che riprende storie di donne. Penso che queste storie che stiamo ascoltando siano interessanti. Ma è vero che essere una donna mi ha permesso di avere accesso al 50% delle storie. Quindi, ovviamente, ho approfittato di quella storia e questo, come donna, è stato molto interessante per me".

Hilary: "Ci sono rischi evidenti, è stata organizzata della formazione sulla sicurezza destinata specificatamente alle fotogiornaliste. Pensi che sia utile?"

Ilvy: "Credo che questo tipo di formazione sia molto importante. Può essere utile arrivare ben preparati in alcuni dei paesi che ho visitato negli ultimi due anni. Ma non credo che questo tipo di formazione debba necessariamente essere definito di genere. Dovrebbe essere più mista".

Hilary: "Ilvy, stavo guardando le tue fotografie. Se fossero state presentate senza il tuo nome in una mostra maschile e femminile, non avrei saputo indovinare il tuo genere. C'era uno scatto particolare, di uomini seduti in una sauna…"

Ilvy: "Stavo realizzando una storia per il New York Times sui rifugiati che arrivano in Finlandia. Mi trovavo a leggere, all'esterno del centro profughi, e questo gruppo di circa 20 profughi camminava con gli asciugamani al collo. Mi sono chiesta: dove stanno andando? Così lo ho chiesto a uno di loro. Mi ha risposto: 'Stiamo andando a fare una doccia in una sauna locale: per via della sauna, ci lasciano fare la doccia gratis'. Avevo un po' di timore a chiedere: 'Posso unirmi a voi nella doccia?'

"Per fortuna c'era un ragazzo che scherzando mi ha detto: 'Vuoi farti la doccia con noi?' Ho detto: 'Oh, sì'. Naturalmente non era quello che intendeva, ne sono abbastanza sicura, ma andava bene. Faceva davvero caldo, ovviamente. A causa dell'umidità, la fotocamera aveva problemi di messa a fuoco, quindi sono dovuta stare con loro in quella sauna per circa un'ora prima che la mia fotocamera si regolasse correttamente.

"Volevo essere rispettosa perché loro erano nudi; non mi sono spogliata, ma ho chiesto di potermi togliere il maglione. E così è stato. Era un dolcevita, e stavo sudando. Poi ho scattato questa foto di quei rifugiati nella sauna: per me è stata fantastica, perché era una sauna finlandese in Finlandia. Questo è ciò che hai visto. Forse anche un uomo avrebbe potuto scattarla, dal momento che erano tutti uomini. Penso che sia stata solo fortuna".

Male refugees enjoying a sauna in Finland. Photo by Ilvy Njiokiktjien.
Rifugiati iracheni e siriani si godono il caldo della Sauna Arlan, una tradizionale sauna finlandese, nello scatto di Ilvy tratto da un progetto del New York Times. Scatto realizzato con Canon EOS-1D X a 1/25 sec, F2.8 e ISO3200. © Ilvy Njiokiktjien

Hilary: "Cosa dovrebbe fare la comunità per sostenere le donne sul campo?"

Laura: "Penso che la discussione sia davvero importante. Molte volte, quando mi sono sentita discriminata in quanto donna, è stato qualcosa di sottile. Forse chi lo faceva non se ne rendeva nemmeno conto. È qualcosa di così radicato nella nostra società. Ma penso che anche solo parlarne può essere utile per sollevare una consapevolezza nelle persone. Negli ultimi due anni, ho visto molti cambiamenti nel modo in cui le persone si comportano nei confronti delle fotogiornaliste".

Ilvy: "Penso che si è obbligati a guardarsi intorno e chiedersi qual è l'equilibrio di genere. Nelle grandi aziende, per esempio, dovrebbe tendere al 50/50".

Hilary: "Il mentoring è il modo migliore di procedere?"

Ilvy: "Penso che il mentoring sia molto importante e vorrei davvero poter guidare qualcuno. Penso che se avessi avuto un mentore che si fosse occupato di tutto questo, sarebbe stato molto diverso. Il mentoring non deve durare anni e anni. Voglio dire, è grandioso, ma ho incontrato anche donne che mi hanno dato consigli decisivi davanti a una birra. Dicevano qualcosa che avrebbe completamente cambiato la mia idea in merito a una questione".

Hilary: "Quale obiettivo hanno i premi? È un modo di produrre un lavoro che altrimenti non sarebbe stato fatto?"

Ilvy: "Faccio molte valutazioni di portfolio, e c'è un'enorme differenza tra il modo in cui uomini e donne espongono il loro lavoro. La maggior parte delle donne apre il proprio portfolio e dice: 'Questo non è sicuramente il mio lavoro migliore'. Mentre gli uomini lo aprono e dicono qualcosa come: 'Sì, sono andato in Venezuela e ho fotografato questo, questo e questo'. C'è una grande differenza. È un po' uno stereotipo, ma c'è anche un po' di verità. Quindi penso che i premi per la fotografia femminile possano essere utili perché, chissà, forse qualche ragazza di 19 anni scoprendo questo premio online ne verrà stimolata".



Scopri di più sul Canon Female Photojournalist Award e leggi tutte le storie di Canon sulla nostra pagina dell'evento Visa pour l'Image.

Scritto da Tom May


Articoli correlati

Visualizza tutto

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro

Registrati ora