ARTICOLO

Da studente a direttore della fotografia: ecco il giovane filmmaker Otis Tree

Dopo essersi laureato alla scuola di cinema nell'estate del 2020, Otis Tree sta già producendo un lungometraggio. Qui condivide i suoi consigli su come fare carriera subito dopo l'università.
Un giovane vestito in modo casual accovacciato su un marciapiede che fotografa un uomo con pantaloni a scacchi e scarpe da ginnastica bianche.

Il filmmaker appena laureato Otis Tree ha riflettuto per anni sul concetto del suo lungometraggio, "Big Smoke", ma è stato ispirato a trasformare la sua visione in realtà dopo aver girato il suo premiato cortometraggio di laurea, "Destructors". "Nonostante il successo, mi sentivo insoddisfatto di come il tutto si era realizzato", spiega Otis. "È stato rovinato dal primo lockdown. Il tempo che ho avuto per rifletterci mi ha aiutato a realizzare alcune delle idee che avevo".

"Il grande Lebowski" (1998) è ambientato nella soleggiata Los Angeles, non nella piovigginosa e grigia Londra. Ma per il suo primo lungometraggio, "Big Smoke", il filmmaker laureato Otis Tree sta indirizzando lo spirito del film cult dei fratelli Cohen in una nuova direzione. "È una commedia horror, in cui i personaggi sono costantemente paranoici e dubitano di loro stessi", dice Otis di "Big Smoke". "'The Wicker Man' è un'altra grande fonte d'ispirazione. Il film è ambientato durante il solstizio d'inverno e abbiamo cercato di creare un'atmosfera pagana, nonostante l'estetica moderna e urbana".

Otis, nato nell'East London, ha ottenuto la sua prima proiezione a un festival, il BFI Future Film Festival, a soli 13 anni. Da quando si è laureato nell'estate del 2020, ha già collezionato alcuni importanti riconoscimenti, vincendo il premio 2020 Emerging Talent al CINECITY Festival di Brighton per il suo cortometraggio "Destructors" e lavorando con il direttore della fotografia Ben Wheeler a una produzione televisiva di alto livello per Euston Films. Gli abbiamo chiesto cosa ha imparato nel suo percorso di studi e come ha usato queste conoscenze per dare il via alla sua carriera cinematografica.
Una giovane donna con un foulard in testa sdraiata su una stuoia, circondata da piccole candele sul pavimento.

La trama di "Big Smoke", ambientato durante il solstizio d'inverno, è incentrata su un gruppo di giovani londinesi noti come "The Druids". Otis ha girato il suo film di prova in una vecchia chiesa abbandonata per ottenere l'atmosfera horror ispirata a "The Wicker Man" che cercava e ha usato Canon EOS R5 per scattare le foto promozionali. Scatto realizzato con obiettivo Canon RF 50mm F1.2L USM a 1/50 sec, f/1.2 e ISO800. © Otis Tree

Attualmente stai lavorando al tuo primo film, "Big Smoke". A che punto sei?

"Ho scritto l'intera sceneggiatura, che è stata modificata diverse volte, e ho girato un breve film di prova autofinanziato che cattura l'essenza dell'opera. Ora lo sto promuovendo in diversi posti. La sfida più grande è superare il muro iniziale tra te e il resto del settore. All'inizio sembra insormontabile, ma è una lenta scalata. Devi mantenere i contatti e continuare a importunare la gente".
Puoi dirci di più sui particolari visivi e tecnici del film e su come ti sei basato su ciò che hai imparato dai tuoi lavori precedenti?

"Di solito riprendevo totalmente a mano libera. Ho iniziato come regista in stile 'run and gun' e giravo la sceneggiatura in ordine. In questo film, quasi ogni ripresa è realizzata con un treppiede, i movimenti della videocamera sono limitati. Sto cercando di fare le cose in modo semplice. Quando ripenso al mio film di laurea, "Destructors", la scena di apertura aveva qualcosa come 100 inquadrature, una follia. Questa volta sto cercando di fare le cose in tre riprese al massimo. Invece di muovere la videocamera, uso lo zoom dell'obiettivo. Ho guardato molti film di Stanley Kubrick, prestando attenzione alla natura metodica con cui posiziona la videocamera e per quanto tempo ti costringe a guardare un'inquadratura. I giovani filmmaker provano qualcosa di nuovo ogni 30 secondi, ma una delle cose più significative che ho imparato è l'importanza dell'uniformità tonale. In generale, come artista, voglio essere più riservato. Invece di usare trucchi fantasiosi con la videocamera, mi sto concentrando sulla performance e sul carattere".
Quali sono i tuoi piani per il finanziamento e la distribuzione di "Big Smoke"?

"All'università ci hanno parlato del crowdfunding, io l'ho fatto per 'Destructors'. È un approccio interessante perché ottieni il pieno controllo creativo e sei autonomo con il budget. Quello che mi piacerebbe davvero sarebbe ottenere una sorta di sovvenzione o il minor numero possibile di fonti di finanziamento per il processo di produzione, dopo sarei aperto a qualsiasi cosa per quanto riguarda la distribuzione. Voglio solo che il mio film esca, che sia attraverso i festival o lo streaming online. La mia priorità è quella di mantenere il maggior controllo possibile sulla visione finale, quindi sono riluttante a cercare di fare le cose troppo in grande. Mi sono appena laureato ed è il mio primo lungometraggio, penso che ci sia del merito nel provare a farlo nel modo più indipendente possibile".

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services.
Una foto di gruppo con quattro giovani dal look audace, il ragazzo più alto sfoggia un'acconciatura a punte.

Un'immagine promozionale per il film di prova "Big Smoke" di Otis realizzata con EOS R5. "Il marchio Canon è sinonimo di fotografia di livello professionale, la serie R è la sua ultima evoluzione", afferma. "Queste fotocamere saranno gli strumenti di questa generazione per i decenni a venire, nello stesso modo in cui la serie Canon EOS 5D è stata al fianco di qualsiasi fotografo professionista negli ultimi dieci anni". Scatto realizzato con obiettivo Canon RF 50mm F1.2L USM a 1/2500 sec, f/1.2 e ISO800. © Otis Tree

Un fotografo che cattura il profilo di un giovane con un berretto da baseball con una fotocamera Canon EOS RP.

Nel corso degli anni, Otis ha lavorato con diverse fotocamere Canon tra cui Canon EOS 600D (ora sostituita da Canon EOS 850D), Canon EOS C300 (ora sostituita da Canon EOS C300 Mark III) e Canon EOS 5D (ora sostituita da Canon EOS 5D Mark IV). Ha anche esperienza con Canon EOS RP. "La fascia di prezzo di Canon EOS RP la rende perfetta per gli studenti che cercano la loro prima fotocamera potente", sostiene.

Di recente hai avuto la possibilità di scattare foto promozionali per "Big Smoke" utilizzando Canon EOS R5. Com'è stata questa esperienza?

"Avevo a disposizione Canon EOS R5 con l'obiettivo Canon RF 50mm F1.2L USM. Ne ho amato la semplicità. L'ho avuta al mio fianco per tutto il tempo delle riprese. Mi ero documentato online e avevo letto molto sulla R5, quindi ero davvero entusiasta di provarla di persona. Veramente pazzesca. Avere una fotocamera così valida di quelle dimensioni è incredibile. Le dimensioni cambiano davvero il modo in cui puoi scattare, ti offrono più velocità e versatilità e ti permettono di essere meno intimidatorio per gli attori, per questo sono riuscito a catturare bellissimi momenti spontanei. Anche l'autofocus mi ha lasciato a bocca aperta: il fatto che a f/1.2 continuasse a seguire l'occhio di qualcuno, indipendentemente da cosa facesse o da dove andasse, era pazzesco. E i risultati dell'obiettivo RF 50mm F1.2 erano molto nitidi".
Quale corso universitario hai seguito e cosa hai imparato?

"Non sono andato all'università per imparare a fare cinema. Ci sono così tante risorse online che avevo già imparato da solo a utilizzare tutti i software necessari. Per me era importante avere il tempo per commettere errori e fare pratica con l'arte del cinema. Ho iniziato con un corso sulle immagini in movimento, che aveva un approccio più artistico, ma non ero del tutto soddisfatto, così sono passato a un corso più incentrato sul settore in un'università diversa, più piccola e personale, la Screen and Film School di Brighton. Nel corso precedente non davano alcuna indicazione su come fare soldi dopo la laurea, il che potrebbe essere un'etica dannosa. Imparare a vendersi e a inserirsi nella macchina da soldi che è l'industria cinematografica è stato davvero utile.

"Fin da piccolo mi sono impegnato a riconoscere il mio valore personale. Ci sono un sacco di giovani filmmaker che lavorano gratis".
Tra i due corsi, hai lavorato per un anno come assistente per il regista Tyrone Lebon e nella casa di produzione DoBeDo. In che modo ti ha avvantaggiato quest'esperienza?

"È stato un cambiamento radicale dall'essere uno studente e avere una lezione a settimana. Trovarsi in una situazione reale ti permette di imparare di più in un giorno che in qualsiasi corso, semplicemente perché hai a che fare con clienti reali. Tyrone riprende tutto in analogico. Il suo lavoro è piuttosto anticonvenzionale, non è il tipo di attività aziendale che pensi di ritrovarti a fare dopo l'università. È stato bello vedere qualcuno che si guadagna da vivere facendo qualcosa di divertente".
Canon Cinema EOS cameras set up on tripods in a studio.

Nozioni di base per ottenere riprese professionali

Da frame rate e HDR a codec e composizione, ecco sei regole d'oro per realizzare filmati che catturano l'attenzione.
Ovviamente sei ancora all'inizio della tua carriera, ma riesci a individuare il tuo stile come regista?

"Sta ancora cambiando ma, in generale, una volta passate le tre intense fasi di scrittura, ripresa e montaggio, il mio stile finisce sempre per essere più etereo e sognante di quanto immaginassi all'inizio. Mi piace girare su pellicola e, anche se questo non si traduce in riprese a basso budget, dato che è molto costoso, spesso cerco alcune delle stesse caratteristiche, utilizzando obiettivi vintage e allontanandomi da un aspetto troppo nitido. Ho girato "Destructors" con obiettivi costosi Super 35 che ho preso in prestito dall'università, ma in precedenza avevo acquistato online degli obiettivi di plastica economici da 20 £".
Un uomo con le cuffie e una giacca beige mentre cammina lungo un passaggio.

Il cinema e la fotografia hanno sempre fatto parte della vita di Otis. "Mia madre è una fotografa, quindi ci sono cresciuto. Per quanto riguarda il cinema, ho iniziato vestendomi da Spider-Man e recitando a teatro, prima di capire che avrei fatto di meglio dietro all'obiettivo. Quando avevo 10 anni giravo film con i miei amici su una piccola videocamera digitale", racconta. "Il mio obiettivo finale è quello di diventare un regista di lungometraggi, ma mi piacerebbe anche girare video musicali". Scatto realizzato con Canon EOS R5 e obiettivo Canon RF 50mm F1.2L USM a 1/2500 sec, f/1.2 e ISO100. © Otis Tree

Un giovane con i capelli lunghi fino alle spalle seduto su un letto guarda verso la fotocamera. Dietro di lui si vede un muro giallo senape con una piccola croce di legno.

Otis è stato grato per i contatti che la Screen and Film School di Brighton ha nel settore. "Hanno tenuto masterclass con i migliori professionisti, come Charlie Brooker, e tutti i tutor sono filmmaker che a volte invitano gli studenti a lavorare con loro come assistenti, il che è fantastico", spiega. "Era tutto molto dinamico". Scatto realizzato con Canon EOS R5 e obiettivo Canon RF 50mm F1.2L USM a 1/200 sec, f/1.2 e ISO400. © Otis Tree

Deve essere stato strano dare inizio alla tua carriera cinematografica nel bel mezzo di una pandemia: come hai affrontato questa sfida?

"Ci sono aspetti positivi e negativi. Andare ai festival online non è la stessa cosa, ma il fatto che il mondo sia bloccato da quando mi sono laureato mi ha dato molto tempo. Ho ottenuto diversi lavori freelance tra un lockdown e l'altro: ho girato video musicali, fatto da assistente a fotografi di immagini stock e persino documentato il restauro di un'opera d'arte. Se fossi entrato direttamente nel 'mondo reale', sarebbe stato piuttosto intenso, e forse non avrei avuto il tempo di scrivere la sceneggiatura e fare il film di prova in questo modo".
Qual è il tuo consiglio per uno studente di cinema che è ancora qualche passo indietro rispetto a te?

"Apprezza tutto quello che hai all'università: il kit, l'aiuto, le persone che ti circondano. Penso che ciò che mi ha ripagato di più sia stato mantenere i contatti. È bene trovarsi un mentore, ma anche rimanere in contatto con i tuoi coetanei. Non sai mai dove vi porterà la vita!".

Scritto da Rachel Segal Hamilton


lArticoli correlati

Get the newsletter

Click here to get inspiring stories and exciting news from Canon Europe Pro