ARTICOLO

Oltre a saper scattare foto, è utile saper girare anche video?

I fotogiornalisti Magnus Wennman e Ilvy Njiokiktjien parlano dei loro primi approcci ai video e del perché questo mezzo è preziosissimo per i fotografi di oggi.
Tre bambini afgani impegnati in una discussione siedono su un muretto di fronte a un ampio specchio d'acqua. Uno di loro tiene in mano un sandalo rosa acceso.

Il fotogiornalista svedese Magnus Wennman ha scattato questa fotografia durante un viaggio in Afghanistan. Non si considera più un semplice fotoreporter, e il suo lavoro ora include la dimensione video e audio. "Internet mette a disposizione infinite possibilità di raccontare storie", dice. Scatto realizzato con Canon EOS R5 e obiettivo Canon RF 28-70mm F2L USM a 59mm, 1/3200 sec, f/2 e ISO125. © Magnus Wennman

È davvero essenziale aggiungere i video alla propria attività professionale di fotografo? Diversi fotografi si sono chiesti se diversificare la propria offerta includendo i video sia necessario per avere appeal o se abbia più senso specializzarsi esclusivamente nella fotografia, area di loro maggiore interesse.

Abbiamo chiesto ai fotogiornalisti e Canon Ambassador Magnus Wennman e Ilvy Njiokiktjien di fornirci il loro punto di vista sull'importanza di padroneggiare competenze video per i fotografi professionisti.

I follower su Instagram del fotogiornalista Magnus Wennman sono ora più numerosi dei lettori del primo giornale per cui ha lavorato, il che la dice lunga su quanto sia cambiato il panorama dei media negli ultimi decenni. Lui ha capito subito che la domanda stava cambiando, rendendosi presto conto dei vantaggi che audio e video potevano rappresentare per il suo storytelling.

"Quando ancora non era possibile girare video con una normale fotocamera, ho iniziato a creare presentazioni per raccontare le notizie, con dialoghi registrati e una musica di sottofondo", spiega. "Questa cosa è stata accolta con entusiasmo. Essere in grado di realizzare questi lavori mi ha aperto gli occhi, ha rappresentato un'illuminazione e ha gettato le fondamenta del modo in cui oggi lavoro con i video.

Un primo piano in bianco e nero di Magnus Wennman con un cappellino da baseball.

Magnus Wennman

Magnus è un fotografo dell'Aftonbladet, il maggiore quotidiano svedese. Fotogiornalista di successo, si sta facendo un nome come regista, e il suo cortometraggio Fatima's Drawings (sotto) ha vinto il premio come miglior reportage digitale all'edizione 2016 di Visa pour l'Image.

"Penso che il mio lavoro consista nel trovare il modo migliore di raccontare una storia. Canon EOS 5D Mark II (ora sostituita da Canon EOS 5D Mark IV) è stata una rivoluzione. Per la prima volta potevo scattare foto e girare video con un solo dispositivo. Passare ai video per me è stato naturale. All'improvviso potevo creare contenuti irrealizzabili con le sole fotografie. Imparare qualcosa di nuovo è stato divertente. Noi fotografi spesso non abbiamo nessuno a insegnarci, quindi sperimentiamo, andiamo per tentativi, apprendendo dai nostri errori, il che non è sbagliato. È stato un periodo emozionante e una fonte d'ispirazione".

Oltre a lavorare per l'Aftonbladet, Magnus ha collaborato anche con testate mondiali come National Geographic, TIME Magazine e altri giornali internazionali. "Se vuoi fare il fotografo per aziende come queste, al giorno d'oggi è imprescindibile imparare a girare video, altrimenti non otterrai mai un lavoro", dice. "È diventato parte integrante del mestiere di fotografo. Oggi tutto è online, e dobbiamo sfruttare i video per competere con gli altri media". Non dev'essere per forza una cosa complicata. Finché restano la curiosità e la voglia di imparare, non credo sia un problema. Penso che la presenza, oggi, di così tante opzioni per raccontare una storia sia un fenomeno positivo. Ciò che importa è pensare sempre a quale formato fa di più al caso nostro. Per alcune storie non vanno bene i video, per altre non vanno bene le fotografie".

Un tecnico che indossa guanti bianchi sta pulendo il sensore di una fotocamera Canon.

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services.

Adesso Magnus lavora con Canon EOS R5 che, insieme a EOS R6, funziona bene sia con i video sia con le fotografie. Il sistema Canon EOS R si ispira ai dispositivi ibridi, perciò supporta una gamma vastissima di obiettivi RF e presenta sistemi di messa a fuoco automatica e stabilizzazione dell'immagine all'avanguardia, sia per i video sia per le foto.

"Una cosa che trovo importantissima quando giro video è la possibilità di decidere esattamente come voglio raccontare una storia", dice Magnus. "EOS R5 è una fotocamera fantastica. È stata una vera rivelazione. Ormai uso solo quella, sia per le foto sia per i video. La qualità è così alta che non c'è davvero niente da aggiungere. È un dispositivo incredibilmente versatile. Mi porto sempre dietro meno attrezzatura possibile, perché un kit troppo ingombrante può rappresentare un bel limite quando inseguo una storia. In genere porto con me solo Canon EOS R5 e gli obiettivi Canon RF 24-70mm F2.8L IS USM e RF 70-200mm F2.8L IS USM, e sono a posto".

Ilvy Njiokiktjien: fotogiornalista e storyteller

Quando ha realizzato il suo primo video, Ilvy Njiokiktjien era già una fotogiornalista affermata. "Stavo scattando foto con un collega in un raduno di estrema destra, per un progetto a lungo termine chiamato Afrikaner Blood. Il leader stava dicendo cose veramente ignobili, e mi sono resa conto che se non avessimo catturato la scena con un video, nessuno ci avrebbe creduto", spiega. "Gli abbiamo chiesto il permesso di intervistarlo e lui ce lo ha concesso, ma abbiamo omesso che non sapevamo come si usasse la videocamera. Abbiamo letteralmente stampato il manuale da internet, abbiamo guardato qualche tutorial online e ci siamo basati su quello. La gente del raduno avrà pensato che fossimo dei dilettanti allo sbaraglio, e ci siamo ritrovati sommersi dalle tante riprese che avevamo realizzato. Le abbiamo editate insieme e ci siamo aggiudicati il primo premio al World Press Photo Multimedia Contest.

La Canon Ambassador Ilvy Njiokiktjien con la sua fotocamera Canon.

Ilvy Njiokiktjien

Ilvy, fotografa documentarista olandese pluripremiata, ha lavorato in tutto il mondo, realizzando fotografie e video per testate come il New York Times, TIME Magazine, Newsweek, National Geographic e The Guardian. Collabora anche con alcune ONG, tra cui l'UNICEF. Ilvy ha acquistato la prima fotocamera nel 2002 e si è aggiudicata il suo primo premio fotografico solo quattro anni dopo.

"A volte è imbarazzante non sapere cosa stai facendo, ma sono una convinta sostenitrice del mettere la storia al primo posto e fare tutto il necessario per raccontarla. E comunque, imparare cose nuove è sempre bello. A volte è anche utile approcciarsi al nuovo senza preconcetti e seguire semplicemente l'istinto. È interessante vedere quanto e quanto in fretta impariamo strada facendo.

Un ragazzo afrikaan con il volto insanguinato è in piedi sconsolato, una mano premuta sulla testa, in un campo di erba alta.

La passione per le persone e l'opportunità di raccontare storie interessanti hanno spinto Ilvy a immortalare il gruppo di estrema destra Kommandokorps in Sudafrica per il suo pluripremiato progetto Afrikaner Blood. Pur non condividendone le convinzioni, era determinata a trasmettere un ritratto veritiero dei soggetti, e ancora oggi considera questo progetto la storia più difficile che abbia mai raccontato. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark II (ora sostituita da Canon EOS 5D Mark IV) a 40 mm, 1/4000 sec, f/3.2 e ISO800. © Ilvy Njiokiktjien

Ascolta altri suggerimenti dei professionisti della fotografia in questo episodio del podcast Shutter Stories di Canon:

"Molti fotografi girano comunque video, perché è così che oggi va il mondo", continua Ilvy. "Sono approdata ai video da fotografa già in attività, e ho sentito tutto il peso del passaggio dalle foto ai video, e poi dai video allo storytelling, ma non è stata una cosa insostenibile. C'è molto da imparare ma, in quanto fotografi, siamo già abituati a un pensiero visivo, e questo è un grande aiuto".

"Non voglio sminuire l'importanza del suono. Un buon audio è molto utile, uno cattivo è devastante. Puoi anche realizzare riprese bellissime, ma la gente non rimarrà a guardarle se la qualità dell'audio è pessima".

Canon EOS C500 Mark II viene fissata su un drone.

Termini da conoscere prima di cimentarsi con i video

Vuoi passare dalla fotografia al video? Grazie al nostro glossario di 27 termini utilizzati dai videografi professionisti, da Anamorfico a Wide DR, potrai dedicarti al filmmaking senza esitazioni.

Secondo Ilvy, il segreto è la perseveranza. "A mio avviso, se una storia è importante per te, allora dovresti portarla avanti. Magari gli editori ti diranno che è noiosa, o che non hanno il budget per pubblicarla, e spesso non ti risponderanno affatto. Ma se il tuo cuore ti dice che devi raccontarla, non ti scoraggiare. Per il mio progetto Afrikaner Blood, mi sono sentita dire "no" moltissime volte, ma se credi in qualcosa, non mollare. Non ti arrendere mai".

Come Magnus, Ilvy ora lavora con Canon EOS R5. "Questa fotocamera ha davvero rivoluzionato la mia routine lavorativa Grazie a EOS R5, sono diventata una storyteller migliore. Rende tutto facile, intuitivo e istantaneo. Riesco a reagire molto più rapidamente, e grazie alla messa a fuoco velocissima di R5, posso dedicare il mio tempo e le mie energie a entrare in contatto con le persone, anziché distrarmi a regolare impostazioni della fotocamera. È il dispositivo più sorprendente tra tutti i grandi obiettivi e le attrezzature con cui ho lavorato in passato".

Scritto da Matthew Richards


Il kit di un fotogiornalista multimediale

Il kit essenziale usato dai professionisti per scattare foto e girare video

Il kit della Canon Ambassador Ilvy Njiokiktjien con fotocamere, obiettivi e accessori Canon.

Fotocamere

Canon EOS R5

Le incredibili prestazioni di questa fotocamera mirrorless rivoluzioneranno la fotografia e il cinema. "Canon EOS R5 mi ha semplificato molto la vita, è un dispositivo eccezionale", dice Magnus.

Obiettivi

Canon RF 24-70mm F2.8L IS USM

Porta la tua fotografia a un nuovo livello, grazie a un obiettivo zoom 24-70 mm pensato per superare ogni aspettativa. Elementi come l'eccellente struttura a livello ottico, un'apertura massima di F2.8 e una stabilizzazione dell'immagine a 5 stop consentono di esprimere la tua creatività in tutte le condizioni.

Articoli correlati

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro