ARTICOLO

L'avventuroso viaggio di 20.000 km in Africa di Daniël Nelson con Canon EOS 6D

La riserva naturale integrale del Monte Nimba nella parte meridionale della Guinea viene raramente visitata ed è minacciata dalle attività minerarie e dal commercio di carne di animali selvatici. Il fotografo Daniël Nelson ritiene la Guinea come uno dei posti più interessanti visitati durante il suo epico viaggio e l'avventura fotografica in Africa. Scatto realizzato con Canon EOS 6D e obiettivo Canon EF 24-105mm F4L IS USM a 1/2500 s, F8 e ISO1600. © Daniël Nelson

Prima di iniziare un percorso universitario nell'ambito delle relazioni internazionali, il giovane fotografo naturalistico Daniël Nelson ha voluto intraprendere un'avventura epica. Era stata l'Africa a scatenare la sua passione per la fotografia: suo padre infatti lo aveva portato in Zambia a soli sei anni per osservare la fauna selvatica nel proprio habitat naturale, così ha deciso di tornare in Africa. Armato della sua fotocamera Canon EOS 6D e di due obiettivi, ha viaggiato lungo il continente prevalentemente con mezzi pubblici, scoprendo lungo la strada interessanti storie di conservazione delle specie e di fauna selvatica.

"Volevo fare un viaggio davvero epico, recandomi in luoghi che non vengono visitati di frequente e vedere cose raramente documentate", spiega Daniël. "Ho avuto l'idea di andare da Amsterdam a Città del Capo con i mezzi pubblici lungo il versante occidentale dell'Africa. Ci sono tanti paesi come la Sierra Leone, il Togo, il Camerun, il Congo o l'Angola che hanno una fauna e una cultura interessanti, ma sono raramente fotografati, o sono sottovalutati rispetto a paesi come il Kenya e il Sudafrica. Così ho preparato lo zaino e ho trascorso otto mesi ad attraversare il continente africano".

Qui Daniël ci racconta dei suoi viaggi con la sua fotocamera Canon EOS 6D, le sfide a livello tecnico che ha incontrato lungo la strada e alcuni preziosi suggerimenti e tecniche per la fotografia di viaggio.

A long-eared serval in long grass, photographed by Daniël Nelson on a Canon EOS 6D.
Un servalo nella parte settentrionale del Benin. Questi felini hanno le orecchie più grandi rispetto alle altre parti del corpo, potendo così sentire i topi anche sotto terra. L'esperienza di Daniël come fotografo naturalistico ha dato i suoi frutti con foto di animali sfuggenti come questo. Scatto realizzato con Canon EOS 6D e obiettivo Canon EF 100-400mm F4.5-5.6L IS II USM a 1/800 s, F5.6 e ISO1600. © Daniël Nelson

Daniël ha sempre amato la fotografia naturalistica e immortalare la natura in tutto il mondo così come più vicino a casa, nei Paesi Bassi. Dopo essere diventato noto al pubblico come vincitore dell'ambito premio Young Wildlife Photographer of the Year nel 2017 all'età di 18 anni (con un'immagine scattata a soli 16 anni), Daniël ha raggiunto livelli di successo che molti fotografi con il doppio della sua età possono solo sognare di raggiungere.

"Per i giovani fotografi è il riconoscimento più ambito", afferma. "Mi ha portato alla ribalta. La gente ha iniziato ad avvicinarsi a me e conosceva il mio lavoro, cosa insolita come fotografo ancora minorenne perché non si ha ancora una carriera, quindi questa è stata una fantastica vetrina per me".

A waterfall plunging into a deep ravine, photographed by Daniël Nelson on a Canon EOS 6D.
La cascata di Maletsunyane Falls è alta 192 metri e si trova in Lesotho. Data la singolare conformazione del luogo, il sole non raggiunge mai la base della cascata, rendendo questo spettacolo naturale particolarmente impegnativo da fotografare. Scatto realizzato con Canon EOS 6D e obiettivo Canon EF 24-105mm F4L IS USM a 1/4000 s, F4.0 e ISO500. © Daniël Nelson
Canon Professional Services

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services

Documentare la fauna selvatica e la conservazione delle specie

"La fauna selvatica è il fulcro della mia fotografia e la cosa che mi piace di più. Durante questo viaggio, ho voluto documentare la fauna selvatica in questa parte del mondo", spiega Daniël, sottolineando che i conflitti degli ultimi decenni hanno fatto sì che molti paesi rimanessero relativamente sconosciuti ai turisti.

Il suo epico viaggio lo ha portato attraverso 22 paesi africani in 238 giorni, con qualsiasi mezzo di trasporto, compresi autobus, treni, motociclette e autostop. Dai deserti del Marocco attraverso le giungle dell'Africa centrale fino alle coste del Sudafrica, il viaggio ha documentato la diversità dei paesaggi, della fauna, delle culture e della storia del continente. Daniël ha fotografato i riti voodoo in Benin, il processo di ricostruzione della Sierra Leone in passato devastata dalla guerra, gli sforzi per la conservazione delle specie in Guinea-Bissau e molto altro.

La documentazione degli sforzi per la conservazione delle specie è stato il filo conduttore del viaggio e Daniël ha collaborato con il Worldwide Fund for Nature (WWF) per fotografare le missioni delle loro unità antibracconaggio dall'Angola alla Repubblica del Congo. "Ho girato storie su come le unità antibracconaggio setacciano la giungla per cercare di rintracciare i bracconieri", dice. "Volevo anche capire cosa spinge i bracconieri a partecipare al commercio dell'avorio e della carne di animali selvatici. Sono stato in grado di fotografare le operazioni di pattugliamento del bracconaggio, come viene catturato un bracconiere e l'intero processo che sta dietro la cattura".

200 elephant tusks in a store room, photographed by Daniël Nelson on a Canon EOS 6D.
Un magazzino pieno di avorio confiscato a Ouésso, nella parte settentrionale della Repubblica del Congo. Durante il suo viaggio, Daniël ha cercato storie di conservazione delle specie come questa. Scatto realizzato con Canon EOS 6D e obiettivo Canon EF 24-105mm F4L IS USM a 1/800 s, F4.0 e ISO2000. © Daniël Nelson
A vast iron ore train in the desert, photographed by Daniël Nelson on a Canon EOS 6D.
I treni che trasportano minerale di ferro in Mauritania sono tra i più lunghi al mondo. Daniël ha fotografato quello in foto di ritorno dall'interno del Sahara. Scatto realizzato con Canon EOS 6D e obiettivo Canon EF 24-105mm F4L IS USM a 1/1000 s, F14 e ISO1250. © Daniël Nelson
A young male lion lies in green grass, with four giraffes in the distance.

Fotografare grandi felini con Canon EOS-1D X Mark II

I fotografi naturalisti e presentatori televisivi Jonathan e Angela Scott svelano cosa c'è nel loro kit e raccontano il loro show televisivo, Big Cat Tales.

Un'immagine molto forte mostra un bracconiere detenuto da un'unità antibracconaggio in Camerun, sospettato di caccia agli elefanti nel Parco Nazionale Dja e quindi arrestato. Un'altra immagine mostra la gravità del problema, con l'interno di un magazzino a Ouésso (Congo) nel quale è ammassato il tragico bottino del bracconaggio: circa 200 zanne sequestrate.

"Purtroppo, in molti luoghi la fauna selvatica è molto rara a causa della caccia", spiega Daniël. "Ma i parchi sono meravigliosi e hanno un elevato potenziale, con molte specie autoctone. Il Parco Nazionale Pendjari in Benin è una delle vere storie di successo, al suo interno si trovano infatti i cosiddetti "Big Five", ovvero i cinque animali africani per eccellenza che ci si aspetta di avvistare nei più noti parchi dell'Africa". Lungo i 20.000 km percorsi, Daniël ha fotografato primati, tra cui scimpanzé e gorilla, alcune specie dei "Big Five", tra cui elefanti, leoni e bufali, oltre ad animali più insoliti come i servali, nonché insetti, uccelli e paesaggi mozzafiato.

Molte delle fotografie realizzate in viaggio catturano le storie di persone scoperte lungo il percorso, tra cui il famoso treno che trasporta minerale di ferro della Mauritania. "Il treno più lungo del mondo si addentra nel deserto per raccogliere il minerale di ferro, così ho fotografato lo sterile deserto con questo enorme treno che lo attraversa. Dietro questo treno si nasconde una storia molto interessante, si tratta infatti di una delle principali arterie dell'economia di quel paese".

African villagers and pigs at sunset, photographed by Daniël Nelson on a Canon EOS 6D.
Un pittoresco tramonto a Tiébélé, nel Burkina Faso meridionale. Scatto realizzato con Canon EOS 6D e obiettivo Canon EF 24-105mm F4L IS USM a 1/50 s, F4.5 e ISO1600. © Daniël Nelson

Una delle tappe più interessanti del viaggio è stata quella in Guinea. "È uno dei paesi meno visitati al mondo, ma la natura è assolutamente stupefacente. Ci sono enormi cascate, meravigliose montagne e scimpanzé", dice. "Ovunque tu vada, sarai tra i primi, quindi sarà sicuramente una bella sorpresa, una gemma nascosta."

Sebbene molti paesi dell'Africa occidentale e centrale abbiano poche infrastrutture turistiche, Daniël è stato sempre accolto nelle case della gente, che gli ha offerto anche passaggi, cibo e informazioni sui luoghi. "Molti posti in questi paesi ti sorprenderanno", afferma.

Anche se è stato raggiunto da amici e familiari durante il suo viaggio, la maggior parte degli otto mesi li ha trascorsi in solitaria con uno zaino da 25 kg contenente un sacco a pelo, cibo, medicine e solo tre camicie e due paia di pantaloni. Viaggiando così leggero, aveva potuto portare con sé solo la sua fotocamera Canon EOS 6D, con cui lavora dal 2014, e due obiettivi, Canon EF 24-105mm F4L IS II USM e Canon EF 100-400mm F4.5-5.6L IS II USM.

"L'obiettivo EF 100-400mm F4.5-5.6L IS II USM è stato ottimo", racconta. "Avevo bisogno di un teleobiettivo più lungo perché ovviamente nei parchi dove gli animali non sono abituati agli esseri umani, non ci si può mai avvicinare a loro. È ideale quindi avere un teleobiettivo per lunghe distanze. Per il paesaggio e le persone, ho usato l'obiettivo Canon EF 24-105mm F4L IS II USM. Le condizioni spesso rendevano difficile scattare fotografie, ma quando ne ho avuto l'opportunità, la fotocamera Canon EOS 6D mi ha permesso di realizzare ottimi scatti".

An adult chimpanzee in a tree, photographed by Daniël Nelson on a Canon EOS 6D.
Nella foresta nei pressi di Bossou in Guinea è rimasta una sola famiglia di scimpanzé. .Il resto della popolazione è scomparsa a causa della deforestazione e delle malattie; si ritiene che gli scimpanzé di questa zona siano all'origine dell'epidemia di Ebola del 2013. La fotografia naturalistica è spesso pericolosa oltre che tecnicamente impegnativa. Scatto realizzato con Canon EOS 6D e obiettivo Canon EF 24-105mm F4L IS USM a 1/320 s, F4.0 e ISO3200. © Daniël Nelson

I cinque suggerimenti di Daniël Nelson per la fotografia di viaggio

Sulla base delle sue esperienze di ripresa in condizioni spesso difficili, Daniël condivide alcuni suggerimenti per i viaggiatori che sperano di ottenere il massimo dalla loro fotografia sul campo...

1. Prenditi cura del tuo kit quando sei in giro

"Non bisogna sottovalutare l'importanza di prendersi cura della propria fotocamera quando si lavora in condizioni difficili. Quando ero nella foresta pluviale in Congo, ho trascorso tre settimane muovendomi solo a piedi. La mia attrezzatura si bagnava a causa dell'umidità e della pioggia. Ogni mattina mi svegliavo e c'era condensa nella macchina fotografica, così per le prime 12 ore del giorno non potevo scattare foto finché non si asciugava. Altre volte c'era polvere o sporcizia. La mia fotocamera era diventata la mia bambina. Dovevo pulirla ogni giorno e prendermene cura ancora più del solito. Ha funzionato, ha resistito per tutto il viaggio".

A Harnessed bushbuck in long grass, photographed by Daniël Nelson on a Canon EOS 6D.
Un tragelafo striato nel Parco Nazionale Pendjari, nella parte settentrionale del Benin. Il parco è una delle storie di successo dell'Africa occidentale, dove gli animali sono molto protetti. Scatto realizzato con Canon EOS 6D e obiettivo Canon EF 100-400mm F4.5-5.6L IS II USM a 1/800 s, F5.6 e ISO1600. © Daniël Nelson

2. Prenditi del tempo per studiare la fauna selvatica

"Quando si tratta di fotografare la fauna selvatica, specialmente in luoghi dove la fauna selvatica non è abituata alle persone, prenditi tutto il tempo necessario per scattare foto. A differenza degli animali nei parchi molto visitati, la maggior parte della fauna selvatica che ho cercato di fotografare non era abituata al contatto con l'uomo. Gli animali raramente potevano essere avvicinati e spesso fuggivano una volta che si accorgevano della mia presenza. Il mio consiglio è di familiarizzare con la specie e il suo ambiente e di pianificare in anticipo come verrà l'immagine. Se so dove si nutre di solito un animale, quali sentieri utilizza, dove nidifica e quale habitat preferisce, posso posizionarmi lontano dalla vista e lasciare che l'animale entri indisturbato nell'inquadratura. Possono essere necessarie fino a due ore solo per impostare lo scatto perfetto, con l'illuminazione, la composizione e l'attesa che gli animali si abituino a sufficienza alla tua presenza. Devi aspettare di non essere più considerato una distrazione per poter realizzare scatti naturali".

Orange-coloured butterflies on a mossy tree, photographed by Daniël Nelson on a Canon EOS 6D.
Daniël ha fotografato queste straordinarie farfalle di colore arancione nel Parco Nazionale Messok Dja nella Repubblica del Congo senza l'aiuto del flash. Scatto realizzato con Canon EOS 6D e obiettivo Canon EF 100-400mm F4.5-5.6L IS II USM a 1/1600 s, F5.6 e ISO3200. © Daniël Nelson

3. Improvvisa con la luce disponibile

"Spesso ci si può trovare a lavorare in luoghi con scarsa illuminazione. Sotto la fitta chioma della giungla, in una polverosa baraccopoli o nel cuore della notte è difficile scattare foto. Non ho mai avuto il tempo di aspettare un bel tramonto o l'illuminazione perfetta, così ho dovuto improvvisare. Inoltre non avevo attrezzature aggiuntive come un flash, un treppiede o un otturatore con comando a distanza, dato che viaggiavo molto leggero. In situazioni come queste, è importante conoscere bene la fotocamera ed essere creativi. Se l'illuminazione era scarsa, spesso realizzavo treppiedi improvvisati con rocce e usavo una torcia elettrica per illuminare il soggetto. Altre volte ho incluso il chiaro di luna, le luci della strada o dei negozi nella mia inquadratura. Improvvisazioni come queste mi hanno permesso di scattare foto di qualità anche in cattive condizioni".

Cascades of water on two sides of a rocky outcrop, photographed by Daniël Nelson on a Canon EOS 6D.
Le cascate di Kamawi Falls nelle Highlands della Guinea, le più grandi cascate della regione. Scatto realizzato con Canon EOS 6D e obiettivo Canon EF 24-105mm F4L IS USM a 1/2000 s, F4.0 e ISO320. © Daniël Nelson

4. Trova i punti di messa a fuoco nei paesaggi

"I paesaggi sono spesso omogenei, il che li rende difficili da fotografare. Di solito mi concentro su un frammento dell'ampio panorama di fronte a me. Scruto bene l'ambiente circostante e mi soffermo su un particolare che attira la mia attenzione, come una forma strana, una figura interessante o un colore sorprendente. Faccio di questo particolare il punto di messa a fuoco della mia immagine, in modo che il mio pubblico abbia qualcosa su cui concentrarsi in un paesaggio altrimenti monotono".

An adult, toddler, child and puppy sit in a jungle, photographed by Daniël Nelson on a Canon EOS 6D.
Una famiglia Baka in un accampamento nella foresta pluviale della Repubblica del Congo. Scatto realizzato con Canon EOS 6D e obiettivo Canon EF 24-105mm F4L IS USM a 1/160 s, F4.0 e ISO1600. © Daniël Nelson

5. Rendi i soggetti parte della loro storia

"Fotografare le persone può essere una sfida. Ho avuto spesso l'impressione che molti avessero paura o sospettassero qualcosa vedendomi scattare foto di loro in zone non propriamente turistiche. Alcuni si sono persino avvicinati per dirmi: "Non voglio essere un altro di quegli africani magri negli opuscoli occidentali", quindi c'era anche questo elemento da tenere in considerazione. Dovevo intrattenere una vera e propria conversazione con le persone del posto per spiegare cosa stavo cercando di fare con le foto, compreso mostrare i luoghi più interessanti del loro paese. È importante essere sempre gentili e scambiare qualche parola con la persona che si sta cercando di fotografare e farla sentire a proprio agio prima di scattare una foto".

Scritto da Lucy Fulford


Il kit di Daniël Nelson

Il kit essenziale per la fotografia di viaggio

Daniël Nelson stands in front of a wood holding a Canon camera with telephoto lens.

Fotocamera

Canon EOS 6D

Reflex digitale da 20,2 megapixel con sensore a pieno formato e design compatto. Ideale per ritratti e fotografia di viaggi, offre un controllo preciso sulla profondità di campo e un'ampia scelta di obiettivi EF grandangolari.

Obiettivi

Canon EF 24-105mm f/4L IS II USM

Questo zoom versatile assicura prestazioni di alto livello per fotografie e video. È l'ideale per scattare immagini di qualità eccezionale con un'ampia escursione dello zoom, pur viaggiando leggeri. "Ho usato questo obiettivo sia per i paesaggi che per le persone", rivela Daniël.

Canon EF 100-400 mm F4.5-5.6L IS II USM

Obiettivo zoom 100-400 mm, compatto e con prestazioni elevate, ideale per la fotografia sportiva, d'azione e naturalistica. Stabilizzatore d’immagine a 4 stop e ottiche di qualità elevata garantiscono un'eccellente nitidezza. "Questo obiettivo è stato di grande aiuto nei parchi in cui gli animali non sono abituati agli esseri umani e non è possibile avvicinarsi a loro", racconta Daniël.

Articoli correlati

Visualizza tutto

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro

Registrati ora