"Tutto quello che serve per realizzare video sono una fotocamera e delle idee", afferma il Canon Ambassador Javier Cortés, che ha aggiunto la realizzazione di filmati alla sua attività di fotografo per il mondo della moda. © Coque Camara

Con il continuo aumento della popolarità dei video, sempre più spesso ai fotografi viene richiesto di realizzare filmati da accompagnare alle loro foto. Può sembrare una prospettiva sconfortante: di quanta nuova attrezzatura avrò bisogno? Quali nuove competenze dovrò imparare? Fotografo professionista di moda e Canon Ambassador, Javier Cortés, che ha già fatto il salto, conferma che è più semplice di quanto non possa sembrare.

"Credevo servissero molte cose per iniziare a realizzare video", afferma. "Ma dopo tutti questi anni, so che tutto quello che serve sono una fotocamera e delle idee.

"Ci sono tre cose che ho imparato e che vorrei aver saputo quando ero all'inizio", aggiunge. "La prima: non smettere mai di imparare. Che si tratti di illuminazione, narrazione o del saper usare un gimbal, se si va avanti con questa prospettiva sempre in mente si sviluppano moltissime competenze.

"La seconda riguarda il concentrarsi sull'essenziale. La terza è di credere in se stessi. È su questi tre principi che baso il mio lavoro, e anche la mia vita".

Javier Cortés stands with a Canon EOS 5D Mark IV on a film set.
Secondo quanto racconta Javier, non è necessario studiare molte tecniche di ripresa né acquistare apposite attrezzature prima di iniziare a registrare video. Le competenze si acquisiscono piuttosto durante il lavoro e si migliorano tramite la pratica e la sperimentazione. © Coque Camara
Canon Professional Services

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services

Quando Javier si è avvicinato al mondo della fotografia, non era che un bambino alle prese con la fotocamera analogica di suo padre. Più tardi, ha iniziato a sviluppare da solo immagini in bianco e nero. La fotografia diventa una cosa seria all'età di 17 anni, in cui si occupa di lavori commerciali e progetti editoriali personali. Si è costruito una carriera nell'universo dell'alta moda per i maggiori brand e le riviste di settore più importanti. Negli ultimi anni ha registrato video per quasi ogni progetto.

"Sui social media le persone trascorrono più tempo a guardare video che fotografie", afferma. "Quasi tutti i marchi mondiali stanno dirigendo la loro attenzione verso i video. Le fotografie sono state una rivoluzione, ma ora sono i video ad agitare il mondo. È un nuovo entusiasmante modo di scoprire".

Per indicarti la via per acquisire le competenze necessarie per le riprese, in questo articolo Javier sfata cinque miti comuni sul passaggio dalle foto alle riprese. Condivide i suoi suggerimenti per ampliare le tue competenze senza timore.

Mito 1: è necessaria una fotocamera cinematografica

Sebbene per alcuni progetti Javier utilizzi le videocamere Cinema EOS, come Canon EOS C300 Mark II, tiene a sottolineare che per le riprese video si può iniziare anche con la reflex digitale che si usa per le fotografie. "Si possono realizzare video di qualità professionale anche con una reflex digitale", fa notare Javier. "Effettuo riprese con la fotocamera Canon EOS 5D Mark IV, perfetta sia per i video che per le fotografie".

La fotocamera Canon EOS 5D Mark IV supporta la registrazione video in 4K fino a 30 fotogrammi al secondo (fps), oltre alla registrazione in Full HD a 60 fps. Offre inoltre un frame rate elevato fino a 120 fps in HD, per catturare anche i soggetti più veloci o ottenere effetti creativi. "Con i diversi frame rate puoi dare sfogo alla creatività", spiega Javier, che effettua principalmente riprese a 50 fps in Full HD per la riproduzione in slow motion alternandole con quelle a 25 fps in 4K.

Le moderne reflex digitali sono dotate di funzionalità che facilitano il passaggio ai video, come ad esempio la messa a fuoco automatica integrata. "Quando sei alle prime armi con le riprese, ci sono molte cose a cui pensare", afferma Javier. "Con la messa a fuoco automatica c'è un problema in meno di cui preoccuparsi. Segue il movimento del soggetto e funziona perfettamente".

Con la tecnologia Dual Pixel CMOS AF della fotocamera Canon EOS 5D Mark IV le transizioni della messa a fuoco sono fluide e precise in tutte le risoluzioni, dal 4K al Full HD. È sufficiente selezionare sullo schermo LCD i punti in cui applicare la transizione della messa a fuoco, la fotocamera pensa al resto.

A videographer makes adjustments to the back of a Canon EOS 5D Mark IV on a film set.
Javier utilizza la reflex digitale professionale Canon EOS 5D Mark IV per realizzare fotografie e video per i suoi progetti di moda. "I video sono simili alle fotografie, ma al contempo devono funzionare da angolazioni diverse", ammette. © Coque Camara

Mito 2: servono molti obiettivi, tra cui quelli specifici per il cinema

"Per realizzare foto e video uso lo stesso obiettivo", svela Javier. Agli obiettivi zoom e grandangolari preferisce quelli a focale fissa. "Gli obiettivi che utilizzo più spesso sono i modelli Canon EF 35mm F1.4L II USM, Canon EF 50mm F1.2L USM e Canon EF 85mm F1.4L IS USM. Questi obiettivi a focale fissa serie L sono molto versatili e consentono di lavorare con la massima apertura, favorendo l'ingresso di moltissima luce nell'otturatore.

"Ritengo che gli obiettivi siano l'elemento più importante sia per le foto sia per i video. Un buon obiettivo cambia tutto.

A woman stands in a crowd of people holding cameras.

Estendere le proprie competenze ai video: il racconto di un professionista

Javier Cortés racconta di come ha imparato ad affiancare i filmati di moda alle foto tradizionali lavorando con la fotocamera Canon EOS 5D Mark IV.

"Se dovessi consigliare un obiettivo su cui fare un investimento, direi il modello Canon EF 50mm F1.2L USM. Per me è "quello giusto". È come vedere il mondo attraverso i propri occhi, ma più bello. L'angolazione e le linee sono perfette. Con un obiettivo da 50 mm puoi rappresentare i soggetti così come sono, senza modificarli o renderli più grandi o più piccoli. Con l'obiettivo Canon EF 50mm F1.2L USM la messa a fuoco rimane istantaneamente stabile e nitida.

"Utilizzo obiettivi diversi per video diversi, tuttavia", aggiunge Javier. "Per ogni obiettivo impari a notare le caratteristiche o la resa cromatica".

Man mano che le tue capacità di ripresa migliorano, puoi basare la scelta dell'obiettivo sulle tue esigenze e preferenze personali. Il vantaggio è che questo investimento ti accompagna nel tempo, dal momento che l'intera gamma di obiettivi a focale fissa con innesto EF, zoom EF e grandangolari Canon si adatta a qualsiasi videocamera Canon Cinema EOS, reflex digitale con innesto EF o fotocamera EOS R (utilizzando un adattatore EF-EOS R). Puoi usare gli obiettivi Canon Cinema con innesto EF, specificatamente progettati per i video, anche con la reflex digitale. Le reflex digitali Canon sono spesso impiegate come videocamere secondarie nelle produzioni professionali, grazie alla compatibilità delle riprese con l'output della linea Canon Cinema EOS.

Mito 3: prima di iniziare è necessario imparare a realizzare video

"Uno dei problemi principali che avevo all'inizio era il pensiero di dover apprendere infinite tecniche di ripresa o come utilizzare un gimbal", ammette Javier. Tuttavia, ha scoperto che poteva acquisire molte competenze in materia di video semplicemente lavorando.

"Non serve molto per raccontare una storia. Basta iniziare a fare qualcosa. Per incominciare con le riprese video tutto quello che serve è una fotocamera, un soggetto e una luce. Quella più economica e più bella di qualsiasi altra al mondo è la luce naturale.

"All'inizio è bene mantenere la massima semplicità", suggerisce Javier. "Non dimenticare di concentrarti su quello che intendi mostrare". Ci sono nuovi elementi da tenere a mente, come la scelta di un profilo cromatico e di una gradazione di colore, ma Javier consiglia di imparare a prendere confidenza con queste novità man mano che si lavora.

"Gli insegnanti tendono a direzionare verso modi tradizionali e appurati per applicare l'esposizione, ma la luce e i gradienti cromatici possono rispondere al tuo gusto personale. Quindi non seguire le regole. Quasi tutte le immagini che realizzo sono sottoesposte, non amo la lumeggiatura. Segui il tuo gusto personale e troverai i tuoi colori e la tua luce. Non importa se lavori con una fotocamera cinematografica o con una reflex digitale: se applichi correttamente l'esposizione, riuscirai a realizzare immagini perfette.

"La scelta del profilo cromatico dipende dal gusto personale. Spesso utilizzo Canon Log", che può essere aggiunto come aggiornamento alla fotocamera Canon EOS 5D Mark IV, "perché è uno strumento fantastico e di grande aiuto con la gradazione del colore. Aumenta incredibilmente la gamma dinamica ed è progettato per facilitare la gradazione del colore. Consiglio di iniziare provando gradazioni base e di passare a livelli superiori durante le riprese. Con ogni video puoi sperimentare qualcosa di nuovo: aggiungere qualche livello, provare alcuni colori nelle aree illuminate o applicare diversi filtri o grane".

The back of a Canon EOS 5D Mark IV showing the Canon Log screen.
Canon Log, disponibile nella fotocamera Canon EOS 5D Mark IV, è "uno strumento fantastico progettato per agevolare la gradazione del colore", afferma Javier. Il fotografo consiglia di sviluppare competenze per le riprese video (come quella della gradazione del colore) procedendo per gradi, lanciandosi in approcci più complessi solo dopo aver acquisito familiarità con le funzioni basilari.

Mito 4: non si può essere sia esperti di fotografia sia esperti di video

"Qualche anno fa la gente credeva che esistessero due categorie distinte: fotografi e videomaker", spiega Javier. "Ora però credo che dovremmo iniziare a pensare a una nuova figura: quella del "videofotografo". I marchi sono alla ricerca di questo tipo di professionisti. A volte i clienti sostengono che non ci si possa occupare di entrambe le cose, e che dirigere le modelle per i video scattando anche le fotografie sia una cosa da pazzi. Ma ora le persone rispettano il fatto che i fotografi riescano a realizzare video con ottimi risultati.

"Ritengo che video e fotografia siano due mondi molto vicini, che possono coesistere. Li combino in tutto i miei lavori. È facile farlo".

Il ricorso a entrambi i mezzi può aprire molte possibilità creative per i progetti. "Se sai fare entrambe le cose, hai la libertà di sviluppare le tue idee senza compromessi", afferma Javier. "In una foto si possono raccontare molte storie. Ma a volte l'intenzione è quella di sviluppare un concetto più ampio, che includa sequenze, editing, suono e luce. A volte mi sono trovato alle strette con la fotografia. Con i video si possono raccontare storie dall'inizio alla fine".

Javier sottolinea inoltre il fatto che il lavoro di collaborazione durante le riprese video può portare ulteriori vantaggi. "I fotografi sono abituati a lavorare da soli. Spesso si occupano in prima persona anche della fase di ritocco e dell'illuminazione, ricorrendo a un assistente magari solo per lo spostamento dell'attrezzatura. Per i video si può cominciare a lavorare da soli, ma anche in squadra. Se hai un amico che può darti una mano con l'illuminazione o con i cambiamenti della messa a fuoco, puoi migliorare i risultati. Trovo la squadra perfetta per ogni lavoro, ecco come trovo il mio stile".

Mito 5: la narrazione della fotografia non si traduce nelle immagini in movimento

"In fotografia a volte si riesce a realizzare uno scatto d'oro. Anche nelle riprese questo è possibile, ma bisogna continuare a raccontare una storia. Le sequenze sono ciò che fa al caso nostro", spiega Javier.

"Un maestro una volta mi ha detto: "Sei responsabile di ogni fotogramma che registri". Quindi è come essere fotografo di ogni singola immagine. Ma a volte i fotografi realizzano video come se fossero fotografie, senza narrativa o connessione tra gli scatti. Quando si effettuano delle riprese video, bisogna pensare in termini di narrativa: qualcosa di più di semplici scatti. Bisogna saper guidare gli osservatori nelle diverse scene e raccontare una storia coesa".

Ci sono molti punti di contatto tra la narrazione fotografica e quella delle immagini in movimento. Servono sempre delle inquadrature fotografiche perfette, ma è necessario aggiungere altri fotogrammi per portare avanti la storia.

"Tengo sempre un elenco di scatti che mi aiuta a raccontare la storia e portare avanti la narrazione, mantenendo dello spazio per l'improvvisazione. È importante avere una scena madre con cui poter raccontare la storia nel suo insieme. Dopodiché, bisogna coprire anche altre angolazioni".

La tua estetica delle fotografie si trasla nei video, aggiungendo semplicemente alcuni elementi. "Si tratta principalmente di come ci si sposta con la fotocamera e di trovare la luce giusta per ogni scena da girare. È un processo molto simile a quello delle fotografie, ma al contempo deve funzionare da angolazioni diverse. È necessario pensare alla frequenza dei fotogrammi, a se ricorrere alla slow motion o alla normale velocità e a come gli attori si muovono, senza concentrarsi su un'unica posa. Si può iniziare a pensare a movimenti armoniosi anche da una scena all'altra".


Scopri di più sul kit per il videomaking di Canon e su come può essere di supporto per le riprese video visitando lo stand Canon alla convention IBC 2019.

Scritto da Lucy Fulford


Il kit di Javier Cortés

Il kit essenziale per la fotografia e la videografia di moda

Javier Cortés's Canon photography kit is laid out on a wooden table top.

Fotocamera

Canon EOS 5D Mark IV

Per chi è sempre alla ricerca degli standard migliori in termini di qualità dell'immagine, il sensore da 30.4 megapixel di EOS 5D Mark IV offre immagini ricche di dettaglio, anche nelle aree più chiare e più scure. "Si possono realizzare video di qualità professionale anche con una reflex digitale", afferma Javier. "La fotocamera EOS 5D Mark IV è perfetta sia per i video sia per le foto".

Obiettivi

Canon EF 50mm F1.2L USM

Obiettivo USM professionale serie L con apertura F1.2, per condizioni di scarsa illuminazione e massimo controllo della profondità di campo. "Se dovessi consigliare un obiettivo, sarebbe questo", afferma Javier. "È come vedere il mondo attraverso i propri occhi, ma più bello. L'angolazione e le linee sono perfette".

Canon EF 85mm F1.4L IS USM

Scopri come scattare ritratti perfetti con un teleobiettivo eccezionale. "Gli obiettivi a focale fissa serie L sono incredibilmente versatili. Consentono di lavorare con un'apertura ampia", afferma Javier.

Articoli correlati

Visualizza tutto

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro

Registrati ora