EVENTO

Preparazione del portfolio fotografico perfetto

A young photographer presents a selection of colour prints at a portfolio review run by Canon and Magnum Photos at the Visa pour l’Image photojournalism festival in Perpignan, France.

Una buona valutazione del portfolio può dare un impulso enorme alla tua carriera, ma con poco tempo a disposizione per lasciare il segno, è essenziale che il portfolio sia realizzato con la massima cura e presentato con autentica passione.

"Quando spieghi a una persona ciò che significa per te il tuo lavoro, è un'esperienza molto forte", dice Andrea Kurland, caporedattrice di Huck Magazine. "È per questo che raccontiamo queste storie: perché significano qualcosa per noi. Quindi è importante essere vulnerabili, mettersi a nudo, parlare dal cuore. Queste sono le cose che rimarranno impresse per sempre nella mente dei redattori."

Canon ha siglato una partnership con Magnum Photos al festival di fotogiornalismo Visa pour l’Image di quest'anno per offrire valutazioni del portfolio a 200 studenti di tutta Europa. I giovani fotografi hanno presentato il loro lavoro a creatori di immagini di fama e figure chiave del settore, tra cui Kurland, il fotografo Jérôme Sessini e Shannon Ghannam, Global Education Manager di Magnum Photos. Qui troverete i consigli offerti da Kurland e dal fotografo Travis Hodges, i cui clienti includono Time Out, The Big Issue e Cancer Research.

Presenta una selezione pertinente

"Il mio punto di partenza è ciò che spero di ottenere dalla conversazione: parto da una considerazione della persona alla quale devo mostrare il mio lavoro", spiega Hodges. Quando incontri un redattore che commissiona solo reportage, non devi includere le foto di eventi commerciali. Per garantire che il tuo lavoro sia assolutamente pertinente, tuttavia, puoi avere portfolio diversi per situazioni diverse. Oppure puoi usare un solo portfolio adattabile. "Mi piace poter togliere e modificare le immagini", dice Hodges.

A photographer presents their portfolio in an educational programme for European students arranged by Canon and Magnum Photos at Visa pour l’Image.

Scegli una cartella

Il tipo di cartella da scegliere dipende essenzialmente dai tuoi gusti personali, ma deve comunque essere elegante. La cartella di Hodges è di cuoio formato A3, con rilegatura a vite in modo che le immagini non siano coperte da tasche di plastica, che "tolgono così tanto dalla magnifica stampa di cui vai tanto fiero", spiega. Stampa bene le tue immagini, su carta di buona qualità. Porta un laptop o un tablet, con cui potrai mostrare altre foto al valutatore se si dimostra particolarmente entusiasta di un progetto che vede nel tuo portfolio. "Non è più l'epoca in cui si doveva scegliere se preparare un portfolio stampato o uno digitale", aggiunge Kurland.

Huck Magazine Editor-in-Chief Andrea Kurland feeds back on photojournalism students’ work at a group portfolio review session at Visa pour l’Image 2017.

Presenta una selezione ristretta

"Mostra lavori recenti che ti entusiasmano, magari qualcosa su cui stai ancora lavorando, perché potrebbe suscitare l'interesse di un redattore", dice Kurland. Includi solo le tue opere migliori, senza riempitivi, e senza scuse per nessuna delle immagini selezionate. Se senti il bisogno di trovare scuse per un'immagine, non deve stare nel portfolio. "Mi hanno detto che molte persone guardano un portfolio e, indipendentemente dal numero di immagini presentate, ricordano l'unica che non gli è piaciuta", aggiunge Hodges.

È un equilibrio delicato tra varietà e coerenza. Kurland ricorda un'intervista con Alec Soth, in cui il leggendario fotografo documentarista americano rispondeva alla domanda: "Cosa dovrebbero includere gli studenti nel loro portfolio?" "Lui disse: 'Che tipo di vita vuoi avere? "Vuoi una vita varia o vuoi solo svegliarti ogni giorno e fare sempre le stesse cose?' Credo che sia una risposta davvero interessante e un consiglio da tenere presente. Ma poi se guardi il suo lavoro e la sua carriera, in tutto ciò che fa c'è una continuità, un senso compiuto."

"Inizia con un botto, finisci con un botto. E ricorda che non puoi far vedere tutto."

"Il ritmo è importante. Non puoi alzare continuamente la posta, immagine dopo immagine", dice Hodges. "Inizia con un botto, finisci con un botto. E ricorda che non puoi far vedere tutto: cerca di concentrare una storia in sei pagine al massimo." Il numero totale di immagini da includere nel portfolio può cambiare a seconda del lavoro, della durata della valutazione e della capacità di concentrazione della persona che le deve valutare. In generale però un portfolio di 15-30 immagini funziona bene. "Vale sempre la massima 'meno è meglio'", dice Hodges.

Prints taken by student photographers are laid out on a table at a portfolio review event run by Canon and Magnum Photos during the Visa pour l’Image photojournalism festival.

Ottieni il massimo effetto dalla valutazione

Pianifica il modo in cui descriverai il tuo lavoro e, se possibile, prova in anticipo con un amico quello che vuoi dire. "Se il tuo orientamento è narrativo, racconta la storia a questa persona: fai vivere ciò che ti ha guidato nel tuo lavoro e ciò che hai cercato di catturare", dice Kurland. "È la tua opportunità di essere te stesso e valorizzare il tuo lavoro."

Lascia al valutatore una cartolina o un biglietto da visita perché possa contattarti in seguito. Dopo la valutazione, scrivi un'e-mail di ringraziamenti. "Questo incontro è l'inizio del vostro rapporto", dice Kurland. "Quindi presentati bene e mantieni regolarmente i contatti. Non essere deluso se ogni incontro non porta frutti immediatamente. La persona che ti ha valutato potrebbe tornare a cercarti a distanza di anni, dicendo che è appena arrivata una storia perfetta per te."

Scritto da Rachel Segal Hamilton