ARTICOLO

Suggerimenti per realizzare video aziendali che conquistano i clienti

Il videomaker e Canon Ambassador Simeon Quarrie svela le sue best practice per la realizzazione di video per clienti aziendali di fama mondiale, dalla pre-produzione al prodotto finito.
Un uomo con una videocamera Canon Cinema EOS in spalla sul lungofiume.

Il filmmaker e Canon Ambassador Simeon Quarrie utilizza sia foto che video per creare efficaci contenuti multimediali destinati ai suoi numerosi clienti commerciali. © Simeon Quarrie

Realizzare video aziendali può essere un'attività soddisfacente. Che si tratti di girare la pubblicità di un prodotto o di creare contenuti per uso aziendale interno, ma anche esterno destinato ai clienti, hai numerose opportunità per utilizzare le tue capacità al fine di favorire il successo. Ma come prepararsi per le riprese? Ci sono degli errori tipici da evitare?

"Quando lavoro con un potenziale cliente, cerco sempre di capire come avere successo", afferma il filmmaker, fotografo e Canon Ambassador Simeon Quarrie, che gestisce la società di storytelling immersivo VIVIDA e ha lavorato per clienti di fama mondiale come Burberry e Google. "Mi chiedo: se realizziamo un video di eccellente qualità, quali effetti potrebbe avere?"

Simeon ritiene che molti videomaker alle prime armi fanno l'errore di farsi pagare in base al tempo piuttosto che al valore. "Devi comprendere quale vantaggio ottiene il cliente da un lavoro ben fatto", spiega. "Se il tuo video porta visitatori al sito web dell'azienda e genera molte vendite, qual è il valore di queste vendite? Una volta afferrato questo concetto, sarà più facile per te capire come contribuire al successo dell'azienda agevolando la conversazione quando si arriva a discutere del compenso".

Simeon rivela sette suggerimenti fondamentali per realizzare video aziendali di alta qualità e sviluppare un processo ottimale dalla pre-produzione al prodotto finito.

1. Definisci chiaramente l'ambito di azione

La produzione di video aziendali presenta spesso delle difficoltà, soprattutto quando si lavora con una grande azienda che ha standard elevati e diversi referenti. Simeon raccomanda di essere molto chiari sull'ambito di azione del progetto fin dall'inizio per avere la certezza di essere sugli stessi binari ed evitare problemi in un secondo momento.

All'inizio di qualsiasi progetto, suggerisce di mettere per iscritto un accordo. "In questo modo, se gli obiettivi vengono ridefiniti, puoi stabilire se il cambiamento è stato così radicale da dover sostenere dei costi", afferma.

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services.
"Può anche essere utile creare parte della pre-produzione in anticipo in modo da definire chiaramente quale sarà il prodotto finale", rivela. "Quanti video sono necessari? Quanto devono essere lunghi? È importante avere qualcosa di scritto, anche se si tratta solo di una breve descrizione di ciò che deve essere realizzato".
Tre uomini girano una scena per un video aziendale utilizzando una videocamera Canon EOS C700 FF.

Simeon in azione con Canon EOS C700 FF ad ampio sensore. Questa potente videocamera cinematografica contiene un sensore CMOS full-frame da 5,9K, che offre bassa rumorosità, una vasta gamma cromatica e un'ampia gamma dinamica di 15 stop per immagini dai colori intensi. © Simeon Quarrie

2. Scegli il kit giusto

"Puoi realizzare video aziendali con la maggior parte delle videocamere, ma ci sono una serie di aspetti di cui tener conto", afferma Simeon. "Per cominciare, sarai da solo durante le riprese? Devi procedere velocemente? Quanta pressione hai addosso? Solo a questo punto puoi scegliere la videocamera più adatta".

Simeon ha iniziato utilizzando videocamere per i video aziendali prima di passare al sistema Cinema EOS, comprendente Canon EOS C200 e Canon EOS C700 FF, che utilizza sia con obiettivi Cinema che EF. Grazie al suo corpo compatto e versatile che cattura immagini nitide in 4K a 50p, Canon EOS C200 ha consentito a Simeon di raggiungere un equilibrio tra qualità e facilità d'uso. "Voglio ottenere valori di produzione adeguati, una profondità di campo che offra una lieve sfocatura ma con il viso sempre a fuoco, il tutto con il minimo impegno possibile", spiega.

"Scegliere un'attrezzatura versatile offre un vantaggio concreto", continua Simeon. "Con le mie videocamere Cinema EOS, se c'è molta luce e devo girare all'aperto, posso usare i filtri ND. Posso scegliere più di un microfono per il suono e anche usare le funzionalità Clear Scan per regolare la frequenza se è presente uno schermo TV sullo sfondo di una ripresa. Queste opzioni mi danno la flessibilità necessaria per affrontare qualsiasi situazione".
Un uomo che riprende una lezione di danza con una videocamera Cinema EOS su un gimbal.

Quando Simeon si è cimentato nella creazione di contenuti per un'importante catena di moda, ha fatto affidamento su uno stabilizzatore indossabile per avere libertà di movimento durante le riprese con una videocamera Canon EOS C700 FF. © Simeon Quarrie

3. Realizza sequenze riempitive rilevanti

Spesso Simeon si presenta a un servizio con una sola videocamera o con due corpi abbinati. "In caso di lavori importanti, tendo a lavorare con una sola videocamera", rivela. Quando usa una videocamera separata per le riprese aggiuntive, è solo per essere più veloce, "quando ho bisogno di posizionarla su un gimbal o fare qualche tipo speciale di rigging", spiega.

"Piuttosto che avere una videocamera separata, spesso giro le sequenze riempitive dopo aver realizzato le interviste, usando la stessa videocamera", afferma. "Lo scopo delle sequenze riempitive è spesso quello di illustrare i punti menzionati nel contenuto principale, quindi mentre registro un'intervista ascolto con attenzione in modo da poter poi realizzare le sequenze riempitive più adatte".

Se le indicazioni del cliente richiedono una videocamera aggiuntiva, l'utilizzo di due corpi abbinati offre l'opportunità di passare senza soluzione di continuità da un'angolazione all'altra mentre viene registrata un'intervista, rendendo anche più facile ottenere le sequenze riempitive giuste.
Primo piano di un uomo che filma con una videocamera Canon EOS C70.

"L'audio è spesso un aspetto molto importante nei lavori per le aziende", spiega Simeon, che ha utilizzato Canon EOS C70 e i suoi obiettivi compatibili con RF per le riprese. "Per un'intervista su un caso di studio, ho vita facile in post-produzione se l'audio e l'immagine sono sincronizzati al momento delle riprese. Quindi, la possibilità di collegare un microfono professionale direttamente alla videocamera finisce spesso per essere il mio metodo di lavoro preferito". © Simeon Quarrie

4. Registra audio di alta qualità

Se il video aziendale che devi realizzare prevede un'intervista, dovrai scegliere il metodo giusto per effettuare una registrazione audio di alta qualità. Le videocamere Canon della serie XA e XF sono dotate di ingressi XLR per il collegamento di microfoni professionali, ma, come spiega Simeon, uno degli aspetti più problematici all'inizio quando si effettuano riprese nelle varie location è il rumore di fondo.

"Il rumore degli split dell'aria condizionata o degli ascensori che si aprono e si chiudono sono cose a cui i clienti di solito non pensano", afferma. "Se il video deve essere realizzato nell'area di ingresso, noti che gli addetti alla reception ricevono telefonate ogni due minuti? All'esterno ci sono lavori stradali in corso? Probabilmente ti stai concentrando molto sulla parte visiva, ma mentre fai un giro nella location insieme al tuo cliente per trovare il set ideale, metti giù la videocamera e ascolta. Rimani lì per 30 secondi e pensa a cosa potrebbe costituire un problema".
Canon Cinema EOS cameras set up on tripods in a studio.

Nozioni di base per ottenere riprese professionali

Da frame rate e HDR a codec e composizione, ecco sei regole d'oro per realizzare filmati che catturano l'attenzione.
Uomini dietro le quinte delle riprese di un video aziendale.

Quando si realizza un video aziendale, è importante creare un ambiente tranquillo per gli intervistati, che potrebbero non essere abituati a stare davanti a una videocamera. "Penso che dire qualcosa del tipo: 'non preoccuparti, è tutto in digitale, non c'è rischio di terminare la pellicola quindi abbiamo tutto il tempo a disposizione', possa aiutare a mettere le persone a proprio agio", sostiene Simeon. © Simeon Quarrie

5. Ottieni il meglio dagli intervistati

Quando realizzi un video aziendale, di solito non hai davanti a te attori professionisti. "Che tu stia realizzando un caso di studio con il cliente di un tuo cliente o lavorando insieme a una persona interna all'azienda, ci sono elevate probabilità che non si sentano a proprio agio davanti alla videocamera", rivela Simeon. "Ogni volta che dicono qualcosa di sbagliato e devi ricominciare da capo, il loro livello di fiducia in sé si abbassa sempre di più. Quindi, il tuo compito è quello di mettere le persone a proprio agio".

"Fai del tuo meglio per rassicurarli, ad esempio dicendo: 'Ottimo, mi piace quello che hai detto, e sai una cosa? Penso che abbiamo quello che ci serve. Ma ti dispiacerebbe ripetere la sequenza per includere anche questo pezzo?' Con il tempo, memorizzerai queste frasi e le userai in ogni ripresa".

Simeon suggerisce anche di chiedere ulteriore assistenza se ci sono aspetti delle riprese con cui ci si sente meno sicuri. "Se devi fornire una sceneggiatura e non hai molta esperienza nel farlo da solo, puoi sempre includere uno sceneggiatore nella produzione", sostiene. "Chiedi loro quanto tempo ci vorrà per creare una sceneggiatura di due o tre minuti e inseriscilo nel costo finale. Allo stesso modo, se non sei una persona estroversa, potresti chiamare qualcun altro per condurre l'intervista".
Un uomo che filma con una videocamera Canon EOS Cinema, circondato da bambini che guardano l'attrezzatura.

Grazie al suo lavoro, Simeon ha viaggiato in tutto il mondo realizzando video con una serie di videocamere Canon, compresa Canon EOS-1D X Mark II (ora sostituita da Canon EOS-1D X Mark III). EOS-1D X Mark III è un concentrato di potenza versatile per realizzare sia foto che video grazie a caratteristiche come 20.1 MP, 20 fps con AF con tecnologia deep learning, RAW 5.5K e acquisizione di filmati 4K 60p. © Simeon Quarrie

6. Definisci chiaramente il processo di revisione

Per evitare di incappare in interminabili giri di correzioni per un cliente aziendale, è importante confermare il tuo processo di approvazione per iscritto. "Una cosa da stabilire all'inizio riguarda quali sono le tue aspettative e i tuoi limiti", afferma Simeon. "Potresti mettere in chiaro al cliente che sono previsti due giri di correzioni. Chiedi di guardare il video e di fornire più feedback possibile, quindi puoi effettuare le modifiche richieste e procedere con un ulteriore giro di correzioni. A questo punto puoi dire che sei pienamente disponibile per qualsiasi correzione oltre questi due giri di correzioni, ma in questo caso verrà applicata una tariffa oraria aggiuntiva".

Simeon suggerisce di sfruttare la tecnologia per semplificare il processo di revisione. "Una piattaforma di hosting e condivisione video può fornire accesso a una funzione di revisione che permette ai soggetti interessati di riprodurre un video e fare clic in momenti specifici per lasciare un commento. Questo è certamente più facile che ricevere un'e-mail con un lungo elenco di timecode scritti".
Un uomo che regge sulla spalla una videocamera EOS Cinema su un treppiede in una strada tranquilla.

Simeon consiglia di misurare il successo dei propri video. "Puoi scoprire ad esempio se l'engagement di un cliente sui social media è aumentato di una certa misura dopo che il video è stato pubblicato. Potresti anche notare che il team di vendita del cliente utilizza ora questo video perché fornisce un modo coerente di spiegare le cose. Grazie a questo tipo di dettagli puoi illustrare il tuo valore al tuo prossimo potenziale cliente aziendale", afferma. © Simeon Quarrie

7. Ragiona a lungo termine

"Lavorando in ambito aziendale, raramente i progetti prevedono un solo lavoro e questo è molto positivo", spiega Simeon. "I miei primi progetti prevedevano solo video a mezzo busto, ma rapidamente la relazione con il cliente è cresciuta fino a ricevere l'incarico di realizzare un filmato di presentazione del marchio. Tutto d'un tratto sono passato dal girare un video aziendale al creare uno spot pubblicitario con requisiti più adatti alla TV".

Per solidificare la relazione, Simeon raccomanda di seguire con attenzione l'efficacia di un video già realizzato per il cliente. "Il tuo lavoro non termina con la consegna della versione finale. Per favorire concretamente il successo del cliente e anche della tua attività, scopri come sta andando il video. Quali sono stati i suoi effetti positivi?".

Scritto da Marcus Hawkins


Articoli correlati

Get the newsletter

Click here to get inspiring stories and exciting news from Canon Europe Pro