FILMMAKING

Il kit Canon con cui è stata realizzata Pistol per FX

Scopri di più sulle videocamere e gli obiettivi che sono diventati i "pennelli" del direttore della fotografia Anthony Dod Mantle durante le riprese della rivoluzionaria serie biografica sui Sex Pistols di Danny Boyle, Pistol.

Il kit Canon con cui è stata realizzata Pistol per FX

Il direttore della fotografia Anthony Dod Mantle riprende con una videocamera Canon. Indossa una giacca nera pesante, guanti gialli e cuffie.

Per la miniserie in sei episodi Pistol, il direttore della fotografia Anthony Dod Mantle (nella foto) sapeva di dover trovare nuove soluzioni e testare tecnologie e tecniche per inserire immagini sperimentali in un programma di produzione frenetico. "È un notevole investimento", sostiene. "Ci sono 200 persone sul set, il tempo stringe: è una combinazione di disciplina militare e un gruppo di artisti pazzi. E, in mezzo a tutto questo, cerco di mantenere una sorta di margine dove poter improvvisare". © Miya Mizuno

Il direttore della fotografia Anthony Dod Mantle chiama le sue videocamere e i suoi obiettivi "pennelli" perché "alcuni sono più ampi di altri, alcuni sono oleosi, alcuni sono grassi e altri sono acquosi". È anche "un modo semplice per evitare di dover dire sempre i numeri e i nomi e di doverli ricordare".

Per la miniserie Pistol di FX, una frenetica celebrazione del punk rock degli anni Settanta che racconta la fulminea ascesa e il caotico declino dei Sex Pistols, il direttore della fotografia vincitore del premio Oscar® ha avuto bisogno di una tavolozza più ampia del solito, utilizzando più di sei sistemi di acquisizione delle immagini nel corso delle riprese. "Credo che si possa dire che i diversi formati [delle videocamere] rappresentino degli strumenti che hanno un loro ritmo caratteristico, un loro tono e un loro potenziale livello di rumore, fino a quando non si fondono in una combinazione finale nel montaggio", sostiene.

Qui Dod Mantle, insieme al collega di lunga data e vincitore di un premio Oscar Danny Boyle, che ha diretto il progetto, parla delle videocamere e degli obiettivi Canon utilizzati per girare la serie e del perché fossero gli strumenti ideali per questa produzione unica.

Tre membri della troupe con mascherina, cappotto e jeans regolano un supporto rialzato con fotocamere Canon EOS R5 su un set all'aperto.

Aver montato 12 fotocamere Canon EOS R5 e sei fotocamere Canon EOS R5 su un supporto si è rivelato un tale successo che non sono state utilizzate solo per catturare le sequenze frenetiche dei concerti di Pistol. Dod Mantle e il regista Danny Boyle le hanno usate per girare scene drammatiche più generiche e per raffigurare persone che "semplicemente pensano o fanno qualcosa". Dod Mantle aggiunge: "I supporti per videocamere erano strumenti che usavamo per congelare un momento nel tempo, in modo che qualsiasi cosa potenzialmente momentanea e priva di significato potesse avere un significato più profondo". © Miya Mizuno

Canon EOS R5

"Per il supporto delle videocamere e l'idea di catturare il tempo [spiegata nel nostro Making Of], abbiamo scelto Canon EOS R5, perché è una piccola fotocamera robusta, leggera e potente; è un ottimo strumento", afferma Dod Mantle.

"Dovevamo occupare il minor spazio possibile e non appesantire troppo il rig, ed EOS R5 combinava un corpo leggero e dimensioni ridotte con un obiettivo piccolo. Se avessi messo 12 Canon EOS-1D X Mark III su un rig, avrei avuto un sistema di acquisizione delle immagini incredibilmente potente, ma non sarei stato in grado di sollevarlo e avrebbe piegato la barra della gru.

"Dovevo trovare un corpo macchina leggero e un obiettivo USM affidabile, con il giusto millimetro, le giuste capacità e un'elaborazione accurata", continua Dod Mantle. "Doveva essere affidabile, ed è per questo che ho scelto EOS R5".

Oltre a EOS R5, sono stati scelti gli obiettivi Canon EF 24mm f/2.8 IS USM, che possono essere accoppiati con le fotocamere del sistema EOS R utilizzando adattatori EF-EOS R, incluso l'adattatore EF-EOS R con filtro drop-in, per le loro dimensioni ridotte, la leggerezza e la velocità. Sono stati poi aggiunti dei filtri diffusione per ottenere un aspetto morbido e vintage.

"Ho dovuto rinunciare a una certa profondità di qualità e alla possibilità di una maggiore scelta restando fedele al sistema di registrazione continua a 24 fotogrammi. Ma ha dato a Danny quello che voleva, e lo vedrete nella serie, che è la cosa più importante", sostiene Dod Mantle.

Un tecnico che indossa guanti bianchi sta pulendo il sensore di una fotocamera Canon.

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services.
Un membro della troupe con la mascherina riprende con una videocamera Canon EOS-1D X Mark III su un set televisivo buio. Diversi altri membri della troupe stanno a guardare.

"Per questa produzione, abbiamo utilizzato in particolare la modalità di scatto continuo di Canon EOS-1D X Mark III. Mi è piaciuta molto e anche Danny se ne è innamorato, e questo è molto importante", racconta Dod Mantle. "Si tratta di colpire più profondamente lo spettatore per assistere a un momento o uno spazio. È come un ricordo pungente, un graffio viscerale sulla superficie cinematografica della storia".

Canon EOS-1D X Mark III

Canon EOS-1D X Mark III, secondo Dod Mantle, "è una vera e propria bestia, un capolavoro di tecnologia. Ho usato i modelli precedenti in molti film, per catturare sequenze di scatti continui. In Slumdog Millionaire, la gente pensa che molto del materiale realizzato con le videocamere della serie EOS-1D sia stato creato durante l'editing, ma in realtà sono io che muovo la fotocamera e lavoro con la modalità di scatto continuo. Nel caso di Slumdog si trattava di memoria, nel caso di Pistol si tratta di tempo e di come congelarlo. Possiamo arrivare ad acquisire 20 fotogrammi al secondo [in fotogrammi ad alta risoluzione da 20 MP]: è un leggero aggiustamento della nostra normale percezione della realtà. Potevo muovermi, sia con gli zoom che con gli obiettivi a focale fissa, e girare intorno agli attori.

"Questo all'inizio era un potenziale strumento per i concerti", continua Dod Mantle, "ma è diventato qualcosa con cui ho ripreso in ogni singola location: un oggetto di scena o un'immagine, poteva essere un paio di mutande nella boutique SEX di Vivienne Westwood o un disco che girava in un jukebox. Non ho mai lasciato una scena senza aver preso EOS-1D X Mark III e aver dipinto una piccola immagine... Ed è diventato un elemento di montaggio nella serie, il che è molto chiaro e molto importante.

"È diventato molto divertente per me e Danny, così veloce e così potente. Quando siamo andati in America con una piccola troupe per girare un episodio, circa il 60% del materiale è stato filmato con Canon EOS-1D X Mark III. Quando inizio a girare le scene in modo convenzionale, il suono è in esecuzione e possiamo sincronizzarlo. Ma riprendo sequenze e dialoghi in cui il suono non si sincronizza in modo convenzionale con l'immagine, e questo è diventato il nostro look.

"Era importante che queste sequenze di scatti continui di 20 fotogrammi potessero essere eseguite in silenzio: è stato straordinario", continua Dod Mantle. "Spesso ho due operatori che lavorano per me, e io infilo la mia videocamera EOS tra le gambe degli attori o sopra la spalla del regista per riprendere qualcosa che mi piace".

Il regista di Pistol, Danny Boyle, definisce Canon EOS-1D X Mark III "il mostro", perché ama la sua incredibile risoluzione. Dice: "Avevamo già usato le fotocamere Canon della serie EOS-1D per Slumdog Millionaire. L'esperienza in India ci ha fatto desiderare una risoluzione molto superiore a quella che si vede abitualmente, perché il modo in cui si vive l'India quando ci si trova lì è semplicemente mozzafiato. Le fotografie in movimento non sono la stessa cosa".

Un palco con un supporto per videocamere, una chitarra elettrica e un'elaborata batteria. Sullo sfondo si vede il numero 100.

All'interno di Pistol, la serie biografica sul punk di Danny Boyle

Il regista Danny Boyle e il direttore della fotografia Anthony Dod Mantle condividono l'ispirazione e le tecniche necessarie per dare vita alla cultura punk degli anni Settanta nella loro nuova serie biografica sui Sex Pistols.
Una persona riprende con Canon XL H1 su un set televisivo immerso in una luce rosa. Di fronte a lui ci sono due supporti per videocamere con 18 fotocamere Canon EOS R5.

"Abbiamo cercato di rendere l'esperienza coinvolgente attraverso l'intensità di ciò che si vede e si sente", afferma Boyle. "Tutto ciò che si vede nella serie è dal vivo ed è registrato dal vivo. Non è stato sovrainciso, trattato o modificato". In questa immagine, Dod Mantle e la sua troupe filmano con 18 fotocamere EOS R5, una videocamera EOS C70 e una XL H1. © Miya Mizuno

Canon EOS C70

"Avevamo Canon EOS C70, che speravo potesse funzionare come transizione tra le videocamere sul supporto e le altre nostre videocamere da studio, con obiettivi PL e vecchi obiettivi vintage", afferma Dod Mantle. "La cosa è andata in fumo perché i tempi erano troppo stretti, ma ho tenuto quella videocamera e l'ho usata con i ragazzi di FX, perché giravano le riprese secondarie.

È una videocamera incredibilmente potente con un buon sensore, buoni obiettivi, latitudine, sensibilità e velocità".

Primo piano di una videocamera Canon XL H1 su un set televisivo.

Nel montaggio finale, Dod Mantle e Boyle hanno combinato la nitidezza di Canon EOS R5, Canon EOS C70 e Canon EOS-1D X Mark III con l'estetica vintage di Canon XL H1 (nella foto, sul set di Pistol). "Spero che la grana data dalla risoluzione più bassa incoraggi una domanda su come il pubblico potrebbe vedere la scena o qualsiasi cosa o persona nell'inquadratura", dice Dod Mantle di Canon XL H1.

Canon XL H1

"Canon XL H1 è un bellissimo dinosauro che abbiamo usato in 28 Giorni Dopo", afferma Dod Mantle. "L'abbiamo riesumata per questa serie, il che è abbastanza divertente ma anche complicato, perché all'improvviso torni a usare delle cassette e cose del genere. Ma l'abbiamo scelta come strumento perché, anche se non è una videocamera degli anni Settanta, ha la capacità di catturare immagini a una risoluzione che per me è diventata improvvisamente importante.

"Potevo combinare la qualità delle immagini per realizzare questo montaggio patchwork", continua. Una sorta di idea alla Rauschenberg: la pop art che incontra il punk che incontra l'intrattenimento che incontra il mondo del rock. È qui che nasce l'idea di questo formato".

Obiettivi Canon K35

Pistol è stata una collaborazione tra ARRI Rental e Canon Europe: gran parte della serie è stata girata con ARRI ALEXA Mini LF abbinata all'obiettivo vintage Canon K35, per creare un autentico look anni Settanta che ben si adattava ai filmati d'archivio utilizzati nella serie. "Lavoro con gli obiettivi Canon K35 [ora sostituiti dalla serie Canon Sumire Prime], con cui sono sposato da 15 anni", afferma Dod Mantle. "E chiunque sia sano di mente in questo settore dovrebbe sposarsi con i Canon K35, perché sono gli obiettivi migliori e per questo giustamente rispettati.

"Ogni regista e narratore che si rispetti desidera creare qualcosa di imprevedibile e indimenticabile", conclude Dod Mantle. "Ogni storia deve avere il suo alfabeto".

Pistol viene presentato in anteprima il 31 maggio in esclusiva su Hulu negli Stati Uniti e su Disney+ nel Regno Unito, Irlanda, Canada, Australia, Nuova Zelanda e Singapore.

Scritto da Emma-Lily Pendleton


Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro