ARTICOLO

Mettere in luce le donne nel mondo del cinema

Incontra tre delle donne che stanno aprendo la strada alla nuova generazione di registe.
La regista Ashleigh Jadee in piedi dietro alla sua videocamera, mentre un gruppo di uomini la guarda lavorare.

La regista Ashleigh Jadee è specializzata in riprese di moda e musica. Spera che altre aspiranti registe vedano il suo successo e siano incoraggiate a entrare nel settore. © Rackz Media

Gli studi dimostrano che le donne sono ancora davvero poco rappresentate nel settore cinematografico. Nel 2019, era donna solo il 20% dei registi, autori, produttori, produttori esecutivi, tecnici del montaggio e direttori della fotografia che hanno lavorato ai 100 film con il maggiore incasso negli Stati Uniti. Chiaramente, il settore ha ancora molta strada da fare in termini di inclusione delle donne, ma ci sono stati dei progressi.

La campagna Women Who Photo & Film è stata lanciata da The Photography Show & The Video Show nel 2018 per mettere in luce il lavoro di fotografe e registe. Quest'anno la mostra si è svolta virtualmente e ha coinvolto 21 ambasciatrici.

Carys Kaiser ha svolto quasi tutti i lavori del settore, dalla registrazione del suono fino a diventare produttrice e regista autonoma. Ha lavorato a produzioni televisive nel Regno Unito per oltre 17 anni e nel 2015 ha iniziato a dedicarsi alla fotografia con i droni.

Heather Hughes è diventata sorda all'età di tre anni, ma non ha mai lasciato che questo le impedisse di fare carriera come videografa, producendo video di viaggio, per aziende e social, oltre a realizzare filmati di matrimoni.

La regista Ashleigh Jadee ha iniziato a lavorare nel campo della fotografia prima di passare alla videografia, alla produzione e alla regia. È specializzata nella regia di video per l'industria della musica e della moda e ha collaborato con artisti come Skepta, Wiley e Wretch 32.

Qui le tre professioniste, tutte del Regno Unito, condividono le loro esperienze di lavoro nel settore cinematografica e offrono consigli a chi spera di seguire le loro orme.

La filmmaker Heather Hughes sorride alla fotocamera, su uno sfondo naturalistico.

La filmmaker Heather Hughes racconta che le ci è voluto un po' di tempo per trovare la sua strada. "Penso che tu debba fare molti errori, poi improvvisamente i pezzi andranno al loro posto e penserai: 'Oh sì, questo è quello che voglio dire, ed è così che lo dirò'".

Come sei entrata nel mondo del cinema?

Carys ha iniziato come truccatrice, ma ben presto ha capito di voler lavorare con le videocamere. "Guardavo gli operatori, tutti uomini, e i registi, tutti uomini, e pensavo: 'Voglio fare il loro lavoro'". Incontrare una filmmaker tramite il suo lavoro sul set le ha insegnato qualcosa sul settore e l'ha ispirata a fare il passo successivo.

Heather è stata project manager in una casa editrice per 18 anni prima di essere licenziata. "Ho trovato un corso di regia narrativa al City Lit College di Londra", racconta. "Ho realizzato uno sketch comico di tre minuti. Credo di essere stata l'unica ad avere effettivamente finito, e tutti l'hanno trovato divertente quando l'hanno visto". Heather ha accompagnato un'amica come videografa a un matrimonio e poi ha iniziato a occuparsi di filmati a livello professionale.

"Quando avevo circa 20 anni, ho deciso di passare a una fotocamera Canon", racconta Ashleigh, che scattava con Canon EOS 60D (ora sostituita da Canon EOS 90D). "È stato allora che ho iniziato a giocare con i video, perché avevo sia video che foto in un solo dispositivo. Ho iniziato filmando i miei amici che facevano freestyle".

Ashleigh ha girato un documentario su un suo amico che stava realizzando un album, poi ha lavorato per un breve periodo nell'ambito della produzione, prima di riprendere in mano una videocamera per girare un video musicale per un'amica, grazie al quale è stata scelta dalla Universal Records per il suo primo ruolo da regista.

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services.

La filmmaker Carys Kaiser riprende un uomo che stira sul set di una cucina.

"A volte penso di dovermi dare un pizzicotto", afferma la filmmaker Carys Kaiser. "Mi sento molto fortunata ad avere tutte queste opportunità. Ma poi mi guardo attorno e i miei amici mi dicono: 'Non ti dai abbastanza credito. Hai lavorato duramente per arrivare fin qui'". © Joolze Dymond

Dove trovi l'ispirazione?

"Guardo ogni genere di cose", afferma Carys. "Se sto realizzando un filmato creativo, potrebbe essere qualcosa che ho visto su YouTube tre o quattro anni fa, o potrebbe essere un libro, una rivista o un programma televisivo".

Anche la collaborazione con gli altri membri del panel Women Who Photo & Film è stata fonte di ispirazione. "Ogni donna che sta portando avanti il proprio viaggio nel campo della fotografia o del cinema è fonte di ispirazione", sostiene.

Heather prende spunto dalla TV e dai film. "Adoro i programmi come Firefly", spiega, riferendosi alla popolare serie di fantascienza. "In realtà prendo molta ispirazione dalla teoria della TV, guardando come vengono effettuate le riprese e l'atmosfera che si crea".

Come Heather, anche Ashleigh ama guardare vecchi film e video musicali. "Prendo una scena o una parte memorabile e la ricreo nel mio lavoro", afferma. "A volte, se si tratta di raccontare una storia, uso le mie esperienze personali".

La regista Ashleigh Jadee cammina per strada portando la sua videocamera.

Ashleigh ora fa da mentore a principianti online per aiutarli a crearsi delle connessioni nel settore. "Mi dà molte soddisfazioni", afferma. "È stata la stessa sensazione che ho provato quando ho lasciato un set per la prima volta. Mi ha fatto capire che ho davvero molte conoscenze. Semplicemente ti dimentichi di quanta strada hai fatto". © Rackz Media

La regista Ashleigh Jadee sorride alla fotocamera mentre fa il gesto dell'OK, la sua videocamera nell'inquadratura.

Ashleigh ritiene che campagne come Women Who Photo & Film siano essenziali per affrontare la disparità di genere nel settore. © Rackz Media

Cosa ne pensi della campagna Women Who Photo & Film?

"La campagna mette in luce le diverse esperienze delle donne", spiega Carys. "Mostra che le donne non si occupano solo di matrimoni, ma fanno di tutto".

"Vado all'evento The Photography Show da quando è iniziato", racconta Heather. "Ogni anno lo trovavo davvero molto stimolante, perché all'inizio della mia carriera non sapevo che tipo di foto o video avrei voluto realizzare".

Ashleigh sostiene che iniziative come questa sono molto importanti, perché l'industria rimane fortemente dominata dagli uomini. "Credo che le persone debbano sentirsi rappresentate in tutto, a livello di razza, sesso e altro. Vedere qualcuno nella posizione in cui vorresti essere tu può incoraggiarti a smettere di dubitare di te stessa e fare il primo passo per realizzare i tuoi obiettivi".

A woman stands on a hill overlooking a valley ringed with mountains. She is operating a camera on a tripod

Le donne nel settore della produzione cinematografica: come farsi spazio

Le produttrici più famose raccontano come hanno fatto ad affermarsi nel settore del cinema e offrono consigli alle donne che desiderano seguire il loro stesso percorso.

Hai percepito la disparità di genere nel settore cinematografico?

Quando Carys ha iniziato a dedicarsi al lavoro con i droni, non è stata sempre presa sul serio. "Qualcuno mi ha detto: 'È troppo complicato. Non riusciresti a farlo'. Poi mi è venuto in mente che, in realtà, tutte le professioni che svolgo hanno una prevalenza maschile: fotografo, videografo, regista, tecnico del montaggio, operatore di droni.

"Penso però che la situazione stia cambiando. Non mi sono impegnata per diventare un modello per le donne, è successo e basta. Ma se posso ispirare qualcuno a pilotare un drone, maschio o femmina che sia, a me sta bene".

"Il settore è piuttosto maschilista, soprattutto nell'ambito del broadcast", afferma Heather. "Ho una telecamera broadcast che utilizzo, l'ho presa in parte per essere sicura di potermi sentire allo stesso livello [degli uomini]. Ci sono uomini che iniziano a parlare di cose tecniche e alcune donne si sentono intimidite da questo".

Una donna sdraiata per terra viene ripresa dall'alto con un drone mentre tiene in mano un ombrello a strisce arcobaleno.

Carys sta lavorando a un libro di fotografie scattate con i droni, intitolato "A girl from above". Il suo interesse per la fotografia con i droni l'ha portata a specializzarsi nel mestiere e ora è una dei migliori piloti di droni del paese. © Carys Kaiser

Cosa c'è nel tuo kit?

Heather utilizza Canon XF705 per le sue riprese. "È una videocamera vera e propria", afferma. "Quando intervisto delle persone utilizzo Canon XF705. La messa a fuoco automatica ha delle prestazioni incredibili. È come essere in studio, è perfetta".

Carys ha utilizzato Canon EOS C300 Mark III e Canon EOS C500 Mark II per il suo lavoro televisivo. "Quello che offrono, a differenza di altri produttori di videocamere televisive, è lo spazio colore", sostiene. "Tutte le tonalità della pelle hanno un bell'aspetto sulle videocamere Canon".

Quali consigli daresti a chi vuole entrare nel mondo del cinema o a chi sta passando dalla fotografia al video?

Carys, che ha lavorato sia con le foto che con i video, incoraggia le persone a essere sicure di sé. "Se riesci a creare l'inquadratura di una foto, hai già l'abilità necessaria per i video. Impara quali sono le regole e poi inizia a infrangerle per creare il tuo stile".

All'inizio, molti giovani filmmaker sono tentati di lavorare gratis per ottenere un po' di visibilità e crearsi delle connessioni nel settore, ma Carys consiglia di essere prudenti. "Non svenderti. Ho passato molto tempo a sottovalutarmi, ma poi ho iniziato a farmi valere, economicamente parlando. Non solo mi sento meglio riguardo a quello che faccio, ma la gente mi apprezza di più".

Heather esorta i principianti a non darsi per vinti. "Non mi rendevo conto di quanti alti e bassi ci sarebbero stati, quanto sarebbe stato difficile crearmi delle connessioni. Devi imparare a farti scivolare le cose addosso. Ma ricordati di ascoltare sempre la tua voce e di sapere cosa vuoi fare ".

Il consiglio di Ashleigh per chi entra nel settore è di fare rete, incontrare persone e lavorare sulla fiducia in sé stessi. "È tutta una questione di relazioni", afferma. "Sono sempre stata molto timida, e senza fiducia in me stessa, il che mi avrebbe impedito fare determinate cose".

Suggerisce agli aspiranti registi di lavorare sulla crescita personale. "Devi capire le persone e come muoverti sul set, perché tutti gli occhi sono puntati su di te Oltre al lavoro su commissione, concentrati su progetti che ti appassionano, perché questo ti aiuterà a mostrare che tipo di regista sei veramente".

Qual è stata la parte migliore della tua carriera finora?

"Sono sempre entusiasta di ogni singolo lavoro che faccio", afferma Carys. "Di recente ho girato con Heather Small, Alexandra Burke e David Grant per Songs of Praise - Gospel Singer of the Year, ma oggi è stato davvero emozionante perché ho filmato un uomo su una collina con un asse da stiro. Mi sento come se questo fosse il lavoro più bello del mondo: è questa per me la parte migliore".

"La parte migliore è l'affiatamento che sento con gli altri filmmaker", afferma Heather. "Ho trovato una comunità, è divertente e le persone sono fantastiche".

"Uno dei miei momenti migliori è stato poter dirigere i video digitali Out-of-Home per la campagna di Natale 2018 di H&M", afferma Ashleigh. "È stato pazzesco perché ho potuto vedere il mio lavoro su enormi cartelloni pubblicitari e su Oxford Street mentre andavo in un centro commerciale Westfield. Un altro momento indimenticabile è stato probabilmente il mio primo video, perché è stato allora che ho pensato 'Voglio sentirmi così ogni volta che vado al lavoro'".

Scritto da Tamzin Wilks


Articoli correlati

  • Jolade Olusanya tiene in mano una videocamera Canon EOS C70 per riprendere una donna seduta sul pavimento di fronte a lui.

    STORIA DI UN SERVIZIO

    Le prime riprese con Canon EOS C70

    Jolade Olusanya parla di come ha utilizzato la videocamera Cinema EOS di Canon con innesto RF per realizzare un bellissimo filmato della poetessa Sophia Thakur.

  • ARTICOLO

    I vantaggi di riprendere nel formato Cinema RAW Light

    Scopri perché i più importanti filmmaker scelgono Cinema RAW Light: un formato con tutti i vantaggi di un file RAW ma più piccolo, veloce e accessibile.

  • ARTICOLO

    Come Neville Kidd è diventato il direttore della fotografia più acclamato della tv

    In occasione della sua seconda serie Netflix, The Umbrella Academy, il direttore della fotografia Neville Kidd ci racconta come è entrato nel settore cinematografico.

  • filmmaking

    ARTICOLO

    Il mondo del cinema dopo il lockdown: la voce dei protagonisti

    Filmmaker, direttori della fotografia e produttori illustrano gli effetti della pandemia sul loro lavoro ed espongono la loro opinione sul futuro del settore.

  • Leggi la newsletter

    Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro