Canon products on display at Visa pour l'image 2019.
Prodotti Canon in mostra presso Visa pour l'Image 2019. Abbiamo chiesto ai fotogiornalisti di maggior rilievo quali sviluppi tecnologici hanno avuto maggiore impatto sul settore.

Dai social media agli smartphone, nell'ultimo decennio lo scenario tecnologico è drasticamente cambiato. Ma quale di questi sviluppi ha avuto il maggiore impatto sulla fotografia?

Ci siamo rivolti ai fotogiornalisti di spicco Francis Kohn, Ilvy Njiokiktjien, Pascal Maitre, Anush Babajanyan, Laura Morton e Daniel Etter in occasione di Visa pour l'Image a Perpignan, Francia, chiedendo di raccontarci cosa ha segnato una svolta epocale nella loro vita professionale.

Francis Kohn, former Photo Director of Agence France-Presse.

Francis Kohn

Francis si è unito all'Agence France-Presse (AFP) nel 1979 per seguire i conflitti di America centrale e Messico. Più tardi è diventato caporedattore, quindi Direttore fotografico di AFP dal 2012 al 2017. Ha presieduto la giuria dei World Press Photo Awards nel 2016.

Caricamenti rapidi

"La velocità ha fatto una grande differenza", afferma Francis. "Il modo in cui il fotografo può comunicare con la propria redazione e inviare materiale ai clienti ha cambiato radicalmente il fotogiornalismo. Ora possiamo inviare 3.000 o 4.000 foto al giorno, quindi dobbiamo prestare ancor più attenzione a ciò che facciamo. Il ruolo di fotografi ed editori è più importante che mai".
American photojournalist Laura Morton.

Laura Morton

Laura è una fotoreporter con base a San Francisco. Ha vinto il premio Canon Female Photojournalist Award del 2018 per il suo progetto University Avenue, in mostra nello stesso anno presso il festival Visa pour l'Image.

Scatto in condizioni di scarsa illuminazione

"Ora praticamente si può scattare nell'oscurità, cosa che mi è stata di grande aiuto per il progetto Wild West Tech sul settore tecnologico delle startup. Volevo mantenere l'atmosfera creata dalle lampade al neon in un ufficio mal predisposto, quindi non ho usato il flash ma solo la luce degli schermi che si irradiava sui visi", racconta Laura.

"Gran parte del progetto è stato realizzato con Canon EOS R. Un'altra cosa fantastica di questa fotocamera è il fatto di essere così piccola e compatta. Nel progetto a cui sto lavorando ora, University Avenue, avere una fotocamera piccola mette i soggetti a proprio agio, sono un po' più rilassati".

French photojournalist Pascal Maitre.

Pascal Maitre

Pascal è un Canon Ambassador che ha trascorso oltre 30 anni in più di 40 paesi dell'Africa per nomi quali National Geographic, Stern, Paris Match e The New York Times. Nel 2015 si è aggiudicato il premio Lifetime Achievement Visa d'Or.

Fotocamere mirrorless

"La tecnologia mirrorless è un grande, enorme cambiamento. Sono appena tornato dall'Etiopia usando una fotocamera mirrorless per la prima volta. Ci sono foto che non si possono realizzare senza l'ausilio di questa tecnologia. Ero uno degli ultimi utilizzatori della pellicola fino al 2008, anno in cui sono passato al digitale. È stato un grande cambiamento, ma le rivoluzioni ora in atto riguardano la nuova generazione di fotocamere mirrorless. Si stanno aprendo nuovi orizzonti", afferma Pascal.
Photographer and journalist Daniel Etter.

Daniel Etter

Daniel è un fotografo vincitore del Premio Pulitzer, videomaker e giornalista, nonché Canon Ambassador. Ha partecipato all'evento Visa pour l'Image 2019 come mentore per gli studenti emergenti.

"Ho finito la scuola nel 2009, all'incirca nel periodo in cui è uscita la fotocamera Canon EOS 5D Mark II. Fu un grande cambiamento. È stata una delle prime fotocamere full frame accessibili a offrire la possibilità di registrare video, una grande rivoluzione tecnologica", afferma Daniel.

"Ora stiamo assistendo al passaggio dalle reflex digitali alle fotocamere mirrorless, tecnologicamente alla pari. Sono passato da una reflex digitale all'esclusivo uso di Canon EOS R. È molto più piccola e leggera. Ora la mia fotocamera può seguirmi ovunque".

Armenian photojournalist Anush Babajanyan.

Anush Babajanyan

Anush è una fotoreporter armena nota per aver rappresentato narrative sociali di donne e minoranze in Turchia, Medio Oriente e Africa occidentale. È stata nominata vincitrice del premio 2019 Canon Female Photojournalist Award.

Tramite i social network

"Secondo il mio punto di vista di fotografa, il cambiamento più grande è avvenuto nel modo in cui comunichiamo con il pubblico tramite i social", afferma Anush. "Le storie di Instagram hanno trasformato profondamente non solo le modalità di fruizione delle immagini, ma anche il modo in cui i fotografi mostrano il proprio lavoro e comunicano con le persone. Pubblico le mie fotografie e storie "dietro le quinte" per mostrare come svolgo il mio lavoro. È diventato davvero molto importante per me".
Dutch photojournalist Ilvy Njiokiktjien.

Ilvy Njiokiktjien

Fotoreporter olandese per quotidiani e documentari, Ilvy è una Canon Ambassador il cui lavoro ha ottenuto riconoscimenti a livello mondiale. Nel 2011 è stata insignita del premio World Press Photo per la categoria Multimedia, guadagnandosi il primo posto con la sua prima produzione video realizzata con una reflex digitale Canon.

Reflex digitali per le riprese video

"Per me la tecnologia più rivoluzionaria è stata l'aggiunta delle registrazioni video al modello Canon EOS 5D Mark II", afferma Ilvy. "Non avrei mai pensato che i video sarebbero diventati così tanto parte del mio lavoro quotidiano, ma i clienti continuano a richiederli. Ho appena ultimato un documentario di un'ora per la televisione olandese, realizzato completamente da sola. I video mi offrono una prospettiva totalmente diversa sul mio lavoro, mi piacciono molto. Riesco a guardare alle immagini in un modo completamente nuovo".

Scopri tutte le storie di Canon sulla nostra pagina dell'evento Visa pour l'Image.

Scritto da Matthew Bowen


Articoli correlati

Visualizza tutto

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro

Registrati ora