ARTICOLO

Young Photographer: cogliere l'emozione nella fotografia di matrimonio

A bride and groom walking and holding hands. Photo by Dasha Starr.
La giovane fotografa Dasha Starr ha immortalato questo matrimonio alternativo e stravagante alla Fábrica de Luz, un'ex-centrale elettrica di Ponferrada, in Spagna, dove i due professionisti Marco Mastropietro e David Álvarez le hanno insegnato a perfezionare le sue tecniche. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 50mm F1.2L USM a 1/500 sec, F1.4. © Dasha Starr

Quattro anni fa la giovane fotografa Dasha Starr ha scoperto di essere stanca di realizzare foto commerciali e di moda. Quando un amico l'ha invitata in India per fotografare i colori brillanti di un matrimonio tradizionale, ha deciso di dare una svolta alla sua carriera, essendosi letteralmente innamorata della fotografia di matrimonio.

"Volevo cogliere più emozione e ritrarre persone vere", racconta Dasha, che ha iniziato la sua carriera di fotografa all'età di 14 anni, gestendo una piccola rivista di moda e musica. "Guardando le foto di un matrimonio, puoi vedere che gli sposi si amano davvero. Si percepisce moltissima emozione, ed è l'aspetto che mi piace di più".

Emozione e narrazioni sono al centro del modo di lavorare di Marco Mastropietro e David Álvarez, i due fotografi professionisti esperti di matrimoni di Factoria182, che hanno collaborato con Getty Images e Canon per aiutare Dasha ad affinare le proprie capacità di fotografa di matrimoni, realizzando un servizio didattico nei pressi della loro città, Ponferrada, nella Spagna nord occidentale.

Canon Professional Services

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services

"La fotografia di matrimonio è incentrata sulle emozioni", afferma David. "Quando gli sposi guardano le tue foto, non badano all'esposizione o alla texture delle nuvole, perché non sono fotografi professionisti. Guardano sé stessi e i loro cari. Naturalmente devi comporre una bella foto e usare la fantasia, ma devi sempre cercare di pensare a quello che la coppia vorrebbe ricordare, guardando l'album 20 anni dopo".

Marco e David lavorano insieme da cinque anni. Dopo essersi incontrati per caso grazie ad alcuni amici, hanno voluto vedere se mettendo insieme la propria esperienza in materia di video e fotografia sarebbero stati in grado di realizzare servizi matrimoniali. Trovandosi in sintonia, l'anno successivo hanno fondato Factoria182 e hanno iniziato a costruire un proficuo business matrimoniale nella zona rurale in cui entrambi sono cresciuti, con più di 30 matrimoni in programma solo per quest'anno e prenotazioni già per vari mesi del 2020.

Per questo servizio Marco e David hanno ricostruito un matrimonio reale con due modelli, una vera coppia, due testimoni (anch'essi una vera coppia) e un ministro. Insieme a Dasha hanno fotografato i preparativi, la cerimonia, la coppia e il pranzo. Marco e David hanno anche filmato la giornata, realizzando il video sopra. Come location hanno scelto la suggestiva Fábrica de Luz, un'ex-centrale elettrica annidata fra le montagne di Ponferrada caratterizzata da sporchi interni industriali, addolciti dalla morbida luce del giorno che filtrava dalle finestre enormi. Le tubazioni arrugginite e le decorazioni sbiadite contrastavano con il rilassato stile bohémien del matrimonio, mentre il fiume vicino e la foresta di betulle hanno offerto una splendida ambientazione esterna per la cerimonia.

Close up of bride & groom holding hands. Photo by Dasha Starr on Canon EOS 5D Mark III.
Seguendo il consiglio di David e Marco, Dasha ha fotografato le scene del matrimonio a distanze diverse. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 50mm F1.2L USM a 1/160 sec, F4.0 e ISO400. © Dasha Starr

Documentare la sequenza degli eventi di un matrimonio

A model with long blonde hair lies on a bed.

Young Photographer: imparare a fotografare la moda

In un progetto collaborativo patrocinato da Getty Images e Canon, la fotografa di moda Wanda Martin insegna al talento emergente Rianna Gayle le sue tecniche principali.

"L'aspetto più interessante di questa [ricostruzione di un servizio matrimoniale] è stata la possibilità di esercitarmi con le tecniche tipiche dei matrimoni, ma con tempistiche molto meno pressanti", spiega Dasha, che viene dalla Russia ma oggi vive a Londra. "Mi ha permesso di dedicare più tempo alla coppia, di ottenere più varianti e di scoprire le tecniche più efficaci per la fotocamera".

Marco e David l'hanno invitata a stabilire un contatto con la coppia prima del momento della cerimonia, sottolineando l'importanza di mettere a proprio agio i clienti davanti alla macchina fotografica, al fine di ottenere immagini più naturali. Durante la preparazione del servizio le hanno anche mostrato come esplorare l'ambiente in anticipo, per controllare l'illuminazione e trovare i punti giusti per scattare foto spontanee, riducendo al minimo il tempo che la coppia deve sottrarre al giorno delle nozze.

"L'abito, il trucco e l'acconciatura sono destinati a rimanere unici, quindi vogliamo ovviamente qualche foto della coppia, ma preferiamo non distoglierla troppo a lungo [dal ricevimento]", spiega David. "Direi appena 20 minuti, in un luogo vicino. Se devi spostarti in un luogo diverso da quello della cerimonia, fermati da qualche parte lungo la strada per scattare qualche foto della coppia.

"La settimana prima facciamo lo stesso percorso in macchina e cerchiamo le posizioni ideali per scattare. A volte basta un piccolo ambiente raccolto per ottenere risultati stupendi. Non scattiamo molte foto in posa, quindi per noi il movimento è importante. Noi consigliamo semplicemente di divertirsi. Balla, salta, fai tutto quello che ti pare. È meglio che le persone siano in movimento, perché la maggior parte di loro non sa come posare".

Bride poses against wall while the groom sits on the window ledge. Photo by Factoria182.
Esplorare la location del matrimonio prima del giorno della cerimonia è fondamentale per pianificare scatti di grande effetto, spiegano David e Marco. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 35mm F2 IS USM a 1/1000 sec, F2.0 e ISO400. © Factoria182
Bride and groom embrace in a woodland. Photo by Factoria182 on Canon EOS 5D Mark III.
David, Marco e Dasha hanno tutti realizzato alcuni scatti in controluce durante la giornata. "A volte basta un piccolo ambiente raccolto per ottenere risultati stupendi", spiega David. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 85mm F1.2L USM a 1/400 sec, F1.2 e ISO160. © Factoria182

Kit per fotografia di matrimonio

Nell'arco della giornata Dasha ha avuto modo di osservare come Marco e David lavorano insieme. "Non si intralciano mai a vicenda e hanno escogitato un metodo per fare tutto nel più breve tempo possibile senza dirsi nulla", racconta. Anche se entrambi possiedono varie capacità, hanno adottato spontaneamente un ritmo in cui Marco scatta le foto principali, mentre David gira il video, entrambi utilizzando soprattutto una fotocamera Canon EOS 5D Mark III.

In genere Marco utilizza due corpi fotocamera, che porta a tracolla come fondine. Su uno di questi corpi monta un obiettivo zoom Canon EF 24-70mm F2.8L II USM, mentre per l'altro utilizza un obiettivo a focale fissa, ad esempio il modello Canon EF 50mm F1.4 USM. Per girare i video David utilizza l'obiettivo stabilizzato Canon EF 24-105mm F4L IS II USM e un obiettivo Canon EF 35mm F2 IS USM.

"A un matrimonio devi essere sempre pronto a tutto, perché a volte hai solo pochi secondi", spiega David. "Non puoi chiedere a qualcuno di infilare di nuovo l'anello. Noi abbiamo sempre un'idea degli scatti da realizzare, ma non si può mai sapere quello che succederà, così per il mentoring abbiamo pensato di mostrare a Dasha che tutto si svolge molto rapidamente. Se per un matrimonio dovessi scegliere un solo obiettivo per poter alternare tra vari punti di vista, utilizzerei quello da 24-70 mm, mentre per gli spostamenti preferisco quello da 35 mm. Per i servizi nuziali preferiamo utilizzare una combinazione di entrambi".

A close up of a groom holding a bride’s hands. Photo by Dasha Starr on Canon EOS 6D.
"L'obiettivo Canon EF 24-70mm F2.8L II USM ti permette di fare un po' di tutto con tutto", spiega Dasha. "È fantastico, soprattutto in un matrimonio reale, che è molto più imprevedibile, a volte con elementi molto lontani". Ha utilizzato una fotocamera Canon EOS 6D con obiettivo Canon EF 24-70mm F2.8L II USM a 70 mm, 1/160 sec, F3.2 e ISO640. © Dasha Starr

Dal ritratto della coppia abbandonata sul divano, circondata da suggestive candele, alla delicata luce del crepuscolo che si insinua fra le betulle durante la cerimonia, Dasha si è affidata alla sua fotocamera Canon EOS 5D Mark III e ha usato anche la fotocamera Canon EOS 6D Mark II di Marco, con una combinazione di zoom e obiettivi a focale fissa.

"Ho alternato due obiettivi", spiega. "L'obiettivo Canon EF 24-70mm F2.8L II USM ti permette di fare un po' di tutto con tutto, mentre l'obiettivo Canon EF 50mm F1.2L USM è perfetto per i ritratti e le condizioni di scarsa illuminazione. Io preferisco utilizzare quello da 50 mm, perché mi piace avvicinarmi e comporre con il movimento, ma quello da 24-70 mm è fantastico, soprattutto in un matrimonio reale, che è molto più imprevedibile, a volte con elementi molto lontani. In uno scenario reale questo obiettivo risulta particolarmente utile".

Marco le aveva consigliato di provare a ottenere tre composizioni diverse dalla stessa scena, ovvero un primo piano, uno scatto un po' più ampio e un'immagine che lascia vedere anche parte dell'ambiente circostante. Hanno anche sperimentato le foto in controluce, una tecnica molto amata da Dasha, che la utilizza spesso nei suoi lavori commerciali. "Al crepuscolo hai questa luce fantastica sullo sfondo, e la fotografia in controluce ti permette di ottenere un effetto stupendo con i dettagli del vestito", continua. "È divertente da utilizzare, perché ti offre una dimensione completamente diversa, rispetto all'illuminazione piatta".

Poiché la luce ha continuato a cambiare durante la giornata, dal mattino nuvoloso al pomeriggio pieno di sole, l'esposizione ha assunto un ruolo estremamente importante. "La cosa più difficile è fotografare con la luce intensa", spiega Dasha. "Si rischia di sbagliare l'esposizione, soprattutto con un abito da sposa bianco. Secondo Marco e David è meglio sottoesporre per cogliere i particolari del vestito. Se il viso rimane sottesposto, si può sempre correggere in seguito. Io non ci sono molto abituata, ma aveva perfettamente senso. È stato davvero un ottimo consiglio".

Two photographers point their Canon cameras at a bride to take her portrait.
Nella location del matrimonio, i due fotografi di Factoria182 e Dasha hanno trovato insolite ambientazioni industriali di ogni tipo, perfette per lo stile alternativo e bohémien degli sposi. © Dan Dennison
Portrait of a bride in disused power station. Photo by Dasha Starr on Canon EOS 5D Mark III.
Lo scenario crudo e realistico ha permesso di realizzare splendidi ritratti della sposa, oltre a romantiche foto di coppia. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 50mm F1.2L USM a 1/640 sec, F1.6 e ISO500. © Dasha Starr

Impostazioni della fotocamera per massimizzare l'efficienza

Oltre a offrire consigli sulla composizione e lo stile, Marco ha mostrato a Dasha come imposta la sua fotocamera per massimizzare l'efficienza, incluse la messa a fuoco automatica rapida e la funzione Live View, per garantire la massima efficienza in un ambiente frenetico.

"Sono abituata a usare la fotocamera in un certo modo, perché vengo dal mondo della moda, dove le cose non si svolgono rapidamente come in un matrimonio", racconta Dasha. "Entrambi ricorrono spesso alla funzione Live View, che consente di prevedere le impostazioni per le diverse condizioni di illuminazione. Devi provare Live View su un'area in ombra e su una illuminata e ricordare le impostazioni utilizzate in ciascun caso, per poi passare velocemente dall'una all'altra. Sono abituata a usare il mirino, ma loro mi consigliano di utilizzare Live View per la maggior parte degli scatti. Se l'illuminazione cambia, hai la certezza di avere un'esposizione migliore di quella che otterresti utilizzando il mirino.

"Ho sempre saputo che esisteva la messa a fuoco automatica rapida, ma non ho mai veramente pensato di usarla, tuttavia mi ha aiutato a mantenere le foto a fuoco mentre cambiavo il livello di zoom. Marco e David scattano in modalità manuale, ma mantengono l'ISO e l'apertura praticamente costanti, in modo da non cambiare stile nel corso della giornata. Si limitano a modificare la velocità otturatore per adattarsi ai cambiamenti di luce. Tutti questi consigli mi sono stati utilissimi".

Photographers of Factoria182 show bride and groom photos on their camera screens.
Secondo Marco e David, è fondamentale entrare in relazione con gli sposi. © Dan Dennison
Bride & groom hold hands as they walk down path. Photo by Dasha Starr on Canon EOS 5D Mark III.
Dasha ha catturato questo scatto spontaneo mentre gli sposi si spostavano dall'ambiente esterno, in cui si è svolta la cerimonia, alla vecchia centrale elettrica. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 50mm F1.2L USM a 1/500 sec, F3.2 a ISO400. © Dasha Starr

David spiega che, per le foto, in genere evita di utilizzare velocità otturatore inferiori a 1/125 sec e solitamente cerca di utilizzare due stop con apertura inferiore alla massima apertura disponibile. "Penso che sia meglio, in termini di qualità", dichiara. "Quindi utilizzo l'apertura F1.8 sia con l'obiettivo Canon EF 35mm F1.4L II USM che con l'obiettivo Canon EF 85mm F1.2L II USM".

Osservare l'approccio unico di Marco e David ai servizi nuziali ha ispirato Dasha a sviluppare una propria tecnica esclusiva per la fotografia di matrimoni, oltre che per un imminente fotodocumentario in Cina. "Non sono i classici fotografi di matrimoni che seguono un elenco", spiega Dasha. "Naturalmente immortalano i momenti più importanti, ma non seguono un rigido piano prestabilito. Ritraggono tutto ciò che è bello e usano uno stile molto più libero di quello di altri fotografi.

"Io adotto un mio stile per le foto di moda e cucina, ma per me questo è nuovo e ci sto ancora lavorando. Io punto a entrare sempre più nel mercato di nicchia dei matrimoni. Ora che ho visto come lavorano Marco e David, ho preso alcuni elementi e li ho combinati con quelli della mia esperienza precedente. Con il tempo intendo sviluppare un mio stile personale".

Intimate bride and groom shot. Photo by Factoria182 on a Canon EOS 5D Mark III.
"Cerchiamo di pensare a quello che la coppia vorrebbe ricordare, guardando l'album 20 anni dopo", racconta David. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 35mm F2 IS USM a 1/1250 sec, F2.0 e ISO100. © Factoria182

I consigli di David per la fotografia di matrimonio

1. Incontra la coppia prima del servizio
"Non si tratta solo di scattare foto, ma anche di mostrare emozioni, e per farlo devi entrare in relazione con la coppia. Vale la pena di conoscersi a vicenda, quindi incontratevi per un caffè prima del giorno fatidico. Le coppie normali si intimidiscono davanti alla macchina fotografica. Io consiglio di realizzare un breve servizio prima del matrimonio, perché sapere come sentirsi davanti alla fotocamera aiuta i soggetti a rilassarsi. Per i nostri primi matrimoni lo facevamo gratuitamente, perché eravamo sicuri che avremmo ottenuto risultati molto migliori il giorno delle nozze. È sufficiente incontrarli anche solo per un'ora prima del matrimonio, per farli sentire a proprio agio e dare qualche consiglio su come muoversi".

2. Concentrati sul vestito
"A volte i matrimoni all'aperto possono essere difficili, perché la gente non pensa alla luce migliore e organizza la cerimonia all'alba o al tramonto, quindi potresti avere problemi di illuminazione. Prova a sottoesporre un pochino la foto e metti sempre a fuoco il vestito della sposa, perché il bianco potrebbe essere molto forte e rischi di bruciare l'area dell'abito. Con le fotocamere digitali è facile recuperare le ombre, quindi regola sempre l'esposizione sulla sposa e lascia i bianchi sottoesposti".

3. Sperimenta con la composizione
"Quando ritrai una coppia, cerca di utilizzare la composizione ogni volta che puoi. Quando studi fotografia a scuola, ti insegnano cose come la regola dei terzi, ovvero evitare di mettere la coppia al centro. Devi cercare di applicare sempre quello che hai imparato, ma devi anche pensare ai sentimenti. Io provo sempre a fare qualcosa di più creativo, come mettermi dietro agli alberi o alle strutture e provare e inquadrare da angolazioni diverse. Potresti ritrovarti a scattare foto da posizioni inimmaginabili. Basandoci sulla nostra esperienza, in genere gli sposi non amano le foto con sfondi enormi, ad esempio con la coppia davanti a una catena di montagne, perché non riescono nemmeno a riconoscersi, così preferiamo scattare foto più da vicino."

Close up of a bride’s legs, wearing boots under boho wedding dress. Photo by Dasha Starr.
"La fotografia in controluce ti permette di ottenere un effetto stupendo con i dettagli del vestito", spiega Dasha. "È divertente da utilizzare, perché ti offre una dimensione completamente diversa, rispetto all'illuminazione piatta". Ha utilizzato una fotocamera Canon EOS 5D Mark III con un obiettivo Canon EF 50mm F1.2L USM a 1/6400 sec, F3.5 e ISO400. © Dasha Starr

I consigli di Dasha per la fotografia di matrimonio

1. Sfrutta il movimento per ottenere scatti naturali
"Gli sposi non sono modelli professionisti e tu devi metterli a loro agio. La cosa migliore è farli muovere, perché in questo modo puoi ottenere immagini molto più naturali. Abbiamo realizzato molti scatti chiedendo alla coppia di camminare o di appoggiarsi da qualche parte. Questo flusso di movimento continuo ti permette di realizzare molte foto, pertanto hai molto più materiale su cui lavorare, e al tempo stesso ottieni immagini molto più naturali".

2. Concentrati sulla storia
"Molti fotografi di matrimoni pubblicano le foto migliori nel proprio sito, ma non si tratta necessariamente della storia della giornata. Assicurati di fotografare gli sposi, ma realizza anche alcune foto che mostrino quello che è successo e i diversi aspetti della giornata. È questo che la gente vuole da un fotografo di matrimoni, non solo qualche bella foto di se stessi".

3. Crea un portafoglio mirato
"Assicurati di mostrare agli sposi solo i tuoi servizi matrimoniali. Creando una nicchia, offri un'impressione di maggiore professionalità. Anche se realizzi altri lavori e altri tipi di fotografia, è meglio limitarsi a un sito Web semplice, per mostrare al cliente che sei specializzato nell'area che sta cercando. Realizzare servizi ai matrimoni degli amici, assistere altri fotografi nei servizi nuziali o partecipare come secondo fotografo sono tutti ottimi metodi per crearsi un portafoglio e abituarsi al ritmo necessario per lavorare con le coppie".

Scritto da Lucy Fulford


Il kit di David Álvarez

Il kit essenziale usato per la fotografia di matrimonio

On a table are two Canon DSLRs, lenses and accessories.

Fotocamere

Canon EOS 6D Mark II

Se desideri realizzare progetti più ambiziosi o diventare un fotografo professionista, la fotocamera EOS 6D Mark II offre tutto ciò di cui hai bisogno per raggiungere questi traguardi.

Obiettivi

Canon EF 24-70mm F2.8L II USM

Un obiettivo zoom professionale serie L per tutti i giorni, che offre alta qualità dell'immagine con apertura di F2.8 costante. "Se per un matrimonio dovessi scegliere un solo obiettivo per poter alternare tra vari punti di vista, utilizzerei quello da 24-70 mm, mentre per gli spostamenti preferisco quello da 35 mm.

Canon EF 35 mm F2 IS USM

Un obiettivo grandangolare con prospettiva naturale e stabilizzatore d'immagine, ideale per fotografie senza cavalletto. "Per gli spostamenti preferisco l'obiettivo da 35 mm", spiega David.

Articoli correlati

Visualizza tutto

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro

Registrati ora