ARTICOLO

Fotografare sciami meteorici: dove, quando e come

Dai suggerimenti per il miglior kit e le impostazioni della fotocamera a quelli per la post-produzione, gli astrofotografi Fergus Kennedy e Timo Oksanen condividono i loro consigli da esperti sulla fotografia di sciami meteorici.
Meteore che lasciano scie nel cielo notturno, riflesse nell'acqua immobile di un lago circondato da sagome di alberi.

Il fotografo e videomaker Timo Oksanen ha realizzato quest'immagine dello sciame meteorico delle Perseidi a Marttila, nel sud-ovest della Finlandia. La combinazione tra le sagome degli alberi e il riflesso sulla superficie del lago crea un'immagine suggestiva. Scatto realizzato con Canon EOS R6 e obiettivo Canon RF 15-35mm F2.8L IS USM a 15 mm con esposizioni multiple di 8 sec, f/2.8 e ISO6400. © Timo Oksanen

Gli sciami meteorici si verificano circa una dozzina di volte all'anno, quando la Terra passa attraverso flussi di particelle lasciati da una cometa o da un asteroide. Molte di queste particelle hanno le dimensioni di un granello di sabbia, ma in alcuni casi arrivano al metro di larghezza. Viaggiano a decine di chilometri al secondo e, quando prendono fuoco nell'atmosfera terrestre, creano scie brillanti nel cielo notturno.

Il fotografo professionista Fergus Kennedy ha molta esperienza nella fotografia di sciami meteorici. "Offrono grandi opportunità di realizzare immagini uniche", spiega. "Non si verificano molto spesso e c'è bisogno della combinazione di vari fattori per ottenere un buono scatto, quindi è emozionante quando accade".

I singoli sciami meteorici hanno diverse intensità: nel momento di picco, possono esserci dalle 10 alle 150 meteore all'ora. Ogni sciame si verifica con cadenza annuale quando la Terra, nella sua orbita, attraversa una certa nuvola di particelle ed è visibile in una parte specifica del cielo notturno. Uno dei migliori è quello delle Geminidi, perché si allinea, all'incirca, con la costellazione dei Gemelli. Si verifica a inizio dicembre e il picco è in genere attorno al 14 del mese.

Fergus, nel Regno Unito, e il collega fotografo Timo Oksanen, che vive in Finlandia, danno i loro consigli da esperti per fotografare gli sciami meteorici.
Un cielo notturno pieno di scie circolari di stelle sopra a un vecchio mulino. In alto a destra, varie meteore attraversano le scie di stelle.

In quest'immagine di scie di stelle, realizzata con un tempo di esposizione di oltre due ore, sono visibili due meteore nella parte superiore dell'immagine. "In base al luogo in cui stai scattando, è possibile che la maggior parte delle scie più grandi nelle immagini non provengano da meteore", spiega il fotografo Fergus Kennedy. "Se c'è una linea che attraversa l'immagine e compare in vari fotogrammi in successione [come nella parte inferiore di quest'immagine], allora si tratta di un satellite o di un aereo". Scatto realizzato con Canon EOS RP e obiettivo Canon RF 15-35mm F2.8L IS USM. © Fergus Kennedy

Le stelle e una meteora riempiono il cielo notturno sopra un lago scintillante. L'immagine è delimitata dalle sagome di due alberi e all'orizzonte si vede un bagliore arancione e verde.

Timo consiglia di includere una parte del paesaggio nelle fotografie del cielo e degli sciami meteorici, per aggiungere contesto e dare l'idea delle proporzioni. Scatto realizzato con Canon EOS R6 e obiettivo Canon RF 15-35mm F2.8L IS USM a 15 mm, 1,3 s, F2.8 e ISO4000. © Timo Oksanen

Controlla il calendario e le condizioni meteo

Quando pianifichi lo scatto di uno sciame meteorico, per prima cosa scopri esattamente quando e in quale parte del cielo notturno si verificherà. Ci sono vari siti Web e app per sapere quando si verificheranno determinati sciami meteorici, in che parte del cielo vederli e il periodo di maggior attività, che è quindi quello in cui è probabile realizzare le immagini più belle. In genere, le ore appena prima dell'alba sono le migliori.

È essenziale che vi siano condizioni favorevoli. "Tutta la fotografia notturna del cielo dipende dalle condizioni meteo. Chiaramente, la cosa migliore è avere un cielo limpido", spiega Fergus. "La fotografia di sciami meteorici, inoltre, è abbastanza dipendente dalla luna, perciò è necessario consultare un calendario delle fasi lunari durante la preparazione. Se scatti quando c'è la luna piena, il cielo sarà estremamente luminoso e sarà quindi molto più difficile ottenere buoni scatti".

Ci sono anche app per il telefono che indicano l'area del cielo in cui è più probabile vedere il maggior numero di meteore di un determinato sciame.

Inserisci i paesaggi per aggiungere interesse

Come in altre situazioni di astrofotografia, i migliori risultati si ottengono con un'area di cielo scura, priva dell'inquinamento luminoso proveniente dalle aree abitate. Puoi trovare online le migliori aree di cielo scure vicino a te.

Timo, che vive nel sud-ovest della Finlandia, sceglie zone dal cielo scuro che offrano anche ottimi soggetti in primo piano, come versanti di colline, laghi e sagome di alberi, per dare contesto e senso delle proporzioni alle sue immagini di meteore.

"Il mio posto preferito è un parco nazionale a circa 30 minuti in auto da casa mia", spiega. "Lì c'è pochissimo inquinamento luminoso. Credo che sia un po' noioso avere solo il cielo nelle immagini. Mi piacciono i paesaggi, quindi cerco di includere anche quelli nelle mie foto".
Un tecnico che indossa guanti bianchi sta pulendo il sensore di una fotocamera Canon.

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services.
Una fotocamera Canon EOS R5 con l'obiettivo posizionata su un treppiede e rivolta verso il cielo, davanti a un campo, a uno stagno e a un albero mosso dal vento.

Fergus monta il suo modello Canon EOS R5 su un treppiede e appende un peso al gancio sotto alla testa per avere maggiore stabilità, nel caso in cui la notte sia ventosa. Se si utilizza la fotocamera all'aperto di notte per lunghi periodi, sull'elemento anteriore dell'obiettivo può formarsi spesso della condensa che offusca gli scatti. Si può evitare quest'inconveniente utilizzando una fascia riscaldante anti condensa, che mantiene l'obiettivo abbastanza caldo da restare limpido. Se non ne hai una, Fergus suggerisce di avvolgere un piccolo scaldamani attorno all'obiettivo, fissandolo con un elastico. © Fergus Kennedy

Caratteristiche principali della fotocamera e obiettivi migliori

Per fotografare gli sciami meteorici, Fergus usa la fotocamera Canon EOS R5, montata su un saldo treppiede. "Apprezzo la sua risoluzione di 45 MP e le sue capacità in condizioni di scarsa illuminazione, che sono le due caratteristiche fondamentali per fotografare gli sciami meteorici", spiega. "Una risoluzione del genere è particolarmente utile se vedi che tutte le meteore sono su un lato dell'immagine, perché puoi ritagliare la foto mantenendo comunque una buona risoluzione.

"EOS R5 ha decisamente fatto la differenza per la mia astrofotografia", aggiunge. "Le elevate prestazioni ISO della fotocamera sono all'avanguardia per quanto riguarda la sensibilità, in termini di sensori full-frame".

Di recente, Timo ha sostituito il suo modello Canon EOS 5D Mark IV con Canon EOS R6, che offre le stesse eccellenti prestazioni di EOS R5 in condizioni di scarsa luminosità. "Rispetto a EOS 5D Mark IV, credo che gestisca molto meglio la rumorosità", spiega. "È meglio anche per gli scatti mirrorless. Infatti, invece di avere un mirino ottico, che ti mostra la stessa cosa che vedi con i tuoi occhi, c'è un mirino elettronico, che ti mostra ciò che vede il sensore. In alternativa, puoi utilizzare l'ampio schermo sul retro. Quindi, è più facile".
Per l'astrofotografia, entrambi i fotografi usano l'obiettivo Canon RF 15-35mm F2.8L IS USM. Questo zoom ultragrandangolare è eccellente nel catturare angolazioni innovative ed è dotato di elementi asferici e UD per garantire un'incredibile qualità ottica. Timo spiega: "Imposto l'obiettivo su 15 mm e provo a includere quanto più cielo possibile, soprattutto se sto cercando di inserire anche parte del paesaggio. Copro una grande area per massimizzare il numero di meteore immortalate, dato che vanno in ogni direzione".

Se stai cercando un obiettivo full-frame a focale fissa per l'astrofotografia, Fergus consiglia anche l'obiettivo ultragrandangolare Canon RF 16mm F2.8 STM, che offre un ottimo potenziale creativo per immortalare ampi paesaggi, specialmente in condizioni di scarsa illuminazione. "È rapido, piccolo e leggero, oltre che conveniente", dice Fergus. "Per quanto riguarda la gamma EF, suggerisco di utilizzare l'obiettivo Canon EF 14mm f/2.8L II USM".
La luna sorge sopra Manstone Rock nelle Stiperstones, nello Shropshire, Regno Unito.

Obiettivo luna: 10 suggerimenti per la fotografia lunare

Andrew Fusek Peters condivide i suoi consigli per scattare straordinarie fotografie lunari e spiega in che modo il kit giusto lo aiuta a realizzare la sua visione creativa.
La sagoma di un uomo con un cappello e vestiti pesanti davanti a un lago e al cielo notturno, vicino a due fotocamere disposte su treppiedi e rivolte verso l'alto. Sopra di lui, due meteore attraversano il cielo.

Timo ha realizzato quest'immagine al Parco Nazionale di Kurjenrahka, nel sud-ovest della Finlandia. Dice: "Quando vuoi fotografare le meteore sembrano esserci sempre difficoltà, ma quando stai fotografando altro ne vedi di continuo!". Scatto realizzato con Canon EOS R6 e obiettivo Canon RF 15-35mm F2.8L IS USM a 15 mm, 8 sec, f/2.8 e ISO6400. © Timo Oksanen

Utilizza un timer intervallo

Data la natura imprevedibile della fotografia degli sciami meteorici, otterrai i migliori risultati realizzando una serie di immagini in un periodo esteso, invece che con molte esposizioni lunghe. A questo scopo, entrambi i fotografi usano il timer intervallo integrato nelle loro fotocamere. Questo consente di impostare automaticamente il numero di scatti che la fotocamera deve realizzare e la durata dell'intervallo tra essi.

"Se stai fotografando dal tuo giardino, puoi lasciare la fotocamera a scattare grazie al timer intervallo e andare a letto. La mattina dopo, vedrai i risultati", dice Fergus. Se la fotocamera non ha un timer intervallo integrato, puoi utilizzare un intervallometro separato, come il telecomando con timer TC-80N3 di Canon.

Utilizzando un timer intervallo, Fergus imposta la fotocamera affinché scatti a esposizioni di circa 25 secondi, con un'apertura dell'obiettivo molto ampia e un valore ISO di 1600 o 3200. Dato che scatta in RAW, riesce a catturare anche i minimi dettagli. "Potrebbe essere necessaria qualche prova per trovare la giusta esposizione, ma queste impostazioni sono un buon punto di partenza", spiega.

Anche se la fotocamera scatta costantemente per un lungo periodo, il tasso di successo per le immagini di sciami meteorici in genere è basso. "Ad agosto, quando ho fotografato le meteore delle Perseidi, ho realizzato quasi 500 foto in circa 90 minuti", dice Timo. "Solo in una quarantina di fotogrammi c'era qualche traccia delle meteore, e solo in una ventina erano ritratte in maniera soddisfacente".
Una meteora passa nel cielo, davanti a varie nuvole. La scia della meteora è viola nella parte anteriore, diventando invece verde in quella posteriore.

Quest'immagine ritagliata di una meteora delle Perseidi mostra la sua tipica forma assottigliata alle due estremità. I colori sono dovuti ai diversi elementi della cometa che prendono fuoco nella parte alta dell'atmosfera. Scatto realizzato con Canon EOS R5 e obiettivo Canon RF 15-35mm F2.8L IS USM a 17 mm (al momento dello scatto), 15 sec, f/2.8 e ISO3200. © Fergus Kennedy

Post elaborazione degli scatti di sciami meteorici

Sia Timo sia Fergus selezionano le foto migliori e le sovrappongono con Adobe® Photoshop® o Adobe Photoshop Lightroom® per avere un buon numero di meteore nella stessa immagine.

Dato che gli scatti sono realizzati in un periodo lungo, le stelle cambiano gradualmente posizione nell'immagine a causa della rotazione terrestre. Per non avere scie di stelle nelle immagini, selezionano una sola immagine per le stelle sullo sfondo, poi utilizzano lo strumento gomma per cancellare tutto eccetto le meteore negli altri livelli. Su YouTube sono disponibili tutorial dettagliati su come realizzare immagini composite di sciami meteorici in questo modo.

Pazienza e perseveranza

Seguendo i passaggi indicati da Fergus e Timo sarà più probabile ottenere ottimi scatti di sciami meteorici, ma il risultato non è comunque garantito. "Ci vogliono pazienza e perseveranza", spiega Timo. "In genere, se punti la fotocamera in una direzione per almeno un'ora, inizi a ottenere buone immagini di qualche meteora".

Fergus concorda. "C'è una buona componente di fortuna", dice. "Se lo scatto non riesce, riprovaci la volta successiva. Anche se non sempre riesci a immortalare tutte le meteore che vorresti, è bello essere lì".

Scritto da David Clark


Adobe, Lightroom e Photoshop sono marchi o marchi registrati di Adobe negli Stati Uniti e/o in altri Paesi.

Articoli correlati

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro