ARTICOLO

Approvate da Netflix: videocamere Canon Cinema EOS

In occasione dell'entrata di Canon EOS C300 Mark III e Canon EOS C70 nell'elenco delle videocamere approvate da Netflix, il direttore della fotografia Patrick Smith ci parla delle produzioni originali della piattaforma di streaming globale.
Il direttore della fotografia Patrick Smith con una videocamera Canon Cinema EOS C500 Mark II.

Con la videocamera EOS C500 Mark II, il direttore della fotografia Patrick Smith ha girato tre produzioni originali Netflix, inclusa una serie di argomento scientifico in quattro parti che segue l'operato dei migliori chirurghi al mondo. © Patrick Smith

Netflix ha aggiunto Canon EOS C300 Mark III e Canon EOS C70 al suo elenco di videocamere approvate, consentendo ai registi di documentari e fiction di utilizzare i vantaggiosi dispositivi ad alte prestazioni dotati di sensore full frame del sistema Cinema EOS come principali videocamere per le produzioni originali Netflix. Questi due potenti dispositivi, che condividono la stessa tecnologia del sensore DGO, si uniscono a Canon EOS C500 Mark II, che ha ottenuto l'approvazione di Netflix poco dopo il suo lancio.

Gli standard di controllo qualità del gigante dello streaming e della produzione sono rigidissimi, ben più elevati di quelli di molte altre emittenti. Le telecamere approvate devono essere state utilizzate per almeno il 90% delle riprese nel montaggio finale. Tuttavia, è concessa una maggiore flessibilità per i prodotti divulgativi.

"Facciamo parte della Netflix Post Technology Alliance e ci impegniamo a garantire che i prodotti che realizzeremo in futuro siano compatibili con le specifiche tecniche e di consegna di Netflix" spiega Paul Atkinson, Pro Video Product Specialist di Canon Europe. "Netflix ci comunica i suoi requisiti e Canon, insieme agli altri produttori, si impegna per realizzare prodotti che li soddisfino".

Ma quali sono esattamente i requisiti delle produzioni originali Netflix? In questo articolo, Paul esplora le ragioni del successo di Canon EOS C500 Mark II, Canon EOS C300 Mark III e Canon EOS C70 e Patrick Smith, direttore della fotografia di "Tell Me Who I Am" (2019) e "Captive - In ostaggio" (2016), spiega perché ha scelto queste videocamere per girare diversi documentari per Netflix.
Il direttore della fotografia Patrick Smith con Canon EOS C500 Mark II montata su un rig a spalla in un corridoio ospedaliero.

"Per seguire i soggetti in ospedale abbiamo montato la videocamera EOS C500 Mark II su un gimbal" spiega Patrick. "Ho girato quasi sempre a mano libera, ma con questo supporto ho dato un effetto stilizzato ad alcune riprese". © Patrick Smith

Il produttore Alberto Allica con un camice ospedaliero dietro a una videocamera Canon EOS C500 Mark II.

Alberto Allica, produttore del documentario sui chirurghi originale Netflix. "È una produzione di qualità HDR" spiega Patrick. "Ho inviato alcune prove realizzate con EOS C500 Mark II alla casa di post-produzione. Mi hanno risposto che se avessi lavorato bene e con cura, avrebbero potuto creare immagini HDR di qualità elevata da riprese 4:2:2 10-bit XF-AVC". © Patrick Smith

Elevati standard di ripresa

Una specifica tecnica minima perché una videocamera sia approvata da Netflix è la presenza di un sensore 4K UHD, un requisito che Canon EOS C500 Mark II soddisfa appieno grazie al sensore CMOS full frame 5.9K sviluppato da Canon, mentre sia Canon EOS C300 Mark III che Canon EOS C70 possono registrare in Full 4K fino a 120P. Tuttavia, esistono molti altri requisiti specifici per le riprese e le telecamere.

Netflix è uno dei principali fornitori di contenuti High Dynamic Range (HDR), quindi è fondamentale poter offrire un file appropriato per la post-produzione in HDR. Grazie all'innovativo sensore Super 35mm DGO, Canon EOS C300 Mark III ed EOS C70 sono dotate di una gamma dinamica di oltre 16 stop, mentre il sensore full frame di EOS C500 Mark II presenta oltre 15 stop. EOS C500 Mark II ed EOS C300 Mark III offrono anche la possibilità di registrare nel formato Cinema RAW Light o XF-AVC di Canon, producendo filmati che possono essere inseriti con successo in un flusso di lavoro HDR, sia in PQ che in HLG.
"Canon Log 2 con Cinema Gamut e matrice di colore neutra offre il meglio assoluto nell'acquisizione della gamma dinamica e del colore" dichiara Paul. "Cinema Gamut supera lo spazio colori ACES [standard industriale per la gestione del colore]. In pratica, è come registrare l'intera capacità di acquisizione del colore del sensore".

Altri requisiti di acquisizione richiesti da Netflix includono una velocità di trasferimento dati minima di 240 Mbps a 23,98 fps e un'elaborazione di 10-bit Linear o 16-bit Log. I modelli Canon EOS C500 Mark II e EOS C300 Mark III raggiungono 810 Mbps durante le riprese XF-AVC, mentre EOS C70 410 Mbps. Quando riprendono in formato Cinema RAW Light, EOS C500 Mark II ed EOS C300 Mark III possono raggiungere rispettivamente 2,1 Gbps e 1 Gbps a 25p con la massima risoluzione, ed entrambe offrono anche Log a 10 bit o 12 bit, a seconda che tu stia filmando a 25p o 50p.

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services
"Abbiamo già una serie di videocamere Canon approvate per le produzioni originali Netflix, tra cui EOS C300 Mark II, EOS C700, ed EOS C700 FF", spiega Paul. Tra le produzioni originali Netflix girate con queste videocamere, il documentario vincitore del Premio Oscar "Icarus" (2019), il lungometraggio "Le nostre anime di notte" (2017) e la serie candidata agli Emmy "Grace and Frankie" (2015).

"I registi hanno così a disposizione un'intera gamma di soluzioni Canon e possono combinare diverse videocamere, mantenendo una qualità dell'immagine costante. Con EOS C500 Mark II e EOS C700 FF è possibile registrare con due videocamere full frame, una principale e una secondaria, e ottenere materiale facilmente combinabile in post-produzione. Le due videocamere utilizzano lo stesso sensore e condividono gamma cromatica di base, impostazioni di registro e matrice. I formati RAW sono leggermente diversi, ma è ancora più semplice unire i materiali se si impostano entrambe le videocamere a 810 Mbps e XF-AVC".
Il regista Jolade Olusanya utilizza il touch screen orientabile di Canon EOS C70.

Canon EOS C70 ha un design più piccolo e simile a una reflex, ed è la videocamera più compatta e leggera della gamma Cinema EOS.

Una gamma di videocamere cinematografiche Canon su dei treppiedi, con EOS C70 in primo piano.

Nella gamma Cinema EOS, Canon EOS C70 è una videocamera di nuova generazione che presenta il rivoluzionario innesto RF di Canon, oltre a un sensore DGO Super 35mm 4K.

BBC Studios per la prima volta a Netflix

Patrick ha girato diverse produzioni per Netflix con Canon EOS C500 Mark II, incluso "The surgeon's cut", un documentario sui migliori chirurghi al mondo. La serie scientifica in quattro parti, la prima commissionata a BBC Studios dal colosso di streaming, ha richiesto una videocamera in grado di garantire immagini di alta qualità in un contesto molto stressante.

"Il mio episodio riguardava un neurochirurgo, quindi abbiamo filmato craniotomie da svegli, un'esperienza davvero incredibile a cui assistere" racconta Patrick. "EOS C500 Mark II offriva molti vantaggi incredibili rispetto alle altre videocamere disponibili: un sensore full frame, il design compatto, la compatibilità con un'ampia gamma di obiettivi più piccoli e la stabilizzazione dell'immagine".
A behind-the-scenes shot of Neville Kidd filming Netflix show Altered Carbon.

Come Neville Kidd è diventato il direttore della fotografia più amato della TV

Grazie alla valutazione della seconda stagione di "The Umbrella Academy" come migliore produzione originale di Netflix del 2020, scopri come il cinematografo scozzese Neville Kidd si è fatto strada verso il piccolo schermo.
"Per filmare gli interventi chirurgici, ci hanno chiesto di non usare il treppiede. La stabilizzazione dell'immagine integrata ha consentito di rimanere distanti dal chirurgo e dal paziente, tenendo l'inquadratura completamente stabile".

Patrick ha registrato a mano libera circa il 50% del materiale e inserito leggeri movimenti. "Spesso oscillo lievemente da sinistra a destra. In questo modo conferisco fluidità all'immagine e impedisco al mio corpo di irrigidirsi! Sono rimasto davvero soddisfatto nello scoprire che la stabilizzazione dell'immagine elettronica non era troppo aggressiva. Mi ha consentito di tenere alcuni movimenti laterali nell'inquadratura, perdendo le vibrazioni ad alta frequenza".
Canon EOS C300 Mark III montata su un gimbal, poggiata sull'ala di un aereo.

Il sensore CMOS DGO Super 35mm 4K e la gamma dinamica ottimizzata di oltre 16 stop sono solo due delle caratteristiche chiave che i registi troveranno nella videocamera Canon EOS C300 Mark III.

Patrick Smith corre su un campo erboso tenendo Canon EOS C70 a filo del terreno su uno stabilizzatore manuale per filmare un ragazzo che corre con un pallone.

Canon EOS C70 beneficia di numerose tecnologie introdotte con Canon EOS C300 Mark III, tra cui l'innovativo sensore DGO Super 35mm 4K.

Una compagna di riprese versatile

Il peso leggero e il formato compatto e modulare della videocamera si sono dimostrati vantaggiosi nel seguire lo staff ospedaliero per la struttura. "Avevo bisogno di tenere il passo in un ambiente dinamico, veloce e reattivo, e la videocamera EOS C500 Mark II era lo strumento ideale" racconta.

"Mi piace la modularità di questa videocamera. Cambio di continuo configurazione, sia durante l'applicazione sia mentre il mio modo di lavorare evolve. Spesso ho bisogno di una serie di espansioni: collegamento video wireless, controllo follow focus, portafiltri, monitor di servizio, supporto per microfono radio e apparecchiature audio. Puoi trovare diversi modi di alimentare o equilibrare queste espansioni, ed è uno dei lati positivi di EOS C500 Mark II ed EOS C300 Mark III".

Per questo particolare progetto, Patrick ha utilizzato principalmente obiettivi EF a focale fissa Canon, ma il supporto di Canon EOS C500 Mark II per innesti obiettivo intercambiabili gli ha consentito di sostituire l'innesto EF con uno PL e di utilizzare gli obiettivi Sumire Prime di Canon. Il suo kit standard è composto da quattro obiettivi: EF 24mm f/1.4L II USM, EF 35mm f/1.4L USM (ora sostituito da EF 35mm f/1.4L II USM), EF 50mm f/1.2L USM e EF 85mm f/1.2L II USM.

"Questi obiettivi sono incredibili: leggeri, compatti e nitidi" racconta. "Ormai li uso da dieci anni, per cui la messa fuoco manuale è istintiva. Sono obiettivi short throw, quindi la messa a fuoco da infinito a 1,5 m è di soli 10 gradi circa, mentre con un obiettivo cinematografico la rotazione sarebbe molto più ampia. Per ottenere un buon risultato con gli obiettivi cinematografici è necessario un sistema di follow focus o di messa a fuoco assistita; con gli obiettivi fotografici, invece, posso regolare la messa fuoco molto velocemente, da solo e con la stessa accuratezza".
Un regista che cambia l'obiettivo su una videocamera Canon Cinema EOS C500 Mark II.

Canon EOS C500 Mark II supporta innesti obiettivo EF o PL intercambiabili opzionali: oltre all'ampissima gamma di obiettivi a focale fissa EF di Canon, puoi utilizzare gli obiettivi full frame Sumire Prime.

Gli obiettivi a focale fissa, a differenza degli zoom, aiutano a mantenere la gamma di colori. "Volevo che le riprese avessero un aspetto filmico sul chip full frame" spiega Patrick. "Ora realizzo tutti i prodotti Netflix in 2.53:1, un rapporto immagine cinematografico. Se vuoi utilizzare un rapporto immagine più largo di 2:1, devi chiedere il permesso; se riesci a giustificare la tua scelta, te lo concedono.

"Poter applicare un marcatore di visualizzazione sull'immagine è una delle caratteristiche più utili di questa videocamera. Fa un'enorme differenza nel mondo Netflix, dove 2:1 come rapporto immagine minimo è qualcosa che si vuole vedere davvero, piuttosto che immaginare".

La configurazione perfetta di videocamera primaria e secondaria

Ora, con EOS C300 Mark III aggiunta al suo kit e approvata da Netflix, Patrick ha la perfetta configurazione multicamera: utilizza una combinazione di EOS C500 Mark II ed EOS C300 Mark III per gran parte del suo lavoro. "È la configurazione perfetta perché entrambe riprendono con lo stesso codec. Filmano con la stessa gestione dei colori. Hanno lo stesso formato. Tutto funziona perfettamente in entrambi i dispositivi", afferma. "Mi basta fermarmi e scambiarle per sfruttare i punti di forza di ogni videocamera. Con EOS C500 Mark II, tendo a utilizzare l'inquadratura più ampia perché ha un chip più grande e offre una profondità di campo ridotta per quel particolare tipo di ripresa. Solitamente utilizzo EOS C300 Mark III per i primi piani, mentre la possibilità di scattare a 120p in 4K è estremamente utile. Le due videocamere si integrano alla perfezione".

Ora che EOS C70 è approvata anche da Netflix, Patrick ritiene che gli sarà molto utile per lavorare a produzioni documentarie. "Il formato ridotto e la versatilità di EOS C70 la rendono la videocamera secondaria ideale per i documentari di fascia alta", afferma. "Che sia montata su un'auto, su un gimbal o anche solo per avere un'angolazione diversa in un'intervista, è una parte essenziale del mio kit".

Scritto da Marcus Hawkins


Il kit di Patrick Smith

Il kit essenziale per riprese cinematografiche professionali

Il direttore della fotografia Patrick Smith con una videocamera Canon Cinema EOS C500 Mark II.

Fotocamere

Canon EOS C70

Un'innovativa videocamera EOS Cinema con innesto RF dotata del sensore Canon DGO Super 35mm 4K. Grazie alla modalità Slow Motion 4K a 120p, le tecnologie HDR e Dual Pixel CMOS AF e un corpo compatto, questa videocamera porta il sistema RF in una nuova era.

Canon EOS C500 Mark II

Una videocamera Cinema EOS di ultima generazione con sensore CMOS full frame da 5,9K in un corpo compatto. "Con questa videocamera non devi pensare a dove sono le cose, perché si trovano proprio dove te lo aspetti; i pulsanti a lato sono così ben assegnabili che si possono personalizzare a seconda delle proprie esigenze".

Canon EOS C300 Mark III

EOS C300 Mark III, videocamera versatile, è dotata del sensore Canon DGO 4K Super 35mm, slow motion 4K 120P, High Dynamic Range e Dual Pixel CMOS AF nello stesso corpo di EOS C500 Mark II. "È la compagna perfetta per EOS C500 Mark II: stesso codec, stessa scheda, stessa gestione dei colori", afferma Patrick.

Obiettivi

Canon EF 35mm f/1.4L II USM

Il modello successivo dell'obiettivo Canon EF 35mm f/1.4L USM utilizzato da Patrick. Obiettivo grandangolare professionale, con una prospettiva naturale, un'apertura F1.4 e ottime prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione.

Articoli correlati

  • Il regista Ben Sherlock con la videocamera Canon EOS C500 Mark II.

    ARTICOLO

    Due potenze cinematografiche a confronto

    Il regista di documentari Ben Sherlock esplora ciò che la videocamera EOS C300 Mark III con sensore Super 35mm e la videocamera EOS C500 Mark II con sensore full frame hanno da offrire sul campo.

  • The Canon cameras behind Netflix's Icarus

    ARTICOLO

    Le fotocamere Canon utilizzate per la realizzazione del documentario Netflix Icarus

    Jake Swantko, direttore della fotografia del documentario sul doping nello sport vincitore del premio Oscar, parla delle quattro diverse fotocamere Canon utilizzate per le riprese.

  • Il filmmaker Simeon Quarrie riprende con la videocamera Canon EOS C70.

    ARTICOLO

    Riprese a costi contenuti con Canon EOS C70

    Il filmmaker Simeon Quarrie spiega perché questa compatta videocamera Cinema EOS permette agli operatori di ottenere di più spendendo meno.

  • ARTICOLO

    La videocamera Canon EOS C500 Mark II nell'Artico

    Roberto Palozzi, ricercatore e regista di documentari, ha sfidato bufere di neve e temperature glaciali per filmare la pesca del merluzzo polare alle Isole Lofoten, in Norvegia.

  • Leggi la newsletter

    Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro