ARTICOLO

Nollywood: il trend tra presente e futuro

Il regista Daniel Ehimen parla delle videocamere Cinema EOS, di quanto lo aiutino a tenersi al passo con il settore cinematografico nigeriano e delle sue speranze per il futuro.
Il regista Daniel Ehimen con indosso una camicia con motivi arancioni mentre utilizza una videocamera.

Daniel Ehimen, regista di Nollywood, inizialmente lavorava come tecnico del suono per eventi dal vivo, ma aveva la percezione che ci fosse uno "scollamento tra la fatica necessaria per predisporre uno stadio per un evento e la ricompensa che ne deriva". Ha affinato la sua capacità di composizione grazie alla fotografia di moda, prima di imparare il linguaggio del cinema all'interno di un programma di mentoring. © Daniel Ehimen

L'industria cinematografica è un settore molto grande in Nigeria. Secondo un rapporto dell'UNESCO Institute for Statistics, i paesi in via di sviluppo hanno rappresentato il 59% della produzione cinematografica mondiale nel 2015 e un forte contributo a tale crescita è stato dato dall'industria cinematografica nigeriana, interessata da una forte espansione. Nel 2010, il Paese ha prodotto 1.074 film nel corso di un solo anno, rendendo l'industria cinematografica nigeriana una delle più prolifiche al mondo. Non a caso Nollywood, nell'immaginario comune, è seconda solo a Bollywood in termini produttivi.

Ma che cosa c'è dietro questo successo? In che modo i registi nigeriani sono riusciti a mantenere un ritmo così rapido? E che cosa significa davvero il soprannome Nollywood per chi lavora nel settore?

"Secondo me, è per lo più una coscienza collettiva indipendente", afferma Daniel Ehimen, regista e direttore della fotografia che ha lavorato in diversi lungometraggi, spot pubblicitari e documentari. "A Hollywood o Bollywood, c'è una struttura con molte specializzazioni diverse, varie corporazioni, numerosi sindacati e codici di comportamento. Noi non abbiamo tutto ciò. Quando parliamo di Nollywood, dobbiamo prendere in considerazione un mondo molto diverso".
Daniel Ehimen in piedi sul set accanto a una videocamera Canon EOS Cinema.

Daniel dice che i comandi a portata di dita di Canon EOS C500 Mark II gli hanno permesso di diventare un regista più intuitivo. "È sufficiente premere i pulsanti S&F e il gioco è fatto", spiega. "Ciò significa che si può reagire molto più velocemente mentre si riprende". © Daniel Ehimen

Il regista Daniel Ehimen che regola una videocamera sul set.

Daniel ama utilizzare Canon EOS C300 Mark III grazie alla bassa rumorosità offerta dalla sua tecnologia DGO. "Mi consente di non pensare alla riduzione del rumore quando scatto in condizioni di scarsa illuminazione", afferma. © Daniel Ehimen

"Magari un regista è anche produttore, sceneggiatore e operatore di macchina. Per questo siamo in grado di lavorare così rapidamente. Siamo abituati a trovare il modo più efficiente per portare a termine le cose. L'industria non riceve alcuna sovvenzione da parte del governo o del settore privato, quindi è esclusivamente guidata da imprenditori che si assumono dei rischi. La maggior parte delle volte falliscono, ma questi fallimenti li hanno portati a fare progressi. Ora c'è più attenzione ai dettagli."

Daniel spiega che, nella maggior parte dei casi, i contenuti provenienti dalla Nigeria sono film drammatici relational o thriller. "Non si trovano imprenditori o produttori che vogliono realizzare un blockbuster come "Mission: Impossible" con Tom Cruise o un film epico come "Il signore degli anelli", anche se ci sono storie che potrebbero essere raccontate su questa scala. Ha a che vedere più con il tipo di film che possiamo realizzare che con quello che vorremmo davvero realizzare. Abbiamo ancora molta strada da fare per capire come colmare questo divario in termini di effetti speciali e simili".

Massima agilità con EOS C500 Mark II

Quando ha iniziato, Daniel cercava tre cose in una videocamera. "In primo luogo, doveva essere affidabile. In secondo luogo, volevo qualcosa con impostazioni facili da regolare: non avevo tempo per cercare impostazioni sepolte nel menu. In terzo luogo, avevo bisogno di una straordinaria gamma dinamica che mi consentisse di esprimermi dal punto di vista artistico. Il sistema Cinema EOS ha soddisfatto tutti e tre gli aspetti e sapevo di poterlo utilizzare come base da cui iniziare a muovermi".

Canon EOS C700, nella sua versione originale, era la videocamera ideale di Daniel prima dell'uscita di Canon EOS C500 Mark II. Egli dice che, mentre la Canon EOS C700 è "perfetta per le produzioni da studio, in cui magari si hanno a disposizione due assistenti alla macchina da presa e un paio di altre persone nella squadra", il design più compatto e modulare di Canon EOS C500 Mark II e EOS C300 Mark III è più adatto al suo stile improvvisato di filmmaking.

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services.
Il regista Daniel Ehimen con indosso una camicia con motivi arancioni che aziona una videocamera con una light box alle spalle.

Daniel attribuisce il suo successo a Nollywood al fatto di essere abbastanza coraggioso per accettare il fallimento e imparare da esso. "Cercate di non bloccare il processo", dice. "Perché tanto prima si fallisce, quanto prima si impara a non fallire". © Daniel Ehimen

"Per utilizzare Canon EOS C700, avremmo dovuto noleggiare un'attrezzatura, ma, grazie alle videocamere più piccole, siamo in grado di utilizzare dei gimbal molto economici che possiamo permetterci di acquistare immediatamente. Avere a portata di mano le attrezzature significa potere sprigionare la propria creatività sul set. Ad esempio, decidere se fissare una videocamera su un'auto dipende dal suo peso e dalla capacità di mantenerla in sicurezza. Ma Canon EOS C500 Mark II e EOS C300 Mark III sono così leggere e modulari da poterle fissare su qualsiasi supporto.

"La gamma Cinema EOS si è ampliata tanto che ormai possiamo quasi dire che è disponibile una videocamera per ogni scenario. Posso posizionare Canon EOS C70 sul cruscotto e in altri spazi molto stretti. Posso usare EOS C500 Mark II o EOS C300 Mark III come fotocamera principale e se sono a capo di una squadra più grande con bracci e carrelli, posso invece usare EOS C700 FF".

Vantaggi di sensore DGO e Cinema RAW Light

I miglioramenti apportati alla tecnologia dei sensori e all'elaborazione introdotti in Canon EOS C500 Mark II e in EOS C300 Mark III abilitata per DGO hanno anche aperto nuove strade a Daniel.

"Dovevo girare un film in un villaggio dove non c'era molta elettricità e c'era una scena al chiaro di luna da illuminare anche con lanterne", ricorda. "All'inizio non avevo idea di come girarla, perché impostando qualsiasi macchina a ISO superiore a 200 in una scena notturna sarebbe stata troppo rumorosa o avrebbe avuto bisogno di un'enorme potenza di fuoco per essere illuminata. Ma le riprese con Canon EOS C300 Mark III con il suo sensore DGO mi hanno consentito di vedere i dettagli nel buio. C'era bisogno di una quantità minima di luce e riuscivo comunque a ottenere una risoluzione nitida".
Il direttore della fotografia Patrick Smith con una fotocamera Canon EOS C500 Mark II.

Videocamere Canon EOS Cinema: approvate da Netflix

In occasione dell'entrata di Canon EOS C300 Mark III e Canon EOS C70 nell'elenco delle videocamere approvate da Netflix, il direttore della fotografia Patrick Smith ci parla delle produzioni originali della piattaforma di streaming globale.
La possibilità di girare in Cinema RAW Light ha anche permesso a Daniel di diventare più efficiente e di migliorare la qualità di ciò che realizzava. "In termini di archiviazione, probabilmente riempivo 8-10 unità girando un film sulla versione originale di Canon EOS C500. Ora, con Mark II, non vado al di sopra di due unità. Ed è l'intero film, in 5.9K Cinema RAW Light.

"Ora è molto più divertente. Posso creare LUT in fase di test di post-produzione e caricarle nella videocamera come guida per aiutarmi a prendere decisioni creative. In precedenza, avremmo girato flat e risolto il problema in post, ma ora possiamo vedere l'effetto finale e, se non funziona, possiamo cambiarlo sia sul momento, sia in seguito. Ciò consente di risparmiare sui rifacimenti e ridurre i costi di produzione.
Il regista Daniel Ehimen mentre utilizza Canon EOS C700.

Anche se Daniel ora utilizza principalmente Canon EOS C500 Mark II per le riprese di film e pubblicità, torna a servirsi di Canon EOS C700 per le foto di rappresentazione di un prodotto. "Ho a disposizione un'intera gamma di frame rate molto elevati", spiega. "L'esclusiva colour science rende le fotocamere Cinema EOS intercambiabili tra loro e non si hanno strane variazioni nella gamma". © Daniel Ehimen

Gli step successivi di Nollywood

Quindi, con la libertà e la qualità offerte dalle videocamere Cinema EOS, quale sarà il prossimo entusiasmante capitolo della storia di Nollywood secondo Daniel? "Personalmente, vorrei raccontare più storie popolari, film che mostrano la nostra identità, quindi chi siamo ora e chi eravamo", dice. "Abbiamo più di 200 tribù con storie uniche e storie delle origini".

"Penso che inizieremo a introdurre la figura dello showrunner, in base ai redditi provenienti dalla distribuzione su servizi di streaming come Netflix e Amazon. Avremo persone con maggiore potere d'acquisto grazie ai risparmi che possono essere realizzati girando con attrezzature più compatte, e questo ci permetterà di raccontare le storie in modo indipendente, senza essere censurati. Stiamo scartando un regalo che si chiama libertà".

"Credo che vedrete film più audaci e unici e che la loro singolarità trasformerà davvero l'industria a favore dell'artista, portando diversità e innovazione nel mercato internazionale. A mia volta, penso che questo sarà d'aiuto ai membri della prossima generazione per capire chi sono e qual è il loro posto nel mondo".

Articoli correlati

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro