ARTICOLO

Filmare un trailer cinematografico con Canon EOS C700 FF

Con la domanda sempre crescente di contenuti 4K di alta qualità da parte dei consumatori, i filmmaker si affidano a videocamere full-frame ad alta risoluzione come Canon EOS C700 FF, con il suo sensore CMOS da 5,9K, per creare filmati dalla chiarezza e dalle prestazioni straordinarie e con un look autenticamente cinematografico. Scatto realizzato con Canon EOS-1D X Mark II e obiettivo Canon EF 70-200mm f/2.8L IS II USM. © Ember Films Ltd

È in corso una rivoluzione nei settori della televisione e della cinematografia. I televisori diventano ogni giorno più grandi e più sofisticati, con schermi a risoluzione sempre più elevata e apparecchi HDR in grado di mostrare colori più realistici e con maggiori dettagli nelle tonalità chiare e nelle ombre; uno sviluppo parallelo a quello degli straordinari standard di produzione dei programmi televisivi trasmessi dai servizi di streaming e simili. Il pubblico oggi esige il massimo della qualità cinematografica dai suoi programmi di intrattenimento domestico, che si tratti di documentari o di una serie completa in cofanetto da guardare tutta d'un fiato. È per questo che, quando la casa di produzione del Regno Unito Ember Films, vincitrice di vari Emmy, si è trovata a dover filmare un trailer di alta qualità per una fiction in soli tre giorni, i filmmaker si sono affidati al sensore CMOS full-frame di ultima generazione di Canon EOS C700 FF.

In un panorama in cui le produzioni devono sempre più spesso assicurare qualità hollywoodiana, profondità di campo estremamente sottile e filmati con rumorosità ridotta in condizioni di scarsa illuminazione, solo l'ultimissima generazione di videocamere dotate di ampi sensori può davvero garantire le prestazioni eccezionali richieste dai direttori della fotografia più esigenti.

La videocamera full-frame Canon EOS C700 FF si abbina a un'enorme varietà di obiettivi Canon compatibili, che includono la gamma di obiettivi cinematografici di Canon. Questo è stato uno dei motivi principali per cui, al momento di scegliere la configurazione da usare per girare un trailer in stile cinematografico in tempi incredibilmente ridotti, Ember Films ha optato per questa soluzione.

Il regista del film, Jonathan Jones, spiega: "Un fattore di enorme importanza nel selezionare una videocamera è la quantità di obiettivi tra cui scegliere. Questa videocamera è progettata pensando agli obiettivi leader nel settore di Canon, che quindi funzionano perfettamente e comunicano molto bene. Uso spessissimo l'obiettivo Canon da 50-1000mm (Canon CN20x50 IAS H E1/P1) per le riprese naturalistiche.

A man and woman sit at a kitchen table with eerie yellow light coming in from outside. A film crew record them.
Per Ember Films, la velocità e la qualità di Canon EOS C700 FF hanno rappresentato la soluzione ideale per i tempi di esecuzione rapidi e gli elevati standard di produzione del trailer in stile cinematografico per una fiction ecologica. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 16-35mm f/2.8L III USM. © Ember Films Ltd
Canon Professional Services

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services

"Ma Ember non è assolutamente prevenuta quando si tratta di attrezzature: per noi quello che conta è acquisire le migliori immagini possibili nelle condizioni in cui ci troviamo. Ci adattiamo e andiamo avanti, ed è di questo che siamo fieri. Così ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo fatto il nostro lavoro, e Canon EOS C700 FF ci ha aiutati a farlo."

Il trailer promozionale di meno di tre minuti unisce l'esperienza di Ember nella cinematografia naturalistica agli anni di lavoro nelle riprese di fiction per emittenti televisive di primo piano. Questa fiction nasce proprio da un'idea di Jonathan.

È ambientata in un mondo in cui le api si sono estinte, la catena alimentare si è spezzata e il mondo è piombato nel caos. Gli uomini vengono arruolati per proteggere le frontiere della nazione mentre gruppi di vigilantes lottano per la sopravvivenza. "Non volevamo creare un mondo post-apocalittico con un tipico scenario alla Mad Max, ma qualcosa di più incentrato sui personaggi", spiega Jonathan.

"La maggior parte delle persone interessate alla natura ama i grandi felini. Abbiamo realizzato molti programmi naturalistici con David Attenborough che raccontano la storia degli insetti, ed è sempre stato interessante. Queste micro-storie mi sembrano molto più affascinanti e complesse rispetto ai leoni che dormono tutto il giorno", dice Jonathan. "Ci lamentiamo delle mosche e degli insetti, ma sono essenziali per la nostra sopravvivenza.

A Canon EOS C700 FF hanging from a camera crane is filming a scene where men in riot police uniform with perspex shields over seem men at a supply truck.
Il trailer realizzato dal team era ambientato in un mondo post-apocalittico in cui le api si sono estinte e la società si sta disgregando. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 16-35mm f/2.8L III USM. © Ember Films Ltd

"Einstein teorizzava che se le api si fossero estinte, il mondo che conosciamo avrebbe smesso di esistere entro quattro anni. Questo potrebbe accadere nell'arco della nostra vita se non cambiamo il modo in cui viviamo. Stiamo già assistendo alla scomparsa delle api e di altri impollinatori. È una storia che deve essere raccontata."

Jonathan ha deciso di creare il trailer per evidenziare ciò che potrebbe accadere se non affrontiamo i problemi che stanno devastando i nostri impollinatori, e spera che lo aiuterà a ottenere un contratto per realizzare un'intera serie di 12 episodi.

Il team di Ember ha prodotto la sceneggiatura e lo storyboard del film, che doveva essere girato a tempo di record in soli tre giorni.

"Creare un trailer è molto più difficile, perché dovevamo impiegare il tempo necessario a realizzare scene molto brevi in poco tempo", dice Jonathan. "Normalmente si ricava il trailer da un pezzo più lungo già filmato e si estraggono le riprese che si vogliono utilizzare. Noi abbiamo dovuto creare le riprese che avrebbero potuto costituire un trailer, quindi è stato un po' come lavorare alla rovescia. 

"In realtà ci sarebbe servito il doppio del tempo disponibile per filmare tutto ciò di cui avevamo bisogno, ma il team è stato fantastico. Quando diciamo a chi lo guarda come abbiamo fatto in fretta a girarlo, in pochissimi giorni, rimangono sbalorditi. È un risultato che si può ottenere con un team che lavora insieme da più di 10 anni, perché tutta la nostra attività è incentrata su un team piccolo ma estremamente efficace, sfruttando al meglio nuove attrezzature e tecnologie, molto velocemente e con un budget limitato."



Team esperto, videocamera nuova

A close up of the lens on a Canon EOS C700 FF, a spot light illuminates the scene from behind.
Canon EOS C700 FF aveva attratto l'attenzione del team di Ember Films perché era stata progettata pensando agli obiettivi Canon. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 16-35mm f/2.8L III USM. © Ember Films Ltd
3 things to future-proof your work

Video 4K: 3 cose per rendere il lavoro a prova di futuro

Si dovrebbe sempre filmare in 4K per rendere il proprio lavoro a prova di futuro? Un video specialist di Canon condivide i suoi migliori consigli.

Poiché Canon EOS C700 FF era una novità per il team, Jonathan ha fatto alcuni test con la videocamera prima di iniziare le riprese. 

"La cosa più semplice che qualsiasi direttore della fotografia vuole sapere è la latitudine del sensore, la gamma dinamica e la sensibilità: sapendo questo può aumentare o ridurre di conseguenza il budget per le luci, sostituendo luci più grandi con altre più piccole o utilizzando i LED", spiega Jonathan, tessendo le lodi del sensore da 5,9K che offre una gamma dinamica di oltre 15 stop. "Canon EOS C700 FF ci ha consentito di girare alcune scene più buie di quanto avremmo fatto normalmente. 

"Mi interessano sempre i frame rate, soprattutto la velocità con cui possiamo sfruttarli e farli funzionare sul set. Se hai dimestichezza con le videocamere professionali, non ci vuole molto a configurarla e iniziare a usarla.

"Le dimensioni tradizionali la rendono ideale per una configurazione classica su dolly o treppiede, come si usa tipicamente per le fiction", continua. "Ma ho fatto anche alcune riprese a mano libera nelle trincee con piccole esplosioni ed è molto maneggevole. La difficoltà è che per conoscere bene una videocamera e fidarsene completamente bisogna lavorarci a lungo. Ma Canon EOS C700 FF è stata subito facile da usare."

A close up shot of the left hand side of a Canon EOS C700 FF camera in a metallic tunnel.
"Se una videocamera è in grado di offrire ottime prestazioni per diverse giornate molto intense, passando da una location all'altra, ed essere pronta molto rapidamente per registrare le interpretazioni degli attori, merita davvero rispetto", dice Jonathan Jones di Ember Films. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 16-35mm f/2.8L III USM © Ember Films Ltd

Come la maggior parte degli operatori cinematografici, Jonathan preferisce usare la messa a fuoco manuale, ma ha avuto una piacevole sorpresa quando ha provato il sistema Dual Pixel CMOS AF. "Le mie esperienze con la messa a fuoco automatica non sono sempre state positive, ma è incredibile su Canon EOS C700 FF quando si usano gli obiettivi Canon EF. Abbiamo provato il rilevamento del volto e ha funzionato in modo molto preciso. La difficoltà dal punto di vista della fiction è che non si desidera sempre mettere a fuoco un viso: a volte si tiene fermo il punto di fuoco lasciando che la persona diventi sfocata mentre si allontana. Avere questa possibilità è incredibile."

Oltre agli obiettivi cinematografici Canon, una versione di Canon EOS C700 FF con innesto PL ha consentito a Jonathan di utilizzare obiettivi anamorfici, aumentando la versatilità dei risultati visivi ottenibili con questa videocamera.

"Abbiamo usato una combinazione di obiettivi molto varia, dato che la videocamera ha diverse applicazioni. Non si possono usare gli obiettivi anamorfici in full-frame, ma la videocamera ha una modalità di ritaglio, quindi abbiamo usato obiettivi anamorfici solo in un paio di riprese che avevano molti effetti luminosi, per ottenere quel look particolare", spiega. "Normalmente non mischio obiettivi asferici e non asferici, ma qui ho deciso di farlo perché il prodotto finale sarebbe stato in formato super-widescreen e quindi non avrebbe fatto alcuna differenza."

Naturalmente è nel prodotto finale che si vede davvero la qualità della videocamera, ma il team di Jonathan ha dovuto prima abituarsi alle grandi dimensioni dei suoi file. La maggior parte delle riprese è stata registrata in formato RAW a 12 bit sull'unità CODEX, ma alcune scene sono state filmate direttamente sulle schede CFast per ridurre le dimensioni della videocamera nelle riprese in spazi più ristretti.

A woman’s face is seen through a lens in someone’s hands.
Per questo trailer il team ha utilizzato principalmente obiettivi cinematografici Canon, ma ha deciso di impiegare anche obiettivi anamorfici per alcune sezioni. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 16-35mm f/2.8L III USM. © Ember Films Ltd

"Nel nostro lavoro normale, manteniamo un flusso di lavoro completamente in formato RAW. In questo caso però abbiamo dovuto convertire a causa delle dimensioni dei file, e una delle nostre piattaforme di editing non supporta ancora il codec, quindi abbiamo dovuto applicare un LUT per ottenere un aspetto soddisfacente", dice Jonathan.

L'uso di file così dettagliati ha effettivamente aumentato il tempo impiegato per memorizzarli in post-elaborazione, ma una volta sullo schermo i colori erano tanto belli che hanno consentito di risparmiare tempo in fase di grading.

"La qualità della resa visiva ci ha subito colpiti", dice Jonathan. "Mi sembra che renda veramente bene i toni della pelle, con un'estetica cinematografica davvero bella. I dettagli ci sono, ma non in modo spiacevole. Produce un'immagine nitida e ben definita, ma con una curva gamma morbida dall'aspetto decisamente cinematografico."

"La sfida più grande è stata il fatto che la nostra idea era troppo ambiziosa per il tempo limitato a nostra disposizione. Ma volevamo spingerci oltre i limiti", dice Jonathan. "Se una videocamera è in grado di offrire ottime prestazioni per diverse giornate molto intense, passando da una location all'altra, ed essere pronta molto rapidamente per registrare le interpretazioni degli attori, merita davvero rispetto. E Canon EOS C700 FF si è fatta veramente onore."

Il video di Ember Films verrà mostrato in occasione del Camerimage 2018 a Bydgoszcz, in Polonia. Vieni a scoprire l'impressionante gamma di kit cinematografici Canon, dal 10 al 17 novembre 2018.

Scritto da Adam Duckworth


Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro

Registrati ora