Ricreare le opere di Rembrandt: come utilizzare la stampa di alta qualità delle sue opere per scoprire di più sulla mente geniale che le ha concepite

3 min.
Particolare del volto di Ritratto di un uomo anziano, di Rembrandt (copyright: collezione Mauritshuis, L'Aia).

A 350 anni dalla morte di Rembrandt, la sua vita è ancora avvolta nel mistero e il suo lavoro non ha mai perso il suo fascino. Questi due aspetti si fondono per creare una storia e un'eredità al tempo stesso intriganti e durature.

Un vecchio seduto su una sedia, chiaramente a disagio. Dall'espressione sembra perso nei suoi pensieri, con gli occhi distratti e il viso incorniciato da una folta chioma di capelli bianchi, baffi e barba. Non è in posa. Il cappello sembra lievemente spostato, il colletto e il cappotto sono allentati e aperti. Il ritrattista sembra averlo colto con la guardia abbassata, in un momento di distrazione.

Centinaia di anni più tardi, la storia del "Ritratto di un uomo anziano" di Rembrandt rimane un mistero. Non sappiamo chi sia questa persona, perché sembri a disagio e cosa richiami la sua attenzione, davanti a lui e lontano da noi.

Ma osservandolo da vicino puoi notare che il ritratto e la mano di Rembrandt nascondono cose che inizialmente sfuggono al nostro sguardo. La forma del viso è definita da tratti irregolari. Le guance arrossate sono colorate da una serie di sfumature di giallo e arancione. Anche la veste nerissima nasconde in parte una visione del pittore che potrebbe non essere evidente, senza un'ispezione particolarmente attenta.

Factum Foundation, un'organizzazione con sede a Madrid, ha deciso di ingrandire questo dipinto iconico e di intraprendere un'audace iniziativa nell'intendo di svelare, per quanto possibile, alcuni dei misteri nascosti nel "Ritratto di un uomo anziano".

"Rembrandt ha applicato il colore come se fosse scolpito".

In collaborazione con Canon Production Printing, ha accettato la difficile sfida di creare una riproduzione 3D esatta di questo iconico dipinto in occasione dell'anno tematico "Rembrandt e l'età dell'oro" nei Paesi Bassi.

Ecco l'affascinante storia di questa collaborazione.

Ritratto di un uomo anziano, di Rembrandt (copyright: collezione Mauritshuis, L'Aia).

Ritratto di un uomo anziano, di Rembrandt (copyright: collezione Mauritshuis, L'Aia).

Digitalizzazione della superficie del dipinto con lo scanner 3D Lucida (copyright: Factum Foundation)

Digitalizzazione della superficie del dipinto con lo scanner 3D Lucida (copyright: Factum Foundation)

Strato dopo strato, pennellata dopo pennellata

Rembrandt ha avuto grande successo nella sua vita, cosa molto rara per un artista, ma negli ultimi anni era stato travolto dai problemi finanziari e finì per morire in miseria. Secondo gli esperti, le sue opere più belle risalgono proprio a questi momenti difficili. Ancora oggi, gli storici analizzano questi capolavori alla ricerca di informazioni sugli ultimi anni della sua vita, di cui sappiamo molto poco. Il "Ritratto di un uomo anziano", dipinto due anni prima della sua morte nel 1667, rientra proprio in questa categoria. Si tratta di un ritratto piuttosto inconsueto, perché il soggetto sembra lievemente in disordine e anche il colore sembra applicato con lo stesso spirito.

Secondo Charlotte Rulkens, curatrice del museo Mauritshuis che ospita il dipinto, questa è stata proprio la prima sfida per il team di Factum, che aveva il compito di catturare sia la texture che il colore del quadro.

"Rembrandt ha applicato il colore come se fosse scolpito", afferma, dicendo che lo spessore dei tratti varia notevolmente all'interno dell'opera.

"Per la giacca ha utilizzato uno strato di colore sottilissimo, tanto che, in alcuni punti, si riesce a vedere lo sfondo. I polsini sono stati realizzati con poche passate ampie e i cordini del colletto sono stati dipinti con un singolo movimento. Il pittore ha scalfito il colore del cappello con la parte posteriore del pennello, per creare l'idea dei capelli".

Era un lavoro estremamente complicato. Per assicurarsi di non tralasciare neanche il minimo dettaglio, il team di Factum ha deciso di rivolgersi a Canon Production Printing.

Breve panoramica della tecnologia

Factum è partita dalla tela, digitalizzandola con il suo scanner 3D Lucida senza contatto, in modo da produrre una superficie goffrata sui cui stampare i dati del colore. Lo scanner, che era stato progettato e realizzato in collaborazione con l'artista e ingegnere Manuel Franquelo, aveva già scansionato oltre 180 dipinti di importanza storica in tutto il mondo.

Dopo aver impiegato circa quattro ore per digitalizzare la tela di Rembrandt, con dimensioni di 82 x 68 cm, la scansione ha generato informazioni 3D sull'opera, in molti formati diversi. Tali informazioni sono state quindi combinate con le registrazioni dei colori, ottenute da centinaia di foto ad alta risoluzione scattate da un'unica posizione, per formare un singolo file di immagine.

Un uomo tiene in mano una fotocamera Canon con un obiettivo professionale e scatta una foto.

Gabriel Scarpa di Factum Foundation crea una registrazione dei colori del dipinto (copyright: Factum Foundation)

"Poiché l'elevazione viene acquisita tramite scansione 3D, corrisponde perfettamente all'originale".

Il file finale è stato utilizzato per generare una copia perfetta del "Ritratto di un uomo anziano", con gli stessi colori, pennellate e sfumature dell'originale. Tutto questo è stato possibile grazie all'avanzatissima tecnologia di stampa Canon Production Printing, che ha permesso di creare la superficie goffrata per la replica "sovrapponendo" diversi strati di inchiostro con uno spessore compreso tra i 2 e i 40 μm, l'uno sull'altro, con una precisione elevatissima.

L'avanzata tecnologia di stampa di Canon Production Printing crea una superficie testurizzata di una riproduzione del Ritratto di un uomo anziano di Rembrandt "impilando" l'uno sull'altro più strati di inchiostro di spessore fra 2 e 40μm.

Copyright: Factum Foundation

Il risultato finale è notevole. Il colore e la texture sono fedeli all'opera originale di Rembrandt, ma può essere toccato in tutta sicurezza.

Dal momento che Rembrandt stesso metteva l'esperienza umana al centro delle sue opere, probabilmente è giusto che il Mauritshuis abbia finito per usare questa replica a scopo didattico,

durante la mostra "Hello Rembrandt!", permettendo alle famiglie di scoprire di più sul maestro e sul suo lavoro, attraverso presentazioni interattive, giochi e attività, e dando al nostro amato "Uomo anziano" l'attenzione e l'importanza che ha sempre meritato.

Ma la nostra avanzata tecnologia di stampa non si è fermata a Rembrandt. Scopri l'ultimo dipinto iconico riportato alla vita grazie a questa tecnologia, oltre al software che lo ha reso possibile.

Materiale correlato

  • A blonde woman in a burgundy polo shirt is photographed through industrial racking. She is using a tool to clean a piece of electronic equipment, housed in a metal box.

    Il futuro della stampa sostenibile

    Le innovazioni che ti permetteranno di cambiare prospettiva sulle stampanti e sul loro futuro.

  • Software Canon PRISMAelevate XL

    PRISMAelevate XL

    Un'applicazione software per la stampa in rilievo facile da usare progettata per aiutare i grafici e i fornitori di servizi di stampa a offrire stampe di alta qualità.

  • Quattro ritratti appesi alla parete di una galleria. In quello più vicino alla fotocamera si vede una persona androgina, con un trucco pesante, che ride.

    Liberare la creatività grazie alla stampa

    La fotografa di moda e ritratti Wanda Martin parla dell'organizzazione di una mostra individuale e di come ha utilizzato varie stampanti Canon per ottenere risultati contrastanti dal punto di vista visivo.

  • Preparazione per la stampa: prove ed esposizione

    La fotoreporter Ilvy Njiokiktjien racconta come ha preparato le sue splendide stampe in formato grande per una mostra importante, utilizzando Canon Arizona 480XT.