FUNZIONI DELLA FOTOCAMERA

Ottimizzazione automatica della luce

Scopri la funzione Auto Lighting Optimizer (Ottimizzazione automatica della luce, ALO) di Canon che uniforma le immagini ad alto contrasto regolando selettivamente luci e ombre.
L'Auto Lighting Optimizer (Ottimizzazione automatica della luce, ALO) è stato introdotto nel 2008 su EOS 450D e da allora è incluso in tutte le reflex digitali EOS e le fotocamere mirrorless di Canon. ALO permette di migliorare l'aspetto delle immagini grazie all'elaborazione integrata.

È progettato per ridurre il contrasto eccessivo regolando selettivamente le aree dell'immagine. In questo è diverso dalla funzione compensazione esposizione, che schiarisce o scurisce l'intera immagine. Può essere particolarmente utile quando usi il flash o per i soggetti retroilluminati perché rileva i volti nell'inquadratura, illumina quelle parti dell'immagine per risultati più uniformi e rivela più dettagli delle aree in ombra.

ALO analizza il contrasto nelle immagini acquisite e modifica sia le parti in ombra che le luci tramite regolazioni della curva della tonalità per ridurre al minimo la perdita di dettagli nelle condizioni di luce ad alto contrasto. Sono disponibili tre livelli di intensità: Bassa, Standard e Forte. Ogni livello può essere utilizzato con qualsiasi impostazione ISO. Inoltre, è possibile disattivarlo.
Un giovane vestito in modo casual è seduto ai piedi di una scalinata in cemento all'aperto e alla luce diurna, quindi si creano delle aree molto in ombra.

La funzione ALO (Ottimizzazione automatica della luce) è utile quando si fotografano soggetti retroilluminati o tanto in ombra, soprattutto perché rileva i volti. È anche più semplice che impostare unità flash remote per il flash di fill-in.

Un giovane vestito in modo casual è seduto ai piedi di una scalinata in cemento all'aperto e alla luce diurna, le aree più in ombra sono state schiarite e rivelano più dettagli.

La funzione ALO ha schiarito le parti più scure di questo ritratto, rivelando i dettagli delle aree in ombra senza illuminare eccessivamente le aree più chiare come avrebbe invece fatto la funzione compensazione esposizione. È molto adatta a chi non ha il tempo o la sicurezza di regolare manualmente la curva della tonalità.

Indipendentemente dal livello di intensità impostato, puoi scegliere di disabilitare automaticamente ALO quando scatti in modalità manuale (e in alcuni casi in modalità Bulb). Questo impedisce al sistema ALO di illuminare aree che volontariamente hai reso scure grazie alle impostazioni di esposizione manuale. Se scegli di non abilitare questa opzione automatica, puoi sempre decidere se usare o meno ALO, qualunque sia la modalità di esposizione.

In altre modalità di esposizione, se hai attivato la funzione compensazione esposizione o compensazione esposizione flash per rendere l'immagine più scura, ALO può controbilanciare queste impostazioni rendendo l'immagine più luminosa del previsto. Se così fosse, riduci l'intensità della funzione ALO o disattivala.

In alcuni casi il rumore può diventare più visibile nelle aree illuminate da ALO e la risoluzione apparente dell'immagine può essere diversa. Poiché riduce il contrasto, può far sembrare una scena sbiadita.

Come le funzioni Stile Foto e bilanciamento del bianco, anche ALO è un effetto di elaborazione che viene applicato alle immagini JPEG prima che vengano salvate nella scheda di memoria. Non può essere applicato ai file RAW, ma con il software Digital Photo Professional (DPP) di Canon ALO può essere applicato in post-produzione.

Anche se la funzione ALO è stata sviluppata sulle fotocamere di tipo consumer, vale la pena provarla anche per applicazioni professionali. Se hai scadenze strette, usarla può aiutarti a ridurre il tempo di post-produzione prima di inviare le immagini al cliente.

Scritto da Angela Nicholson


Articoli correlati

Prodotti correlati

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro