ARTICOLO

Il ruolo della videocamera nel mio lavoro: la giornalista Elisa Iannacone

La giornalista e regista Elisa Iannacone ci rivela quello che cerca in una videocamera e le sue esperienze di ripresa con Canon EOS C70 e XA55.
Un video che mostra ancora Elisa Iannacone, giornalista e regista, che riprende con la videocamera Canon XA55 sulle scogliere in Galles.

Elisa Iannacone, giornalista e regista, viaggia in tutto il mondo per raccontare di guerre e disastri naturali. Deve utilizzare un kit affidabile e che possa resistere a condizioni difficili. Per testare la messa a fuoco automatica e le capacità di stabilizzazione dell'immagine delle videocamere Canon EOS C70 e Canon XA55, Elisa le ha portate con sé per effettuare riprese notturne da una piccola portaledge fissata a una scogliera.

"Quando si racconta una storia in modo inaspettato, si inizia a rielaborare il punto di vista che la gente ha sulla storia stessa. Improvvisamente il pubblico, in passato piuttosto indifferente perché sottoposto a quell'immagine molte volte, si incuriosisce", spiega la giornalista e documentarista Elisa Iannacone. È una convinzione che l'ha spinta a creare un portafoglio diversificato di lavori, riprese video e documentari in più di 30 paesi e in sei continenti.

Il lavoro di Elisa, una regista di grande esperienza, è stato pubblicato su National Geographic, Newsweek, VICE magazine e su BBC World News. Da sempre interessata alle vicende legate ai diritti umani e agli argomenti che raramente fanno la loro comparsa nelle cronache, Elisa ha creato reportage su zone di guerra e disastri naturali, sulla violenza nei campi profughi iracheni e sulla devastazione del ciclone Idai in Mozambico nel 2019.
Due bambini in piedi accanto a un fiume coperto di alghe e fiancheggiato da palme.

Il ciclone Idai ha devastato Beira, in Mozambico, uccidendo centinaia di persone e distruggendo edifici e colture. Il lavoro di Elisa in Mozambico è stato girato con Canon EOS 7D (ora sostituita da Canon EOS 7D Mark II) ma includerà altre riprese effettuate con Canon EOS C70, "proprio a causa dei diversi tipi di resa, qualità e controllo che offre". Scatto realizzato con Canon EOS 7D e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM a 41mm, 1/250, f/10 e ISO250. © Elisa Iannacone

Un uomo con i dreadlock suona un tamburo in una sala prove distrutta a Beira, Mozambico.

Mentre si trovava in Mozambico, Elisa ha conosciuto un gruppo di artisti i cui strumenti musicali erano andati persi, documentando la loro lotta per andare avanti. Domingos Manuel Francisco suona un tamburo tra le macerie della sala prove del gruppo. Scatto realizzato con Canon EOS 7D e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM a 24mm, 1/400 sec, f/3.2 e ISO250. © Elisa Iannacone

"Non sapevo proprio cosa avrei trovato", ricorda, all'arrivo nella città di Beira, in Mozambico, il 90% della quale era stato distrutto dalla tempesta. Insieme a un gruppo di artisti i cui strumenti musicali erano andati persi, ha potuto raccontare una storia più dettagliata della devastazione, attraverso la lente della loro esperienza personale. "Cerco di trovare storie che vadano al di là dei fatti, ecco perché questa storia mi è sembrata così significativa".

Elisa ha dedicato anche sei anni a "The Spiral of Containment" (La spirale del contenimento), un progetto multimediale a lungo termine che affronta l'impatto della violenza sessuale e che permette ai sopravvissuti di esprimersi visivamente "attraverso il mondo dell'immaginazione". Esposta alla Bargehouse presso l'OXO Tower Wharf di Londra, l'installazione artistica immersiva diventerà una mostra itinerante.

Qui Elisa illustra il kit che utilizza sul campo e condivide le sue esperienze di ripresa con Canon EOS C70 e la videocamera Canon XA55.
Una donna con un abito rosso brillante cammina di fronte alla facciata di un castello in rovina. Il fumo arancione fluttua dalle finestre del castello.

"Mi piace trovare un modo diverso di raccontare una storia, per suscitare un nuovo interesse in qualcosa che magari abbiamo già visto centinaia di volte", afferma Elisa. Nel suo progetto multimediale, The Spiral of Containment (La spirale del contenimento), ha utilizzato concetti creativi e colori vivaci per fotografare chi è sopravvissuto a una violenza sessuale. "Odio la ri-vittimizzazione, quando presentiamo qualcuno che ha dovuto affrontare qualcosa di davvero grave utilizzando toni giornalistici, con foto in bianco e nero", afferma. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM. © Elisa Iannacone

Elisa Iannacone con la sua fotocamera Canon mentre è in piedi nell'acqua.

Elisa mentre fotografa un'immagine per The Spiral of Containment (La spirale del contenimento), in piedi nell'acqua. "Servono strumenti affidabili, sicuri e che non ti abbandonino sul più bello", afferma Elisa. "Devi assicurarti che la fotocamera faccia esattamente ciò che ti serve. La tecnologia deve essere tua alleata, non tua nemica".

Le esigenze di una professionista in solitaria

Lavorando sul campo come giornalista e documentarista, Elisa è spesso da sola. Avere il kit giusto è fondamentale per la sua creatività e per la sua sicurezza. "Lavorare in questi ambienti è difficile ed è necessario avere attrezzature affidabili", afferma. "Le attrezzature robuste sono davvero utili: a volte si è in mezzo a una protesta e si deve correre, altre volte si deve oltrepassare un muro e non c'è nessuno a cui passare le cose. Le videocamere devono essere portatili e leggere perché, quando ci si ritrova in queste situazioni, ogni batteria scarica è un peso".

Elisa cerca una videocamera affidabile che coniughi alta qualità e un corpo compatto. "Se sei da sola, dover prestare troppa attenzione a un solo aspetto non è una buona idea, perché i fattori da tenere in considerazione sono davvero tanti. Hai bisogno di una videocamera affidabile che diventi un'estensione del tuo corpo".

"Ciò che ci si aspetta ora è offrire un'elevata qualità e tempi di consegna rapidi con meno persone. L'avvento del Covid-19 ha comportato una riduzione dei team, quindi la tecnologia deve essere un'alleata".

Elisa ha dovuto affidarsi al suo kit più del solito quando, a causa delle misure di sicurezza per il Covid-19, le è stato chiesto di realizzare un'intervista in remoto con un'anziana sopravvissuta all'Olocausto. "Fortunatamente lavoravo con una Canon XA55 dalla notevole capacità di messa a fuoco automatica e sono riuscita a lavorare da una stanza separata", afferma. "Il sistema Dual Pixel AF aveva la priorità impostata sul volto. Si è fissato su di lei e ha funzionato perfettamente".
Disponi di un kit Canon?

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services.
Journalist and documentary cinematographer Elisa Iannacone smiles at the camera during a studio interview.

Videocamere a confronto: appese a una scogliera

Elisa utilizzava Canon EOS C300 Mark II (ora sostituita da Canon EOS C300 Mark III), Canon EOS 5D Mark IV e Canon EOS 7D per lavorare a servizi e documentari. Tuttavia, è stata una delle prime professioniste a girare con Canon EOS C70, effettuando le riprese con la più piccola videocamera Canon EOS cinema e Canon XA55 da una scogliera nel Galles.

Le riprese notturne hanno permesso ad Elisa di testare le capacità di ripresa a infrarossi e in condizioni di scarsa illuminazione di entrambe le videocamere. Dondolarsi sulle corde e cercare di stare in equilibrio su una portaledge è stato un buon sistema per testare le funzioni di messa a fuoco automatica e stabilizzazione dell'immagine delle videocamere.

A Elisa è piaciuta immediatamente la compattezza di EOS C70, un requisito fondamentale per i giornalisti che lavorano in ambienti difficili. "È molto utile avere una videocamera compatta, perché a volte devi nasconderla sotto a un burqa senza attirare l'attenzione", spiega. A volte non si tratta solo di sicurezza, ma di mettere a proprio agio altre persone. Quando arrivi con kit ingombranti, le luci e tutto il resto, le persone ne sono intimidite.

"Anche se EOS C70 è una videocamera per il cinema, è davvero compatta e ha tutto quello che occorre. Poter lavorare con obiettivi RF è fantastico, perché la comunicazione tra l'obiettivo e il corpo è più veloce rispetto ad altri obiettivi, il che significa che la [precisione] dell'immagine è molto più elevata".
La giornalista Elisa Iannacone seduta su una portaledge sospesa su una scogliera in Galles.

Elisa seduta su una portaledge su una scogliera nel Galles. "Volevo provare le videocamere Canon EOS C70 e Canon XA55 in un ambiente insolito", afferma. "Volevo vedere in che modo avrebbero risposto trovandosi a dondolare sulle corde, cercando di restare in equilibrio".

La giornalista Elisa Iannacone effettua delle riprese da una scogliera con Canon XA55.

Canon XA55, estremamente compatta e leggera, offre immagini in 4K UHD di alta qualità. Il sistema Dual Pixel CMOS AF e lo zoom ottico 15x si sono attivati automaticamente mentre Elisa stava filmando una barca che navigava al tramonto.

La possibilità di registrare a 120 fps in 4K full cinema ha consentito a Elisa di effettuare riprese fluide di motociclisti in curva in montagna, con messa a fuoco automatica completa. "Non sapevo neanche che sarebbe arrivata questa persona, ma la videocamera ha messo a fuoco automaticamente, anche in modalità slow motion".

Canon XA55 ha invece permesso a Elisa di effettuare riprese in 4K UHD su un'ampia lunghezza focale, da 25,5 a 282,5 mm, sfruttando la tecnologia Dual Pixel AF, che ha utilizzato per seguire un'imbarcazione ad alta velocità. "Navigava verso il tramonto, nel punto in cui il sole scende nel mare: a quella latitudine, l'oscurità creata dalle onde era davvero splendida", dice.

"A volte un obiettivo zoom è esattamente quello che ti serve. In una situazione in rapida evoluzione, c'è bisogno di un punto di osservazione sicuro e di essere in grado di spostarsi molto rapidamente. Nel complesso, è una videocamera molto buona, decisamente portatile. Inoltre ha ingressi XLR, ideali per l'audio".
Il filmmaker Simeon Quarrie riprende con la videocamera Canon EOS C70.

Riprese a costi contenuti con Canon EOS C70

Il filmmaker Simeon Quarrie spiega perché questa compatta videocamera Cinema EOS permette agli operatori di ottenere di più spendendo meno.
Elisa Iannacone in ginocchio, dietro un treppiede su cui è montata una fotocamera Canon in una polverosa strada irachena.

Elisa al lavoro in Iraq. Si trova spesso in ambienti ostili dove la situazione può cambiare rapidamente e deve essere preparata per ogni imprevisto. "È imperativo disporre di un kit con batterie a lunga durata", spiega.

Una rifugiata irachena con un abito a motivi geometrici e un foulard sul capo, in piedi su un semplice sfondo scuro.

"Quando si lavora in un campo profughi, in particolare quelli che ho visitato in Iraq, non solo serve l'attrezzatura giusta, ma è necessario anche essere forti emotivamente. Molte delle storie che vengono raccontate sono profondamente dolorose. Devi essere abbastanza forte per te stesso e per le persone che raccontano la loro storia", dice Elisa. Scatto realizzato con Canon EOS 7D Mark II e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM a 24mm, 1/125, f/2.8 e ISO640. © Elisa Iannacone

Codec versatili e gamma dinamica eccezionale

Grazie a una vasta gamma di formati di registrazione, Canon EOS C70 offre ai giornalisti versatilità sul campo. "Stavo girando in XF-AVC 4:2:2 a 10 bit, ma si possono girare altri codec che pesano circa la metà rispetto a XF-AVC. Se si deve modificare qualcosa sul proprio laptop e completare il lavoro rapidamente, è molto utile," dice Elisa. "Mi piace il fatto che si possa registrare direttamente in PQ e HLG, perché consente di risparmiare tempo sulla correzione del colore. Se si vuole passare alla trasmissione, si ha già lo standard usato nel settore".

Lo straordinario sensore DGO della videocamera, lo stesso che si trova nella sua corrispettiva Cinema EOS, Canon EOS C300 Mark III, offre oltre 16 stop di gamma dinamica per le riprese in Canon Log 2. Abbinato ai filtri ND integrati nella videocamera, offre un potente controllo sulla luce. Oltre a essere in grado di riprendere il tramonto e di estrarre dettagli dalle rocce e dalle onde con la sola luce della luna, Elisa ha sperimentato diverse applicazioni utili per il suo lavoro in ambienti ostili.

"Accendere una luce può attirare l'attenzione e rendere pericolosa una situazione, per te e per le persone che stai intervistando", afferma. "Una videocamera in grado di "vedere" al buio in questo caso è utilissima. Maggiore è la latitudine, migliore è il risultato e questa videocamera non mi ha deluso".

"Il bello dei filtri ND interni è che posso
effettivamente controllare l'illuminazione. Posso ottenere una profondità di campo ridotta più bella e un delicato effetto bokeh. Posso controllare tutto con una piccola
manopola, il che è fantastico. Una videocamera come EOS C70, che offre messa a fuoco automatica e stabilizzazione dell'immagine, nonché una scelta molto ampia in termini di formato, semplifica davvero la vita. È davvero una macchina eccellente".

Scritto da Lucy Fulford


Articoli correlati

  • ARTICOLO

    Riprendere un viaggio on the road di 13.000 km con Canon XA55

    Il regista Clemens Boecker condivide la storia del suo epico viaggio da Berlino a Pechino con la videocamera professionale compatta di Canon.

  • Un uomo in piedi in un campo di grano che tiene una videocamera Canon EOS C70 al suo fianco.

    NOTIZIE SUI PRODOTTI

    EOS C70: scopri la nuova videocamera Cinema EOS con innesto RF

    Nuovo innesto, nuovo design, nuove opportunità… Scopri come la compatta e potente Super 35mm di Canon può ampliare le tue possibilità creative.

  • Le prime riprese con Canon EOS C70

    STORIA DI UN SERVIZIO

    Le prime riprese con Canon EOS C70

    Jolade Olusanya parla di come ha utilizzato la videocamera Cinema EOS di Canon con innesto RF per realizzare un bellissimo filmato della poetessa Sophia Thakur.

  • La videocamera professionale Canon XF405.

    ARTICOLO

    Le sei migliori videocamere professionali

    Le videocamere XF e XA combinano la tecnologia all'avanguardia di Canon con un design versatile e facile da usare. Ma qual è la migliore per te?

  • Leggi la newsletter

    Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro