ARTICOLO

Dal tramonto all'alba: suggerimenti per la fotografia notturna

Valtteri Hirvonen ha affinato le sue capacità di fotografo notturno durante i bui inverni finlandesi. Scopri le sue tecniche e i suoi suggerimenti.
Pareti rocciose del parco nazionale di Zion nello Utah (Stati Uniti) in uno scatto notturno. Luci sfocate corrono lungo la strada e la Via Lattea è visibile nel cielo soprastante.

Il fotografo finlandese Valtteri Hirvonen ha imparato tutti i segreti della fotografia notturna durante i lunghi e bui inverni nel suo paese e il suo talento lo ha portato in tutto il mondo. Ha creato queste scie luminose percorrendo in skateboard una strada che attraversa il parco nazionale di Zion nello Utah (Stati Uniti). L'inclusione della Via Lattea nel cielo soprastante è stata una fortunata coincidenza. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III (ora sostituita da Canon EOS 5D Mark IV) con obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM a 24 mm, 30 sec, f/2.8 e ISO1250. © Valtteri Hirvonen

Per il fotografo finlandese Valtteri Hirvonen, la fotografia notturna è parte integrante della sua attività. È nelle sue ossa. Cresciuto a pane e inverni lunghi e bui nella sua Finlandia, il giovane Valtteri ha affinato le sue capacità fotografiche in condizioni di scarsa illuminazione. Pertanto ha sviluppato una serie di competenze specialistiche ideali per la fotografia al crepuscolo.

"La luce del sole ci accompagna per tutta l'estate, ma l'inverno è davvero buio in Finlandia", spiega. "Adoro il freddo e la neve, ma d'inverno, se volevo fotografare, dovevo farlo di notte, quando finivo di lavorare. Così ho dovuto trovare delle idee per il mio hobby. È successo in modo naturale, fondamentalmente perché non c'era luce, ma ho imparato a fare foto". Nonostante il successivo successo di Valtteri nella fotografia commerciale, la sua passione è rimasta nel mondo etereo che si presenta al calar del sole.

Armato di Canon EOS R5 e Canon EOS 5D Mark III (ora sostituita da Canon EOS 5D Mark IV), di un telecomando wireless e di un treppiede in fibra di carbonio, Valtteri è ben equipaggiato per catturare immagini atmosferiche che richiedono visione e determinazione. Nel corso di una carriera eclettica che si estende su due decenni, la sua attrazione per la fotografia notturna ha dato vita a un corpus interessante, includendo fotografie di viaggi e di avventura dal tono romantico in condizioni di scarsa illuminazione e in particolare la sua serie The Darkest Hour. In questo articolo condivide alcune perle che possono aiutare chiunque voglia iniziare a scattare fotografie al crepuscolo.

Una luna luminosa che splende nel cielo sopra una foresta.

Valtteri ha catturato la luna che sorgeva tornando a casa da un altro lavoro: ha scattato a mano dal finestrino della sua auto e rivela che l'ergonomia della sua fotocamera è fondamentale per permettergli di reagire rapidamente quando vede un'opportunità. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM a 70 mm, 1/125 sec, f/5.6 e ISO1600. © Valtteri Hirvonen

Una luna piena di colore rosso splende nel cielo notturno sopra una tenda semicircolare illuminata dall'interno.

Questa immagine a esposizione lunga di una luna piena di colore rosso è stata scattata in pieno inverno mentre Valtteri era accampato nei pressi di una palude, fortunatamente in una tenda molto robusta. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM a 70mm, 6 sec, f/8 e ISO3200. © Valtteri Hirvonen

1. Realizza scatti ampi

Anche se potrebbe essere allettante portare con sé obiettivi lunghi per scattare nelle ore senza luce, Valtteri suggerisce il contrario. "In scenari con scarsa illuminazione, la messa a fuoco con un teleobiettivo può essere difficile. Di solito uso lunghezze focali comprese tra 24 mm e 50 mm. Se è buio pesto o se si scatta al chiaro di luna o sotto la luce delle stelle, con un teleobiettivo potrebbe essere necessario il bracketing della messa a fuoco. Non sono interessato a ciò, pertanto il 90% delle volte uso il mio obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM perché il 24 mm su una fotocamera full-frame è abbastanza ampio per tutto.

"La lunghezza focale 24-70mm è per me la più naturale. Né troppo ampia né troppo lunga. So che in questo modo posso ottenere qualcosa da ogni situazione. Non devo portarmi dietro nient'altro. Mi offre la libertà di non pensare alla mia attrezzatura durante gli scatti".

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services.

Allo stesso modo, Valtteri ha sempre realizzato i propri scatti con attrezzatura Canon e rivela che è fondamentale avere un buon feeling con la fotocamera. "Passo molto tempo all'aperto e di solito indosso i guanti, quindi l'ergonomia della fotocamera è davvero importante", spiega. "Non si tratta solo di megapixel, ci sono cose che non si possono misurare, come ad esempio il feeling con la fotocamera".

2. Concentrati sul contenuto

Valtteri consiglia di non puntare alla perfezione tecnica a scapito della creatività e dell'interesse. "La cosa più importante è non preoccuparsi se la foto è mossa o non è tecnicamente perfetta. Se si pensa alle foto iconiche del passato, non si vede il lato tecnico ma il momento e il contenuto. Se hai scattato una bella foto ed è mossa, rimane comunque una bella foto. Se la tua foto è molto nitida ma non mostra nulla di interessante, semplicemente non è una bella foto. Non è la fine del mondo se non si ottengono scatti extra nitidi".

La fotografia notturna e in condizioni di scarsa illuminazione di Valtteri si distingue per le composizioni di impatto che incorporano elementi naturali e artificiali. I punti di interesse delle sue immagini possono essere un'aquila immortalata al centro di una scena, scie luminose in un paesaggio solitario, i primi raggi dell'alba che si estendono attraverso le nuvole o la semplice eleganza di una luna piena che illumina pallidamente le chiome degli alberi. Scattando in diversi momenti della notte e in diverse stagioni, dai tramonti rosa dell'estate al buio pesto del pieno inverno, e giocando con le lunghezze di esposizione, Valtteri dimostra anche che la fotografia notturna e in condizioni di scarsa illuminazione può riprodurre diversi colori, non solo le sfumature del blu.

Di tutti gli ingredienti che formano un'immagine degna di nota, Valtteri ne cita uno sopra ogni altra cosa: "Sono sempre alla ricerca di una luce particolare. Anche nel luogo più ordinario si possono ottenere fantastici risultati con la luce giusta e con una composizione distintiva".

Alti alberi di conifere ricoperti di neve con un cielo scuro sullo sfondo.

Valtteri apprezza molto la Lapponia come set dei suoi scatti durante della notte polare, quando il sole non sorge mai. Questa immagine è stata scattata a mezzogiorno, con il massimo livello di luce. È un buon esempio di "luce giusta" che trasforma l'atmosfera di un luogo altrimenti senza grandi attrazioni. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM a 50 mm, 1/25 sec, f/8 e ISO1600. © Valtteri Hirvonen

3. Disattiva la stabilizzazione dell'immagine per l'esposizione lunga

Il sistema di stabilizzazione dell'immagine, in particolare lo stabilizzatore dell'immagine integrato in Canon EOS R5 ed EOS R6 che offre fino a 8 stop di IS se abbinata ad alcuni obiettivi, dà la libertà di scattare a mano in situazioni in cui un treppiede non è pratico. Tuttavia, se stai realizzando scatti con esposizione lunga di notte con un treppiede, dovrai disattivare la funzione di stabilizzazione dell'immagine, come fa Valtteri.

Ciò è dovuto al funzionamento intrinseco dello stabilizzatore dell'immagine. Quando un gruppo IS dell'obiettivo è attivo, ad esempio, gli elementi possono muoversi. Sono progettati, in questa modalità, per rilevare il movimento e muoversi di conseguenza per contrastarlo. Quindi se stai scattando su un treppiede con stabilizzazione dell'immagine attiva, quegli elementi sono liberi di muoversi, "a caccia" del movimento per cercare di contrastarlo, con conseguenti sfocature indesiderate nella tua esposizione lunga. Su un treppiede molto stabile, disattivando la stabilizzazione dell'immagine si bloccheranno gli elementi dell'obiettivo. La maggior parte degli obiettivi moderni dispone di un sistema di rilevamento del treppiede per evitare questo problema, ma è comunque meglio disattivare la stabilizzazione dell'immagine per risparmiare energia.

Wings outstretched, a great grey owl swoops down towards the forest floor.

Fotografare gli uccelli predatori al crepuscolo con EOS-1D X Mark III

Che prestazioni ha mostrato l'action camera di punta di Canon nell'immortalare gli uccelli in picchiata in condizioni di illuminazione estremamente scarse? Scopriamolo con il fotografo naturalista Markus Varesvuo.

Valtteri aggiunge: "Se stai scattando con esposizione di due o più secondi, disattiva la stabilizzazione. La stabilizzazione fa un'enorme differenza quando si scatta a mano e a velocità più elevate, ma per un secondo o più e utilizzando un treppiede, la stabilizzazione dell'immagine e dell'obiettivo può non essere così utile".

4. Sperimenta con l'aggiunta di tue sorgenti luminose

Valtteri spesso aggiunge luce artificiale per creare un punto di interesse o per accentuare la gamma di colori delle sue immagini, ad esempio scie luminose o una tenda illuminata che si abbina perfettamente alla tonalità della luna piena. Per questo motivo, uno degli strumenti più preziosi di Valtteri è la sua lampada frontale. "Ho sempre con me una potente lampada frontale, per vedere dove vado e anche per dipingere con la luce. Se è buio pesto, la lampada frontale mi aiuta anche a vedere i bordi della mia composizione, posso usarla per vedere i lati destro e sinistro dell'inquadratura".

Un tramonto rosa su un lago tranquillo.

In apparenza semplice, questa immagine è stata scattata nella Lapponia finlandese verso la fine dell'estate. I colori eterei del tramonto si riflettono nelle acque calme del lago sottostante. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8 II USM a 28 mm, 1/25 sec, f/2.8 e ISO3200. © Valtteri Hirvonen

Un uomo che indossa una lampada frontale davanti alla sua tenda, posizionata sulla cima di una collina che si affaccia su un lago.

Scattata poco dopo la foto precedente, questa immagine testimonia l'assenza di inquinamento luminoso nella Lapponia finlandese. Valtteri ha passato la notte in una tenda in cima a una collina ammirando le stelle. Preferisce arrivare in un luogo prima del tramonto per poter comporre lo scatto e poi sedersi e aspettare. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM a 24 mm, 1/25 sec, f/2.8 e ISO3200. © Valtteri Hirvonen

5. Arriva prima che faccia buio

Secondo Valtteri, arrivare in anticipo è la chiave per creare una composizione ottimale. "Di solito mi reco sul posto prima che sia buio pesto, così posso vedere il paesaggio e comporre l'immagine attraverso il mirino. Quindi mi metto in attesa. Ho con me un thermos pieno di tè o di cioccolata calda e aspetto semplicemente godendomi il paesaggio. Comincio a scattare le foto al crepuscolo, ma non sai mai prima di scattare una foto se la luce migliore sarà appena prima che faccia buio o con il buio pesto. C'è uno strano crepuscolo all'interno del crepuscolo. Stessa cosa per gli scatti all'alba. Seguo il momento, vedo come si evolve la situazione e il paesaggio, quindi agisco. L'attesa può durare dalle due alle tre ore".

Due escursionisti si stagliano contro una sfera di luce solare che brilla attraverso nuvole temporalesche.

La foto di questi due escursionisti che si stagliano contro un'inquietante sfera di luce sembra essere stata realizzata di notte, ma in realtà è stata scattata in Norvegia nel bel mezzo del giorno, mentre nuvole cariche oscuravano il sole. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM a 70 mm, 1/100 sec, f/4 e ISO400. © Valtteri Hirvonen

Due alberi di Giosuè nel parco nazionale del Joshua Tree, California (Stati Uniti), circondati da scie luminose. Il cielo notturno dai toni arancioni è cosparso di stelle.

Questa immagine notturna a esposizione lunga, scattata nel parco nazionale del Joshua Tree in California (Stati Uniti), ricorda il momento in cui Valtteri ha perso la sua fotocamera nel deserto. Ha usato il telecomando per attivare la fotocamera, mentre la sua torcia ha creato le scie luminose che testimoniano la sua frenetica ricerca. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM a 70 mm, 30 sec, f/2.8 e ISO3200. © Valtteri Hirvonen

6. Cerca la vera oscurità

Gli effetti dell'inquinamento luminoso possono avere un forte impatto sulla fotografia notturna, quindi Valtteri li evita a tutti i costi. "Se vivi in città, ci sarà molto inquinamento luminoso", afferma. "Se hai la possibilità di allontanarti dall'inquinamento luminoso, noterai un netto miglioramento delle tue foto notturne". È una sensazione magica quando le stelle illuminano il paesaggio dopo cinque minuti di esposizione, non puoi vederlo a occhio nudo. La fotocamera vede qualcosa che tu non vedi ed è davvero un bel momento".

7. Non avere paura di ISO elevati

Valtteri non si preoccupa del rumore dell'immagine. Non solo le capacità in condizioni di scarsa illuminazione di Canon EOS R5 e Canon EOS 5D Mark III riducono al minimo questo problema, ma, cosa più importante, lavorare a ISO elevati gli permette di ottenere lo scatto cercato. "Non avere paura di usare i valori ISO più elevati del sensore, spingendolo quanto necessario per ottenere la foto. Sfrutta ogni possibilità. Certo, l'ideale è sempre usare il valore più basso possibile, ma se questo valore corrisponde a un ISO 12.800, allora usalo. Se devi usare un ISO alto, devi, punto. È molto semplice".

Scritto da Mark Alexander


Articoli correlati

Get the newsletter

Click here to get inspiring stories and exciting news from Canon Europe Pro